La terza fossa

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: What Ever Happened to Aunt Alice?
Anno: 1969
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka: "Matar para vivir"; "Qu'est-il arrivé à tante Alice?"; "Den som gräver en grop...".
Numero commenti presenti: 16
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Convincente epigono delle Baby Jane e Carlotte di Bette Davis, WHATEVER HAPPENED TO AUNT ALICE (che richiama fin dal titolo i classici di Aldrich, qui presente in veste di produttore) si conferma una volta di più straordinario veicolo promozionale per dimostrare la validità di un’attrice. Qui Geraldine Page, nei panni di un’artistocratica signora ritrovatosi d’improvviso povera alla morte del marito che credeva le avesse lasciato in eredità un patrimonio, è semplicemente strepitosa: la facilità con cui passa da uno stato d’animo all’altro viene resa con straordinaria bravura e un’aderenza...Leggi tutto al personaggio che non può non commuovere. E quando dopo poco entra in scena un’altra fenomenale vecchina come Ruth Gordon (è la nuova governante chiamata a sostituire la precedente, scomparsa in circostanze misteriose) il livello si eleva ulteriormente, dando vita a duetti meravigliosi (doppiati peraltro al meglio) che sono il sale del film. Non ci si ferma solo a questo, comunque, perché anche la sceneggiatura è un perfetto congegno a orologeria pronto a deflagrare in un notevole finale in crescendo, cui non toglie forza un epilogo un po’ strascicato (ma beffardissmo). L’unica pecca è la poca originalità del soggetto (tratto dal romanzo "I fantasmi della signora Marrable" di Ursula Curtiss), chiaramente derivativo, ma è difetto da poco se confrontato con le qualità sprigionate in molte scene: non è solo un altissimo confronto tra due attrici in stato di grazia, è anche un thriller che non perde un colpo, valorizzato da imprevisti momenti di suspense (la ricerca delle scarpe lasciate in casa dal nipote) e qualche svolta inattesa. Meno scintillante il resto del cast, che fa comunque da valido sostegno permettendo alle due star di non invadere troppo lo schermo. La regia di Lee Katzin non fa faville ma segue con diligenza l’ottima sceneggiatura, e il risultato complessivo allunga la striscia positiva dei tanti film nati sull’onda del fondamentale CHE FINE HA FATTO BABY JANE? La zia Alice a cui fa riferimento il titolo originale è Ruth Gordon e non Geraldine Page.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/01/10 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 6/03/10
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 31/01/10 01:49 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Vedova e senza risorse per vivere Claire (Geraldine Page) decide di sfruttare la parentela. Lo fa in maniera insolita dopo essersi insediata in casa dei consanguinei: elimina le varie governanti per derubarle dei loro risparmi. Noioso e lento dramma che vorrebbe essere horror ma tale non è. Pure il tema della commedia, che avrebbe potuto essere cavalcato, cede il posto a lunghi e monotoni dialoghi a supporto d'una storia che non decolla mai. Osannato dalla critica, vanta Robert Aldrich celato nel ruolo di produttore, da cui il titolo originale che tenta un aggancio con celebri horror incanutiti.

Cotola 14/02/10 16:25 - 7553 commenti

I gusti di Cotola

Gustoso thriller dalle venature drammatiche la cui storia non è certo imprevedibile ma del quale è impossibile non apprezzare la grande recitazione delle protagoniste con una menzione speciale per il duetto tra la cattivissima Page e l'incauta Gordon. Apprezzabile e divertente anche sul piano del coinvolgimento emotivo. Riuscito il beffardo finale.

Puppigallo 6/03/10 14:05 - 4515 commenti

I gusti di Puppigallo

Gara di bravura tra due attrici in grande forma, aiutate da una sceneggiatura che non fa certo del ritmo la sua arma vincente ma è capace di coinvolgere lo spettatore nella vita disturbata della protagonista, che vede le povere governanti come assegni da incassare il prima possibile. Psicologiocamente instabile, con risate sguaiate, seguite da duri rimproveri o sguardi fulminanti, la terribile padrona di casa non avrà pietà per nessuno. Il resto degli attori è più che altro contorno e non disturba. Nota di merito per il cane (non certo miglior amico della donna... e a ragione). Notevole.
MEMORABILE: il sorriso da iena che si disegna sul volto della protagonista quando scopre che l'ultima governante ha un bel gruzzolo; La beffa dei francobolli.

Myvincent 12/08/10 09:26 - 2572 commenti

I gusti di Myvincent

Eccellente esempio di film "menopausale" con due strepitose Geraldine Page e Ruth Gordon nei panni l'una della perfida assassina, l'altra di improvvisata detective. Pensavamo che dopo l'accoppiata Davis-Crawford non si sarebbe potuto andare oltre, ma non è così. Basterebbe da sola la recitazione delle due vecchiette per farne un classico senza tempo. Imperdibile!

