LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ossessionato dall'idea che la bella Klara (Chiatti) lo possa tradire col tutor della tesi che lei sta preparando sull'alta marea a Venezia, Luca (Santamaria) decide di rivolgersi a un'agenzia investigativa per sciogliere i suoi dubbi. Terribilmente geloso, la fa seguire per scoprire - almeno inizialmente - che i sospetti sono del tutto infondati. Ambientata a Praga dove Luca è andato a vivere dopo aver trovato lavoro come insegnante di musica per bimbi la mattina e performer musicale in discoteca di notte, il film di Roberto Faenza vorrebbe essere una riflessione sul comune sentimento della gelosia, ma al di là di un soggetto con poche frecce al suo arco (per quanto tratto da un romanzo di Vieweig), ciò che più colpisce è la scarsissima...Leggi tutto credibilità delle interpretazioni. Se escludiamo lo scozzese Iain Glen (l'investigatore), piuttosto calato nel personaggio e tutto sommato accettabile, la coppia Chiatti/Santamaria non riesce per un attimo a risultare plausibile: Santamaria (che pure è discreto attore) è costretto a salire sopra le righe da un copione infelice, che lo porta a reazioni sconsiderate e scatti d'ira che non sembrano sposarsi col carattere interpretato. La Chiatti, più rassegnata e meno invadente (concede anche una pregevole scena di nudo), punta tutto sugli sguardi e l'occhio languido ma non va al di là di ciò che ci si può aspettare, contribuendo a dare al film una patina pseudotelevisiva che per certi aspetti non meriterebbe. Anche analizzando alcune singole scene (si veda la scazzottata da ubriachi tra Luca e l'investigatore) emerge un'artificiosità piuttosto urticante e la trasferta in laguna non migliora le cose. Anzi, ancor di più, perso in una Venezia cartolinesca di scarsa incisività, Faenza non riesce a far ingranare la sua storia, che si ferma in superficie senza mai affondare i colpi, concendendosi divagazioni (il bimbo poco loquace che si sfoga suonando la fisarmonica) decisamente patetiche. Così come non convince proprio il rapporto tra l'investigatore e la sua compagna (Paulina Bakarova, altro pregevole nudo integrale), improntato in antitesi alla massima apertura sessuale. Un film maldestro che sfrutta didascalicamente le buone intuizioni del romanzo da cui è tratto per lambire involontariamente i territori della telenovela patinata.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/05/09 DAL BENEMERITO ORSON POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/08/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Orson 1/07/09 13:55 - 64 commenti

I gusti di Orson

Faenza ha pretese sociologiche, ma il suo film è nient'altro che una fiacca commedia degli equivoci incentrata sulle ossessioni di un Santamaria geloso della sua Laura Chiatti e sull'inevitabile triangolo con il detective assoldato per farla pedinare. Su tutto sorprende la pessima regia e fotografia da epoca buia del cinema italiano. Non parliamo della sceneggiatura, con situazioni sempre più improbabili e personaggi che sfociano presto nella macchietta. Faenza non risparmia nemmeno il nudo alla Nando Cicero, forse come sua ultima spiaggia.

Cotola 19/01/10 23:52 - 8040 commenti

I gusti di Cotola

Sono bastate poche prove tra il buono ed il dignitoso per far credere a Faenza di essere un grande regista. Peccato che poi si sia prodotto in una serie di pellicole a dir poco imbarazzanti di cui questa è esempio lampante. Snocciola banalità e luoghi comuni a profusione e la trama è di una prevedibilità desolante toccando poi il fondo in un sotto finale e poi un finale davvero sconcertanti. Inutile dire che le pretese di analisi dei costumi sono del tutto esornative se non d'accatto. Tanti e gratuiti i nudi delle bellezze muliebri.

Galbo 23/01/10 10:54 - 11694 commenti

I gusti di Galbo

Film sulla gelosia e l'ossessione del tradimento realizzato dal regista Faenza e tratto da un romanzo di Michal Viewegh. La vicenda è quantomai classica e piuttosto scontata; il regista purtroppo non riesce ad introdurre elementi di novità anzi offre una prova piuttosto opaca con scelte convenzionali e banali, nonchè l'uso di una fotografia piattamente televisiva. Discreta la prova degli attori.

Grace731 22/03/10 15:45 - 6 commenti

I gusti di Grace731

Divertente film che tratta il problema della gelosia ossessiva di un uomo nei confronti della propria fidanzata libera ed emancipata. Simpatici i protagonisti, ottime le ambientazioni e divertente la regia di Faenza. Fotografia discreta e colonna sonora adeguata con motivo principale che sottolinea quasi sempre le situazioni ironiche e grottesche di tutta la vicenda raccontata. Nudi integrali inquadrati con classe e raffinatezza.
MEMORABILE: Quando Santamaria piange per la gelosia. La reazione della Chiatti quando apprende che l'uomo di cui si sta fidando è proprio il detective che la spia.

Pinhead80 24/01/11 14:25 - 4155 commenti

I gusti di Pinhead80

Il tema del film è la gelosia. Un sentimento che può portare le persone a essere morbose e agressive. La storia di per sè è abbastanza interessante, ma un pessimo doppiaggio e una recitazione approssimativa rendono il film abbastanza piatto e prevedibile. Deludente.

