Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DIAMANTI GREZZI

All'interno del forum, per questo film:
Diamanti grezzi
Titolo originale:Uncut Gems
Dati:Anno: 2019Genere: drammatico (colore)
Regia:Benny Safdie, Josh Safdie
Cast:Adam Sandler, Keith Williams Richards, Tommy Kominik, LaKeith Stanfield, Maksud Agadjani, Andrea Linsky, Roman Persits, Pom Klementief, Julia Fox, Paloma Elsesser, Mike Francesa, Kevin Garnett, Eric Bogosian
Note:Prodotto e distribuito da Netflix.
Visite:639
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 1/2/20 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/2/20
Non è facile l'avvio del film: dopo un incipit in Etiopia nel quale ci vengono mostrati due minatori locali estrarre diamanti da una miniera, veniamo trasportati attraverso un non molto elegante viaggio virtuale (dall'interno della gemma fino alle viscere del protagonista riprese durante una visita medica) a New York, dove vive l'ebreo Howard Ratner (Sandler). Lo stile scelto da qui in avanti è di quelli che sulle prime spiazza, con le musiche che si sovrappongono alle parole e le parole che si sovrappongono ad altre parole in un caos di faticosa comprensione e piuttosto urticante, per chi ascolta. Non si procederà sempre così, almeno per quanto riguarda la colonna sonora che si farà in seguito meno indisponente (mentre invece il caratteristico sovrapporsi di voci lo sentiremo anche in altre occasioni), ma è evidente quanto l'obiettivo sia quello di rendere tangibile quanto più possibile la frenesia della vita concitata di Howard, gioielliere roso dal vizio delle scommesse che cerca di pagare i propri debiti con la vendita di un prezioso opale comprato di contrabbando dagli etiopi che avevamo osservato nel prologo. Un guadagno enorme, considerato che a suo dire la gemma grezza vale oltre un milione di dollari. Soddisfatissimo dell'acquisto Howard la mostra al celebre cestista Kevin Garnett (nella parte di se stesso!), il quale crede di entrarci in sintonia al punto di avvertirne i forti poteri magici; se la fa così prestare prima di giocare un'importante partita. Howard accetta e come pegno si fa lasciare un prezioso anello celebrativo, che subito tenterà di impegnare per poter scommettere i soldi sul match dell'amico e pagare prima del previsto il cognato che lo fa perseguitare da due scagnozzi. I fratelli Safdie, che oltre alla regia hanno curato anche la sceneggiatura assieme a Ronald Bronstein, imbastiscono una storia non particolarmente originale puntando tutto sullo stile e affidandosi comunque alla bravura di Adam Sandler, che aveva già dimostrato in precedenza di potersi abilmente disimpegnare in ruoli drammatici. E' nella sua performance che il film riesce a trovare gli spunti migliori, affondandolo in un meccanismo giocato sull'orlo di una perenne crisi di nervi dalla quale si emerge solo di rado, magari in corrispondenza degli incontri femminili con l'ex moglie che lo disprezza (Ratner) o con la sua commessa in gioielleria Julia (Fox), con cui flirta. Ma la maggior parte del tempo Howard lo trascorre sotto pressione, perseguitato da chi esige paghi i suoi debiti o impegnato a riprendersi l'opale prestato, mentre la regia fa di tutto per accompagnare le sue avventure spesso notturne con rumori e suoni (telefoni che squillano, voci sovrapposte) che si uniscono a un montaggio studiato per disorientare chi guarda e proiettarlo nella stessa dimensione del protagonista. Prima di un finale prevedibile c'è di che divertirsi ma non sempre, perché lo stile scelto a lungo andare può anche causare disinteresse e disaffezione, in chi non è disposto a stare al gioco. E in fondo intorno a un monumentale Sandler non tutto il cast sembra alla sua altezza.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 1/2/20 6:34 - 11153 commenti

Vita quotidiana e vicende di Howard Ratner gioielliere newyorchese oppresso dai debiti e inseguito dai creditori. Dai registi di Good Time, una film iper cinetico e dal montaggio frenetico, totalmente empatico verso il personaggio principale, simpatico e fragile cialtrone che cerca una via d’uscita e finisce per complicarsi irrimediabilmente l’esistenza, magistralmente interpretato da Sandler che al netto di tutte le commedie leggere e inconsistenti interpretate si conferma come in altre occasioni ottimo attore.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 2/2/20 23:40 - 8740 commenti

Gioielliere pieno di debiti pensa di poter dare una svolta alla sua vita disastrata grazie ad un opale nero comprato di contrabbando, ma i guai invece si moltiplicano a livello esponenziale... Una cacofonia quasi ininterrotta di voci, suoni e musica moltiplica la sensazione d'ansia con cui seguiamo le mosse frenetiche ed insensate di un protagonista intossicato dal gioco d'azzardo, interpretato da Sandler con febbrile intensità: per lui la migliore interpretazione in carriera, per i registi una patente d'autorialità, per lo spettatore un film che non lascia un attimo di respiro.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ultima mezz'ora, culminante in un epilogo secco ed inaspettato che lascia attoniti. .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 4/2/20 15:35 - 3637 commenti

