Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN SUSSURRO NEL BUIO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 20/6/10 16:07 - 4451 commenti

Deludente. Mal recitato (la Delon più che altro sfumacchia nervosamente, Law è banale, Cotten manco ci prova) e talora doppiato orrendamente, cerca di compensare la povertà di adeguati mezzi (location esclusa) con la creazione di tempi d'attesa e l’abuso degli specchi, che però sono sminuiti da una ambientazione così vivida da sfalsare l'obiettivo della tensione, assolutamente latitante. Non è un caso che il momento migliore (il ballo carnevalesco dei bimbi) nulla centri con l'assunto. Insopportabili le gemelle che parlano simultaneamente, alla Qui Quo Qua. Evitabile.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 8/4/08 21:34 - 3875 commenti

Debole in apparenza, per via di un intreccio narrativo contorto e mal sviluppato, ma di riuscito impianto visivo, e reso particolarmente intrigante grazie ad una serie di valide interpretazioni (basta cifrare il cast per comprenderne le ragioni). La musica romantica, dolce e al tempo stesso inquietante di Donaggio conferisce al film un clima di mistero che si risolve in una pellicola complessivamente accattivante, lontana dal filone "viscerale" dell'epoca e prossima, per stile, ad alcuni film TV di Daniele D'Anza. Più che pertinente il titolo.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 6/11/08 17:58 - 5737 commenti

Senz’altro aleggia lo spirito de “Il giro di vite” di Henry James riveduto alla luce dei tempi moderni in questo racconto di fantasmi dell’inconscio che riflettono lo sfacelo familiare e la crisi di coppia. Vago ed irrisolto come altre opere di Aliprandi, rivela scarso rigore narrativo in favore di soluzioni sensoriali che privilegino l’atmosfera: in primis fotografia e scenografia con le loro nebbie venete, gli interni barocchi e un pittorico ballo in maschera, nonché le sempre raffinate musiche di Donaggio.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Ciavazzaro 31/12/08 11:13 - 4723 commenti

Bella ghost-story. Si crea un atmosfera più che sufficiente, Aliprandi gira in un ottima villa che fa da scenografia all'inquietante sospiro del fantasma (la voce è del figlio del compositore). Non male il variegato cast: Law e la Delon, Cotten e Lucretia Love. Da citare la scena del ballo, il finale e il pre-finale nel giardino imbiancato.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 4/9/08 14:28 - 3107 commenti

Inusuale pellicola in bilico tra il dramma familiare e la ghost story. La regia è discretamente curata, soprattutto nei suggestivi e nebbiosi esterni e la fotografia è molto buona, così come alcuni temi della colonna sonora di Donaggio (soprattutto la nenia). La sceneggiatura scorre lentamente ma riesce ad intrigare parecchio, peccato che il tutto si risolva con un finale deludentissimo. Cast non sempre all'altezza. Un'occasione mancata, ma merita di essere visto.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 5/1/16 20:45 - 2901 commenti

Ghost movie all'italiana di buona fattura, a partire dall'azzeccatissima location in un'invernale villa veneta posseduta dalla "solita" borghesia settantiana. Aliprandi riesce nell'intento di creare inquietudine senza attingere alle solite carrellate di omicidi, bensì sfruttando gli ambienti, i dialoghi e alcune sfumature della psicologia. Una vicenda in definitiva di umanità, anche laddove di umano c'è ben poco (il fantasma...). Molto valide le musiche.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Trivex 28/5/14 10:10 - 1413 commenti

Ottimo prodotto, da qualsiasi prospettiva lo si voglia analizzare. Anche perché è una di quelle pellicole che alla fine vorresti non finisse, anche solo per condividere ancora un poco l'ambiente e le emozioni di una grandissima storia d'amore. Perché alla fine è questo che salterà fuori e personalmente credo che il genere horror sia cosa lontana da questo film. Doloroso e dolce insieme, consigliato per curiosare tra la più grande "sensazione" che esista al mondo: l'amore tra una mamma e il suo bambino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Lui cercava solo amore, e io l'ho mandato via...".
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lucius  20/1/12 22:26 - 2747 commenti

I pro: la morbosità delle atmosfere, la recitazione di Law e del ragazzo protagonista, l'inquietante soundtrack di Donaggio, la villa nel verde; i contro: la recitazione del resto del cast, gli attori scelti, molti dei quali con un'età non attinente a quella dei personaggi dagli stessi interpretati. Detto questo si può solo immaginare cosa sarebbe stata la pellicola con un cast più omogeneo e ferrato...
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 28/5/14 11:52 - 2635 commenti

Qualcosa ce l'ha ma, più ci si distanzia criticamente dalla visione più si realizza che è un quid derivato da certe ascendenze jamesiane del racconto che non da un qualsivoglia specifico filmico. Da tale punto di vista infatti la regia di Aliprandi è di una goffaggine tanto evidente quanto in buona fede. Nuoce particolarmente alla pellicola l'imbranato innesto del sottotesto "sentimentale" (il bambino sofferente per la crisi di coppia dei genitori) sulla traccia "g(h)o(s)tica" principale. Non male Law, Delon e Poggi, detestabile il doppiaggio della Love.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 5/4/17 22:43 - 2627 commenti

L'amico è invisibile, ma il film al rallentatore: risaputo e stiracchiato, seppur condotto con la dignitosa arte di chi conosce il mestiere, oggi perduta. Verso la fine si ha una discreta impennata gotica che il regista risolve con una certa dose d'ingenuità: l'immagine conclusiva, invece, nella sua ambigua irresolutezza, è altamente apprezzabile. I mocciosi non fanno danni, Cotten si limita alla comparsata.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Buiomega71 22/1/12 18:50 - 2024 commenti

