Discussioni su L'evocazione - The conjuring - Film (2013)

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Didda23 • 11/08/13 00:53
    Gestione sicurezza - 5780 interventi
    Visto in anteprima nazionale il 10/08/2013. Il film uscirà regolarmente nelle sale cinematografiche il 21/08/2013.
  • Zender • 11/08/13 08:09
    Pianificazione e progetti - 46458 interventi
    Ah ecco, non capivo come avesse fatto a vederlo il Marcel che non sa nemmeno cosa sia un computer... La segretaria mi ha spedito oggi il pezzo e gli ho chiesto spiegazioni. Mi ha risposto che lei non ne sa niente, si limita a prendere e trasferire.
  • Daniela • 29/10/13 07:58
    Gran Burattinaio - 5846 interventi
    Neppure preso in considerazione, dopo aver dato un'occhiata alla trama e al nome del regista (mica fatto male Insidious, però la solita zuppa). Poi, mi imbatto nella scheda di IMDB e vedo: 7,6. Ah... però! Per regola auto-imposta, sopra 7 vado a vedere cosa c'è nel piatto. E nel piatto c'è, nuovamente, la solita zuppa.
    A presto il commento, appena mi sono ripresa non dagli spaventi ma dalla sonnolenza indotta.
  • Schramm • 29/10/13 20:39
    Scrivano - 7365 interventi
    io la penso esattamente all'opposto: insidious un nulla di fatto (e corre voce che il 2 sia anche di centinaia di chilometri sotto) e questo, derivativo finché si vuole ma efficace.
  • Rebis • 29/10/13 21:26
    Compilatore d’emergenza - 4353 interventi
    Anche per me gran bel film horror. Lo ricordo con molto piacere. Niente di nuovo, certo, ma fa parte delle regole.
  • Ruber • 8/07/15 02:40
    Contratto a progetto - 9160 interventi
    La solita americanata! un film di una cialtronagine così mi mancava da tempo. E poi basta con queste case infestate per di più poi sempre con la solita solfa della storia vera, che demenzialità.
  • Ruber • 11/06/16 23:14
    Contratto a progetto - 9160 interventi
    Esce anche un sequel o meglio un seocndo capitolo incentato su altra caso della coppia dei detective dell'occulto. Questa volta http://www.mymovies.it/film/2016/theconjuring2/ parla del presunto caso accaduto negli anni '70 in una casa vicino a Londra, nella cittadina di Enfield per l'appunto. Può anche essere che la figlia della signora in qeustione fluttuasse nell'aria e parlasse con la voce della persona che abitava lì, etc etc, ma siamo sempre là, come nel primo capitolo a rimescolare la solita solfa, con tanto di effetti speciali e una storiella buona per i box office e nulla più. La sceneggiatura dov è? o meglio qual è? Bah a me queste pellicole sembrano tutte uguali e basta.
  • Raremirko • 26/09/18 23:26
    Addetto riparazione hardware - 3832 interventi
    Che Wan fosse dotato, in più generi (vedere anche il settimo Fast & furious), si sapeva; qui, come ben dice Rebis, torna all'horror dei bei tempi andati (Amytiville, Entity), curando al massimo confezione, suono e regia.

    Notevole atmosfera, qualche brivido e, come per il sequel (che vidi prima di questo) si termina la visione soddisfatti.

    Mi stupisce che non tutti lo apprezzino; Wan non per forza deve abusare in gore per convincere, coem fece con il comunque riuscito Saw.

    Ha pure creato qualche prequel e spin of paralleo (i 2 Annabelle).
  • Buiomega71 • 12/11/18 10:34
    Pianificazione e progetti - 24431 interventi
    Da un piccolo genio come Wan mai mi sarei aspettato la sagra del già visto, rivisto e stravisto, andando incontro ad una sonora (e inaspettata) delusione.

    Se Insidious aveva uno script discutibile, veniva completamente stravolto dal potente talento dell'autore di Dead Silence, che ne faceva sacca fetale per i suoi deliri visivi e incubotici da lasciare senza fiato (e, in alcuni casi, spaventando a morte) mettendo in piedi un teatrino necrofilo e macabro tra i più sorprendenti degli ultimi anni (ma già con il sequel perdeva colpi, pur avendo attimi straordinari, penso alla Dama bianca)

    Con Conjuring (ahimè) il miracolo di Insidious non le riesce. Da un pessimo script (il film e veramente scritto male) Wan cerca di cavarne qualcosa di buono, ma quel qualcosa di sinistramente diabolico che brillava in Insidious, quì, non arriva quasi mai.

