Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Uno dei più feroci e sadici “nazi” di sempre, con Bruno Mattei che in pratica se ne infischia della trama per mettere in scena più bestialità possibili. Così, presentata a grandi linee la situazione con il gruppo di deportate che nel lager di Rosenhausen dovrà sottoporsi alle angherie del capitano Wiecker (Ivano Staccioli), il regista si concentra sul sesso e le torture inventandosi tutta una serie di esperimenti assurdi che non sarebbero passati in testa nemmeno al famigerato Mengele. Le deportate finiranno frustate, impiccate, fucilate, asfissiate, massacrate, tagliuzzate, violentate dai loro aguzzini, che usano i corpi delle poverette come materia inanimata. Allo storpio Kurt, ad esempio (il calvo Giovanni Attanasio) vengono date...Leggi tutto in pasto quasi come a Salvatore Baccaro nel trash-cult LA BESTIA IN CALORE; il folle le agguanta per i seni e le strizza in ogni maniera in stato di eccitazione. Ma a raccontare ogni cattiveria venuta in mente a Mattei non si finirebbe più, perché in KZ9 c'è veramente di tutto e di più (addirittura un morto fatto resuscitare a colpi di lingua da una baldracca esotica. Impagabile)! E dire che il regista pretendeva che al suo film fosse riconosciuta un'impronta seriosa... Ivano Staccioli è comunque perfido e sadico al punto giusto e la musica di Alessandro Alessandroni, con la sua ossessiva ripetitività e i suoni cadenzati, conferisce al film un'atmosfera straniante piuttosto inusuale, per il genere. Lorraine De Selle (è Maria Blick) dovrebbe essere la star e in effetti nello squallore generale risalta subito, a conferma di mezzi produttivi a dir poco modesti. In Italia la censura ha mutilato molte delle sequenze più gore.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 25/03/07 15:18 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Mattei filma una serie di aberranti e "amorali" scene di violenza gratuita, condita da un linguaggio saporito e "sporco" almeno quanto il contesto (un lager). Il film gode di una morbosa e fasulla "morale" (il veloce redde rationem in chiusa): gli autori del film, come Ponzio Pilato, se ne lavano le mani. Più che all'erotismo, siamo di fronte ad un horror totale, reso credibile dalle interpretazioni (Lorraine De Selle che canta, prima dell'impiccaggione, Israel). Ottima la colonna sonora.

Straffuori 7/02/09 22:20 - 254 commenti

I gusti di Straffuori

Thrashata matteiana tanto spassosa quanto inquietante ed esagerata. Ogni cosa portata all'eccesso, al limite del disturbante in alcune scene. Divertenti gli aguzzini sui quali svettano la De Simone, Ivano Staccioli e Gabriele Carrara. Musiche cupe ed inquietanti, produzione low cost. Si inserisce nel filone Nazi Erotic/PornoSvastica.

Stubby 30/07/09 18:00 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Abbastanza pesante non tanto per le efferetezze mostrate di cui alcune al limite del ridicolo, ma più che altro per la ripetitività che costella la pellicola dall'inizio alla fine. Musiche abbastanza azzeccate e disturbanti: la nenia finale (Israel) da coro delle voci bianche può colpire nel segno.
MEMORABILE: Giovanni Attanasio pare il tifoso laziale Er Vertebbra di Michelangelo Pulci.

Pinhead80 30/03/10 12:31 - 4321 commenti

I gusti di Pinhead80

Solito film del filone naziesploitation che non aggiunge niente di nuovo agli altri. Alcune scene che potrebbero sembrare di forte impatto visivo si mescolano a dialoghi improbabile e ad una sceneggiatura che, in alcuni tratti, rasenta il ridicolo. L'impressione è che il regista, non avendo più efferatezze da mostrare, giunga ad un pasticciato e frettoloso finale.
MEMORABILE: Le scene in cui compare Kurt.

