L'uomo che fissa le capre

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Men Who Stare at Goats
Anno: 2009
Genere: commedia (colore)
Note: E non "L'uomo che fissava le capre" o "L'uomo che guardava le capre" o "L'uomo che guarda la capra".
Numero commenti presenti: 33
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Viaggio iniziatico del giornalista Ewan McGregor sulle tracce del più potente "soldato psichico" dell’esercito americano (George Clooney). McGregor è un pivello, nulla sa dell’arma segreta che per anni gli americani hanno sovvenzionato nella speranza di trovare nuove vie per contrastare i russi. I due si conosceranno e lo jedi (si fan chiamare così, gli psicosoldati agli ordini di un Jeff Bridges in versione Lebowski) mostrerà, tra il cialtronesco e il misterioso, i poteri di cui sono dotati gli uomini come lui. Un trucco riesce, un altro no; un po’ quello che vale per il film, perennemente sospeso tra satira e road movie, in cui a momenti anche azzeccati e magari divertenti,...Leggi tutto figli di un’idea che meritava indubbiamente di più, si alternano divagazioni superflue che irritano per la loro irrisolutezza, che si mescolano dando vita a una sceneggiatura velleitara scarsamente propulsiva. Perché ogni spunto bizzarro in breve tempo si sgonfia lasciando spazio a frasi vuote, a situazioni solo abbozzate, alla titubanza di una regia modesta assai che fatica a collegare le diverse fasi del racconto con la dovuta disinvoltura: una serie di sketch mal incollati, vivacizzati per fortuna almeno da un Clooney vispo e simpatico come sempre gli capita in film simili, cui tiene testa con dignità uno Ewan McGregor in parte. Bridges invece, se nelle apparenze ricorda davvero il memorabile personaggio del film dei Coen, non incide in realtà minimamente, adagiato in un ruolo molle in cui l’attore si siede e s’addormenta, limitandosi a qualche faccina buffa e ai premeditati slanci hippie che hanno perso la genuinità di un tempo. Se infine al posto di Kevin Spacey avessero messo chiunque altro non se ne sarebbe accorto nessuno, considerato quanto conti il bravo attore nell’economia generale della storia. A tratti s’intuiscono le buone potenzialità del film, ma dal momento che il più delle volte sono vanificate dalla farraginosità della realizzazione, non resta che ringraziare il fatto che il film duri poco. Perché dopo un po’ che si è capito come per una buona battuta ci sia da aspettare decisamente troppo, ci si chiede come si sia potuto sviluppare il film in modo tanto anarchico e sgangherato. Certo, quando Hollywood ha i mezzi, molti difetti di base si riescono a mascherare con dialoghi ben recitati, scene impostate con deciso professionismo; ma se, come in questo caso, il problema è di fondo, difficile trasformare il risultato in un buon film.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/09 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 21/11/09
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 7/11/09 00:30 - 4587 commenti

I gusti di Puppigallo

Sembra quasi scritto dai Coen, ma non ha la forza dei loro film migliori. L'idea dell'esercito Nuova Terra, formato da "psichici", pseudohippy e sognatori è simpatica e i protagonisti sono abbastanza in palla (Clooney, McGregor e Bridges). Ma dopo una quarantina di minuti, si inizia a capire che il tutto non può reggere più di tanto e così ci si accontenta dei siparietti, delle situazioni ai limiti dell'assurdo e si veleggia verso un epilogo subodorato. Comunque, non è male e l'interesse non viene quasi mai meno, nonostante l'effetto montagne russe dato da scene riuscite e non.
MEMORABILE: Uno degli psichici svela al protagonista (McGregor, che interpreta un giornalista) che il mostro di Lochness è in realtà il fantasma di un dinosauro.

Capannelle 9/03/10 09:51 - 3840 commenti

I gusti di Capannelle

Gli autori e il regista hanno voluto fare i brillanti stile Coen senza averne la stoffa. Risultato: i momenti divertenti sono pochissimi (tipo Clooney e i carcerieri nel deserto o Bridges che fallisce l'esperimento e al processo) mentre il resto del filmato appartiene al grottesco mal riuscito, spesso così irritante che ti spinge a simpatizzare con i guerrafondai. Inutile dirlo, il cast è andato letteralmente sprecato: uno di quei casi dove la forbice tra locandina e realtà è spaventosamente larga.
MEMORABILE: "Lei ha usato i fondi per comprarsi droga e prostitute" "Nossignore, la storia delle zoccole è del tutto priva di fondamento".

