Il gigante

Media utenti
Titolo originale: Giant
Anno: 1956
Genere: drammatico (colore)
Note: A non "The giant".
Numero commenti presenti: 14

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/04/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 14/04/07 18:34 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il film ha forse il punto debole di essere eccessivamente lungo (197 minuti) e frastagliato, tanto da potersi prestare ad un'ipotetica suddivisione in puntate, ma può vantare grandi interpretazioni da parte di tutti i protagonisti: la Taylor, Hudson, Hopper, la Baker. Ma il migliore è senz'altro James Dean, sempre spontaneo e dall';inconfondibile andatura dinoccolata, che da bracciante e umile ribelle si trasforma in cinico petroliere. Comunque, un vero 'gigante&' hollywoodiano.

Galbo 16/01/08 07:46 - 11391 commenti

I gusti di Galbo

Grande classico diretto da George Stevens, Il gigante è una sorta di Via col vento attualizzato al gusto americano degli anni '50, nel senso che è stato concepito e realizzato come una grande epopea di largo respiro in cui dramma, sentimento, razzismo e motivi di rivalsa sociale vengono abilmente mescolati. Il film si avvale di un'ottima scelta delle "location" (il Texas petrolifero ma anche quello dei grandi pascoli), di un'accorta regia e di un'indovinata scelta degli interpreti con Dean che svetta sui pur bravi Hudson e Taylor.

Ciavazzaro 14/12/08 10:46 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Cast eccezionale. Come già detto è troppo lungo, ma senza ombra di dubbio è anche un ottimo film. Bravo Dean, stupenda la giovane Taylor, Hudson e la divina Carrol Baker! Ottimo dagli inizi della storia al finale, in cui i protagonisti vengono invecchiati dal make-up, ottime location texane. Senza dubbio da vedere.

Daniela 21/12/09 10:32 - 9415 commenti

I gusti di Daniela

Ricordato soprattutto per l'interpretazione memorabile di James Dean, che passa dalla povertà all'improvvisa ricchezza grazie all'oro nero del Texas, rimanendo sempre disperatamente infelice, è un filmone che può contare anche su belle ambientazioni ed un cast di tutto rispetto (anche se Hudson e Taylor appaiono più rigidi del necessario), ma soffre di una sceneggiatura ipertrofica che affastella troppi temi talvolta in modo superficiale. Stevens è un bravo regista, ma ha dato il meglio di sè in dimensioni più intimistiche (vedi il bel Un posto al sole) rispetto a questo kolossal.

Pigro 16/07/11 15:32 - 7795 commenti

I gusti di Pigro

È la saga texana per eccellenza: l’avvicendamento dalla grande proprietà terriera al petrolio, raccontato con respiro epico (anche per la durata del film) e intensità drammatica attraverso la lunga storia di una famiglia. Melodramma storico-sociale, verrebbe da dire, impreziosito da interpretazioni eccellenti, con un magnetico Dean che attraversa le età e gli atteggiamenti di fronte alla vita. Ma il vero protagonista è l’immenso (gigante, appunto) Texas, ben ripreso e fotografato, e la vera storia è il sogno americano della ricchezza. Epocale.

Modo 31/01/13 00:00 - 824 commenti

I gusti di Modo

Stupendo film dal cast eccezionale. Una spanna sopra tutti la brava e bella Elizabeth Taylor, moglie del proprietario terriero più potente del Texas (ottimo Hudson) il quale dovrà vedersela con un insofferente bracciante che per testamento riceverà un terreno. Un James Dean sopra le righe: onestamente qui non mi fa impazzire ma ha indiscusso fascino. Ottima epopea familiare dai sentimenti a tinte forti. Non risente particolarmente del peso degli anni.

Trivex 11/06/13 16:46 - 1490 commenti

I gusti di Trivex

Film dalle dimensioni importanti, complessivamente. È necessaria una disimpegnata domenica piovosa per assistere a questo spettacolo, dall'inizio alla fine. E ne vale anche la pena di seguire questa epopea di mandriani e petrolieri, con valori diversi (ma poi così tanto?), ma universalmente legati dal segno del dollaro. La regia è classica, maestosa e senza sbavature. Gli attori compitissimi, precisi e volenterosi. E tornando al pensiero unico ($), il denaro potrà bastare a far felice anche il "cattivo" incompreso?
MEMORABILE: Il momento dello "sbocco" dell'oro nero, bagnato dal sudore e dal whisky.

Myvincent 20/09/13 22:50 - 2558 commenti

I gusti di Myvincent

L'epopea gloriosa e traumatica insieme di periodo storico americano a cavallo tra l'inizio e la fine della II guerra mondiale, in cui i cambiamenti sociali, economici e di stile di vita furono inevitabili. Un grande affresco di una famiglia di quei tempi, dove alle solide tradizioni culturali s'aggiunge il caso, rimescolando le carte del destino. Elizabeth Taylor, il più bell'ovale della storia del cinema, si divide con altri mostri sacri come Rock Hudson e James Dean (quasi mai inquadrato in primissimo piano).