Lucius 5/09/10 12:03 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Nonostante il titolo originale rubato a Che fine ha fatto baby Jane?, praticamente quasi identico e rimandi a Psycho e La morte non sa leggere, grazie anche alla bravura delle due protagoniste, (un duetto attoriale imperdibile di due mostri sacri) la pellicola si traduce in un thriller doc in cui una vedova apparentemente innocua si rivela in realtà una feroce assassina. Ispiratore anche del successivo La signora ammazzatutti. Immancabile in una cineteca del brivido.

Ciavazzaro 12/11/12 21:26 - 4765 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Bellissimo thriller con una coppia di attrici eccezionale. La diabolica Page è una cattiva da antologia, così irritante nella sua aria di superiorità, la Gordon una deliziosa detective improvvisata; il resto del cast, seppur di qualità (la Forsyth), letteralmente sparisce di fronte alla bravura delle due protagoniste. La parte finale ben costruita è un ottimo crescendo di suspense, con un delizioso, beffardo finale. Ottima anche l'ambientazione desertica. Per gli appasionati titolo imprescindibile.
MEMORABILE: La Page che dice alla Gordon tutta sodisfatta come per uccidere bisogna essere superiori alla media!

Corinne 9/11/13 00:17 - 403 commenti

I gusti di Corinne

Sulla scia di ben più noti thriller aldrichiani (ai quali ammicca il titolo originale), un film forse non memorabile ma certo molto buono. Qui le venerande protagoniste sono una perfida vedova (Paige) rimasta senza un soldo alla morte del marito e un'intraprendente Gordon che indaga sulla scomparsa della precedente governante. Sono loro, con i loro scontri (verbali e non) e i rispettivi, efficaci personaggi, a far brillare un soggetto di per sé poco originale e dagli snodi narrativi per buona parte prevedibili. E che dire del cane?

Pumpkh75 3/03/15 21:55 - 1326 commenti

I gusti di Pumpkh75

La sceneggiatura (finale compreso) è claudicante e un poco approssimativa, ma si respira una grande atmosfera: sa di provincia americana polverosa, profuma di whisky torbato e torta alle mele, sospira legami familiari di un tempo ormai andato. A questo si sommano le straordinarie performance della Page e della Gordon (perfette nella dinamica del film) e un doppiaggio italiano davvero convincente. Merita la visione.

Ira72 20/12/16 19:08 - 951 commenti

I gusti di Ira72

Spassoso thriller che veleggia tra l'angoscia e l'ironia grazie alla bravura della protagonista, pazzoide impenitente che seppellisce ignare governanti per rubarne i risparmi. Senza trascurare il fatto che le stesse sono un ottimo concime per i suoi alberi. Il film scorre piacevolmente, senza grandi mezzi in realtà, eppure efficaci. Tutto è circoscritto in una villa dispersa in un deserto e la sceneggiatura è tenuta in piedi essenzialmente da sole due attrici di ottimo calibro.

Deepred89 23/11/17 13:08 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Riuscito thriller dotato di un soggetto che, pur senza particolari trovate, spinge il pedale sui lati sgradevoli e spietati della sua protagonista (un'ottima Page), riuscendo a sorprendere per la crudeltà e la portata (nessuno è totalmente al sicuro, scopriremo) di un piano criminale sempre più fuori controllo. Nulla di particolarmente originale nel copione, ma i duetti Page-Gordon sono nervosi e vibranti quanto basta, mentre la sottotrama della vicina di casa fornisce parentesi distensive che, stranamente, non guastano. Fotografia notevole.

Nicola81 27/11/17 17:10 - 1974 commenti

I gusti di Nicola81

Tra il sole e il vento dell'Arizona, un thriller chiaramente ispirato ai vari Baby Jane e Carlotta (non a caso produce Aldrich), ma che regge degnamente il confronto con i suoi più blasonati precursori. La spietata Page (che non è solo una pazza criminale, ma anche una snob altezzosa) e la serafica Gordon danno vita a dei bei duetti, il resto del cast regala qualche opportuno diversivo, ritmo e tensione sono assicurati ma non manca neppure un pizzico di ironia. Qualche forzatura narrativa, ma il finale beffardo chiude degnamente il cerchio.
MEMORABILE: Gli omicidi; Il cane; Il finale.

Fedeerra 29/11/17 05:22 - 431 commenti

I gusti di Fedeerra

Gli afosi orizzonti dell'Arizona sono i pittoreschi scenari di questo cupo (nei toni) e sadico (negli eventi) film geriartico. La follia e il pragmatismo della Page contro la devozione e lo scetticismo della Gordon. Due formidabili attrici che trasformano un piccolo thriller dalle iniziali tinte grottesche in un grande racconto di gotico orrore femmineo. Una lussuosa villetta febbricitante, un giardino sepolcreto, un piccolo capolavoro. Fotografato con gusto da Joseph Biro.