    Tracce del miglior Wan nell'incipit con la bambola Annabelle, nel carillon con pupazzetto, in sequenze (poche) di rara bellezza (il lenzuolo che vola via dallo stenditoio per prendere forma umana e andare a svolazzare sulla finestra), uno dei pianisequenza più mozzafiato mai girati (la famiglia Perron che entra nella nuova casa tra scatoloni e stanze) o spizzichi necrofori degni del nome del suo regista (impiccata all'albero).

    Tolto tutto ciò rimane pochissimo, in un coacervo di situazioni "spaventevoli" messe giù di malavoglia e uguali a centomila altre (posso aspettarmi il derivativo da un giovane carneade al suo primo filmetto, ma NON da un tumultuoso talento come quello di Wan, che così bene aveva fatto con Insidious), vademecum di decibel sparati e porte che scricchiolano, dove anche l'armadio è preso di peso da Insidious, streghe che fanno cucù appolaiate sull'armadio, moventi malefici ben poco sorprendenti (La casa di Mary pareva ben più complesso, ed è tutto dire), brutto make up della strega stessa , che si palesa come nel più classico e pacchiano J HORROR, la posseduta Lili Taylor, che assomiglia sempre più al Sonny Montelli di amityvillepossessiana memoria (sulla sedia o a testa in giù, sbattacchiando persone di quà e di là che manco i demoni sumeri della Casa), soluzioni narrative pessime per non dire ridicole (la sedia scagliata contro la porta, la cameriera con i polsi tagliati Hai visto cosa mi ha fatto fare, la cicciona e suo figlio in cantina, la ragazzina afferrata per i capelli e trascinata per tutta la stanza, tirando i piedi nel letto Lascia in pace il mio piede, la megavomitata al sangue nella bocca della Taylor, il bubusettete dietro le porte, il bambino fantasmino ceruleo dietro la finestra-vedere gli agghiaccianti spettri di Insidious e metterli a confronto please-), per non parlare della brutta scena (risolta in CG) del presagio funesto "fiabesco" che vede la figlia della Farmiga fluttuare nelle acque del laghetto.

    Qualche guizzo (le echimosi sul corpo della Taylor, il battimani diurno, i ritratti di famiglia poco graditi, la bimba sonnambula che sbatte la testa ripetutamente conto l'armadio) non basta a risollevare quasi 110' di stereotipi e banalità , di scontatezze prestabilite che regalano ben pochi sussulti

    Anche il kamikaze dei pennuti è poca cosa, che mi pareva realizzata meglio nel coevo Dark Skies (chi copia chi?), dove aveva forza più dirompente e inquietante (e se uno Scott Stewart qualsiasi riesce meglio di un genietto come Wan, due domande comincio a pormele)

    La realizzazione tecnica è sopraffina, il sapore vintage degli anni 70 raggiunge quasi la perfezione (anche se un pò stucchevole), ma a funzionare poco è l'angoscia, l'inquetudine, i mancati colpi di genio malefico che facevano brillare Insidious (ok all'ossessione waniana per bambole e pupazzi ghignanti, ma che rimangono ai margini-Annabelle è sfruttata poco e male, se non nell'incipit, così come le strizzatine autocitative, il pupazzo di Jigsaw dentro ad un cestone zeppo di cianfrusaglie demoniache nella stanza dei cimeli maledetti di Wilson), per prendere una via che odora di fastidioso stantio più che di mortifera necrofilia (penso a Peter Cornwell e al suo Il Messaggero, per dire)

    Non male la coppia di ghostbusters Farmiga/Wilson (inutile il poliziotto), ma a Wan il giocattolo si rompe proprio quando entra in scena la paura, e si sprofonda nello stereotipo più inflazionato senza veri colpi d'ala tipici del suo regista, dove viene a mancare la cattiveria, la ferocia, la crudeltà (non dico visiva, ma nemmeno narrativa o, ancor peggio, psicologica, chessò, penso a Oculus dove lì sì che l'essenza del male era vero male, e picchiava durissimo fino a farsi dolorosa), per adagiarsi sul classico (fin troppo) senza più nulla da dire, con look fantasmatici di incredibile mediocrità quasi disarmante (dove sono finiti i terrifici ghigni degli spettri di Insidious?)

    Vero che è come si racconta e non cosa, ma quì Wan non sembra raccontarla giusta e Insidious è lì a dimostrarlo.

    Evocando il male (frase finale che porta la coppia giusto giusto alla casa coloniale dalle finestre che piangono), in questo caso, si rischia il tedio e il Wan di Insidious non abita più quì.

    Vi sono mancata?
    Ultima modifica: 12/11/18 15:03 da Buiomega71