La regina dei dannati

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Queen of the damned
Anno: 2001
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 8
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 13/06/07 16:08 - 3833 commenti

I gusti di Undying

Se il tema del vampiro innamorato può già tenere alla larga chi pensa di trovarsi di fronte ad un horror degno di questo nome, aggiungiamo che la realizzazione (eccelsa sul piano tecnico e musicale) pecca di uno script ai limiti della sopportazione. La storia è insostenibile e propone un ulteriore, inutile e soporifero film sui vampiri: non quelli sporchi brutti e cattivi, ma quelli belli umani e cotti. Una love story a base vampiresca: al limite del risibile quando tenta la strada del musical. Sfortunatissima la bella Aaliyah, morta a 21 anni.

Stubby 27/07/09 15:43 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Lo ricordo soprattutto per la presenza della bella Aaliyah cantante e attrice morta poco dopo la realizzazione del film a causa di un incidente aereo, per il resto non mi ha impressionato molto, soprattutto perché ha una sceneggiatura poco coinvolgente e a tratti noiosa. Fa molto film TV.

Sabryna 29/08/09 13:28 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Il principale problema di questo film è l'inevitabile confronto con i libri di Anne Rice e col suo predecessore in pellicola Intervista col Vampiro. Essendo di quest'ultimo il sequel, lascia l'amaro in bocca. "La Regina dei Dannati" è godibile come horror metropolitano (ottima la colonna sonora con nomi di spicco del panorama nu-metal USA); è altresì perfettamente inutile come seguito di un film raffinato e introspettivo come Intervista col Vampiro. Townsend è azzeccato come vampiro rock in stile Corvo, ma di Lestat qui non c'è più traccia.

Redeyes 7/05/10 21:35 - 2253 commenti

I gusti di Redeyes

Questa pellicola è tanto sciocchina sul piano della sceneggiatura quanto piacevole sotto il punto di vista della colonna sonora. Papa Roach ed altri contribuiscono non poco alla riuscita del successo sotto questo punto di vista. Azzeccati sotto il punto di vista estetico sia Lestat che Marius, un po' meno la caratterizzazione che tende al Teen movie. Certo, se lo si confronta al precedente Intervista col vampiro si rimane delusi, ma se si pensa ai successivi Twilight non siamo lontani né molto peggio. Molto belle Aaliyah e Moreau.
MEMORABILE: La soundtrack. Le due bellissime protagoniste femminili.

Satyricon 1/09/10 00:21 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Sprecatissima occasione di portare al cinema una saga meritevole come quella della Rice, che, dopo il film di Jordan, torna nell'oblio con un film pop-dark-vampiresco. Belle le musiche e l'ambientazione goth, Townsend è insopportabile. Sceneggiatura terra terra. Poteva essere il nuovo ritorno di Lestat con un prequel che avrebbe fatto furore, se concepito negli schemi di Jordan; purtroppo hanno abbandonato il campo per un twilight con i brufoli photoshoppati in jeans e maglietta, bah!

Galbo 5/09/10 09:05 - 11579 commenti

I gusti di Galbo

Tratto dalla serie letteraria Vampire Chronicles della scrittrice americana Ann Rice, La regina dei dannati è una produzione piuttosto curata tecnicamente quanto povera dal punto di vista concettuale. La sceneggiatura è quella di una produzione televisiva di livello medio-basso con personaggi eccessivamente caricaturali (è quello che tutti si possono aspettare dalla rielaborazione moderna della figura del vampiro) e una regia che non riesce a costruire un minimo di tensione. Discreta la colonna sonora.

Von Leppe 1/09/11 13:41 - 1083 commenti

I gusti di Von Leppe

Film molto finto a cominciare dal rock e soprattutto nella parte del concerto, dove il pubblico dark è armato di forconi e accette di plastica di quelle che si vendono ai bambini per la festa di Halloween. Le parti migliori (almeno come scenografie e ambientazioni) sono quella svolta nel Mediterraneo e quella nella villa in California in stile pompeiano. La storia non è male ma è risolta in modo scialbo con gli attori che sembrano intenti in una sfilata di moda.

Buiomega71 2/09/11 19:33 - 2375 commenti

I gusti di Buiomega71

Tremendo e insulso "vampire movie", tra i peggiori mai girati. Plastico, finto, patinato, noioso e innocuo a metà tra uno scadente videoclip e una sfilata di Louis Vuitton. La regina (ehm) dei vampiri di Aaliyah ha la sensualità della De Filippi e il fascino della Marini mentre improvvisa un balletto. Taccio poi sulla congrega vampiresca, di una pochezza e banalità davvero sconcertanti. Più che un sequel del capolavoro di Neil Jordan (da non accostare nemmeno per scherzo), sembra il progenitore diretto della saga di Twilight. Qualcuno mi spieghi il perché del divieto ai minori di 18 anni...
MEMORABILE: L'unica che salvo è Lena Olin; il terribile e ridicolo concerto rock!

Paul McGann HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Lucius • 6/09/10 11:56
    Scrivano - 8468 interventi
    Il 25 agosto 2001, Aaliyah e 8 membri della sua troupe salirono su un Cessna 402B (N8097W) a Marsh Harbour, nelle Isole Abaco delle Bahamas, diretti all'aeroporto di Opa-Iocka, vicino a Miami.Poco dopo il decollo, l'aereo si schiantò al suolo, uccidendo tutti i passeggeri, compresi il pilota e Aaliyah.Il film esordì al numero 1 al botteghino, con oltre 15 milioni di dollari nel primo week-end di programmazione. Nonostante una petizione firmata da decine di migliaia di fan,i fratelli Wachowski, registi di Matrix, decisero di rigirare le scene interpretate da Aaliyah per insufficienza di materiale e per poter sviluppare il personaggio di Zee anche nel terzo capitolo della trilogia.