LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La regista - Mary Lambert - è la stessa del primo indimenticabile capitolo, ma il risultato è incredibilmente inferiore. Già l'idea di scegliere come protagonisti due adolescenti è poco felice; se poi anche la sceneggiatura è priva di un briciolo di originalità... Si parte male col solito film nel film, con la mamma del giovane Edward Furlong (il bambino con la frangia sbarazzina di TERMINATOR 2) attrice di film horror di serie B. Per fortuna la spietatezza della Lambert salta subito fuori e la povera mammina si becca un 220 volt da spavento in una sequenza di rara forza. Furlong (è...Leggi tutto vero, ha la faccia e l'espressione veramente antipatici, ma non recita male) se ne torna così dal padre veterinario (Anthony Edwards, che il medico lo fa già nella serie televisiva E.R. - MEDICI IN PRIMA LINEA) e, con un amico grassone suo vicino, seppellisce nel famigerato cimitero indiano un cagnone appena deceduto. Un risorto tira l'altro e così i due si lasciano prendere prevedibilmente la mano. Una fotografia piatta, un soggetto ormai lontano dall’originale kinghiano e dalle sue oscure suggestioni. Il luogo fa ancora paura, le riprese aeree lo valorizzano non poco e in fondo la Lambert stupisce nuovamente per una crudeltà non comune: ci sono conigli spellati, gattini sbranati, trapanate, frontali in auto dagli esiti disastrosi, bambini maciullati... Insomma, cose che in un horror di oggi non ti aspetti. Il cast, pur non facendo gridare al miracolo, funziona con un'unica eccezione: Anthony Edwards. Fa il veterinario meno convincente della storia: sempre assente, lo sguardo perso, vaga per il set privo di forze. Altro elemento odioso il cane-zombi: salta fuori ad ogni momento! Ebbasta...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 29/04/07 17:32 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Si perde il pathos presente nel primo capitolo, per cercare di giustificare come storia un insieme di truculenti sequenze a volte "fuori tema". La regia è salda e decisa (punto a favore), ma gli interpreti sono poco adatti (punto a sfavore) e gli effetti (impressionante l'incidente alla Final Destination, con tensione a 220 V) pur se ben realizzati, non riescono a sopperire al vuoto narrativo (e di plausibilità) che sta dietro alla scarsa operazione, puramente commerciale. Inefficace.

Herrkinski 1/06/08 11:28 - 5290 commenti

I gusti di Herrkinski

Inevitabilmente inferiore al prototipo. Il film si difende comunque come discreto horror, con alcune scene truculente di sicuro impatto. Certo l'atmosfera è ormai decisamente cambiata e di spaventi veri ce n'è pochi. Inoltre l'irritante presenza dell'eterno ragazzino Furlong e dei suoi coetanei rischia di far debordare il film verso i vari teen-horror, anche se il tutto è riscattato dall' eccezionale villain Clancy Brown nei panni dello sceriffo-zombi. In definitiva un sequel che si poteva evitare. Comunque non annoia.

Daidae 5/02/09 15:02 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Sembra una legge fissa: i sequel devono o far pena o essere inferiori al primo capitolo. In questo caso vale più la prima: filmetto squallido, attori ridicoli (insopportabile Furlong e i bambocci compagni di scuola)... Si salva solo il simpatico sceriffo-zombie.

Cotola 9/07/09 18:32 - 7619 commenti

I gusti di Cotola

In una parola: terribile. Quanto incuteva timore ed angoscia nel primo capitolo, viene assolutamente a mancare in questo blando e ripetitivo seguito. Dirige la stessa regista ma senza nessuna ispirazione e "costretta" a mettere in scena un plot di rara bruttezza e sciatteria. Chi ha amato il primo ne stia alla larga, gli altri pure.

Werebadger 8/12/11 16:18 - 270 commenti

I gusti di Werebadger

Basato, a differenza del primo, su una sceneggiatura completamente originale; dopo i Creed a servirsi del cimitero indiano saranno due sventurati adolescenti e le conseguenze saranno ovviamente terribili. Poca angoscia e paura rispetto al primo, sostituite da una sarabanda di SFX gore. Recitazione sufficiente (menzione d'onore all'ex Khurgan e qui zombie Brown e alla Fluegel), assai fastidiose le scene di violenza sugli animali. Brutto quanto inutile.
MEMORABILE: La seconda morte di Renè. L'uccisione con la moto. Alcune citazioni da altri film kinghiani (la porta sfondata a colpi di martello e il cane assatanato).

Kekkomereq 8/02/12 22:30 - 359 commenti

I gusti di Kekkomereq

Pessimo sequel che non serviva a nessuno. La cosa più fastidiosa è che viene citata la famiglia del film precedente in modo insensato, perché non ha niente a che fare con la storia del bambino e del suo papà veterinario. Sia la regia della Lambert che le interpretazioni sono fiacche; Se avete visto il primo e vi è piaciuto consiglio di stare alla larga da questo sequel.

