LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/08 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 15/06/08 17:40 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Raffazzonato e monotono noir genovese su sceneggiatura di Regnoli, peraltro appesantito da un lungo flashback illustrante la storia dei personaggi più importanti, tra cui Citti, meridionale emigrato al Nord in cerca di fortuna ed entrato in contatto con la malavita. Da segnalare, a parte la presenza di un canagliesco Kinski, di Delys (qualche anno più tardi in Liberi armati e pericolosi) e le musiche di Umiliani, le interessanti incursioni beat.

Enricottta 22/03/10 18:06 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Genova è sempre una location strana, difficile da riportare in cellulloide; se poi si sggiungono altri fattori (prendi un regista non brillante, attori non ispirati, una storia vecchia come il caciucco), il risultato è implosivo. Non si può guardare e mi dispiace, perché non sembrava banale. Kinski svogliato senza grinta, Citti di napoletano non ha proprio nulla.

Il Gobbo 26/08/10 19:46 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Pre-Le iene minore all'italiana del regista di Lola colt, un po' raPpattumato specie nel cast, e noiosetto per due terzi, prende ritmo nella parte conclusiva, con un paio di sequenze divertenti (specie quella con Pazzafini al luna-park). Reiterate scene danzerecce consentono a Umiliani di scatenarsi con lo shake d'ordinanza, Citti fa il salernitano doppiato da Amendola (!). Così così.

Mark 5/04/11 01:12 - 264 commenti

I gusti di Mark

Marcellini si cimenta col polar; il risultato è un discreto film con echi palesi verso il clima narrativo di Scerbanenco, anche se la sceneggiatura barcolla enormemente. I personaggi sono costruiti su canoni triti e ritriti ma su tutti brilla la prova di Franco Citti, utile anche a rischiare la modestia della pellicola con un po' di sociologia meridionalista.

Maik271 17/02/13 11:50 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Simpatica l'idea di iniziare la pellicola dal momento topico del colpo per poi, a ritroso, mostrare la preparazione e approfondire le varie personalità degli interpreti. Mi sono piaciuti Sandro Citti nella parte dell'immigrato meridionale, Maurice Poli il capo banda e il perfido Klaus Kinski. Fondamentali le musiche di Umiliani. Tra le donne del cast molto graziosa Donatella Turri.

Dusso 19/02/13 17:10 - 1533 commenti

I gusti di Dusso

Noir ancora lontano dagli elementi del filone poliziesco di alcuni anni dopo ma con un discreto ritmo nella parte iniziale e immancabili scene con hippies e droga tipiche dell'epoca (bella la sequenza con Helene Chanel, a questo proposito). Oggi comunque un po' datato e con due scene di incredibile verosimiglianza narrativa. Notevole il cast femminile.

Rufus68 15/05/16 21:44 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Il film non riesce ad amalgamare le sue varie ispirazioni. C'è un po' di tutto: un colpo, flashback personali, droga party, regolamenti criminali (e Citti - doppiato in dialetto salernitano - aggiunge un pizzico di ressentiment proletario e sudista). Marcellini rimane indeciso fra i corni del dilemma e lascia che la pellicola si sfilacci progressivamente sino all'epilogo, fiacco e risaputo. Kinski fa la canaglia al minimo sindacale. Non malaccio la colonna sonora di Umiliani.

Nicola81 14/10/16 10:19 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Siamo a Genova e ci sono le Giulia verdi della polizia, ma questo precursore dei poliziotteschi delude le aspettative. Il promettente incipit viene ben presto affossato da un ritmo blando e da una sceneggiatura che ha più buchi di uno scolapasta, anche se l'impennata action conclusiva limita parzialmente i danni. Il personaggio più interessante è quello di Citti, immigrato campano al Nord (ma allora perché farlo doppiare da Amendola?) con tutti i problemi annessi, mentre Kinski si limita al suo consueto ghigno. Discrete le musiche di Emiliani.

Alex1988 1/04/17 18:14 - 637 commenti

I gusti di Alex1988

Gangster movie all'amatriciana di media fattura che vanta, però, un discreto cast. Il plot, specialmente nella prima parte in cui, parallelamente alla rapina ormai compiuta, vengono svelate le identità dei partecipanti, ricorda molto Le iene, ma d'altronde si sa che Tarantino è un fanatico dei polizieschi italiani. Parte finale tirata un po' per le lunghe. Scarsetto.

Nando 29/06/17 15:19 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Noir lieve precursore dei polizieschi italici che arriveranno qualche anno dopo. Trama abbastanza telefonata, classica rapina e successivi disaccordi, con flashback che descrivono i personaggi e qualche ingerenza musicale di troppo. Nel complesso fiacco nonostante l'impegno di Poli e Kinski. Da sottolineare il buon cast femminile (anche se poco conosciuto).

Il Dandi 13/07/20 11:36 - 1745 commenti

I gusti di Il Dandi

Genova (ben sfruttata e fotografata) è crocevia di malavita organizzata e di strada, di importazione francese e di immigrazione meridionale. Discreto noir che si caratterizza per l'insistito sfondo sociale (che spazia dal sottoproletariato ai beatnick per moda) ed è soprattutto un film "di facce", che regala a Nello Pazzafini uno dei ruoli più importanti e a Franco Citti (doppiato da Amendola in napoletano) uno dei primi riconoscimenti alla sua maschera al di fuori dell'origine pasoliniana. Personaggi e situazioni tagliati con l'accetta non inficiano la godibilità. 
MEMORABILE: Il leitmotiv musicale di Piero Umiliani. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Ellerre • 10/04/10 11:34
    Call center Davinotti - 1114 interventi
    Buone le musiche di Piero Umiliani e della sua orchestra jazz (con tanto di organo Farfisa). Riferimento discografico: Piero Umiliani, La legge dei gangsters, Omicron 1969.

  • Homevideo Dusso • 19/02/13 16:18
    Segretario - 1620 interventi
    Nella copia trasmessa da Iris c'è l'altissimo sospetto di un taglio nella scena tra i giovani con la Pignatelli
  • Homevideo Quidtum • 19/02/13 16:40
    Servizio caffè - 2188 interventi
    E' sicuramente tagliato di circa due minuti, la versione mediaset dura 87' circa (86'43"), quella inglese 88'51".
    Ecco po' di scene mancanti (sesso, droga e violenza)





    Ultima modifica: 19/02/13 18:54 da Quidtum
  • Homevideo Dusso • 19/02/13 16:47
    Segretario - 1620 interventi
    Quidtum ebbe a dire:
    E' sicuramente tagliato d circa due minuti, la versione mediaset dura 87' circa (86'43"), quella inglese 88'51".
    Ecco po' di scene mancanti (sesso, droga e violenza)







    Grazie, interessantissimo.. pensavo ci fosse un taglio solo nella scena con la Pignatelli che vedo dalle foto si denuda(cosa per un film del 1969 non sempre riscontrabile)ma vedo che manca dell'altro...