Vita sul filo del rasoio di un commerciante in pietre preziose incapace di porsi un limite, schifato dalla famiglia e inseguito da personaggi poco raccomandabili. I Safdie tengono un buon ritmo e scandagliano le nevrosi umane senza remore e con uno stile personale, per le strade di una New York che può celebrarti o inghiottire con la stessa facilità. Con una serie di personaggi e lacchè che ben rappresentano il glamour trash dei moderni vip. Sandler primeggia ma anche il resto del cast carbura a meraviglia.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Rambo90 14/2/20 0:30 - 6159 commenti

I magheggi di un cialtronesco venditore di gioielli, tra scommesse e debiti, in una sceneggiatura che da subito avvolge lo spettatore e lo coinvolge negli interminabili giri del protagonista. La cinepresa non sta mai ferma e aiuta a rendere il ritmo vorticoso, così come gli eventi narrati, mentre Sandler offre una delle performance più interessanti della sua carriera, smarcandosi (così come in altre occasioni) dalla solita immagine buffonesca. Notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 16/2/20 18:45 - 3703 commenti

Il vero giocatore è un uomo destinato a perdere sempre perché non è in grado di fermarsi mai. Sandler interpreta splendidamente questo personaggio che si muove in un mondo popolato da star (non male anche il cestista Kevin Garnett) e di denaro, sempre alla ricerca di qualcosa che gli sfugge continuamente (la vita). I debiti economici che non riesce a estinguere sono gli stessi che deve in termini affettivi alla sua famiglia. Il film è una corsa continua contro il tempo che non smette mai di appassionare e di sorprendere.
I gusti di Pinhead80 (Azione - Horror - Thriller)

Paulaster 2/3/20 9:57 - 2518 commenti

Gioielliere tenta di smerciare un opale per giocare alle scommesse. Regìa che gioca sulle tragicomiche vicende del protagonista con un ritmo troppo serrato non sempre giustificato. Ciò va a discapito della descrizione delle figure di contorno (moglie e cognato), che risultano non ben definite. Sandler è in un buon ruolo fino a quando non si esagita. Buon finale, per niente scontato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo scambio degli anelli NBA; L'asta al rialzo andata male; Il passaggio dei soldi dalla finestra.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Didda23 20/2/20 10:44 - 2220 commenti

Un'opera dallo stile estremamente respingente, un'osmosi fra il caotico vivere quotidiano del protagonista e una forma che sovrappone spesso parole e musica. Una cacofonia dal risultato sgradevole che però riesce a catturare per qualche sviluppo narrativo ben centrato e per un Sandler di immensa bravura (cosa che non si scopre certo oggi). Peccato per un cast di contorno non all'altezza, nonostante la prova curiosa di Garnett (per i supporter dei Celtics un mito assoluto). Finale dotato di una certa prevedibilità, ma che risolleva la pellicola dalla mediocrità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le continue intimidazioni; La cena di famiglia; La pietra e Garnett.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Taxius 22/3/20 13:24 - 1571 commenti

Storia di un gioielliere ebreo che vive sul filo della legalità tra merce più o meno pulita e tanti debiti dovuti alla passione per le scommesse. Adam Sandler, dopo una carriera costellata da commedie (e interpretazioni) spesso mediocri, si scopre essere attore di notevole talento, capace di reggere sulle spalle un film dalla trama complessa e per nulla banale. Tanti, anzi tantissimi, i dialoghi quasi sempre molto veloci e urlati. Si resta letteralmente incollati alla poltrona come se a scommettere fossimo stati noi. Notevole!
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Kinodrop 6/2/20 20:47 - 1311 commenti

In un frenetico ambiente ebraico di commercianti coi loro traffici, Howard, spinto da un irrefrenabile e sgangherato impulso di accumulare, deve far fronte alle conseguenze di questi eccessi. Una centrifuga di azioni e reazioni esaltata da uno strabordante sonoro (quasi insostenibile) intorno all'onnipresente gioelliere, egocentrico e dalla morale zigzagante (un sorprendente Sandler in un ruolo inconsueto). L'eccesso di dinamismo e il ritmo convulso non hanno però quel contrappeso psicologico che avrebbe giovato alla dialettica espressiva del dramma.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'opale di mano in mano; Il cognato Aron; La borsa coi soldi da una finestra all'altra; La sfiancante partita di basket minuto per minuto; Il finale.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 29/3/20 16:47 - 898 commenti

Un po' troppo ipercinetico e disturbante, con le voci sovrapposte, il linguaggio urlato e volgare, la musica invadente. Bisogna comunque ammettere che il film dei Safdie restituisce con efficacia un quadro della New York corrotta e violenta, con al centro un personaggio che conduce una vita ai limiti della resistenza umana tra scommesse, prestiti, ricatti, tradimenti. Eccessivo.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)