Godzilla

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Gojira
Anno: 1954
Genere: fantastico (bianco e nero)
Note: L'originale, il primo. In America sono state aggiunte delle scene ed è stato reintitolato "Godzilla king of the monsters".
Numero commenti presenti: 11
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 24/02/07 10:44 - 4496 commenti

I gusti di Puppigallo

Il vero, unico, incazzato nero, inimitabile Godzilla, con tanto di creste che si illuminano poco prima di sparare il raggio letale. Non combatte con gli umani, non è pilotabile. Spacca, distrugge e disintegra per se stesso, visto che gli stanno esaurendo le scorte di cibo. Il top è lo scienziato che ha inventato l’Oxigen Destroyer (stupendo), tremenda arma con bolle in grado di trasformare la baia di Tokyo in un pentolone pieno di zuppa di mare globale totale (come direbbe Caccamo). Da vedere!
MEMORABILE: L'azione dell' Oxigen Destroyer in un acquario con pesci (le bolle della morte).

Dr.schock 22/07/08 12:21 - 83 commenti

I gusti di Dr.schock

Primo, unico, vero, inimitabile Godzilla. Non un film per ragazzi, come buona parte dei seguiti, ma drammatico, cupo e opprimente nel suo splendido bianco e nero. Ottimamente girato dal maestro indiscusso della fantascienza nipponica, il suo messaggio antiatomico rimane tuttora attualissimo. Perfetto il cast, con i "mostri sacri" Shimura, Takarada e Hirata su tutti.

Pigro 28/02/09 10:20 - 7729 commenti

I gusti di Pigro

Lucertolone marino preistorico risvegliato dagli esperimenti nucleari distrugge le coste del Giappone. Il film trova un intelligente sincretismo fra tradizione nipponica dei mostri e moderne paure atomiche. Ma è soprattutto un esorcismo del conflitto mondiale: continui i rimandi espliciti alla guerra finita da poco e le allusioni alla distruzione bellica delle città e alla bomba su Hiroshima. Un film catartico, che ha qui (piuttosto che nella rozza trama) il vero senso e la vera potenza. Ignobile la versione americana che stravolge tutto.

Undying 18/11/09 11:22 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Oggi al limite del risibile per la semplicità, nonché ingenuità, degli effetti speciali. Eppure è diventato a suo modo titolo fondamentale, in quanto all'origine del genere (nipponico) a base di mostri dalle enormi dimensioni, sovente tali per effetto di radiazioni e imbestialiti a più non posso col genere umano. Alla base del clima, comunque cupo e affliggente che permea la visione, sta un tragico fatto di storia ovvero la catastrofe atomica che, al termine del secondo conflitto mondiale, si è avventata sul Giappone. Esiste anche una versione americana più o meno sullo stesso tenore.

Galbo 18/12/09 07:50 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Celeberrimo film molto celebrato in patria dove costituì la risposta nipponica al King Kong americano. Il film servì anche a lanciare riferimenti non tanto velati alle catastrofi nuclerari della seconda guerra mondiale. Accantonando ogni pretesa di verosimiglianza, bisogna ammettere che si tratta di un film ben fatto e godible grazie anche ad un accorto uso degli effetti speciali.

Ciavazzaro 20/12/09 11:16 - 4758 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Storico. Il nipponico mostro Godzilla entra di diritto nella storia del cinema grazie a questa pellicola. Infatti, nella sua semplicità, il film si fa ricordare sempre con piacere. Non male il cast d'attori umani. Meritevole senza dubbio della visione.
MEMORABILE: Godzilla distrugge, un po' qui un po' lì...

Daidae 2/06/11 18:07 - 2727 commenti

I gusti di Daidae

Bel filmone giapponese che ha fatto storia e creato un mito commerciale che dura ancora oggi (tanto che per il 2014 è previsto un altro remake). Questo è ovviamente inimitabile, il primo vero Godzilla, cattivissimo senza alieni da sconfiggere o mostri avversari. Non deve mancare nella vostra collezione.

Il Gobbo 16/06/11 14:49 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Recentemente rievocato anche da austeri commentatori politici dopo la catastrofe giapponese, il che ne conferma l'intangibile status di Archetipo. La potenza evocativa e l'importanza storica potrebbero bastare per un giudizio lusinghiero: per il resto, un prodotto di valoroso artigianato, le cui ingenuità sono parte del fascino, anche se in chiave più godereccia e distaccata certi più sgangherati epigoni si fanno preferire. Ma tutto cominciò da qui...

Belfagor 7/02/15 12:18 - 2621 commenti

I gusti di Belfagor

La saga del nostro amato lucertolone è iniziata con questa unione tra fantascienza e dramma: il Giappone è ancora ferito dalla guerra e ovunque traspare la paura per le armi atomiche. Lo stesso Godzilla è una vittima delle radiazioni che cerca di sopravvivere e non un mostro malvagio. La tragicità della vicenda è esaltata dalla splendida fotografia in b/n e dalle buone prove del cast (soprattutto Shimura). Effetti speciali ogni datati ma efficaci per l'epoca. Mezzo pallino in più per il ruolo pionieristico.
MEMORABILE: Godzilla che semina distruzione; L'Oxygen Destroyer.

Minitina80 29/03/18 10:34 - 2300 commenti

I gusti di Minitina80

Non bisogna commettere l’errore di confinarlo a mero film di fantascienza perché nasce dalle ceneri di precisi accadimenti storici che hanno sconvolto un’intera nazione. I pericoli e le conseguenze di una guerra nucleare e la deriva della scienza il cui uso distorto porta alla creazione di armi di distruzione di massa sono alcuni dei pilastri che si celano dietro Godzilla, vera e propria nemesi di un’umanità che rischia dietro ogni dove di perdere la strada maestra. Da ammirare, senza lasciarsi fuorviare da pregiudizi di varia natura.
MEMORABILE: Il coro funebre delle giovani ragazze che accompagna le immagini di morte e distruzione.

Il ferrini 23/03/19 23:40 - 1661 commenti

I gusti di Il ferrini

Unico difetto di questa pietra miliare del cinema fantastico è l'aver dato origine a una serie interminabile di mediocri (qualcuno anche terribile) remake e sequel. Il film, nella sua semplicità, ha una struttura solida e perfino un messaggio tutt'altro che banale. Ibrido fra mockumentary e dramma, tiene incollati per tutta la durata e nonostante gli anni il lucertolone conserva un suo fascino, rendendo davvero coinvolgenti le scene di distruzione. Il "distruttore di ossigeno" finale forse è un po' ingenuo ma funzionale e d'effetto. Cult.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.