Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/07/16 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 9/07/16 23:24 - 11837 commenti

I gusti di Daniela

Dopo un'esibizione in un locale rurale, i componenti di una banda hard rock si trovano nei guai in quanto testimoni di un delitto... Survival poco originale ma ansiogeno, quasi interamente ambientato al chiuso: se è scontato che sopravviveranno in pochi, colpisce la violenza senza fronzoli di certi passaggi, già mostrata in Blue Ruin. Nel ruolo del capo della piccola comunità nazi, Stewart ha sempre lo stesso aspetto pacato del professor Xavier, e questo crea un bel contrasto con la sua determinazione criminale. Buona prova anche del resto del cast, ed anche i cani danno il loro contributo.
MEMORABILE: Mai sporgere un braccio fuori da una porta se dietro di essa ci sono dei tipi poco raccomandabili

Kinodrop 18/07/16 18:52 - 2430 commenti

I gusti di Kinodrop

Una band hardcore americana si ritrova, dopo un concerto, prigioniera di un gruppo di naziskin gestori di un locale scalcinato e fuori dal mondo. Rinchiusi in un camerino, cercano di difendersi e sfuggire alla violenza di figuri tanto spietati quanto rintronati. Trama confusa che perde mordente proprio quando la tensione dovrebbe essere all'apice; la musica purtroppo rimane quasi un pretesto e non è rilevante nella narrazione. Si apprezzano qualche intuizione nella sceneggiatura e la scelta "underground" dei protagonisti. Comunque cose già viste.
MEMORABILE: La scelta provocatoria di cantare "Nazi punks fuck off"; Il feroce mastino reso innocuo dagli ultrasuoni.

Il ferrini 16/03/17 15:39 - 2018 commenti

I gusti di Il ferrini

Spinto da numerose recensioni entusiastiche forse ne ho affrontato la visione con aspettative troppo elevate; sta di fatto che non mi ha emozionato in nessuna circostanza. La vicenda è confusa, o almeno io l'ho percepita come tale; non si comprende mai a pieno quale fosse il "piano" degli aggressori né si riesce a giustificarne razionalmente origine e sviluppi. Restano alcune scene meritevoli e una discreta tensione, ma anche l'impressione che il tutto sia pretestuoso. Intrattiene.

Pumpkh75 12/05/17 14:14 - 1561 commenti

I gusti di Pumpkh75

L’acquolina è data da due potenziali ordigni come il gruppo punk spiantato e le adunate neo-nazi, ma la bocca si asciuga ben presto perché passato lo scoppio l’assedio si dipana senza chissà quali ganci palesi ai marchi delle due combriccole. Fortuna vuole che Saulnier giri al netto della delusione un bel thriller serrato, alla bisogna perfidamente cruento e popolato da personaggi ambigui e talvolta paradossali: qualche ceffo suscita i brividi ma le strategie ordite dai nazisti sono nebulose e scombinate. Morbida e un pò picchiata la chiusura.

Taxius 16/08/17 20:10 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Una band si ritrova a suonare in un locale sperduto nella foresta zeppo di skinhead: tutto va bene fino a quando si ritrova testimone di un omicidio; da qui comincia un gioco al massacro. Siamo davanti a un film d'assedio in cui i nostri dovranno difendersi dagli attacchi degli skinhead. La trama è molto semplice, ma il tutto è costruito bene grazie anche a una fantastica location, a una bella fotografia e ovviamente all'ottimo cast. Cala un po' verso il finale, ma non in modo drammatico.

Galbo 14/10/17 06:23 - 11976 commenti

I gusti di Galbo

Una piacevole sorpresa questo thriller di Jeremy Saulnier. Una vicenda apparentemente poco originale, ben orchestrata da un regista che fa emergere il proprio talento, rappresentando efficacemente le dinamiche tra i personaggi e incrementando progressivamente la tensione in un crescendo appena smorzato da un finale piuttosto scontato. Tra gli interpreti si segnala la prova di Patrick Stewart luciferino neonazista. Un buon film.

Puppigallo 5/03/18 16:02 - 4966 commenti

I gusti di Puppigallo

Non sono molte le frecce all’arco di questa pellicola; e il raggio d’azione non aiuta. Ma nonostante questo, non manca una certa tensione, soprattutto nella prima metà. Poi, si inizia un po’ a esagerare, guardando più all’aspetto violento, spinto all’eccesso; e l’intera vicenda perde colpi dal punto di vista della credibilità. Comunque, è girato con discreto mestiere e si lascia vedere. Non male, dopotutto.
MEMORABILE: "Il mio ultimo spettacolo non è andato molto bene...un mucchio di vomito"; Il braccio "piuttosto" malridotto; Il cane incarognito audiotraumatizzato.

