Uno sparo nel buio

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: A shot in the dark
Anno: 1964
Genere: commedia (colore)
Note: sequel di "La pantera rosa"
Numero commenti presenti: 21
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Dopo il successo della PANTERA ROSA Blake Edwards decide di sfruttare ancora il personaggio dell'ispettore Clouseau per questo secondo capitolo dedicato alle gesta dell’imbranato e simpatico eroe impersonato da Peter Sellers. A un solo anno di distanza molte cose sono cambiate: la figura di Clouseau diventa centrale e non più subordinata a quell'incrocio giallo-rosa che aveva caratterizzato il primo fortunato capitolo. Pur mantenendo l'impianto da commedia a tinte gialle, Edwards comincia a dare una connotazione precisa al suo ispettore, contornandolo di quei personaggi che diventeranno fondamentali per...Leggi tutto la serializzazione (che si realizzerà definitivamente solo undici anni dopo): Cato, il folle cinese che vive con Clouseau con il compito di attaccarlo quando meno se l'aspetta, e Dreyfus (Herbert Lom, bravissimo), l'ispettore capo della Sûreté che prova nei confronti di Clouseau un odio primordiale. E’ lui, Herbert Lom, a guadagnarsi alcune delle migliori gag della sceneggiatura (opera di Edwards e William Peter Blatty, quello dell'ESORCISTA!) e a gareggiare in bravura con Sellers. Peccato per un soggetto un po' confuso, scialba riproposizione degli intrighi familiari alla Agatha Christie, che toglie ritmo al film perdendosi spesso in farragini superflue. E’ evidente però che ormai esso è del tutto secondario, un puro pretesto per dare a Sellers modo di prodursi nella parodia dell'investigatore classico con risultati talvolta esilaranti (come nell'interrogatorio finale, nella scena al campo nudisti e nella “sfida” a biliardo). Pur se imperfetto insomma, A SHOT IN THE DARK è il primo passo verso l'identificazione di un personaggio che al cinema comico ha dato molto (si pensi solo a quante sono le gag che rivedremo, copiate spudoratamente, in FRACCHIA LA BELVA UMANA: le chiavi, la poltrona, l'aiutante…).
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Dusso 2/02/07 08:20 - 1539 commenti

I gusti di Dusso

Non mi ha convinto. Per carita: non è male, ma visto adesso, a distanza di 40 anni, perde molto. Piuttosto superato, non fa più ridere come poteva fare all'epoca. Eppure un paio di anni fa l'avevo visto e lo ricordavo molto piu' divertente.

Magnetti 2/02/07 10:15 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Non smetterò mai di ringraziare Blake Edwards e soprattutto Peter Sellers per aver diretto e interpretato la magica (dal punto di vista comico) serie della Pantera Rosa. Anche in questo secondo capitolo il buon umore è garantito soprattutto per l'arrivo di due personaggi geniali: l'ispettore capo Dreyfuss e il cinese Cato.

G.Godardi 30/04/07 16:38 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Il primo vero film sul catastrofico ispettore Clouseau è questo. Via l'impalcatura da commedia sofisticata, questo è un film, d'origine teatrale, schematico e ripetitivo (nel senso buono, scene che si ripetono per scelta registica) che offre a Sellers l'occasione di far esplodere la sua creatura in tutta la comicità. L'esile trama gialla è quindi solo un pretesto per mostrarci Sellers al meglio. Molto più divertente dell'incerto prototipo; Edwards ha trovato qui la giusta strada dello slapstick. Appaiono qui per la prima volta due personaggi fondamentali: Dreyfuss e Cato.
MEMORABILE: Quasi tutto il film è da ricordare data l'intensita delle gag. Su tutte si stagliano quelle al campo nudista e il finale.

B. Legnani 29/04/07 01:23 - 4778 commenti

I gusti di B. Legnani

Diciamo subito che NON è un brutto film, ma che non è neppure quel capolavoro che alcuni dicono sia. Film importante, piuttosto, perché qui si fa forte la caratterizzazione dell'Ispettore Clouseau che, diciàmolo ben chiaro, talvolta (ma non sempre) è davvero esilarante. Divertente quando, senza una prova che sia una, si dice certo dell'innocenza della cameriera. Bravissimo Herbert Lom.

Galbo 10/12/07 13:57 - 11446 commenti

I gusti di Galbo

Secondo film della fortunata serie della Pantera Rosa, "Uno sparo nel buio" è il film che consacra il personaggio dell'ispettore Closeau e sopratutto il suo interprete Peter Sellers con la sua comicità surreale e fisica, fatta di gag talora irresistibili altre volte più scontate. Il film ha forse perduto parte della carica comica originaria, ma rimane un ottimo esempio di commedia brillante ben diretta ed interpetata.