Hackett 29/11/13 07:59 - 1743 commenti

I gusti di Hackett

Difficile descrivere la bruttezza di questo film. Essere sequel di un film riuscito non è certo un buon punto di partenza ma bisognava mettersi d'impegno per arrivare così in basso. Interpreti mosci, trama praticamente inesistente e dosi di ironia fuori posto rendono la pellicola pesante, irritante e sciocca. Perfino il commento musicale è praticamente sempre a sproposito. La brava regista del primo film deve essere stata sepolta nel cimitero indiano.

Rebis 7/09/14 14:22 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Non è semplicemente un brutto film che avalla l'ineludibile legge della serialità (le poche eccezioni, come si conviene, confermano la regola…) ma estraneo com'è allo spirito del primo capitolo fa nascere lo sgradevole sospetto che quanto vi era di buono fosse dovuto alla sola mano di Stephen King. Orfana dello scrittore, che le aveva curato l'adattamento, Mary Lambert smarrisce completamente la bussola non comprendendo che non era l'accumulo a rendere efficace il capostipite, ma esattamente il contrario: l'infrazione del limite, l'oltraggio etico. Inqualificabile è dire poco.

Rigoletto 10/12/16 11:58 - 1621 commenti

I gusti di Rigoletto

Apprezzabile solo se svincolato dal primo capitolo, pur essendo del '92 appartiene, artisticamente, alle decade precedente, nel bene e nel male. A onor del vero di bene c'è poco ma non al punto da rendere il film inguardabile. Affidando un ruolo teen al giovane Furlong (che nella parte dell'adolescente depresso e problematico è una garanzia) e quello del cattivo a Clancy Brown (altra garanzia) si riesce ad arrivare in porto. Rimane un horror per ragazzini e, tenendo ben chiaro il target a cui punta, la visione non crea problemi.

Anthonyvm 29/05/18 22:13 - 2128 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il primo film era un gioiellino di inquietudine e angoscia; questo sequel, pur partendo discretamente (i personaggi sembrano estrapolati proprio da un racconto di King), cerca di differenziarsi un poco dalla formula originale, finendo però per inabissarsi nella baracconata cialtronesca, fra omicidi sopra le righe, attori scarsi, scene videoclippare, morti viventi quasi indistruttibili. Manca del tutto quell'aria morbida che appestava l'originale: incredibile se si pensa che la regista è la stessa. Non tutto è da buttare, ma il paragone non regge.
MEMORABILE: L'incidente iniziale; Il sogno del dottore che vede sua moglie in topless con la testa di cane; Gli immancabili Ramones sui titoli di coda.

Rambo90 4/05/19 23:44 - 6431 commenti

I gusti di Rambo90

Sequel mediocre, in particolare per la sceneggiatura, che senza la mano di King risulta derivativa e poco fantasiosa (oltre a presentare alcune incongruenze nel comportamento dei personaggi). La regia non è male, così come gli effetti, ma la vicenda semplicemente non coinvolge e non spaventa. Brown funziona bene e la sua performance diverte, Furlong vuole fare un po' troppo il tenebroso.

Minitina80 29/05/19 01:01 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

L'ossatura rimane pressoché identica, per quanto i protagonisti siano dei volti nuovi e la vicenda sia susseguente e in parte slegata dai fatti del capostipite. Predomina una vena adolescenziale che stona non poco e sminuisce la portata dell'opera originale di King. Nemmeno aggiunge qualcosa di nuovo per cui valga la pena scomodarsi. Si salva la messa in scena, discreta e senza particolari imperfezioni. Qualcosa di troppo si è inevitabilmente perso per strada e resta un'opera superflua e inutile che si dimentica con facilità.

Pesten 11/11/19 00:56 - 646 commenti

I gusti di Pesten

Si stenta a credere che questo sequel sia figlio della stessa regista del primo capitolo, tanta è la differenza a livello qualitativo. Siamo nei Novanta solo da due anni eppure già si vede il nuovo taglio dato al mondo del cinema horror: le caratteristiche che hanno reso immortali i film della decade precedente, come le atmosfere, le luci, le inquadrature e, in parte, le storie, vengono fagocitate dal nuovo trend commerciale che lascia in pasto allo spettatore dei prodotti scialbi. Questo non è esente, vicino a toccare vette di decisa bruttezza.

Taxius 25/01/20 11:35 - 1651 commenti

I gusti di Taxius

Ambientato qualche anno dopo il primo, questo sequel di stampo televisivo è il classico horror da due soldi fatto per cavalcarne il successo. A non convincere è principalmente la trama, ricca di incongruenze, mentre gli effetti speciali sono quantomeno accettabili. La regia è assai sciatta e viene a mancare totalmente l'atmosfera cupa del predecessore. Non tutto è da buttare, qualche buona sequenza c'è (il frontale auto-camion e l'omicidio con la moto), ma è troppo poco per salvare un film facilmente dimenticabile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.