Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• TORNATO PER UCCIDERE

All'interno del forum, per questo film:
• Tornato per uccidere
Titolo originale:The stranger within
Dati:Anno: 1990Genere: thriller (colore)
Regia:Tom Holland
Cast:Ricky Schroder, Kate Jackson, Chris Sarandon, Clark Sandford, Peter Breitmayer, Pamela Danser, Ross Swanson, Dale Dunham, Oliver Osterberg, Kelsey Rose, Zachary Hunke, Suzanne Egli, James Harris
Visite:639
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Dopo i grandi successi horror di BAMBOLA ASSASSINA e AMMAZZAVAMPIRI Tom Holland passa al thriller venato, comunque, da momenti piuttosto crudi in linea col suo stile. C'è ad esempio un omicidio sul ghiaccio girato molto bene e che testimonia la competenza del regista nel saper gestire le scene “forti”. La storia è quella di una madre (Kate Jackson, ovvero la Sabrina delle Charlie's angels) che sedici anni dopo la sua scomparsa vede bussare alla porta di casa un giovane (Rick Schroder, l’ex piangina de IL CAMPIONE) che dice di essere il figlio rapito all'epoca. Credergli o no? Il film gioca sul dubbio per la gran parte della sua durata (anche perché quando l'enigma è risolto resta poco da dire e si finisce in affanno), sfruttando l'aria ambigua del giovane e lasciando al convivente della donna (Chris Sarandon) la parte dello scettico di turno. Buona l'atmosfera invernale in una villa semi dispersa nella fredda provincia americana, convincente il cast. THE STRANGER WITHIN non è certo un film dalle grandi ambizioni, ma sa utilizzare discretamente il poco materiale a disposizione. Ne è uscito un thriller semplice ma dotato di una certa efficacia. Un po' carente sotto il punto di vista dinamico, con qualche momento interlocutorio di troppo ma sorretto da una regia solida. Tipicamente ottantiano nella sua impostazione, nella messa in scena e nella fotografia, si giova della serietà con cui Holland manovra l'intreccio, accantonando per una volta l'ironia a volte fuori luogo che caratterizzava i suoi horror. Senza veri picchi ma anche senza scadimenti nella banalità.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Daidae 4/5/19 17:35 - 2707 commenti

Non è certo ai livelli della Bambola assassina o Ammazzavampiri, ma è comunque un valido thriller. Purtroppo ha qualche difetto che lo penalizza non poco: la prima parte è perfetta, ma dopo una scena copiata da La maledizione di Damien il film prende una brutta piega, facendosi noioso e piuttosto deludente. La prova del cast è buona e alla fine una risicata sufficienza la strappa.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Mco 17/7/09 12:50 - 2118 commenti

Sicuramente ben realizzato trattandosi di un regista come Holland, pur pagando il pegno dello stampo televisivo. Il neoarrivato è un ragazzino davvero insopportabile e spesso si fa il tifo affinché se ne vada prima della fine. The end senza troppa originalità per un film nel complesso guardabile chiacchierando con amici tra commenti e spuntini...
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)

Myvincent 30/3/20 15:46 - 2471 commenti

Dopo sedici anni di assoluto silenzio, il destino sembra bussare improvvisamente alla porta di una donna reduce da un trauma sconvolgente e saranno solo guai tinti di rosso. Thriller televisivo dotato di una certa forza espressiva ed empatica, si lascia vedere a patto di non chiedere troppo per quel che il formato del piccolo schermo può concedere. Kate Jackson (la Sabrina delle celebri Charlie's Angels) impugna la pistola per difendersi, con evidente e consumata maestria.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Anthonyvm 21/3/20 1:24 - 1574 commenti

Holland passa alla TV con un thriller familiare da "nemico in casa" come se ne vedono tanti (Il patrigno e via discorrendo), ma non per questo da buttare. La prima parte conta diverse sequenze riuscite (l'inizio col rapimento del bambino, il crescendo di tensione scandito dai piccoli segni di follia di Schroder) e anche se il terzo atto sembra esaurire le cartucce troppo presto, il climax orrorifico conclusivo resta ben gestito. La Jackson sembra a volte un po' spaesata, il resto del cast è in parte. Tutt'altro che indispensabile, ma vedibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Annegamento sotto il ghiaccio à La maledizione di Damien; I disegni inquietanti di Schroder; La porta sfondata con una martellata in stile Shining.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)