Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ALLIED: UN'OMBRA NASCOSTA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 20
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/17 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 24/4/17
Zemeckis ha sviluppato negli anni uno stile che gli permette di far brillare comunque di luce propria i film che dirige, come una sorta di vice-Spielberg magari meno talentuoso ma ugualmente abile nel scegliere le sceneggiature migliori per esaltarne il sapore. Il copione di Steven Knight, melodrammatico ma fuso con elementi da chiaro thriller hitchcockiano (IL SOSPETTO continua a fare scuola) era materiale di qualità, ma è ancora l'ottimo lavoro registico a brillare e a renderlo godibile fino in fondo. Si parte dalla Casablanca del '42 (la stessa frequentata da Bogey e la Bergman), dove l'agente Alleato Max Vatan (Pitt) conosce Marianne (Cotillard) e progetta assieme a lei l'attentato all'ambasciata tedesca locale. Tornati in Europa, a Londra, i due vi si stabiliscono facendo nascere una figlia sotto le bombe di un'incursione aerea nazista. Sembra il suggello di un amore perfetto, ma un giorno qualcuno più alto in grado farà notare a Max che su sua moglie grava il pesante sospetto di essere una spia nazista. Sarà vero? Ci sono motivi per crederlo, certo, ma anche la possibilità che si tratti solo di un test per capire se davvero Max abbia il carattere necessario a guidare il pianificato attacco del D-day. E se tutto fosse invece solo un grosso equivoco? Il sistema escogitato per dissipare i dubbi esiste (non solo il famigerato “blu di metilene”), ma metterlo in pratica per Max non sarà certo indolore... Dopo una prima parte visivamente accattivante in Marocco, in cui Zemeckis sfoggia la sua bravura fin dall'incipit con l'atterraggio in paracadute tra le dune (e dove si parla più francese che inglese, con conseguente attivazione dei sottotitoli), il trasferimento a Londra coincide con il distacco dalle banalità legate alla semplice trama spionistica e l'avvicinamento progressivo al thriller hitchcockianamente inteso. Zemeckis non spreca una sola scena, studia al meglio la costruzione pur non potendo contare su due protagonisti troppo intensi (in particolar modo la Cotillard forza la mano su atteggiamenti da femme fatale che poco si addicono al personaggio e a lei) con l'obiettivo di mantenere sempre presente l'ombra del dubbio. Sfoggia un'esemplare chiarezza espositiva, gratifica l'occhio con una fotografia notevole (per quanto un po' plastificata) e una ricostruzione storica all'altezza. Riesce quindi a condurre in porto la vicenda sfruttando un finale onesto e d'effetto che riflette l'andamento del film, non certo originale ma piacevole da seguire, impreziosito anche dalle musiche di Alan Silvestri. La guerra resta sullo sfondo (resa benissimo la seconda incursione aerea dei tedeschi a Londra, con tanto di velivolo in fiamme che quasi entra dalla finestra della casa dove abitano Max e Marianne) mentre il dramma che si materializza dopo un lungo idillio fagocita progressivamente ogni cosa stimolando la curiosità in chi guarda.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 29/3/17 2:11 - 10882 commenti

Vicenda di amore e spionaggio durante la grande guerra. Il grande mestiere di Zemeckis rende godibile una pellicola (volutamente ?) démodé, costruita come un melodramma d'altri tempi nel quale il regista innesta elementi di modernità a partire da un preciso stile visivo. Funzionano la bella ambientazione e soprattutto le prove dei protagonisti, attori credibili e di grande classe. Anche nei momenti più intimi è sempre palpabile la tensione. Un film riuscito.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 13/1/17 19:42 - 4301 commenti

L'ombra del dubbio, ma anche qualcosa (qualcuno) che si nasconde nell'ombra creata ad arte. E' ciò con cui è alle prese il protagonista, almeno a detta di chi ha deciso di far vacillare una fondamentale certezza della sua vita. Nel complesso non è male, soprattutto grazie a una regia che denota mestiere. Purtroppo, però, sembra un po' costruito e forzato (la traiettoria dell'unico aereo abbattuto); e non si crea molta empatia con i protagonisti, sicuramente attori professionisti, eppure poco coinvolgenti. Il finale non è proprio una sorpresa ma, comunque, non migliora né peggiora le cose.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Prima della missione assassina alla cena: "Spero che tu sia pronta". E lei: "Sarei pronta anche se potessi usare solo le posate"; Il blu di metilene.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Tarabas 25/9/17 11:46 - 1597 commenti

Filmone bellico-spionistico che azzarda la citazione di Casablanca (purtroppo limitata alla geografia fisica, per quella cinematografico-sentimentale siamo ancora lontani) per sbarcare nei suburbs londinesi durante i bombardamenti, dove una coppia di spie (super glamour) si spezza a causa di un segreto troppo doloroso. Onestamente, l'unica cosa interessante è il finale, cui si arriva dopo due ore che poco o nulla dicono allo spettatore. I due protagonisti sono bravi ma l'ordine di scuderia qui palesemente è "non rischiamo nulla". Didascalico.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 22/2/17 7:18 - 7930 commenti