Lovejoy 18/12/07 22:34 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Secondo capitolo della saga e superiore come qualità e numero di gag al precedente. Sempre scritto da Edwards e diretto con maestria, ha nel ritmo forsennato e in alcune gag e battute il suo punto di forza. E, naturalmente, in un Sellers scatenato. Impossibile dimenticare certe sue espressioni. In questo film appaiono per la prima volta Cato e il superiore di Clouseau, ispettore Capo Dreyfuss, meravigliosamente interpretati da Burt Kwonk e Herbert Lom. Molte le scene memorabili.
MEMORABILE: L'apparizione di Clouseau sulla scena del crimine; Il mappamondo; "E un altra cosa..."; Al concerto; Il campo nudista; Sincronizzare orologi; Il finale.

Pigro 26/12/08 09:54 - 7899 commenti

I gusti di Pigro

L'ispettore Clouseau indaga su un omicidio, sostenendo l'innocenza di una bella cameriera. Rispetto al film capostipite della serie, il secondo con l'imbranato poliziotto francese dalla dizione improbabile segna una svolta verso una maggiore comicità, che saccheggia gag e tempi del cinema muto per infiltrarli in una irresistibile cornice da commedia brillante, rendendo quasi superflua la trama. Sellers è grandioso con la sua maschera impassibile, attorniato da eccellenti spalle. Il risultato è spassoso: si ride anche all'ennesima visione.

124c 18/08/09 16:13 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Superata a pieni voti la prova ne La pantera rosa, Peter Sellers viene richiamato, sempre nei panni dell'ispettore Clouseau, in questa commedia tratta da una pièce teatrale. Il maldestro ispettore deve difendere Maria Gambrelli, una cameriera indiziata d'omicidio, dal vero criminale. Vero e proprio inizio della saga della "Pantera Rosa": via la moglie Capucine che se la faceva con Niven, dentro il servo cinese Cato e il commissario Drayfus e che la farsa abbia inizio. Herbert Lom è impagabile.
MEMORABILE: L'isspettore Clouseau che s'imbatte in una festa happening di nudisti.

Saintgifts 26/12/10 10:29 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Visto ora devo dire che la miccia che fa esplodere la bomba Sellers è senz'altro Herbert Lom, l'ispettore capo Dreyfuss. È lui lo strumento di misura e nello stesso tempo la vittima, che riporta Clouseau nella realtà temporale evidenziando così la sua imbellità, la parola che ripete spesso nei confronti di Clouseau e che ritengo adeguatissima (non conosco quella della versione originale) è mentecatto. È la capacità di Sellers di interpretare alla perfezione il cretino allo stato puro e non è facile, che fa ridere senza infastidire.
MEMORABILE: Ogni volta che Clouseau viene arrestato e portato via con il furgone della polizia.

Enzus79 26/12/10 16:05 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Commedia esilarante con il solito Peter Sellers che con le sue gag si dimostra uno dei migliori del genere. Non gli sono comunque da meno Herbert Lom e il "cameriere" Burt Kwouk che coinvolge Closeau in divertenti duelli di arti marziali. Finale un po' frettoloso.

Daniela 28/12/10 11:13 - 9625 commenti

I gusti di Daniela

Secondo e miglior Clouseau di sempre, questa volta impegnato, nel consueto modo maldestro, nelle indagini sul delitto avvenuto in una ricca magione, scagionando la bella cameriera, principale sospettata, di cui si è istantaneamente invaghito. Anche se non tutto è di buon livello (in particolare, l'escursione nel campo dei nudisti si affida a gag piuttosto risapute), ce n'è per ridere parecchio, soprattutto nelle sequenze che vedono l'impagabile Sellers alle prese con oggetti dispettosi oppure condurre surreali interrogatori. Sempre godibile.
MEMORABILE: Il primo ingresso di Clouseau in villa (vasca-crema-sigaretta-volo)

Caesars 3/01/11 09:26 - 2761 commenti

I gusti di Caesars

Secondo episodio della "Pantera rosa", primo però che vede come protagonista assoluto l'ispettore Closeau e quindi vero capostipite della mitica serie. La trama è un semplice pretesto per dare il via alle gag che renderanno celebre il personaggio, ottimamente interpretato da Peter Sellers. A proposito d'intepretazioni: veramente straordinaria quella fornita da Herbert Lom nei panni di Dreyfuss, il capo "schizzato" di Closeau. Non un capolavoro, ma un film divertente che ha alcune trovate esilaranti.

