La corona di ferro - Film (1941)

La corona di ferro
Media utenti
Anno: 1941
Genere: fantastico (colore)
Note: Il film contiene il primo seno nudo della storia del cinema italiano, per il quale si conosca il nome dell'attrice (Vittoria Carpi), che precede quello, notissimo, di Clara Calamai ne "La cena delle beffe". Un seno nudo era però già visibile ne "L'Inferno" (Berardi e Busnengo, 1911): si tratta di quello dell'attrice non accreditata che impersona Francesca da Rimini.

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/04/10 DAL BENEMERITO R.F.E.
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

R.f.e. 30/04/10 20:37 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Vero e proprio kolossal fiabesco, nonché sincero apologo pacifista, con il quale Blasetti assembla con vena eclettica saghe e racconti popolari e fantastici, norreni e mediterranei, echi della leggenda del Santo Graal, suggestioni da favola classica, il mito di Tarzan e la tragedia greca. Gli interpreti sono tutti in stato di grazia: Girotti, Cervi, Valenti, Ferida, Cegani, Morelli. Persino Primo Carnera "sembra" - anche se non è - a suo agio. Il nostro heroic-fantasy più bello.

B. Legnani 27/06/10 14:53 - 5567 commenti

I gusti di B. Legnani

Kolossal girato a Cinecittà, benché invecchiato, conserva grande interesse con "momenti di kitsch sublime" (Morandini). Scossa adrenalica al 45', con l'arrivo degli occhi pazzi di Osvaldo Valenti. Montaggio rapido. Bellissimi il simil-Tarzan Girotti e la pantera Ferida. Cervi zacconeggia, ma attrae. Illogicità ed eccessi da perdonare per il registro dominante, il fiabesco. La Ferida e Valenti (perfetto nel ruolo, pure su carro con lame rotanti...) moriranno fucilati il 30 Aprile 1945, due giorni dopo che analoga sorte era toccata ad Alessandro, fratello dello sceneggiatore Corrado Pavolini.
MEMORABILE: L'arrivo a corte di Osvaldo Valenti.

Pigro 27/08/11 14:42 - 9802 commenti

I gusti di Pigro

Spettacolare fantasy, con una storia dall’impianto favolistico, zeppa di duelli, magie, richiami mitologici, in una voluttà sincretica che attinge perfino a Tarzan e Robin Hood, con sotterranea invocazione pacifista (fu girato in tempo di guerra). Un bel filmone con attori in grande forma, dall’istrionico Cervi all’esuberante Girotti alla carismatica Ferida. La narrazione è incalzante e tiene sempre desta l’attenzione, oscillando tra azione e sentimento, ma soprattutto con un grande senso dello stupore. Gustoso, a modo suo, anche oggi.

Daniela 3/01/15 10:36 - 12790 commenti

I gusti di Daniela

Leggende e fiabe nordiche, ma anche miti greci e cristiani, Cervi sanguigno re crudele, Girotti atletico e discinto simil Tarzan allevato dai leoni invece che dalle scimmie, Cegani principessa triste, Ferida guerriera indomita infin domata dall'amore, Valenti stupendo sadico in costume orientale, Carnera servo fedele: mai si era visto un tale pout pourri nel cinema italiano come in questo kolossal spettacolare, certo ingenuo e assai datato, ma ancora godibile, girato in piena guerra ma animato da uno spirito pacifista neppure troppo sottinteso. Tanto esagerato da risultare affascinante.

Panza 2/04/15 17:37 - 1872 commenti

I gusti di Panza

Fantasy ante litteram con continui rimandi ai romanzi d'avventura medioevali sia nelle ambientazioni che nei personaggi. Regge abbastanza bene gli anni accumulati grazie a una regia che dà spettacolarità alle scene d'azione (fenomenale quella d'apertura) e una sceneggiatura che avvince lo spettatore. Perfetto Gino Cervi nella parte del re e non di meno anche gli altri attori. Simpatica l'idea dei cancelli che spuntano dal nulla, stupefacente il finale. Film da riscoprire che ci può insegnare qualcosa ancora oggi, incredibilmente.

Belfagor 29/04/15 22:03 - 2693 commenti

I gusti di Belfagor

L'usurpatore Sedemondo (un istrionico Cervi) indice un torneo per la mano della figlia, al quale partecipa anche Arminio (Girotti pseudo-Tarzan), figlio del re spodestato. Blasetti rimescola un po' di tutto nel calderone narrativo, dai Nibelunghi a Ivanhoe, dalla tragedia greca a Robin Hood, coronando il tutto con una morale pacifista decisamente audace per il periodo. Forse c'è poco di originale, però è un film corposo e divertente, recitato da attori in gran spolvero, una fiaba narrata con un grande senso dello spettacolo.
MEMORABILE: Re Sedemondo che ammonisce il servitore chiamandolo "Bestia!".