Rebis 13/11/09 18:12 - 2111 commenti

I gusti di Rebis

Bob Wilton non ha i presupposti drammaturgici per affrontare di petto questo on the road esagitato, tra poteri parapsichici e Al Qaeda, e la sua presa di coscienza finale suona posticcia. Ma se si accetta di soprassedere a questa insufficienza narrativa il film di Heslov è godibilissimo, discendente diretto di quella contaminazione anarcoide tra generi che ha i suoi mentori in Tarantino, Coen, e Gilliam. Gli Esper, veri o presunti, sono ambasciatori di un’alternativa etico-comportamentale allo spirito guerrafondaio, capitalistico americano, e, almeno, un vettore di speranza. I want to believe.

Markus 21/11/09 13:23 - 3393 commenti

I gusti di Markus

Un guazzabuglio di idee, alcune anche buone, ma nessuna ben studiata. Tutto appare abbozzato e senza un significato ben preciso, se non nel più puro spirito del fine a sé stesso o per giustificare l'azione dell'attore. Appare evidente che lo charme del film (almeno in Italia) è dato solo dalla presenza del sempre bravo Clooney. L'idea delle capre è solo accennata. Trovo irritante la parte finale, in cui vengono liberati i prigionieri cosiddetti di “Al Qaeda”: un “volemose bbene” che si poteva e si doveva evitare...

Blutarsky 22/11/09 17:15 - 353 commenti

I gusti di Blutarsky

Occasione mancata. L'idea iniziale era interessante, il cast importante, ma il risultato finale delude sopratutto sul versante della sceneggiatura, a cui manca quella carica eversiva ed anarcoide necessaria per un film con un tema del genere. La pellicola, anche per colpa della regia di Heslov, si riduce a una serie di sketch incollati alla "bell'e meglio", alcuni anche riusciti e divertenti, altri decisamente mediocri salvati solo dal mestiere degli attori coinvolti. Ottimi sia Clooney che Bridges, sprecato Spacey, spaesato McGregor.

Jandileida 28/02/10 23:37 - 1298 commenti

I gusti di Jandileida

Il film poteva essere interessante e divertente vista l'idea di partenza sulla forza speciale dell'esercito pronta ad impegnare la forza pura della mente invece di quella bruta delle armi. Purtroppo però una sceneggiatura piena di buchi ed una regia troppo convenzionale relegano la pellicola nella categoria dei lavori poco riusciti. Inoltre il cast, a parte un Clooney molto gigione, è sottoutilizzato. Non resta che immaginare cosa avrebbe potuto essere il film con Gilliam dietro la MDP, ma il cinema non si fa con i se e con i ma...

Saintgifts 12/03/10 22:18 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il titolo è adatto al film: non dice nulla. Un film velleitario con attori importanti e con grandi mezzi ma zero sostanza. L'unica cosa che ha una qualche originalità è l'argomento: un piccolo settore dell'esercito americano che studia la possibilità di usare le doti parapsicologiche di soldati più o meno dotati per scopi bellici. Un giornalista in crisi matrimoniale fa da guida nel guazzabuglio di situazioni dove poco o niente si salva. Gli attori fanno il loro dovere ma non basta, l'immagine del patchwork rende alla perfezione il tipo di lavoro.
MEMORABILE: Il film inizia con una capocciata di un generale contro una parete che credeva di trapassare con la forza del pensiero: unica cosa degna di nota.