Il Dandi 29/05/11 02:38 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

Una comicità forse meno brillante e più demenziale del capostipite, ma per molti (comprensibilmente) è da considerare il vero iniziatore della "serie Clouseau", grazie al debutto di fondamentali personaggi quali il capo Dreyfuss e il maggiordomo/allenatore di karate Kato. Alcune reiterate trovate si fanno prevedibili (i travestimenti di Clouseau che finisce arrestato), ma non inficiano la godibilità di un film che contiene molti momenti da antologia, e una delle migliori incarnazioni del personaggio.
MEMORABILE: Tanti, ma il piano sequenza iniziale è un piccolo saggio di Cinema.

Panza 18/01/14 20:47 - 1502 commenti

I gusti di Panza

Sellers non si discute ma è sempre interessante soffermarsi sui comprimari, in primis Lom nei panni di un impazzito Dreyfuss ("Mi sono piantato un fermacarte!"): un'interpretazione chiassosa ma sempre misurata e apprezzabile. Regia molto curata (tutto la parte iniziale è degna di un film d'autore... altro che Parenti e Vanzina!) al servizio delle trascurataggini di Clouseau (la caduta nella fontana, il colpo nella porta, l'accendino nel cappotto, i travestimenti di fronte al carcere...). Calo mostruoso all'avvicinarsi del finale. Divertente.

Rambo90 7/04/14 16:55 - 6425 commenti

I gusti di Rambo90

Il primo della serie completamente dedicato a Clouseau, seppure meno fracassone dei successivi. Edwards ripropone i toni sofisticati del predecessore, ma in parte sbaglia perché la storia è esile e funge solo da pretesto per i guai (ancora abbastanza contenuti) del protagonista. Comunque, nonostante un ritmo lento, ci si diverte grazie all'estro di Sellers e di Lom (alla sua prima apparizione come Dreyfus), alla bellezza della Sommer e all'ottimo George Sanders. Alcuni momenti sono da antologia.

Vitgar 4/12/14 13:37 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Classico esempio di film che va visto nel suo periodo di produzione. Tra i tanti sequel e rifacimenti del personaggio visti, si perde l'estemporaneità e la sorpresa del racconto. Comicità che, essendo troppo sfruttata in seguito, fa sorridere e poco di più. Questo nulla toglie al valore intrinseco della produzione, con un buon cast e una buona fotografia.

Maxx g 26/06/17 19:25 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Secondo film della saga della "Pantera Rosa", è divertente e fa trascorrere un'ora e mezza in allegria. Trama semplice, ben architettata, con l'ineffabile Ispettore Clouseau doppiato alla grande (come sempre) da Giuseppe Rinaldi. C'è anche Pino Locchi che presta la voce a Herbert Lom. Il film venne sceneggiato, oltre che dal regista Blake Edwards, anche da William Peter Blatty, futuro scrittore de L'esorcista.
MEMORABILE: Tutte le volte in cui Clouseau viene arrestato; La partita a biliardo.

Ultimo 27/08/17 10:05 - 1383 commenti

I gusti di Ultimo

Secondo film della serie della Pantera rosa e primo in cui l'ispettore Clouseau diventa protagonista assoluto della vicenda. Sellers è magnifico, con la sua comicità fatta di parole, gesti e gaffe e ruba letteralmente la scena. La storia in sé non ha nulla di eccezionale, ma mescolata alla bravura del protagonista dà vita a un prodotto niente male, che cede solo nell'ultima parte.

Paulaster 15/05/18 12:07 - 2861 commenti

I gusti di Paulaster

L'ispettore Clouseau è alle prese con un caso di pluriomicidio commesso nella medesima villa. Trama risicata e svolgimento ripetitivo nel quale ci si affida soprattutto alla goffaggine del protagonista. Innesto del cameriere per una divertente gag sul karate, ma parecchie disavventure sono poco originali (richiamando lo stile di Buster Keaton). Poco glamour (tranne che nella scena del flamenco) e scarsa importanza data alla bellezza delle donne.
MEMORABILE: Il primo assalto del cameriere; La stecca sbagliata; Il tuffo nella fontana uscito dalla macchina.

Belfagor 6/09/18 23:59 - 2626 commenti

I gusti di Belfagor

Manca il leggendario tema di Mancini ma è con questo film che Clouseau si concretizza appieno: è qui che compaiono per la prima volta l'imprevedibile maggiordomo Kato e l'ispettore Dreyfuss (un bravissimo Lom), controparte seria del protagonista che ne amplifica la già esorbitante stupidità. Sellers si conferma perfetto per il ruolo, affrontando ogni momento dell'indagine con l'aplomb più totale. Qualche lungaggine nella parte centrale si dimentica grazie all'ottimo incipit e alla spassosa risoluzione del caso.
MEMORABILE: La sequenza iniziale; Il mappamondo; I continui arresti di Clouseau; La serata al Café Olé; Gli orologi.

