Perfect sense

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/01/12 DAL BENEMERITO PAULASTER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Paulaster 28/01/12 01:06 - 2785 commenti

I gusti di Paulaster

Unire il tema catastrofico ad un classico schema di relazione porta il girato a perdere di credibilità già dall’inizio. Almeno non ci sono paladini della giustizia a salvare il mondo. In compenso Eva Green emana il solito fascino e tutto finisce nel suo cono d’ombra, compreso McGregor (che non regge il confronto). Positivi alcuni tagli di tipo fotografico e, sebbene detesti la voce fuori campo, stavolta è necessaria. Finale piuttosto deludente, una chiusura decisamente infelice.

Schramm 15/02/12 12:42 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

In attesa - e sull'onda - del fatidico grande bang del 2012, la vendemmia del disastro produce mosto cinematografico con cui ubriacare l'inconscio collettivo. Mackenzie estrae dal cilindro un carrolliano coniglio per una caduta à rebours nel pozzo dei desideri, prosciugato dall'annichilimento dei 5 sensi. La più insolita delle apocalissi, la cui epifania si dà per progressiva spoliazione pandemica dovuta alla perdita di grazia, poesia e divinità nel daybyday. Un peccato che il sottofinale, che vorrebbe e dovrebbe darci il colpo di grazia, se la giochi con toni da CL, guastando un'altrimenti perfetta sinfonia della Finis Terrae.

Greymouser 1/04/12 17:02 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Il cinema ha fatto finire (o quasi) il mondo in molte maniere: dai terremoti al nucleare alle invasioni aliene, solo per fare qualche esempio. In questo film l'ipotesi è però davvero angosciante, vista la misteriosa minaccia intangibile che decostruisce drammaticamente la percezione di sè e della realtà. Pellicola affascinante e ansiogena, che dà l'impressione di sprecare però parecchio potenziale in virtù della precisa scelta di privilegiare l'aspetto intimistico dei due protagonisti a scapito di un più potente affresco collettivo.

Jandileida 13/07/12 21:54 - 1253 commenti

I gusti di Jandileida

Potessi scegliere nella lotteria della malasorte un mondo per far finire il nostro caro vecchio mondo, eviterei caldamente quello raccontato in questo film. La scelta fatta da Mackenzie, di narrare una fine così atroce e di unirla non solo con una storia d'amore ma anche con i molti significati che ogni momento della nostra vita porta con sé, è coraggiosa e resa bene in immagini, con bei colori ed inquadrature. Il finale è però tirato via ed è un peccato perché sminuisce il resto. Eva Green esageratamente bella, anche senza sensi, McGregor discreto.

Daniela 13/05/13 08:29 - 9409 commenti

I gusti di Daniela

L'apocalisse prossima ventura, in un mondo che sembra aver perduto ogni senso, procede per sottrazione dei sensi. Fine del genere umano che sembra dettata da una giustizia non divina (Dio non c'è e, se c'è, guarda altrove) ma poetica, per un film che mescola intenti metaforici (sottolineati da spezzoni di cronaca) con una storia di amore fra due persone diversamente infelici. Non tutto fila, certi passaggi non convincono, ma l'originalità del plot è tale da destinare il film a restare impresso nella memoria come uno dei catastrofici più angosciosi e toccanti dei ultimi anni.

Il ferrini 27/07/18 00:10 - 1686 commenti

I gusti di Il ferrini

L'idea è di quelle che non passano inosservate, la narrazione è lenta ma potente, i due protagonisti in forma, soprattutto la Green. Ne risulta un film angosciante, disperato, che pezzo dopo pezzo fa scomparire il mondo dallo schermo, trasmettendo al contempo un devastante senso d'impotenza. Nonostante la difficoltà oggettiva del rappresentare eventi come la perdita di olfatto o gusto Mackenzie riesce pienamente nell'impresa. Bel film.

Galbo 17/05/20 07:34 - 11388 commenti

I gusti di Galbo

In anticipo sui tempi come pochi, un thriller epidemiologico (nuova categoria ?) realistico e inquietante, che parla di un mondo in cui la malattia avanza per sottrazione di sensi. Gli autori sono abili nell’innestare alla vicenda pubblica quella dei due protagonisti e del loro rapporto, in un “rimpallo” continuo tra disagio clinico e psicologico. Ambientazioni efficaci e ottima prova degli attori. Contemporaneo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 14/02/12 20:44
    Risorse umane - 6710 interventi
    Paulaster ebbe a dire:
    Unire il tema catastrofico ad un classico schema di relazione porta il girato a perdere di credibilità già dall’inizio

    ...trovi? secondo me dovresti assolutamente guardare Miracle mile, possibilmente senza nulla già sapere del plot, ti ritroveresti piacevolissimamente smentito.
  • Discussione Paulaster • 15/02/12 16:28
    Contatti col mondo - 84 interventi
    Forse non mi son spiegato bene, ma intendevo dire che solo con questo film ho avvertito questa sensazione, non volevo generalizzare, ci mancherebbe. Grazie per il consiglio per l'altro film.
  • Discussione Schramm • 15/02/12 16:56
    Risorse umane - 6710 interventi
    a me comunque questo è abbastanza piaciuto, sottofinale da spot del mulino bianco a parte.
  • Discussione Galbo • 17/05/20 07:30
    Gran Burattinaio - 3755 interventi
    Thriller “epidemiologico” che insieme ad altri (Contagion è dello stesso anno) anticipa i tempi ....