Daniela 22/03/10 12:51 - 10132 commenti

I gusti di Daniela

Non si può certo dire un'opera riuscita, per la scrittura frammentaria, la scarsa originalità di certi personaggi (quello interpretato da Jeff Bridges non somiglia a Lebowski, ma E' Lebowki in divisa), lo spreco di un cast prestigioso in cui ha modo di spiccare il solo Clooney in versione buffa-coeniana ed infine un epilogo ruffiano alla "mettete dei fiori nei vostri cannoni". Ciò non toglie che, con tutti i suoi difetti, sia film godibile, leggero come le nuvole che il soldato jedi riesce a disperdere nel cielo azzurro con la sola forza del pensiero.
MEMORABILE: La "coercizione psicologica" consistente nel ficcare una penna nella carotide per farne sprizzare sangue a fontana - l'arma letale ma biodegradabile

Hackett 11/05/10 07:44 - 1799 commenti

I gusti di Hackett

Film che sembra avere delle buone idee ma che non riesce ad organizzarle in un racconto armonico ed avvincente. La presenza dell'ottimo cast garantisce richiamo ma non solleva più di tanto un'opera confusa e a tratti davvero sconclusionata. Si avverte la volontà (sempre apprezzabile) di mandare un messaggio antimilitarista, ma la ricerca del grottesco, continua ed esasperante, risulta deleteria e controproducente. Deludente.

Pau 3/07/10 15:08 - 125 commenti

I gusti di Pau

Operazione che non può non risultare "simpatica" agli occhi dello spettatore; vuoi per il tono del racconto, vuoi per la visione pacifista che la permea e per il carisma bonario del suo Clooney/Bridges, con l'aggiunta di qualche gag e battuta azzeccata. Il risultato finale è però slabbrato, sgangherato, ripetitivo e in definitiva irrisolto; peccato, perché il tema affrontato si prestava a molteplici letture, mentre la sceneggiatura ha deciso di buttare il tutto in una blanda (e tutto sommato rispettosa) parodia del mondo hippy.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Mr.geko 14/07/10 16:13 - 34 commenti

I gusti di Mr.geko

"L'uomo che fissava" le capre è un grande miscuglio di idee e visioni che criticano il mondo di oggi e di ieri negli Stati Uniti. Attraverso divertenti (ma non solo) flashback si scopre come sia stato fondato l'esercito Terra Nova al pentagono e le vicende di Clooney nel gruppo New age amanti di Star Wars. La storia vera è ambientata nei primi anni del duemila e segue le vicende di un giovane giornalista coinvolto nella strampalata ultima missione di Clooney. Davvero notevole in molte scene.
MEMORABILE: La scelta di combattere in Iraq guardando Bush alla tv: "Mi scuso, gli americani non sono tutti così..."; il finale, le idee del fondatore di Terra Nova.

Cif 4/08/10 12:17 - 272 commenti

I gusti di Cif

Parte con toni brillanti, poi però non decolla. L'entrata in scena di Clooney sicuramente rivitalizza la storia, che però non può reggersi solo sul carisma di quest'ultimo. Mc Gregor ci mette solo la faccia beffarda e Spacey é invisibile quanto sprecato, in questa pellicola. La vicenda resta troppo in superficie ed il tono grottesco non sempre è riuscito. Con l'ottimismo della volontà si spera in un finale che nobiliti tutta l'opera, il risultato é invece che la affossa. Resta un po' di brio e di irritualità per un'opera americana. 2 palle e 1/2.

Burattino 10/10/10 22:27 - 101 commenti

I gusti di Burattino

Un film divertente che batte vie inaspettate, sopratutto in territorio hollywoodiano. Un cast stellare, per lo più in parte, si presta a questa operazione surreale che gioca ironicamente lasciando trasparire a più riprese quanto la fantasia possa superare la realtà. Alla fine del film si hanno sospetti che qualcosa di vero ci sia, più di quanti se ne avrebbero con un documentario sull'argomento.

Caesars 14/09/10 10:14 - 2911 commenti

I gusti di Caesars

Siamo di fronte ad un film originale ma, nonostante questo, non molto riuscito. Dalla sua ha, a parte lo spunto assai bizzarro, la buona interpretazione degli interpreti principali (mentre Jeff Bridges ricalca se stesso e Kevin Spacey resta nel più assoluto anonimato) e qualche battuta davvero divertente; per il resto la storia non decolla mai e gira abbastanza a vuoto per lunghissimi minuti. Peccato perché l'idea iniziale poteva essere sviluppata assai meglio e forse in mano ad un altro regista avrebbe funzionato di più. Comunque vedibile.

