LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/08/16 DAL BENEMERITO JDELARGE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Belfagor 4/09/16 16:49 - 2655 commenti

I gusti di Belfagor

Il sottotitolo miltoniano è azzeccato: come Satana, Escobar riesce ad accattivarsi l'ingenuo Nick per poi tentarlo e corromperlo. In questo senso, l'interpretazione di Del Toro funziona in modo impressionante, conferendo una serenità quasi sorniona al famoso criminale anche nei momenti in cui la sua malvagità si palesa. Per il resto, la trama presta un po' troppo il fianco al melodramma, pur riuscendo a evocare la dovuta empatia per i protagonisti. Esordio alla regia per Di Stefano, che dimostra un gusto non banale in alcune sequenze.
MEMORABILE: "Dio non c'entra niente, Nick. Sei stato tu".

Ryo 4/09/16 23:10 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Personaggio controverso, quello di Pablo Escobar e dargli un'interpretazione che rimanesse fra le righe non era compito facile. Benicio Del Toro adotta uno stile sobrio, perennemente calmo che perde, per qualche attimo, in una delle scene finali. Il film si concentra comunque sulla storia di un ragazzo qualunque, che trovando la gioia dell'amore (con una delle nipoti del boss), si renderà presto conto in quale turbine maledetto si sia cacciato. Un'ottima gestione della suspense, risvolti della sceneggiatura portati all'eccesso. Crudelissimo.
MEMORABILE: La telefonata di Nick alla cognata; Nick costretto per ore e ore a stare nascosto dentro la sua macchina senza possibilità di fuga.

Jdelarge 28/08/16 19:29 - 988 commenti

I gusti di Jdelarge

Buona prima opera di Di Stefano che si contraddistingue per l'accurata descrizione del criminale per eccellenza colombiano Pablo Escobar (un ottimo Benicio Del Toro) e per l'intelligente utilizzo degli ambienti, che da soli contribuiscono a rendere il film un buon prodotto. La trama, poi, segue le logiche del melodramma, attingendo anche al noir, salvo sfociare troppo spesso in facili sentimentalismi che stonano un po' con il resto. Comunque buono.

Xamini 6/09/16 23:44 - 1123 commenti

I gusti di Xamini

L'ho trovato poco denso, pur se ben girato, e sofferente di un drammatico calo di carisma nel comparto voci italiane. Il ritratto di Escobar resta tuttavia ben tracciato: si è scelto un punto di vista marginale, un volto quasi perfetto (quello di Del Toro), un estratto tutt'altro che completo della sua vicenda, che lascia posto a un melodramma funzionale. Sulla distanza, la serie Narcos risulta decisamente più documentaristica e interessante anche se l'idea che ne emerge è la medesima.

Puppigallo 9/09/16 17:41 - 4880 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola basata tutta sui personaggi, in particolare, sul "buon" Escobar e il giovane, sprovveduto canadese, risucchiato per amore proprio nell'Escobarico inferno. Del Toro, attore di razza, si erge una spanna sopra tutti. Decisamente meno credibile è la nipote "Bianca (pura) tra la Neve (cocaina)". I personaggi di contorno, invece, hanno il compito di far capire quanto chiunque rispettasse, ma soprattutto temesse il potente e spietato Pablito. L'ultima parte potrebbe sembrare tirata, ma il giusto finale (fortunantamente, abbastanza realistico) rende il film meritevole di un'occhiata.
MEMORABILE: Nell'auto di Bonnie e Clyde; Il figlio del contadino è "un po'" duro di comprendonio; Il discorso al prete.

Saintgifts 13/10/16 10:51 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Partire da due fratelli canadesi in Colombia per vivere liberi e praticare il surf per arrivare a Escobar attraverso la bella Maria (Claudia Traisac): è il percorso intrapreso da Di Stefano per mostrarci uno dei ritratti del narcotrafficante più famoso. Nick rappresenta tutti coloro che hanno vissuto vicino al criminale, compreso parte del popolo colombiano, temendo e cercando di compiacere un uomo che ama la famiglia, parla di Dio, ma dimostra una crudeltà infinita. Spesso si è in bilico tra l'ammirazione e il disgusto; il finale rende giustizia.

Galbo 14/02/17 05:51 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Evitando le possibili trappole del semplice film biografico, il neo regista Di Stefano realizza un buon thriller psicologico sul rapporto tra vittima e carnefice. L'autore lavora sulla psicologia dei personaggi avvolgendoli in un'ombra lugubre. L'atmosfera "inquieta" rappresenta alla lunga il lascito principale della pellicola, che punta a mostrare il fascino sinistro del male. Ottima la ricostruzione ambientale. Diligente Hutcherson, bravo Del Toro che però è perdente nel confronto con il magnifico Escobar di Wagner Moura.

Ira72 26/05/17 11:21 - 1180 commenti

I gusti di Ira72

Sebbene romanzata, la storia è ispirata a fatti e a personaggi reali, circoscritti a un breve periodo della rocambolesca vita di Escobar. Scelta limitante che ha escluso, così, la possibilità di un ipotetico copione senz'altro più vigoroso (vedi Narcos). Ciò non significa che il film sia sguarnito. Innanzitutto per la presenza di Del Toro (ottima scelta) il quale forse offusca gli altri personaggi, comunque bravi, regalandoci un personaggio quantomai realistico nelle sue contraddizioni. Buono anche il resto (fotografia, ambientazioni, ricerca di alcuni dettagli).