Trivex 12/05/10 18:47 - 1634 commenti

I gusti di Trivex

Del dannato filone nzexploitation, KZ9 rappresenta una fredda interpretazione. A differenza di altri malati fratelli, il sesso è piuttosto esiguo e completamente superficiale, privo cioè di sensazioni morbose passionali, tipiche nella violenza sessuale del genere. È un lungo carrello di efferatezze e di atteggiamenti disturbati, con i soliti carnefici piuttosto tecnici nelle loro aspirazioni. Il film è strutturato discretamente e si avvale di qualche mezzo in più della media, ma niente di trascendentale. Le finali note pseudostoriche si potevano evitare.
MEMORABILE: Le musiche, cupe, irritanti... quasi ansiogene.

Herrkinski 25/10/11 02:15 - 6813 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i più noti esempi del vituperato filone, il film di Mattei si segnala per l'accumulo disorganico di nefandezze e volgarità, che pur risultando talvolta al limite del comico potrebbero colpire gli spettatori più sensibili. Il regista cerca pure di dare un'ipocrita ed improbabile tocco finale di critica sociale, inserendo le schede dei veri gerarchi nazisti sfuggiti ai processi. Tra numerose scene di nudo e tortura si salva giusto qualche sequenza (le prigioniere che cantano, ad esempio) e le musiche cupe. Ritmo incostante, fotografia piatta.

Luchi78 1/08/11 14:50 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Deludente film di Mattei sulla ricostruzione di un lager nazista in cui eseguire sperimentazioni folli su varie tipologie di prigionieri, in particolare donne. Il regista se le inventa di tutti i colori ma non basta a reggere in piedi il film, che naufraga nel finale sotto i colpi del canto israelitico cantato ad libitum dalle prigioniere finto-piangenti, raggiungendo livelli trash assoluti. Salviamo l'interpretazione di Gabriele Carrara, il Malcolm McDowell de noantri.

Gestarsh99 13/04/14 11:23 - 1393 commenti

I gusti di Gestarsh99

Un Mattei galvanizzato quello che ribolle dietro questo pulpornaccio antistorico e turpemente deviato. Risorse e maestranze sono limitatissime e ci si arrabatta mariolescamente con quel che passa il convento: gore posticcio, inorridenti dettagli grafici e un ex mattatoio smerciato per campo di concentramento. La De Simone non ha l'arditezza da virago della più quotata Ilsa e si accomoda a latere cedendo la brutalità scenica a Ivano Staccioli, mefistofelico Mengele nostrano sollazzevolmente imbandierato da carnefice supremo. Un putribondo guilty-pleasure da ingurgitare con assoluto, lurco disgusto.
MEMORABILE: Il "trattamento LodovicA" riservato ai prigionieri omosessuali; Le immagini schifosamente gore dei neonati smembrati...

Deepred89 14/09/14 01:07 - 3517 commenti

I gusti di Deepred89

Tremenda vaccata targata Mattei, un collage di sevizie senza trama e tecnicamente scadente. Il corpo femminile raramente è apparso tanto percosso, violato e umiliato come in questo film (ma occhio agli effetti approssimativi e poco incisivi), con uno spirito misogino che avrebbe fatto la gioia del killer di Murder set pieces. Per il resto, al di là della spiritata prestazione di Staccioli, si naviga completamente nel vuoto, nonostante il suggestivo prefinale alla "O capitano mio capitano!" abbia un suo notevole perché. Solo per veri fans.
MEMORABILE: Il canto di ribellione delle deportate.

Markus 18/04/16 10:28 - 3521 commenti

I gusti di Markus

Nel nutrito filone dei naziexploitation italico delle annate 1976/77, s’inserisce questo contributo di Mattei. Solito campionario di efferatezze (comunque minori rispetto alla nomea del film) nello squallore dell'ex mattatoio di Roma spacciato per un fantomatico lager, dove capeggia il “tedeschissimo” Ivano Staccioli. La povertà di mezzi è alquanto evidente e il ritmo talvolta soporifero non aiuta, ma resta indubbiamente tra i film più rappresentativi di un genere a dir poco folle.
MEMORABILE: Costringere due omosessuali a far l'amore con due donne nel vano tentativo di "riabilitarli".

Ivano Staccioli HA RECITATO ANCHE IN...

