Hell or high water

Media utenti
Titolo originale: Hell or High Water
Anno: 2016
Genere: drammatico (colore)
Note: "Hell or High Water" è una espressione traducibile in italiano con "Costi quel che costi".
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/11/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rambo90 3/12/16 16:30 - 6271 commenti

I gusti di Rambo90

Quasi un western (moderno), molto bello nella sua descrizione dei personaggi e in ciò che li spinge, lento ma coinvolgente nella trama, che non dà adito alla noia, anzi sa alternare momenti amari a qualche piccolo tocco ironico inserito in una sceneggiatura fatta di dialoghi buoni e mai banali. Bridges è fenomenale ma anche la coppia Foster/Pine non è da meno, sebbene più standardizzata nei comportamenti. Notevole.

Capannelle 21/11/16 00:05 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

Nella prima ora punta sul tono malinconico di un Texas afflitto dalla crisi economica e sui personaggi. Non tutto torna, a dire il vero, nell'inquadrare i quattro protagonisti (ben recitati) in uno sviluppo incerto tra toni di malessere sociale e on the road puro. Poi un evento drammatico dà il timbro all'ultima parte, più decisa e cinica e con il merito di mettere da parte l'"arrivano i nostri". Film elegante in certe carrellate iniziali, ben fotografato, titubante nella parte centrale.

Daniela 18/11/16 16:22 - 9084 commenti

I gusti di Daniela

Nel Texas impoverito dalla crisi economica e dalla voracità delle banche, due fratelli mettono a segno alcune rapine-lampo. Dà loro la caccia una coppia di ranger, solo apparentemente male assortita... Western contemporaneo dalla trama assai semplice che tutto punta sulla suggestione degli spazi sconfinati e degli interni hopperiani, la bravura e/o il carisma degli attori, una colonna sonora al bacio ed infine un bell'epilogo che lascia i conti in sospeso. Risultato formalmente ineccepibile, appena inficiato da un sospetto di maniera.
MEMORABILE: L'appuntamento dato nel finale, dopo di che parte "Outlaw State Of Mind" cantata da Chris Stapleton

Galbo 21/12/16 05:41 - 11309 commenti

I gusti di Galbo

Spettacolari paesaggi texani fanno da sfondo alla vicenda di due fratelli rapinatori di banche. L'ambientazione suggestiva è uno dei motivi che rendono apprezzabile un film la cui storia non è particolarmente originale. I personaggi sono ottimamente caratterizzati e la fotografia spettacolare. Ottime le prove degli attori, con particolare riferimento a Foster e Pine, laddove Bridges non viene utilizzato come potrebbe. Speciale menzione per la bella colonna sonora. Finale significativo.

Thedude94 6/02/17 23:53 - 519 commenti

I gusti di Thedude94

Ottima sceneggiatura e bellissimi colori sono le prime cose a cui si pensa quando si vede questo bel dramma simil western, ambientato in un Texas moderno ma sempre afflitto da pregiudizi razziali. Buone prove di Pine e di Foster, ma a dire la sua in maniera propositiva e iconica come sempre è il mitico Jeff Bridges, che nei panni del ranger di turno ha le migliori battute del film. Nel complesso è una bella sorpresa sicuramente; speriamo che sia da buon auspicio per i futuri film prodotti da Netflix.

Myvincent 15/04/17 19:41 - 2499 commenti

I gusti di Myvincent

Il film è un contrasto fra due coppie (le guardie e i ladri) che si rincorrono all'impazzata nell'assolato e desolato Texas contemporaneo. Le differenze si moltiplicano all'interno di ognuna delle due, risultandone un quadro ben dipinto di personaggi pieni di vitalità, nel bene e nel male. Jeff Bridges è un amaro poliziotto prossimo alla pensione, invecchiato malissimo. Il finale ricorda Il gigante con il mitico James Dean.

Jandileida 18/02/18 12:46 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

Ennesima declinazione dell'eterno tema della frontiera americana: stavolta lo sfondo è un Texas massacrato dalla crisi economica in cui due fratelli si dedicano a rapinare banche. Formalmente quasi ineccepibile (grande fotografia, affascinanti carrellate lunghe), il film non delude nemmeno nella caratterizzazione stilizzata ma centrata dei personaggi. Dove si impantana un po' è semmai nella storia, che sa di già raccontato e nella prova di Pine, che il confronto con Foster e Bridges non lo regge proprio. Solido ma non eccezionale.

Minitina80 16/09/18 08:23 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

Malinconico, leggermente crepuscolare e a tratti lirico. Sono questi alcuni aggettivi con cui si può inquadrare il film. Non si può negare, inoltre, quanto sia presente qualche lontano richiamo al cinema di Peckinpah, tanto nei personaggi quanto nel modo di rapportarsi al testo. Non viene meno la descrizione di substrato in cui permangono ruggini e attriti di matrice razzista e la facilità all’uso delle armi. Catturate magnificamente le sconfinate e assolate praterie del Texas, accompagnate da note musicali di Nick Cave e Warren Ellis.