Enzus79 27/09/10 16:56 - 1957 commenti

I gusti di Enzus79

In questo genere di film George Clooney dà il meglio di sè e verrebbe voglia di vederlo interpretare sempre personaggi del genere. Certo è che alla regia e alla sceneggiatura mancava qualcuno come i Coen. Si ride molto e solo nel finale ci si annoia.

Domino86 30/09/10 11:44 - 566 commenti

I gusti di Domino86

Un gran cast, buone interpretazioni... però il film va preso alla leggera. L'idea di questo esercito Nuova Terra con tutte le sue peculiarità è divertente; tanti i momenti piuttosto demenziali che, pur portando alla risata, non fanno mai decollare totalmente la pellicola.

Zutnas 10/10/10 01:03 - 85 commenti

I gusti di Zutnas

Commedia apparentemente sconclusionata che vede i due protagonisti impegnati in un improbabile viaggio nell'Iraq tumultuoso del dopo-Saddam. Il tono è leggero ma il film ci fa riflettere: la guerra degli USA in Iraq, la disinformazione che ci giunge da là, gli avvoltoi che speculano sulla ricostruzione. Grande cast (il saggio Clooney su tutti) per un film originale, che ha avuto anche il pregio di riportare l'attenzione su una delle guerre che l'occidente ha dimenticato. Da vedere.
MEMORABILE: "Ma che fai?" "Mi tengo allenato, sto cercando di disgregare una nube.... visto? Ecco fatto".

Galbo 19/10/10 05:51 - 11577 commenti

I gusti di Galbo

Un po’ come un film del 1999, Three Kings, sempre interpretato da George Clooney, L’uomo che fissa le capre è una commedia satirica e a tratti francamente demenziale che mette alla berlina l’esercito Americano e in generale gli atteggiamenti militaristi. A differenza del precedente però, il film di Grant Heslov ha una sceneggiatura meno calibrata e si affida maggiormente agli sketch estemporanei, finendo per sprecare un buon potenziale di partenza e soprattutto un ottimo gruppo di attori.

Rambo90 20/10/10 19:44 - 6674 commenti

I gusti di Rambo90

Divertente commedia (sulla scia di quelle dei fratelli Coen) con una storia assurda e proprio per questo gradevole. La coppia Clooney-McGregor funziona, ma è soprattutto il primo a tenere desta l'attenzione dello spettatore con una performance sopra le righe molto carina. Jeff Bridges poi è davvero straordinario, mentre Spacey se ne resta un po' in disparte in un ruolo abbastanza marginale. Non un capolavoro, ma molto divertente.

Vstringer 17/11/10 13:22 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

L'idea di partenza è eccellente, le trovate estemporanee strappano più di un sorriso, il Clooney brillante è una garanzia. Messo in mano a Gilliam o ai Coen, con un po' di cura, sarebbe stato un gran film. Così com'è non va oltre l'essere uno stringato e disorganico ammasso di trovate e citazioni, dove il cast folto e ricco (ma McGregor fa il compitino e Bridges ricicla) non basta per svoltare. Un peccato, perché l'idea della doppia parodia simultanea militare/hippy di per sé è una delle migliori del decennio.

Jeff Bridges HA RECITATO ANCHE IN...

Didda23 12/03/11 15:02 - 2310 commenti

I gusti di Didda23

Non mi è piaciuto molto e dopo la visione ho pensato: "e allora?". Di solito questo genere di film mi appassiona e convince, ma in questo caso ho notato solo uno spreco incredibile di risorse umane. Si doveva fare meglio, molto meglio. Il film comunque scorre e in certe scene diverte e non poco. Operazione riuscita solo in parte.

Pigro 21/05/11 09:27 - 8323 commenti

I gusti di Pigro

Psico-soldati neo-Jedi new age nel deserto dell'Iraq? La storia è demenziale al punto giusto e la satira antimilitarista vola tra ossessioni di guerra psicologica e carceri in stile Guantanamo. Il regista non ha la lucidità graffiante di Altman o l'affabulazione sorprendente dei Coen o la visionarietà di Gilliam, ma in questo suo debutto mostra una buona mano, riuscendo a beffarsi dell'esercito divertendo con gusto. Se il punto di forza è la bizzarria del plot, la bravura di Heslov sta nel mettersi al suo servizio facendo un buon compito.