Nando 27/02/11 12:41 - 3581 commenti

I gusti di Nando

Un film sulla gelosia che intercorre nei rapporti di coppia e si snoda tra Praga e Venezia. Non propriamente originale, annovera svariati luoghi comuni ma riesce comunque a trasmettere un certa dose d'interesse. La Chiatti si mostra efebicamente nuda e Santamaria sprizza follia pedante.

Saintgifts 18/04/11 23:54 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Piuttosto stravolto il romanzo di Michal Viewegh, di cui rimangono solo l'ambientazione a Praga e l'argomento gelosia, trattato però banalmente ed eliminando i risvolti più interessanti del romanzo dentro il romanzo dello scrittore ceco. Ne vien fuori un film che riesce solo ad irritare per una sceneggiatura forzata ed eccessiva e senza la minima cura in particolari e dettagli, che poteva aiutare a dare un minimo di credibilità ad una storia piena di situazioni grottesche. Approssimativi e senza ragione i cambiamenti di umore dei protagonisti.
MEMORABILE: Punto esclamativo per i nudi, che salvano solo se stessi, ma non il film.

Mco 3/12/12 12:33 - 2215 commenti

I gusti di Mco

Dalle pagine del ceco Viewegh, Faenza coglie l'occasione per sprofondare in un percorso kafkiano e bunueliano i vari personaggi alla ricerca della vera essenza della vita. Accettare il sé e l'altro e la difficoltà del cambiamento dell'io. La passione è il vero motore, quello che alza i suoi giri allorché trattasi di approcciare il difficile rapporto con le proprie sicurezze, ma spesso finisce per girare a vuoto. La Chiatti (nuda a più riprese, anche integrale) muove i fili di un film scostante ma interessante, pur coi suoi evidenti limiti.
MEMORABILE: L'approccio in discoteca tra Klara e Luca.

Ryo 6/12/12 11:23 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un soggetto che mette in mostra il lato compulsivo di un sentimento scomodo che è la gelosia. Sentimento che nel caso del film diventa talmente ossessivo da diventare pericoloso. In contrapposizione viene analizzato anche l'aspetto della totale mancanza di gelosia per il partner. Interessantei la rappresentazione e lo sviluppo della trama. Il film è interpretato da attori discreti che funzionano. Bellissime le tre donne principali del film.
MEMORABILE: Le continue telefonate di Luca; L'investigatore che si appiglia a qualunque donna gli piaccia per non stare solo.

Ira72 10/11/20 14:51 - 1101 commenti

I gusti di Ira72

Il tradimento e l'ossessiva gelosia non sono certo temi nuovi del panorama cinematografico, ma raccontati con una certa originalità conservano sempre il proprio fascino. Non è questo il caso. La sceneggiatura è quanto di più banale si sia visto in questo genere di pellicole dove non accade praticamente nulla. I rapporti di coppia risultano artificiosi, le interpretazioni forzate e poco credibili. Dispiace per certi attori che, in altri lavori, avevano invece regalato prove degne di nota. Eppure qui non emerge nulla di convincente e parrebbe un b movie da seconda serata.

Kierston Wareing HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 29/05/09 16:36
    Scrivano - 7616 interventi
    In DVD dal 26 agosto, label Medusa Video.



    Sinossi da Thrauma.com:
    "Luca, di professione musicista è ossessionato dal sospetto che la sua bellissima fidanzata lo tradisca. Per cercare di scoprire la verità decide di rivolgersi a Denis, un investigatore privato, e di far pedinare Klara. Quando Denis incontrerà Klara sotto mentite spoglie, non mancheranno gli inaspettati colpi di scena..."
    Ultima modifica: 30/05/09 00:37 da Undying
  • Discussione Cotola • 19/01/10 23:55
    Consigliere avanzato - 3681 interventi
    Mentre vedevo il film, già dai primi minuti mi
    sono domandato quand'è che la protagonista avrebbe fatto una certa cosa. (non svelo)
    Speravo (vanamente) che non sarebbe accaduta. Invece tutto va come previsto, come nella più trita delle storie di quart'ordine. Che tristezza. E pensare che Faenza crede di essere un grande regista e ha pure il coraggio di incazzarsi se viene criticato. Ma per piacere!
  • Discussione Zender • 20/01/10 08:33
    Consigliere - 44895 interventi
    Beh, il cast ha delle vaghe pretese... Santamaria non è male. Non l'avevo mai sentito, questo film, comunque.
  • Discussione Dusso • 18/01/11 22:37
    Portaborse - 1656 interventi
    Male gli attori,male la fotografia eppure a meta' film non ero cosi insoddisfatto del film,ma poi diventata tutto previdibilissimo,insomma una cagatina!
    sconsigliato...
  • Discussione Raremirko • 20/07/21 22:13
    Addetto riparazione hardware - 3742 interventi
    Quasi bocciatura: tematiche discrete ma molto mal sviluppate, cast e crew che han fatto/dato di meglio in altri lidi.

    Pare un Argento sottotono, con un film poco riuscito e poco ispirato.

    La gelosia, tematica scottante, poteva esser rappresentata meglio.