Homesick 11/08/17 17:31 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Campionario di aberrazioni naziste - dai proclami ideologici razziali agli atroci esperimenti su cavie umane - di cui la squallida messa in scena inficia la carica realistica e violenta sino a rischiare il ridicolo o il caricaturale (vedansi Carrara, sopra le righe oltre misura, e il freak erotomane Attanasio). Sommi elogi invece a Staccioli che, come nel film gemello, ricopre l'ingrato ruolo impegnando il rigore e la serietà del grande professionista di cinema e teatro. Ossessiva e allarmante la lugubre colonna sonora di Alessandroni. *!/**
MEMORABILE: I volti dei prigionieri omosessuali, terrorizzati dalle prostitute che dovrebbero "guarirli".

Jurgen77 30/04/20 10:58 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

Mattei si cimenta anche nel naziexplotation, senza mezzi e solo con la propria capacità da artigiano che si arrangia. Location tremende (ex mattatoio di Roman), costumi terribili, trama ridicola e cast inadeguato. In sostanza il film, che si spaccia pure per "impegnato", riferendosi agli esperimenti del dott. Mengele e del dott. Rascher (realmente esistiti), ci propina una serie di efferatezze (frustate, amputazioni, amplessi, impiccagioni), qualche nudo e poco pelo... Triste e sciatto.

Schramm 14/02/21 13:09 - 2976 commenti

I gusti di Schramm

O del riciclaggio di immaginario sporco come certe coscienze. Qua si riscrive la (solita) storia: budget da crowdfunding fallito per vivisettive sciocchezze S.S.exploitative, falle registiche estetiche e ritmiche che neanche l'ottimo Alessandroni, mai così dilapidato, può turare. Per chi ha smanie d'estremo son gavettoni di Valium; chi spera in un minuto di riscatto formale o sostanziale si prepari a brevettare neologismi blasfemi. Gli va tuttavia riconosciuto che almeno una domanda la solleva: in che mensa aveva mangiato chi ha scritto "I vivi non sono morti; i morti non sono vivi"?
MEMORABILE: L'utero asportato; L'esperimento di conversione eterosessuale (avrebbe fatto un figurone nell'ultimo Proia)

Magerehein 29/01/22 11:33 - 337 commenti

I gusti di Magerehein

Nazisploitation molto contraddittorio; le consuete sciocchezze legate al genere sono sì abbondanti (Kurt, il gasatissimo Carrara, nudità infilate alla prima occasione buona...), ma traspare anche la volontà di far riflettere lo spettatore riportando alla memoria certi nefandi esperimenti realmente compiuti dai nazisti (sebbene alcuni di essi siano trasposti in modo assurdo). Sarebbe stato un lavoro arduo anche per un regista migliore e con abbondanza di mezzi. Calzanti le lugubri musiche di Alessandroni, Staccioli obiettivamente bravo ma predica nel deserto.
MEMORABILE: La colonna sonora di Alessandroni (non creata per il film, ma presa dal suo album "Angoscia" del 1975); Il test sugli omosessuali.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Musiche Undying • 5/05/10 00:37
    Scrivano - 7599 interventi
    L'efficace colonna sonora è stata firmata da Alessandro Alessandroni, ma a sorpresa e per diverse volte, si ode un pezzo musicale che sarà poi inserito anche ne Lo squartatore di New York (1982, Lucio Fulci).
  • Homevideo Gestarsh99 • 23/04/14 19:23
    Vice capo scrivano - 20652 interventi
    Nella copia italiana edita in vhs dalla Shendene mancherebbe un lungo prologo di 04:15 min. in cui i militari tedeschi caricano sulle loro camionette un gruppo di prigioniere ammassate alla stazione ferroviaria di Ravensbruck.
    Questa parte è sicuramente presente nella versione olandese dalla Dvd Network intitolata Women's camp 119.