Giùan 27/05/11 17:18 - 3243 commenti

I gusti di Giùan

Grandi aspettative e cast stellare per una commedia che finisce per restare ben al di sotto dei prodromi promessi nei trailer e negli annunci più o meno trionfalistici. Certamente un divertimento intelligente, ma insomma la satira corrosiva alberga altrove che non in questa ironica pellicola zen che scorre troppo lieve, senza mai lasciare non dico un segno ma almeno un graffio originale. Tutto suona riciclato e di seconda mano a partir da Spacey e Bridges. Comunque Clooney è bravo e lo stranito Mc Gregor pare far le prove generali per Polanski.

Jcvd 8/07/11 22:07 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Originale e recitato magistralmente da un Clooney perfetto, molto bravo anche Jeff Bridges ma non è una novità. Nonostante una storia divisa e articolata in capitoli, con vari personaggi, questo film fa ridere, diverte, colpisce e si fa ricordare. Da vedere.

Tarabas 10/07/11 11:12 - 1765 commenti

I gusti di Tarabas

Il film è esattamente come i poteri PSI dei supersoldati di Bill Django: se ci credi funziona veramente! Bizzarria flower power probabilmente fuori tempo massimo, satira antimilitarista un po' vaga e troppo simpatica per graffiare veramente, è piena di alti e bassi e soprattutto prende di peso il personaggio del Dude dal Grande Lebowski per trasportarlo nel New Earth Army, specie di esercito hippy composto da Jedi che credono nell'amore ma possono uccidere una capra con lo sguardo. A me è piaciuto, ma non lo definirei un film riuscito.
MEMORABILE: Il finale è la cosa migliore.

Coyote 18/07/12 18:36 - 185 commenti

I gusti di Coyote

L'idea iniziale era decisamente simpatica, ma il film non mantiene ciò che promette nelle prime scene. Il ritmo non decolla e gli spunti comici - alcuni degni del più ispirato Ben Stiller - si perdono qua e là in una storia senza nerbo. In certi momenti ci si annoia, in altri si prova vero e proprio fastidio considerando la qualità eccelsa del cast, perlopiù sprecato.

Vitgar 29/07/14 19:58 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Produzione deludente. Film che vuole essere provocatorio ma che tutto sommato è solo noioso. Si prendono in giro le caratteristiche delle strutture militari giocando sull'idea di un nuovo esercito che sperimenta poteri paranormali. Il cast è di buon livello ma la pochezza della trama e la lentezza del racconto non gli rende merito. Non licet.

Minitina80 7/06/15 00:03 - 2504 commenti

I gusti di Minitina80

Divertente e irreverente satira che ha come vittima il potente braccio militare americano e la sua politica di azione che qui vengono sminuiti e irrisi quasi in chiave farsesca. Clooney è strepitoso e dà vita a un personaggio talmente assurdo da sembrare paradossalmente credibile, nella sua storia. Il finale, più che mai lisergico, racchiude l’essenza della pellicola.

Il ferrini 6/05/16 10:39 - 1794 commenti

I gusti di Il ferrini

Un film che potrebbe piacere molto a chi ha il background per comprenderne l'esplosiva forza satirica (l'esercito Usa impiegò davvero un "sensitivo" per scovare il luogo in cui le B.R. nascondevano il Generale Dozier) rischiando altresì di apparire oltremodo grottesco a chi non sa che le situazioni riportate sono quasi tutte ispirate a fatti reali. Clooney in stato di grazia: quando si tratta di storie paradossali (Dal tramonto all'alba, Burn after reading) dà il meglio di sé. Kevin Spacey insolitamente contenuto, Jeff "Drugo" Bridges al top. Meritevole.