Rigoletto 8/09/18 22:47 - 1796 commenti

I gusti di Rigoletto

L'epico-cavalleresco fantasy non è proprio il genero più gettonato dalla cinematografia del Belpaese, ma questo "cinema di guerra" è un prodotto di altissima qualità, azzardato in certe scene per l'epoca; un fantasy che odora un po' delle atmosfere di Peer Gynt e il cui protagonista sembra la fusione fra Tarzan e Robin Hood. Blasetti si affida ancora a Cervi (qui re pazzoide), alla Cegani, a Valenti (assieme a una splendida Ferida) e vince la sua scommessa. Nel cast anche il gigante Carnera.
MEMORABILE: "Bestia!"

Reeves 7/03/23 06:30 - 2393 commenti

I gusti di Reeves

Solo in Italia, con una giuerra in corso, poteva usciure un kolossal intriso di pacifismo e con i cattivi che sono della stessa nazione (la Germania) che era allora nostra alleata in quella sciagurata guerra. Un film potente, ritmato, una vera e propria antologia di grandi scene d'azione inframezzate da ottimi spunti recitativi. Il fantasy italiano nasce da questo capolavoro.

Rina Morelli HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Il ritorno di Don CamilloSpazio vuotoLocandina Totò, Fabrizi e i giovani d'oggiSpazio vuotoLocandina Il giorno più cortoSpazio vuotoLocandina Gli zitelloni
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione R.f.e. • 16/04/10 14:00
    Fotocopista - 826 interventi
    Stesso discorso di "L'amore e il diavolo". Sorprende che nessun davinottiano abbia inserito questo fantasy pacifista del grande Blasetti, un film che fece dire a Goebbels che se l'avesse diretto un regista tedesco l'avrebbe portato direttamente davanti al plotone d'esecuzione!
    Ultima modifica: 16/04/10 15:32 da R.f.e.
  • Curiosità R.f.e. • 19/04/10 19:21
    Fotocopista - 826 interventi
    Il film è famoso anche per via di una scena, molto osé per l'epoca, in cui viene mostrato per pochi secondi il seno nudo della giovane attrice Vittoria Carpi.

    Comunemente il primo seno nudo del cinema sonoro italiano è però considerato quello di Clara Calamai nel successivo film di Blasetti, La cena delle beffe, presumibilmente perché la Calamai è la protagonista del film, mentre la Carpi è qui solo una comparsa.

    Tale "primogenitura" è rivendicata oltretutto anche da Doris Duranti, per il film Carmela (1942), con la seguente spiegazione: «il mio fu il primo seno nudo ripreso all'impiedi, apparve eretto com'era di natura, orgoglioso, senza trucchi, invece la Calamai si fece riprendere sdraiata, che non è una differenza da poco».
  • Curiosità R.f.e. • 30/04/10 20:39
    Fotocopista - 826 interventi
    Vinse la Coppa Mussolini come miglior film italiano alla 9ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (1941).
  • Curiosità Il Dandi • 1/05/10 05:23
    Segretario - 1486 interventi
    Il regista Umberto Lenzi, famoso per i suoi film di genere nel ventennio '60-'80, ha reso omaggio a La corona di ferro con il romanzo storico Delitti a Cinecittà (Coniglio editore, 2008) ambientato durante le riprese del capolavoro di Blasetti.

    Tra i personaggi reali che compaiono nel romanzo, oltre ai due protagonisti Osvaldo Valenti e Luisa Ferida attorno a cui ruota la vicenda, si ricordano: Vittorio De Sica, Alida Valli, Clara Calamai, Totò.
  • Discussione B. Legnani • 27/06/10 14:55
    Pianificazione e progetti - 15020 interventi
    R.f.e. ebbe a dire:
    Stesso discorso di "L'amore e il diavolo". Sorprende che nessun davinottiano abbia inserito questo fantasy pacifista del grande Blasetti, un film che fece dire a Goebbels che se l'avesse diretto un regista tedesco l'avrebbe portato direttamente davanti al plotone d'esecuzione!


    Visto. Bel film. Mi è parso modernissimo il montaggio.
  • Curiosità B. Legnani • 25/03/11 17:41
    Pianificazione e progetti - 15020 interventi
    R.f.e. ebbe a dire:
    Il film è famoso anche per via di una scena, molto osé per l'epoca, in cui viene mostrato per pochi secondi il seno nudo della giovane attrice Vittoria Carpi.


    Qui c'è l'immagine.
    http://it.wikipedia.org/wiki/La_corona_di_ferro
  • Homevideo Xtron • 11/05/15 21:55
    Servizio caffè - 2181 interventi
    Uscito in Francia per Bach Film con audio italiano
    http://www.amazon.fr/La-Couronne-fer-Digipack-Collector/dp/B00OYSYICA/ref=pd_bxgy_74_text_z
  • Homevideo Digital • 24/11/17 15:13
    Portaborse - 4039 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 19/01/2018.
  • Homevideo Xtron • 5/01/19 23:06
    Servizio caffè - 2181 interventi
    Il dvd SINISTER

    Audio italiano
    Video 4/3 1.37:1
    Durata 1h44m54s
    Extra: Galleria fotografica

    immagine a 10:30

    Ultima modifica: 6/01/19 08:24 da Zender