Piero68 29/05/17 09:35 - 2877 commenti

I gusti di Piero68

Se il fine era narrare una storia d'amore impossibile, intrisa di violenza, che necessità c'era di tirare in ballo nientemeno che Escobar, pomposamente nominato persino nel titolo? Alla conta finale risulterà ininfluente se il boss era reale o di immaginazione, quindi la ritengo una furba operazione per richiamare pubblico. Per questo, anche se innegabilmente la confezione è di buona fattura, ritengo che il film meriti voti in meno. Hutcherson, reduce dagli Hunger games, se la cava egregiamente e Del Toro è sempre una sicurezza.

Nando 31/05/17 16:01 - 3643 commenti

I gusti di Nando

Il ritratto di uno dei più grandi e sanguinari narcotrafficanti del mondo sullo sfondo di una tormentata storia d'amore. Un ritratto lucido che mette a nudo le efferatezze e il finto buonismo di don Pablo, descrivendo l'ipocrisia che regna in certe zone del Sudamerica. Purtroppo certe storie non sono portate al lieto fine e lasciano un notevole amaro in bocca. Cast appropriato.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Hackett 21/06/17 19:47 - 1830 commenti

I gusti di Hackett

Film teso e asciutto, che senza indugiare nella retorica e nel didascalismo, rifiuta di raccontere per l'ennesima volta la storia del più celebre narcotrafficante del mondo optando per mostrarla da un'angolazione diversa, puntando i riflettori su una storia d'amore che si svolge nelle sue vicinanze. Così appare la crudeltà nel suo aspetto più spigoloso, nel freddo calcolo d'interesse che non necessita di essere spiegato. Davvero un buon film, da un regista più che interessante. Che, per non fare commediole, ovviamente deve andare all'estero.

Giapo 7/08/17 12:31 - 242 commenti

I gusti di Giapo

Chiariamo subito che il titolo trae in inganno: non si tratta della storia di Escobar ma più semplicemente di un'avventura sentimentale, che presto si trasforma in un incubo, ritratta sullo sfondo della malavita colombiana. Il film coinvolge fin dalle prime sequenze fino a un finale da cuore in gola, ma al di là di questo rimane impressa la terrificante immagine di un personaggio, interpretato da un Del Toro immenso, capace di esprimere allo stesso modo amore, devozione e ferocia.

Rufus68 2/09/17 22:13 - 3560 commenti

I gusti di Rufus68

Per fortuna c'è il vecchio Benicio a sostenere con la sua corposa presenza lo scheletro d'un film prevedibile e furbesco. Qui non si narra alcunché di Escobar, purtroppo e la storia inventata a latere è davvero esile e rischia la totale impalpabilità a causa di Hutcherson, la cui inespressività e vacuità tocca i consueti nadir a cui ci hanno abituato molti attor giovani. Finale saccarinico.

Vito 13/07/19 09:12 - 687 commenti

I gusti di Vito

Emerge un po' troppo il contrasto tra la storia d'amore del turista americano con la nipote di Escobar e le vicende criminali del famoso narcotrafficante. La pellicola insomma sembra confusa e non sa prendere un strada precisa. C'è però la grande interpretazione del bravo Del Toro e ottimi momenti di violenza e tensione. Ci si poteva comunque aspettare di meglio. Sufficiente.

Daniela 14/11/21 10:05 - 11529 commenti

I gusti di Daniela

L'intenzione sarebbe quella di raccontare il criminale più ricco e potente del mondo attraverso lo sguardo smarrito di un giovane canadese che ha la sfortuna di innamorarsi della nipote. Purtroppo il personaggio non solo è palesamente fasullo ma anche affidato a un attore qui molto modesto e questo affossa le ambizioni di un film che pure può contare sull'interpretazione convincente di Del Toro, adattissimo al ruolo, mentre qualche sequenza ansiogena nella parte finale non riscatta del tutto la scarsa consistenza e frammentarietà di quel che precede. C'è del buono ma non abbastanza.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 27/12/20 21:06
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Pellicola che non ha molto da invidiare all'Escobar con Bardem, che pure mi piacque molto (qua poi mi pare vi reciti pure il fratello!).

    Di Stefano sceglie i raccontare solo parte della vita dell'ambiguo narcotrafficante, che a quanto pare fece anche cose buone (poi veniva visto dalla gente in loco come praticamente un venditore di un qualcosa che lì circolava già da anni, cosa del tutto normale, a loro dire).

    Molto bene Del Toro (più somigliante al personaggio di quello che si possa pensare), Corbet poco sfruttato, bene i personaggi giovani.


    Escobar, alla stregua di un Manson, è destinato ad affascinare e a far discutere per sempre.
  • Curiosità Fedemelis • 26/02/21 05:47
    Fotocopista - 1990 interventi
    La partita che Escobar (Benicio Del Toro) guarda in televisione durante la prigionia nella sua villa/prigione è Milan - Atletico Nacional 1-0 del 17/12/1989, finale della Coppa Intercontinentale 1989. L'Atletico Nacional è la squadra di calcio della città colombiana di Medellín, dov'è nato Escobar.

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/essco1.jpg[/img]

    Zoom e confronto:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images56/essco1b.jpg[/img]