Rigoletto 21/10/20 11:00 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Edwards, regista arguto e intelligente, ha capito in fretta che il mondo patinato costituito dalla classe di David Niven non poteva reggere a lungo, perciò rinuncia allo charme del grande attore inglese e sposta tutto l'equilibrio sulla figura dell'ispettore Clouseau, che diventa il muro maestro di un edificio comico solidissimo. Alla prova maiuscola di Sellers si aggiunge quella altrettanto fantastica di Herbert Lom, che contribuisce in maniera rilevante al successo del film.
MEMORABILE: La partita a biliardo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione G.Godardi • 21/02/08 16:33
    Call center Davinotti - 667 interventi
    Il film inizialmente non era statio concepito come un sequel de La Pantera rosa,all'origine vi è infatti una piece teatrale interpretata da Walter Matthau.Doveva essere quindi un giallo canonico vero e proprio.

    Sellers propose a Edwards di dirigere il film,il quale,scontento della sceneggiatura,rispose a mò di sfida che l'avrebbe diretto soltano se poteva trasformare il personaggio principale in Clouseau.Sellers parlò coi produttori e li convinse a girare il film con tali cambiamenti,Edwards quindi accettò.

    A film ultimato vi fu una lite furiosa tra attore e regista,il primo infatti era scontentissimo del film ed era convinto che sarebbe stato un flop.

    Il film invece fu un successo,tuttavia l'amicizia tra i due era ormai compromessa.

    Tornarono a parlarsi solo negli anni 70,quando decisero di girare un altro film a scopo prettamente alimentare.Di fatto i film della serie,dal terzo film in poi,furono realizzati solo per fare cassa ed estinguere i debito dell'attore o del regista.
  • Discussione 124c • 22/12/09 17:21
    Risorse umane - 5156 interventi
    G.Godardi ebbe a dire:
    Il film inizialmente non era statio concepito come un sequel de La Pantera rosa,all'origine vi è infatti una piece teatrale interpretata da Walter Matthau.Doveva essere quindi un giallo canonico vero e proprio.

    Sellers propose a Edwards di dirigere il film,il quale,scontento della sceneggiatura,rispose a mò di sfida che l'avrebbe diretto soltano se poteva trasformare il personaggio principale in Clouseau.Sellers parlò coi produttori e li convinse a girare il film con tali cambiamenti,Edwards quindi accettò.

    A film ultimato vi fu una lite furiosa tra attore e regista,il primo infatti era scontentissimo del film ed era convinto che sarebbe stato un flop.

    Il film invece fu un successo,tuttavia l'amicizia tra i due era ormai compromessa.

    Tornarono a parlarsi solo negli anni 70,quando decisero di girare un altro film a scopo prettamente alimentare.Di fatto i film della serie,dal terzo film in poi,furono realizzati solo per fare cassa ed estinguere i debito dell'attore o del regista.


    Sarà pure così, ma a io trovo il quarto film della serie PR, "La pantera rosa sfida l'ispettore Clouseau", girato nel 1976, agli stessi livelli dei primi due!
  • Discussione 124c • 27/09/12 16:21
    Risorse umane - 5156 interventi
    Alla venerando età di 95 anni, è morto l'attore Herbert Lom:

    http://www.ilpost.it/2012/09/27/e-morto-herbert-lom/

    Abbonato ai ruoli di cattivo, si rifece una reputazione brillante, impersonando il commissario Dreyfus nella saga de La pantera rosa, partendo proprio da questo film.
  • Discussione Zender • 27/09/12 16:30
    Consigliere - 43741 interventi
    Un grandissimo, lo adoravo. Fu anche un bel Fantasma dell'Opera!
  • Discussione Caesars • 27/09/12 17:32
    Scrivano - 11254 interventi
    Un grande davvero. Anche se arrivare a 95 anni è un bel traguardo, ovviamente spiace lo stesso tanto.
  • Discussione 124c • 27/09/12 17:32
    Risorse umane - 5156 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Un grande davvero. Anche se arrivare a 95 anni è un bel traguardo, ovviamente spiace lo stesso tanto.

    Vero, verissimo!
  • Musiche Lucius • 17/02/15 10:34
    Scrivano - 8308 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri originale italiano:

    Ultima modifica: 17/02/15 16:34 da Zender
  • Curiosità Zender • 16/02/17 14:24
    Consigliere - 43741 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: