Melinda e Melinda

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Melinda and Melinda
Anno: 2004
Genere: commedia (colore)
Note: E non "Melinda & Melinda"
Numero commenti presenti: 13
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 23/11/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Blutarsky 25/07/07 11:58 - 354 commenti

I gusti di Blutarsky

L'idea di partenza è interessante: filmare la stessa storia prima in versione comica, poi con un registro drammatico. Purtroppo lo svolgimento è inferiore alle attese. Il vero punto debole è che la storia raccontata è poco interessante, sopratutto nella versione "seria". La parte comica è migliore e più scorrevole, grazie anche ad un Will Ferrel molto ispirato. Dal punto di vista tecnico il film è ineccepibile, ma a parte l'idea iniziale manca tutto il resto. Provaci ancora Woody...

Galbo 14/04/08 05:51 - 11724 commenti

I gusti di Galbo

Deludente questo film di Woody Allen, che pure partiva da un assunto interessante, quello di mostrare due risvolti possibili della stessa vicenda. Il limite del film è una sceneggiatura farraginosa con troppi momenti di pausa ed attori poco carismatici. Nel film aleggia un senso di tristezza e malinconia non sempre consono alla vicenda e i tempi sono eccessivamente dilatati con qualche pausa di troppo.

Caesars 29/07/08 11:07 - 3073 commenti

I gusti di Caesars

Non certamente uno dei lavori meglio riusciti di Woody Allen. L'idea di partenza era anche carina: come lo stesso spunto iniziale possa dare origine a un racconto tragico oppure ad una commedia a seconda di chi lo sviluppa, ma soprattutto nella versione "seria" la vicenda si sviluppa in modo troppo pesante e senza veri motivi d'interesse. Peccato perché gli attori recitano bene e alcune parti sono riuscite. Allen ha fatto molto ma molto di meglio sia in passato che nei film posteriori a questo.

Ghostship 29/08/10 16:14 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Impalpabile scivolone che cavalca l'onda e la moda dello Sliding doors pensiero, senza risultare neanche lontanamente interessante. L'unica cosa da salvare è Will Ferrell, genuinamente alleniano, ma con in bocca battute di serie B. I presupposti meta-cinematografici erano pure interessanti, ma sembra proprio che qui manchi la voglia di dare spessore ed identità all'insipida minestra.

Ilcassiere 17/12/10 14:00 - 284 commenti

I gusti di Ilcassiere

Due amici con una diversa visione del senso della vita sviluppano la stessa storia partendo dallo stesso inizio ma prendendo poi due strade opposte: commedia e tragedia. L'idea non sarebbe male, anche se non proprio originale, però il film non è un granchè. A dire la verità, secondo me non decolla mai né il lato comico, né quello tragico e i personaggi non sono brillanti come quelli di altri film di Woody Allen. Deludente.

Giùan 5/03/12 16:34 - 3491 commenti

I gusti di Giùan

Concorre tranquillamente ad essere se non il più brutto certo il più gratuito dei film di Woody. Classico tiro a segno d'Autore, tirar freccette sul quale diventa il facile gioco del (re)censore. Eccessivamente autoreferenziale, ai limiti del solipsismo (a partir dall'incipit alla Danny Rose, ripreso poi con maggior vigore in Basta che funzioni), rimastica temi e situazioni sulle quali ben diversa era stata altrove l'applicazione. Svogliato (perfino la fotografia di Zsigmond par incolore), tra comico e drammatico trova una piattissima media res. Buon cast.

Nando 24/10/13 11:59 - 3589 commenti

I gusti di Nando

Una vicenda con due punti di vista che sfocia in narrazioni collegate tra loro in cui emerge il lato sentimentale che vede protagonista in ambedue i casi una sensuale ma spenta Mitchell (che nonostante tutto appare inadeguata). Le due storielle si dipanano tra situazioni scontate. Allen in uno dei suoi compitini poco memorabili.

Almicione 22/11/14 20:35 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Ogni evento della nostra vita, la stessa esistenza possono essere visti in chiave comica o drammatica; l'importante è goderseli. È quello che vuole dirci Allen con questo film appartenente alla seconda fase della sua filmografia, cioè quella in cui è assente il suo tipico personaggio (o è, come in questo caso, relegato e diversamente adattato) e la trama centrale si sposta su problemi amorosi dallo scarso interesse per lo spettatore. La storia frivola e banale è, infatti, il maggior danno della pellicola. Buono il soggetto, mediocre lo sviluppo.

Minitina80 2/03/17 15:59 - 2644 commenti

I gusti di Minitina80

Allen sceglie di raccontare un’unica vicenda secondo due ipotetiche versioni e mai scelta fu più scellerata. Ci si incarta in fiumi di dialoghi a cui è difficile dare un senso o venire a capo. Ci sono le solite coppie e persone in perenne crisi affettiva, rigorosamente ansiose, nevrotiche, con la voce indecisa e balbettante che non sanno mai quale piega dare alla loro esistenza. È veramente difficile stargli dietro e inevitabilmente ci si annoia, anche perché l’argomento è stato già ampiamente sviscerato da Allen e con risultati migliori.

Paulaster 25/04/20 12:02 - 3358 commenti

I gusti di Paulaster

Una visita a sorpresa verrà raccontata con due registri diversi. L'idea che il tragico richiami il comico (e viceversa) è un buon assunto di partenza; peccato che la resa sia scarsa nel mostrare che la soluzione è sempre quella di trovare un partner nuovo. Il segmento più leggero si avvale del personaggio di Ferrell che sforna battute a raffica a richiamare il vero stile di Allen. Protagonista femminile che invece non incide per nulla, tanto da chiedersi come mai desti tanto interesse negli uomini della vicenda.
MEMORABILE: La rampa di scale per disabili; Il ruolo dello zoppo; Le formiche glassate.

Woody Allen HA DIRETTO ANCHE...

Thedude94 9/03/21 20:56 - 746 commenti

I gusti di Thedude94

Buon film di livello per Allen, che realizza un'opera scritta in maniera molto particolare facendo un gioco di sceneggiatura nella sceneggiatura e mostrando la stessa protagonista, per l'appunto la Melinda interpretata dalla brava Mitchell, in due differenti contesti di tragedia e commedia. Come al solito New York e i suoi ambienti borghesi sono rappresentati con la conoscenza e la bravura alle quali il regista ha già abituato; la fotografia è ottima, così come molto ben assortito è il numerosissimo cast. Interessante e molto sottovalutato.

Caveman 2/04/21 13:53 - 333 commenti

I gusti di Caveman

Non certo il miglior film di Allen, ma poco importa perché è comunque una pellicola più che dignitosa. Lo spunto poi è veramente interessante: la stessa vicenda narrata secondo due punti di vista (comedy e più seriosa) è ben interpretata. Riprese comunque di livello e sceneggiatura gradevole, anche se alcuni passaggi sono veramente troppo forzati. Non male, ma si può trovare parecchio di meglio. Dispiace perché si respira grande professionalità.

Rambo90 24/11/21 15:59 - 6911 commenti

I gusti di Rambo90

Un film che si spegne nel suo stesso spunto iniziale. Se infatti è gustosa l'idea di avere una stessa storia declinata sia in modo tragico che brillante, la sceneggiatura spenta di Allen non rende al meglio il potenziale, vivacchiando di momenti prevedibili senza i dialoghi e le situazioni delle sue opere migliori. Vince di misura la parte commedia, grazie a un Ferrell in palla e a qualche sequenza riuscita (come la gita con il dentista), mentre quella tragica risulta troppo banale per essere davvero convincente. Brava la protagonista.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.