Kinodrop 1/03/20 19:22 - 1535 commenti

I gusti di Kinodrop

Una villa isolata nel deserto dell'Arizona è teatro di una ben architettata serie di delitti, le cui vittime sono celate nel giardino della medesima. Una storia resa con ironia tagliente quasi tutta al femminile e una sceneggiatura che punta sugli scontri psicologici tra l'astuta e diabolica proprietaria e la nuova "governante". Dominano ed esplodono le grandi interpretazioni di Page e Gordon, incolore il cast di contorno. Un continuo gioco di battibecchi e cattiverie assortite fino alla stretta drammatica del finale con picco sarcastico.
MEMORABILE: I rigogliosi pini del giardino; La risata "vittoriosa"; Il cane; I francobolli.

Rufus68 10/03/20 22:03 - 3114 commenti

I gusti di Rufus68

Il film è sicuramente godibile, sfruttando un filone instaurato sette anni prima da Bette Davis. La Page ne ricalca l'interpretazione, ma con un'enfasi non priva di un gigionismo d'autore troppo scoperto (le folli risate). Il suo duetto giocato con la Gordon, più essenziale e insinuante, vale il "non male, dopotutto". Un po' deludente, invece, la regia, che si appiattisce al concerto delle due attrici mai evocando la tensione spirituale. Si adegua il cast di contorno.

Daniela 4/03/20 00:40 - 9498 commenti

I gusti di Daniela

Scoperto che il marito le ha lasciato in eredità solo il contenuto di una valigia, una vedova si organizza per trovare altre fonti di reddito accoppando le governanti dopo essersi fatta affidare i loro risparmi... Quasi tutto ambientato in una villa piazzata in mezzo al deserto dell'Arizona, un match alla pari tra due regine dello schermo come Page, snob maligna e assassina senza scrupoli, e Gordon, sempre ficcanaso ma qui per nobili scopi. Il contorno è piuttosto incolore (cast e sotto-trame) e forse anche l'epilogo poteva essere meglio condotto, ma anche così lo spettacolo è gustoso.

Paulaster 11/06/20 09:29 - 2819 commenti

I gusti di Paulaster

Vedova riceve una povera eredità e decide così di ingegnarsi a livello criminale. Giallo al femminile che contrappone la spietata e sprezzante Page a una specie di tenente Colombo in gonnella, la Gordon. Il duo regge il clima di sospetto reciproco con fasi thrilling puntuali (e chiari riferimenti a Hitchcock). Il resto del cast sembra viva di vita propria e non incide sulla sceneggiatura, densa di ammazzamenti. Chiusura beffarda quando sembrava non ci potessero esser grandi sbocchi. 
MEMORABILE: I pini di diverse altezze; Lo scambio di parrucche; I lucchetti alle porte.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rebis • 31/12/13 00:35
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Vi risulta che il dvd Sinister sia fallato? Tipo che si interrompe prima della fine o ha problemi con le tracce audio?
    Ultima modifica: 31/12/13 00:36 da Rebis
  • Homevideo Lucius • 31/12/13 12:13
    Scrivano - 8319 interventi
    Non ricordo e purtroppo non ce l'ho sotto mano ora.
  • Homevideo Zender • 31/12/13 19:13
    Consigliere - 43593 interventi
    Sì Rebis, io me lo son dovuto far cambiare purtroppo, da Amazon. Era difettato...
  • Homevideo Rebis • 31/12/13 19:56
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Ah! grazie Zender, volevo ordinarlo proprio da lì, chissà se hanno sostituito tutte le copie...
  • Homevideo Rebis • 1/01/14 14:24
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Zender leggo su dvdessential che i problemi sono relativi alla presentazine di Cozzi e non al film, ti risulta?
  • Homevideo Zender • 1/01/14 19:15
    Consigliere - 43593 interventi
    A me dava problemi il film. Quando torno controllerò e ti dirò.
  • Homevideo Xtron • 2/01/14 15:26
    Servizio caffè - 1831 interventi
    La presentazione di Cozzi dava dei problemi, ma il film era ok (almeno per quanto riguarda la mia copia presa su Amazon)
  • Homevideo Buiomega71 • 2/01/14 15:27
    Pianificazione e progetti - 21991 interventi
    Rebis, ho controllato il dvd con il tasto FF, pare non si blocchi (anch'io preso da Amazon)
  • Homevideo Zender • 8/01/14 14:06
    Consigliere - 43593 interventi
    Rebis, ho controllato anch'io (anche se non ho visto tutta la presentazione di Cozzi). L'unico problema per quanto mi riguarda è un fuorisincrono mentre parla Co(Ghe)zzi, ma non mi pare così grave...
  • Homevideo Rebis • 8/01/14 22:04
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Grazie mille Zender, allora posso procedere ;)