    Chi possiede la vhs italiana sa dirmi se la scena manca effettivamente?
  • Homevideo Buiomega71 • 23/04/14 19:36
    Pianificazione e progetti - 24142 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Nella copia italiana edita in vhs dalla Shendene mancherebbe un lungo prologo di 04:15 min. in cui i militari tedeschi caricano sulle loro camionette un gruppo di prigioniere ammassate alla stazione ferroviaria di Ravensbruck.
    Questa parte è sicuramente presente nella versione olandese dalla Dvd Network intitolata Women's camp 119.

    Chi possiede la vhs italiana sa dirmi se la scena manca effettivamente?


    Falso, Gest

    Controllato proprio ora la mia vhs Shendene (marchiata Nocturno)

    Il prologo con i soldati tedeschi che caricano le deportate sui camion c'è (con un graduato che sbraita)

    Il prologo dura esattamente (prima dei titoli di testa) ben 4 minuti e 13 secondi
    Ultima modifica: 24/04/14 19:19 da Buiomega71
  • Homevideo Gestarsh99 • 23/04/14 19:43
    Vice capo scrivano - 20652 interventi
    Ah, bene, mi sembrava strano che Nocturno avesse pubblicato una versione monca.

    Grazie della verifica, Buio :)
  • Homevideo Buiomega71 • 23/04/14 19:46
    Pianificazione e progetti - 24142 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire:
    Ah, bene, mi sembrava strano che Nocturno avesse pubblicato una versione monca.

    Grazie della verifica, Buio :)


    Di nulla, Gest

    Se ho la vhs (come in questo caso) controllare non mi costa nulla

    Preciso che non fà parte della collezione SEX AND VIOLENCE, ma uscì allegata con un numero di Nocturno che trattava, appunto, della naziexploitation (2001)

    Prima dell'inizio del film esce una postilla che conferma che il film è rigorosamente integrale (con parti aggiunte da versioni estere)
  • Homevideo M.shannon • 23/04/14 20:36
    Disoccupato - 310 interventi
    con la mitica didascalia "il film maledetto di Bruno Mattei " :D
  • Homevideo Buiomega71 • 23/04/14 20:38
    Pianificazione e progetti - 24142 interventi
    M.shannon ebbe a dire:
    con la mitica didascalia "il film maledetto di Bruno Mattei " :D

    Esattamente , Shannon ;)
  • Homevideo Trivex • 24/04/14 08:17
    Portaborse - 1306 interventi
    Yes.

    Il film lo ricordo solo in parte, ma il prologo c'è...
  • Homevideo Schramm • 14/02/21 13:18
    Scrivano - 7320 interventi
    Il film venne inizialmente presentato in commissione di censura nel 1976 con differente titolo (Lager femminile 119 sezione sperimentale) ed editing e respinto per offesa al buon costume. Ripresentato con tutt'altro montaggio e numerosi tagli, ottenne il nulla osta senza sforbiciate supplementari ma con tassativo divieto ai 18. In rete circola una versione che reintegra in lingua inglese tutti i passaggi tagliati dalla precedente edizione. Per la corposa lista di questi ultimi si rimanda alla consultazione de Visioni Proibite, Film vietati (dal 1969 a oggi), di Roberto Curti e Alessio Di Rocco, pagina 362.
    Ultima modifica: 14/02/21 18:39 da Zender
  • Musiche Schramm • 14/02/21 13:20
    Scrivano - 7320 interventi
    Undying ebbe a dire:
    L'efficace colonna sonora è stata firmata da Alessandro Alessandroni, ma a sorpresa e per diverse volte, si ode un pezzo musicale che sarà poi inserito anche ne Lo squartatore di New York (1982, Lucio Fulci).
    I brani del film vengono tutti dall'album Angoscia del 1975.

    Il brano Disperazione, riutilizzato da Fulci ne Lo squartatore di NY (nel momento in cui la Delli Colli apprende via radio "in che mani è"), viene qui usato a più riprese per commentare 5 passaggi: raccorda il momento di presentazione dei due dottori e il loro successivo assistere a una prova di trapianto dell'utero; accompagna il dialogo tra il prigioniero e David e quello tra David e Maria; contrappunta l'amplesso nella stalla/grotta per ricomparire infine nel sottofinale.