Se il prologo di ambientazione marocchina, pur spettacolarmente impeccabile, sembra soprattutto un veicolo per il glamour divistico dei due protagonisti, è il seguito ad intrigare per l'aura hitchcockiana derivante dall'insinuarsi di un dubbio che rode dall'interno un rapporto matrimoniale fino ad allora perfetto. Il personaggio di Pitt che comincia a vedere con occhi diversi l'amata moglie ricorda quello di Fontaine alle prese con l'affascinante bugiardo Grant. Catturata l'attenzione, si passa oltre forzature ed incongruenze pur evidenti, fino al gran finale di amore e morte che non delude.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 5/2/17 1:01 - 3553 commenti

Poco convincente il primo tempo dove sembra un Casablanca in tono minore, abbastanza scontato nella raffigurazione e negli accadimenti. Prende quota quando si materializza il dilemma cruciale sull'identità della Cotillard e sale la tensione, sia pur artefatta in alcuni passaggi o troppo spettacolarizzata. C'è comunque mestiere nella direzione del cast ed è un film discreto.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

124c 16/1/17 14:49 - 2663 commenti

Film bellico per Robert Zemeckis che, dopo un lungo prologo a Casablanca, nel 1942, fa partire una seconda parte in Inghilterra dove nel soldato-spia Brad Pitt nasce il germe del sospetto che la moglie francese Marion Cotillard non sia quello che è ma una spia tedesca sotto mentite spoglie. Non male, anche se il finale tragico sembra già scritto a metà della pellicola. Marion Cotillard è molto sensuale, ma anche materna. Robert Zemeckis è bravo ma si aggiunge ai tanti registi che hanno già spiegato quanto la guerra del 1939-45 sia stata uno schifo.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 16/1/17 7:50 - 2017 commenti

Zemeckis ha mestiere e si vede. Questa ombra nascosta affascina con splendidi gioielli per mascherare certe mancanze strutturali, tuttavia credo sia necessario comprenderne il significato d'insieme. Si tratta di una storia d'amore. La guerra, Vichì, lo spionaggio sono un bel diversivo per i baci dei due bei protagonisti e proprio per questo gli si perdona qualche pecca di pressapochismo. Si scivola verso un finale commovente con la sensazione di aver passato una bella serata.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Rambo90 20/1/17 22:44 - 5739 commenti

Bella storia d'amore, camuffata abilmente con incroci di spie e schermaglie di guerra. Zemeckis dirige bene e la sceneggiatura alterna bene ritmi lenti e veloci, senza stancare quasi mai. Bene Pitt, magnifica la Cotillard, in generale buono l'affiatamento di coppia. Leggermente lungo ma buono, con una ricostruzione d'epoca che aiuta a creare un'atmosfera quasi hitchcockiana.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Nando 28/9/17 11:39 - 3290 commenti

Un melodramma con venature belliche e spionistiche ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Una narrazione lineare e un'ottima ricostruzione ambientale che si avvale di due interpreti appropriati, nonostante Pitt sembri emergere lievemente. Zemeckis confeziona una valida pellicola. Finale drammatico e, a parer mio, fulcro di tutta la narrazione.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 27/9/17 9:18 - 2634 commenti

Dopo qualche mezzo passo falso, Zemeckis torna dirigere con lo spessore che gli compete e lo fa con uno spy-movie ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale che poteva presentare ostacoli, visto anche che l'ambientazione iniziale poteva facilmente ricordare Il paziente inglese. Invece non solo il film fila liscio come l'olio riuscendo a mantenere sempre alta l'attenzione ma si fa apprezzare anche per la performance di Pitt, attore ormai maturo e capace di mettere a frutto ruoli come questo. Cotillard non sempre impeccabile ma comunque funzionale.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Giùan 3/4/18 7:37 - 2603 commenti

Incipit desertico a metà tra esotismo Von Sternberghiano e latente minacciosità hitchcockiana, poi una prima parte in cui Zemeckis pone le basi per il vero cuore del racconto prendendosi il rischio di bruciare qualche carta registica e l'attenzione dello spettatore. Alla costante ricerca di una rivisitazione dei canoni del cinema classico, il regista di Forrest Gump incornicia il racconto "episodico" intorno a una alchemica coppia divistica: credibile Pitt ma davvero fremente la Cotillard. Cinema seduttivo, teso a riecheggiare magistralmente cliché.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Cotillard a tavola sbottona pian piano la camicetta.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Didda23 11/5/17 11:38 - 2092 commenti

Zemeckis è un abilissimo narratore (e fine tecnico) e se supportato da un valido sceneggiatore (Steven Knight, scrittore anche per Cronenberg), può far volare in alto una pellicola "datata" nei temi (gli echi hitchcockiani) e negli sviluppi. Si rimane colpiti dall'impressionante ricostruzione d'epoca e dal colpo di scena verso i tre quarti, che mantiene vivissimo l'interesse della vicenda. Forse nulla di nuovo, ma l'intrattenimento è di livello anche grazie alla bravura della coppia protagonita. Il finale accontenta di più il genere femminile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Sui tetti di Marrakech; Il piano contro l'ambasciatore; Blu di metilene; La missione in Francia.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ryo 15/2/17 0:36 - 1863 commenti

Zemeckis non ne sbaglia una. Sullo scenario della Seconda Guerra Mondiale, ricostruito in maniera eccellente, il film si divide in due parti. Nella prima abbiamo la missione della coppia, che riesce a creare un ottimo alone di suspense. Dalla seconda metà il film cambia totalmente la storia, l'ambientazione e i vari conflitti tra i personaggi. Un mistero da brivido che resterà tale sino alla fine del film. Un dramma perfetto, con scelte musicali azzeccate e un cast brillante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'aereo si schianta vicino alla casa; Il cambio di programma per trovare l'italiano ubriacone; Il risultato del blu di metilene.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Nicola81 17/6/19 23:07 - 1646 commenti

Zemeckis cita precedenti illustri (non si può non pensare a Casablanca) e trova un buon equilibrio tra bellico, spionistico e love story, senza farsi mancare un pizzico di suspense hitchcockiana. Un film ampiamente derivativo, insomma, ma la storia è molto più lineare del previsto, le ambientazioni suggestive, la ricostruzione d'epoca accurata. Brad Pitt cresce alla distanza, la Cotillard invece è magnetica fin dalla sua prima apparizione; abbastanza marginale il cast di contorno, come sempre quando a rubare la scena sono i divi di turno.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Taxius 15/1/17 20:36 - 1266 commenti

Una bellissima storia d'amore e l'atroce dubbio che la persona amata, madre di tua figlia, non sia chi dice di essere. Zemeckis ambienta la sua storia durante la Seconda Guerra Mondiale in quello che è un film multigenere, perché si va dallo spionaggio al thriller fino al romantico e il tutto è amalgamato piuttosto bene; il regista inoltre è bravo a mantenere alta la tensione anche nelle scene di pausa grazie proprio al fattore "dubbio", gestito molto bene per tutto il film. Splendidi i costumi e affiatati i due protagonisti. Notevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'attentato a Casablanca.
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Bruce 23/1/17 9:24 - 914 commenti

Bella storia d'amore in tempo di guerra, diretto agilmente da Zemeckis e dominato dalla coppia di protagonisti con la Cotillard più brava e convincente del compagno d'avventura. La visione è piacevole, è facile farsi coinvolgere, la sceneggiatura cresce col passare dei minuti e il meccanismo del nulla è, o quasi, quel che appare, funziona fino all'ultimo. Un buon film, certo non indimenticabile.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Xamini   17/7/19 23:59 - 888 commenti

Patinati i protagonisti (Pitt inizia a essere imbolsito, ma funziona comunque), moderna la confezione, per un intrigo internazionale che diventa personale mentre la tensione del duetto si risolve in un più tranquillo ménage familiare. Zemeckis è bravo a tenere il ritmo nella prima parte spy, senza dilungarsi troppo in azione eccessiva, e a costruire il thriller sulla seconda, avvalendosi sempre di una bella fotografia. Non è in grado di sorprendere più di tanto, forse è questa la sua pecca.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arrivo sulla sabbia; loro due sulla duna e a seguire.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Thedude94 19/1/17 2:48 - 338 commenti

Probabilmente più che per uno spy-movie, questo film di Zemeckis verrà ricordato principalmente per la storia d'amore che lo caratterizza. Difatti un Brad Pitt (che ormai ha perso tutto il suo fascino) e una Cotillard non a suo agio nei panni di una spia, risultano poco credibili, se si vuole considerare soltanto la parte che riguarda l'azione. Quando però i due vivono insieme e gioiscono delle loro conquiste fanno riacquistare all'opera valore (che comunque, in sé per sé, non è molto elevato). Buona fotografia, belli i costumi e le ricostruzioni.
I gusti di Thedude94 (Drammatico - Gangster - Sentimentale)

Josephtura 17/1/17 15:20 - 123 commenti

Complessivamente un bel film, molto godibile, con una bella tensione ma anche un po' superficiale nella sua costruzione. Il bilinguismo in un film di spionaggio non può essere gestito in modo così grossolano: quando non si parla nella lingua indossata si bisbiglia, una spia non cade dalle nuvole e, magari, prima delle sue competenze chimiche si indaga sulle liste dei passeggeri. Comunque un film piacevole nel suo melange di generi. In certi parti Pitt mi è sembrato irriconoscibile.
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)

Gippal 6/4/17 15:41 - 67 commenti

Un film che si dipana in due parti. La prima, spettacolare, ha inizio tra una Casablanca ben realizzata e due protagonisti che emergono nel loro splendore. Impegnati in una pericolosa missione di spionaggio, Marion Cotillard è affascinante, sempre perfettamente inserita nella scena. La seconda parte è più intima, più sentimentale. Tocca le corde del cuore e fa riflettere. Cosa siamo disposti a fare per amore?
I gusti di Gippal (Animazione - Drammatico - Sentimentale)