Picco assoluto della ghost story made in Italy e probabilmente il miglior film di fantasmi prodotto in Italia. Zeppo di un'atmosfera che si taglia con il coltello, alla presenza dello spirito del piccolo Luca che invade ogni inquadratura e ogni angolo della isolata villa di campagna. Reminiscenze baviane (penso a Shock), con sopraffini tocchi alla Suspense e preso come fonte da Sergio Gobbi per Enfantasme. Aliprandi si conferma autore sensibile e non lesina momenti di pura paura. The others non vale un grammo di questo gioiellino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Delon e la Bisera che cantano insieme: "Babbo non vuole mamma nemmeno..."; Il rospaccio nella vasca da bagno; L'altalena nel parco; La festa.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Fauno 2/6/11 21:27 - 1815 commenti

La Delon, Law e compagnia bella recitano straordinariamente bene, la trama fino all'ultima scena potrebbe distruggere una miriade di altri film... e allora qual è il difetto? Che i film li massacra veramente visto che è un film che andrebbe bene a Berlusconi... l'amore vince sempre sull'odio e la ritrovata armonia familiare è in grado di scacciare qualsiasi entità malefica, sicuramente mandata dalla sinistra o dai comunisti disfattisti; e tutti gli altri registi di diavolerie quali Craven, Donner e Friedkin meglio che vadano a zappare...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 1/5/14 19:06 - 1676 commenti

Elegante regia di Aliprandi per un film che trova il giusto equilibrio tra dramma familiare e ghost–story. Qualche momento di stanca e un finale un po' irrisolto, ma anche un buon clima di mistero e un'opportuna rinuncia ai canonici effettacci. Nel genere non credo che in Italia si sia fatto di meglio... Ottimi Law e la Delon nei panni dei genitori dell’azzeccatissimo esordiente Alessandro Poggi. Il direttore della fotografia Claudio Cirillo compare brevemente nei panni di un ispettore di polizia.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Stefania 2/2/09 1:45 - 1600 commenti

Fin dall'inizio si percepisce un'angoscia impalpabile, una morbosità malinconica. Il malessere - ben mascherato - di un nucleo familiare (moglie frigida, marito annoiato, governante frustrata, nonna oppressiva) si svela e trova sostanza nelle visioni del piccolo Martino, nel fantasma di Luca. Ognuno di loro dovrà affrontare le proprie vere angosce. Notevole, molto suggestivo e ottimamente recitato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La festa - mascherata! - nel parco della villa. Il dialogo in cucina tra Martina e la cameriera (Adriana Russo!).
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il Dandi 14/4/10 14:09 - 1588 commenti

Più psicologico che horror, un accattivante thriller dall'atmosfera ottima, che purtroppo lascia soddisfatti a metà nella soluzione finale (comunque a suo modo coerente). Il piccolo Alessandro Poggi è uno dei più inquietanti ragazzini mai apparsi sullo schermo, ma le sue sorelline non sono da meno e anche i genitori hanno la giusta disperazione. Poco dopo Mario Bava né farà una specie di remake rovesciato col suo Shock, che resta a mio avviso meno riuscito di questo di Aliprandi, qui al suo film migliore. Di lusso la OST di Pino Donaggio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene familiari a tavola, all'inizio e alla fine.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Dusso 2/2/12 18:51 - 1533 commenti

Lo avevo visto nei primi mesi del 2006 e ne avevo un buon ricordo (ma mi mancavano i 10 minuti finali...). Buon film in bilico tra ghost story e thriller psicologico; ci sono una buona atmosfera e ottime musiche che contribuiscono al loro dovere, il bambino protagonista è bravissimo, finale un po' inconcludente con qualche leggero momento di piattezza qua e là; per il resto il film è ben realizzato e ben fotografato.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Claudius 8/5/17 19:43 - 309 commenti

Semisconosciuto ed elegantissimo film a metà tra ghost story, dramma familiare e racconto di formazione (l'amico invisibile che tutti noi da bambini abbiamo avuto). Aliprandi evita sangue e violenza e adotta un registro insolito (qualche scena mette comunque inquietudine e brividi). Le location venete e la colonna sonora di Donaggio, nonché la prova del cast (Law, Delon e Poggi su tutti) danno un ulteriore plus a questo semi capolavoro del quale mi sono innamorato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene del palloncino, del vaporetto e del ballo.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)

Samdalmas 4/9/15 12:23 - 284 commenti

Aliprandi realizza una delle migliori ghost-story del cinema italiano, dove i veri protagonisti sono la villa e il bambino immaginario. Un film elegante e sinistro, impreziosito dalle malinconiche note di Pino Donaggio. Discreti gli attori, spiccano per fascino Olga Bisera e Nathalie Delon, con un cameo del grande Joseph Cotten. Sottovalutato e lontano dall’horror anni '70; più “suspense” che “shock”.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La festa in maschera; Il pre-finale sulla neve; La Bisera con gli occhiali.
I gusti di Samdalmas (Musicale - Poliziesco - Thriller)

Scaramanga 2/4/18 1:44 - 1 commenti

Film striacchiato, inconcludente, insulso e grottesco. E anche inutile. Deve far paura e non la fa, deve instillare il dubbio e non lo fa, deve ingenerare inquietudine e non lo fa, deve far sorridere in alcuni momenti e non lo fa, deve essere una ghost story e non lo è, deve essere ben recitato e siamo a livelli di filodrammatica. "Un silenzio nel vuoto" sarebbe stato più appropriato, come titolo. A pensarci bene un fantasma alla fine c'è: il film.
I gusti di Scaramanga (Animazione - Azione - Horror)