Almicione 10/06/16 00:51 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Tra le commedie più insensate che abbia mai visto. La particolarità raccapricciante è che qui figurano quattro attori famosi e un budget di 24 milioni di dollari. Futile già dalla prima scena (complementare all'ultima), è riuscito a indurmi giusto un paio di sorrisi scappati, molta noia, poi fastidio e infine sonnolenza. Ogni accenno a un tema serio - non che ci dovesse essere - è reso vano in quanto né preso in giro né datogli valore (anche perché si tratta di situazioni non vere, senza senso). Un punto molto basso della commedia americana.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Xamini 9/07/17 12:51 - 1047 commenti

I gusti di Xamini

Non gramo, questo lavoro di matrice coeniana, la cui parziale riuscita deve molto all'ottima interpretazione di un Clooney decisamente in parte, affiancato dal "padawan" McGregor con cui duetta a meraviglia. Mancando un po' di suspense o afflato epico, o anche di qualcosa di più solido di una critica abbozzata al sistema militare americano, il film procede giocando per lo più su situazioni, duetti e sui suoi personaggi surreali (da Spacey, però, mi sarei aspettato di più). Godibile.

Noodles 12/09/19 16:30 - 1076 commenti

I gusti di Noodles

Idea di base originale, a tratti anche divertente. Ci sono alcune parti del film da grande cinema demenziale-surreale e il cast va alla grande, in questo senso. La pellicola però alterna momenti divertenti ad altri più noiosi, che fanno perdere il ritmo e il gusto per la visione. Nel complesso si tratta comunque di un buon lavoro, anche se forse un po' sopravvalutato. Ma la sensazione è che di meglio non si potesse, o meglio volesse, fare.

Silvestro 4/03/21 23:50 - 102 commenti

I gusti di Silvestro

Un film che regala momenti molto riusciti (in particolare quelli dedicati al  gruppo Jedi di Jeff Bridges e alla loro peculiare formazione) ad altr che lo sono molto meno, soprattutto quelli legati alle crisi esistenziali di McGregor. Ne esce fuori una pellicola con buoni spunti e ottime potenzialità purtroppo non del tutto espresse. Niente male l'accompagnamento musicale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Puppigallo • 7/11/09 00:43
    Scrivano - 502 interventi
    Clooney svela a McGregor di essere un Jedi (così venivano chiamati i soldati dell'esercito Nuova Terra). Ed è curioso che lo dica proprio a MCGregor, che ha interpretato il giovane maestro Jedi Obiuanchenobi nei prequel di Star Wars.
  • Curiosità Daniela • 12/11/09 00:06
    Gran Burattinaio - 5470 interventi
    Ho trovato in un paio di siti questo film presentato come la prima regia del "terrorista" di True Lies. Ora, è vero che Grant Heslov era nel cast del film di James Cameron, ma il suo ruolo era quello di un collega di Arnold Schwarzenegger, mentre il terrorista lo faceva il pakistano Art Malik.
    Amico di George Clooney, Heslov ha ricoperto piccoli ruoli anche negli ultimi film da lui diretti: Good Night, and Good Luck e In amore niente regole.
  • Discussione Capannelle • 1/10/10 21:19
    Scrivano - 2589 interventi
    La lettura delle note dove si indicano gli aka sbagliati è spesso noiosa ma in questo caso supera la brillantezza del film.

    "L'uomo che guarda la capra" mi ha fatto ridere.
  • Homevideo Gestarsh99 • 4/11/11 11:51
    Scrivano - 16282 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Medusa Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 DTS HD: Italiano Inglese
    * Sottotitoli Italiano NU
    * Extra Commento audio del regista
    Scene tagliate (HD)
    La storia vera (HD)
    Making of (HD)
    Trailer
  • Musiche Samuel1979 • 14/11/12 21:16
    Call center Davinotti - 3120 interventi
    Il brano dei titoli di testa è "Alright" dei Supergrass
  • Discussione Raremirko • 29/03/19 22:13
    Addetto riparazione hardware - 3630 interventi
    Potenzialità davvero enormi, cast a dir poco strepitoso (c'è pure Robert Patrick, il T1000 di Terminator 2), stile, idee, ma, praticamente, manca un collante vero e proprio, un qualcosa che dia identità al tutto.

    Anche io ho pensato subito ai Coen una volta vista locandina e cast, ma purtroppo non è così.

    Solo discreto; ci avrei visto bene anche una serie tv, o una miniserie.