Luchi78 26/04/14 23:03 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Classicone americano anni '50. Grande cast, grande location (è proprio il caso di dirlo visto che si parla del "gigante", il Texas) e grandi attori. Stupefacente il trucco, che riesce a far invecchiare i protagonisti in maniera impeccabile, come spesso non riesce neanche nei film moderni. La coppia Taylor-Hudson fu creata apposta per deliziare il mieloso pubblico del tempo, fuori dal coro James Dean che diventa un cattivo inguaribile, spesso sopra le righe. Gran calderone di tematiche affrontate, ma visto lo sviluppo del film ci può stare.

Cotola 7/10/14 20:36 - 7532 commenti

I gusti di Cotola

Classico filmone americano con tanto di saga familiare con annessi valori e disvalori della società e mentalità a stelle e strisce. La pellicola è ben fatta ma si capisce che le manca qualcosa per essere grande. Anche le scene memorabili scarseggiano se non mancano del tutto. Però ci si può gustare la notevole interpretazione di James Dean, purtroppo qui al suo ultimo film.
MEMORABILE: Il particolare modo in cui si fidanzano Hudson e la Taylor.

Mco 11/12/15 11:50 - 2151 commenti

I gusti di Mco

Via col vento in Texas, sull'onda della ricchezza che innaffia i titolari dei giacimenti petroliferi, uno dei quali anela più di ogni cosa a farsi accettare nell'esclusiva cerchia di chi conta davvero. La storia è ricca di scontri, generazionali-amorosi-esistenziali, fa riflettere su quanto i problemi di coesistenza siano costantemente attuali. I soldi non bastano a cambiare le persone e gli amori veri non seguono necessariamente l'ascesa personale. Eccellente Hudson e sempre abbacinante la Taylor. Ma lo si ricorda per Dean.
MEMORABILE: La rissa nella tavola calda; Il discorso (non fatto) davanti al pubblico.

Stelio 9/02/18 22:02 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Del film non convincono i ritmi. Al contrario brillano il cast, la fotografia, la regia e la colonna sonora. La sensazione è di una storia tirata un po' troppo per le lunghe, i cui elementi di profondità appaiono sporadici. Nonostante sia ritenuto un artificio post-mortem, in realtà il perno della vicenda risiede proprio nel non protagonista interpretato da James Dean, la cui caratterizzazione è semplicemente di un altro piano rispetto a quella dei due Benedict. Spettacolare il monologo di Jett Rink in albergo. Finale originale ma non troppo convincente.

Paulaster 12/02/18 18:02 - 2789 commenti

I gusti di Paulaster

Il titolo viene dalle dimensioni del Texas, dove si rappresenta qui il passaggio dagli allevamenti al petrolio. Saga familiare dalla durata eccessiva per intavolare numerose sottotrame, ha il pregio di descrivere bene i cambiamenti d’ottica razziale e ambientale. Dean ha carisma da vendere, la Taylor (con ottime battute) ha fascino anche quando invecchia, Hudson non incide. Regìa che punta al consenso popolare con qualche banalità (pecora bianca e vitello nero).
MEMORABILE: Dean che rifiuta i contanti al posto del terreno; La Taylor offesa perché scacciata dai colloqui dei maschi.

Siska80 8/08/20 20:41 - 672 commenti

I gusti di Siska80

Epopea della famiglia Benedict, che da giovani di belle speranze diventano ricchi possidenti tra gioie e dolori. Nonostante il feeling, la bravura e il fascino della coppia protagonista, a bucare lo schermo è Dean, che morì durante le riprese. Il film lancia tuttavia un messaggio opinabile: chi si costruisce un futuro con le proprie forze (come Bick e Leslie) rimane coi piedi piantati in terra, mentre chi si ritrova pieno di soldi all'improvviso (come Jett) si trasforma in un megalomane senza scrupoli. Debole anche il motivo di tanto rancore da parte dell'antagonista. Passabile.
MEMORABILE: I figlioletti di Leslie piangono per la gallina uccisa e servita in tavola, lei per un grave litigio col marito: un Natale da dimenticare!
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 8/11/09 10:38
    Vice capo scrivano - 5600 interventi
    Il ruolo della Taylor fu offerto anche a Grace Kelly.

    Fonte:Imdb
  • Curiosità Siska80 • 9/08/20 12:42
    Fotocopista - 387 interventi
    Durante le riprese, James Dean apparve in uno spot televisivo informale in bianco e nero in cui rispose alle domande poste dall'attore Gig Young. Ironia della sorte, Dean promuoveva la guida sicura: "La gente dice che correre è pericoloso, ma preferisco il rischio in pista piuttosto che in autostrada". Prima di lasciare lo studio, aggiunse: "Guidate in sicurezza, perché la vita che salvate potrebbe essere la mia". Dean indossava lo stesso cappello e gli stessi vestiti che aveva sul set, durante lo spot. Morì poche settimane dopo in un incidente stradale.

    Fonte: Imdb