Kinodrop 17/12/18 18:20 - 1421 commenti

I gusti di Kinodrop

In un Texas in piena crisi di trasformazione da prettamente rurale a petroliero, due fratelli solitari cercano di restare a galla mettendo a segno diverse rapine consecutive, contrastati da una coppia di agenti in età ma determinati. La struttura è chiaramente western con più attenzione però ai problemi sociali e a motivazioni psicologiche più credibili, sullo sfondo di straordinari paesaggi fuori dal tempo. Attori di grande efficacia, sia i due rapinatori Foster/Pine, sia i due poliziotti Bridges/Birmingham. Non originale ma ha una sua forza.

Giùan 5/10/19 07:58 - 2868 commenti

I gusti di Giùan

Perfettamente riuscito nel tentativo di compenetrare certo ribellismo antistituzionale del cinema dei '70 (citando però pure il Bogart di Una pallottola per Roy nella "fine" del personaggio di Tanner) con l'agganciarsi al cinismo della contemporaneità, incarnato dallo strepitoso detective di Bridges, vero "polarizzatore" di tutti gli umori del film, fino all'aperto finale da resa dei conti con Pine. In questo suo andirivieni tra mito, tradizione e attualità (in cui la soundtrack di Cave e Ellis ha un ruolo primigenio), la forza di un film fieramente "politico".
MEMORABILE: La cameriera della tavola calda; Gli scambi di battute tra Bridges e Birmingham, il suo collega nativo americano.

Domino86 30/03/20 09:20 - 531 commenti

I gusti di Domino86

La storia non è tra le più originali e brillanti ma il risultato è comunque notevole. Oltre alle buone interpretazioni dei due fratelli protagonisti e del bravo Jeff Bridges sono il Texas e i texani un gran punto di forza dell'intera pellicola: paesaggi stupendi e dialoghi degni dei grandi film appartenenti a questo genere. Convince per tutta la sua durata tenendo lo spettatore incollato allo schermo.

Xamini 28/06/20 00:54 - 991 commenti

I gusti di Xamini

Come non rimanere rapiti da queste lande sterminate? Mackenzie le inquadra bene, concedendosi anche diversi movimenti di camera eleganti nella loro dinamicità, specie all'inizio. Ma non sono solo inquadrature e colori a convincere, in questo western in chiave moderna; gli stessi 4 personaggi principali sono tratteggiati molto bene: Chris “Kirk” Pine è un villain di un certo respiro, meno stereotipato di quel che sembri, mentre Bridges diventa gustoso proprio grazie alla sua vis comica, a una scrittura che lo vuole sempre con la battuta giusta. Per un “duello” finale a impreziosire.
MEMORABILE: I paesaggi; Le musiche; Il duello finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 18/11/16 16:44
    Consigliere massimo - 5006 interventi
    Incasellato come "drammatico" perché è la prima scelta per IMDB, ma forse è più pertinente la seconda, ossia "western". Perché di western si tratta, con i cavalli sostituiti dalle auto e con le banche che hanno ereditato il ruolo di sfruttatori senza scrupoli che fu già dei padroni delle ferrovie ai tempi in cui per le praterie sterminate e le città polverose scorazzavano Jesse e Frank James. Io ho apprezzato la secchezza di qualche passaggio narrativo e la prova di Foster (Bridges ha invece un ruolo più da icona che da personaggio), pur avendo qualche perplessità durante la visione per la scarsa originalità della storia, ma poi la colonna sonora - quasi interamente composta da brani di Nick Cave e Warren Ellis - e il bel finale sospeso hanno finito per conquistarmi del tutto. Consigliato sia agli amanti del western che ai cultori del sotto-genere "rapina in banca".
    Ultima modifica: 18/11/16 16:48 da Daniela
  • Discussione Galbo • 18/11/16 16:52
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Interessante, cerco di recuperarlo...
  • Discussione Cotola • 18/11/16 19:41
    Consigliere avanzato - 3604 interventi
    Dopo il festival di Torino (iniziato oggi) provvederò al recupero.
  • Curiosità Daniela • 19/12/16 12:08
    Consigliere massimo - 5006 interventi
    Il film ha ottenuto tre nomination per il Golden Globe 2017: - miglior film drammatico - miglior attore non protagonista (Jeff Bridges) - migliore sceneggiatura (Taylor Sheridan)
  • Discussione Galbo • 29/01/17 07:33
    Gran Burattinaio - 3744 interventi
    Candidato all'Oscar come miglior film nell'edizione 2017
  • Discussione Daniela • 29/01/17 11:18
    Consigliere massimo - 5006 interventi
    Galbo ebbe a dire: Candidato all'Oscar come miglior film nell'edizione 2017 Altre candidature all'Oscar: - miglior attore non protagonista (Jeff Bridges) - migliore sceneggiatura non originale - miglior montaggio