Schramm 5/01/19 20:00 - 3040 commenti

I gusti di Schramm

Verde, come l'immortale speranza. Che qua invece si smentisce allegramente scodellando morti da perderci il conto. Quale felicissima scelta, far traslocare il survival in asfittico ambito indie-nazi-oi! declinandolo con modi e tempi del paintball. Sommiamoci Stewart nelle vesti di un villain che per soma, indole e acting diventa Walter White supremacist, e iniziamo a chiederci se non sia irriconoscente chiedere oltre a chi fa del rosolarci allo spiedo un impegno agonistico, ricorrendo ad arguti do-ut-des offensivo-difensivi in poco confortevoli temperie filmiche ove non è facile acclimatarsi.

Tomastich 2/12/19 20:56 - 1250 commenti

I gusti di Tomastich

Green Room ha tanti pregi, qualche difetto, ma sicuramente il merito di tenere lo spettatore totalmente incollato allo schermo gli va riconosciuto! Con un cast di giovani attori e qualche volto storico (Stewart) il buon Saulnier assembla un thriller-horror punk-splatter-anzi-nazi molto originale come soggetto e tematiche, ma meno per sviluppo. Rimane in mente l'assoluta glacialità di alcuni sguardi e situazioni.

Anthonyvm 21/12/19 19:07 - 4345 commenti

I gusti di Anthonyvm

Thriller claustrofobico particolarmente efficace sotto il profilo della tensione che tuttavia non lesina nella violenza grafica. Il sangue, infatti, scorre a volontà e il realismo degli effetti speciali è talvolta sorprendente. Doloroso e adrenalinico, diretto con cruda spontaneità, cosa rara nel cinema americano (specie di questo genere), da Jeremy Saulnier. Non convincono sempre i dialoghi, spesso enfatici o non particolarmente coinvolgenti, ma le scene d'azione tengono col fiato sospeso. Molto lineare, non un capolavoro, ma da provare.
MEMORABILE: L'estrazione del coltello dal cranio della vittima; Il taglio della mano oltre la porta; Lo sventramento del nazista con un cutter; L'attacco canino.

Joe Cole HA RECITATO ANCHE IN...

Lupus73 6/02/20 02:22 - 1318 commenti

I gusti di Lupus73

Una giovane band hardcore/punk suona in un locale di nazi-skin, ma c'è "un imprevisto" e le cose degenerano in una caccia al topo all'interno del luogo. Thriller-sociologico (controculture giovanili) ben diretto e dai risvolti brutali e sanguinari che lo avvicinano all'horror; sa tenere alta la tensione, la confezione è buona con una fotografia prevalentemente su toni freddi/verdastri. Ottimo cast, forse prevedebile la direzione nelle linee generali ma funziona e intrattiene.
MEMORABILE: Le citazioni delle band; L'aneddoto sulla strategia di pintball; Le ultime due-tre battute.

Jdelarge 26/03/20 10:24 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Ottimo esempio di cinema di genere, capace d'intrattenere senza perdersi in chiacchiere o spiegazioni che in film di questo tipo, il più delle volte, risultano superflue. La vicenda entra subito nel vivo e, grazie a un buon montaggio, riesce a mantenere un ritmo sostenuto per tutta la sua durata. Molto bella la fotografia, con una palese prevalenza di colore verde che rende l'atmosfera torbida e surreale.

Bubobubo 8/04/20 18:49 - 1774 commenti

I gusti di Bubobubo

In un'America dimenticata da tutti dove convivono skinhead e anarchici, assume connotati più chiari l'associazione fra "neonazi" e "crimine": letteralmente, visto che gli squattrinati punksters chiamati a suonare nel circolo di turno sono scomodi testimoni di un omicidio. Film di dissonanze, non certo quelle del thrash e dell'hc che cola tra le fenditure della O.S.T.: la costruzione della tensione è ottima, la violenza fisica e psicologica non meno che brutale, ma i personaggi sono a tratti raffazzonati e il finale un po' approssimativo.
MEMORABILE: La muta dei cani e il feedback; Fucilata al bancone.

Hackett 3/05/20 11:24 - 1842 commenti

I gusti di Hackett

Teso, serrato e convincente. Questo thriller riesce a trasportare lo spettatore nell'incubo a occhi aperti dei giovani protagonisti immersi da un momento all'altro in una realtà da incubo, topi in gabbia senza via d'uscita alla mercé di uno spietato gruppo di assalitori. Il film è scritto e girato per capitalizzare al meglio le location limitate, riuscendo a far percepire il pericolo imminente anche a chi guarda. Emozionante.

Enzus79 22/11/22 22:29 - 2442 commenti

I gusti di Enzus79

Una band punk, dopo aver assistito a un omicidio, dovrà vedersela con una gang di nazisti. Inizia bene la storia, ma da quando succede il patatrac l'evolversi prende una piega piuttosto mediocre, che fa lievitare un po' la noia. Tensione e suspense comunque ben dosate. Patrick Stewart totalmente fuori ruolo, non convince. Regia piuttosto efficace di Jeremy Saulnier. Consigliabile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.