Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LA PIOVRA 4 (6 PUNTATE)

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/8/09 DAL BENEMERITO LUCIUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 14/2/11 16:17 - 10786 commenti

Luigi Perelli, già regista della terza serie, viene confermato per La piovra 4. Prende compiutamente forma il personagio di Tano Cariddi, ben interpretato da Remo Girone. Il prodotto è ancora piuttosto gradevole sebbene cominci ad avvertirsi un certo sentore di ripetitività. La sterzata narrativa arriverà con l'evento che chiude la serie.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daidae 6/1/19 21:01 - 2546 commenti

Rispetto alle serie precedenti si notano qualche leggero cedimento e un po' di ripetitività. Un altro difetto sono le scene "all'americana" con la solita sparatoria dove i buoni non prendono neppure una pallottola. Nonostante questo si tratta comunque di una validissima opera, ben diretta e sopratutto ben recitata dal variegato cast che vede diversi ottimi attori francesi e italiani. Imperdibile l'ultimo episodio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tano Cariddi in uno dei rari momenti di rabbia.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Nando 8/7/12 0:54 - 3253 commenti

La serie che coincide con l'abbandono di Placido, mirabile esempio di servitore dello Stato pronto a tutto. L'intreccio narrativo affascina ed è credibile anche per l'interpretazione di Girone, che regala un personaggio misterioso e torbido contrapposto alla sottomissione della Cavallari. Affascinante la Mllardet (poco credibile però, almeno a parer mio, come magistrato in prima linea).
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Lucius  23/8/09 18:14 - 2700 commenti

Quarta miniserie televisiva sui fatti di cosa nostra. Molto valida nella sceneggiatura e soprattutto per le splendide location in cui è girata, ville d'epoca e palazzi rinascimentali. In questo si distingue dalle precedenti (e dalle successive). Gli intrecci sono appassionanti e la recitazione è più che dignitosa.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Nicola81 16/7/13 22:14 - 1599 commenti

L'ultimo capitolo che vede all'opera Placido è uno dei riusciti. Perelli insiste maggiormente sull'azione, ma può anche contare su un'impeccabile sceneggiatura del duo Petraglia/Rulli e su un cast di prim'ordine: Girone è al top, la Millardet un ottimo acquisto, la Cavallari una rivelazione, Cremer degno e ideale successore di Perier, Adorf commovente, Tusco un credibile uomo d'onore e perfino Pappalardo, che presta la sua maschera a un feroce e silenzioso sicario, fa la sua sporca figura. Ma inevitabilmente l'attenzione è tutta per l'epilogo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ultima puntata.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Furetto60 20/3/13 11:01 - 1129 commenti

Dopo la prima serie, di Damiani, la 4 è quella più intenso, si muove su più livelli, scava nei vari personaggi e ha un’interessante mistero. Qui Girone offre la massima interpretazione di Tano, sfruttato in tutte le sue potenzialità, ma sono un po' tutti a proporre una prova memorabile. Non facile far rivivere e spiegare, oggi, l’atmosfera di attesa, nella primavera dell’89, per l’ultima puntata. Sui giornali, alla tv, al bar, in ufficio si parlava della possibile morte di Cattani, anche per scelta di Placido.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Aciduzzo che rivede la figlia; La scena finale; Il confronto Tano Ester; Il perfido Espinosa; Il Puparo.
I gusti di Furetto60 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Lythops 26/11/14 11:45 - 972 commenti

Delle prime quattro stagioni sicuramente la migliore, anche per il notevole coraggio nell'affrontare il tema della corruzione economica e politica. La stagione riscatta pienamente quella precedente, a dir poco insipida. Ottimi attori, primo fra tutti Girone che conferisce al personaggio venature di ipocrisia e dramma a dir poco sorprendenti e Adriano Pappalardo. È da "La Piovra 4" che i partiti si attiveranno per bloccare la produzione delle serie successive, in parte riuscendovi. Morricone compone musiche assolutamente perfette.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Jorge 14/2/11 13:23 - 164 commenti

Punto di non ritorno di Cattani, il quale riuscirà a sventare un traffico internazionale di rifiuti nucleari e a far ricongiungere un padre con la sua figlia (Acidduzzu è un po' il suo alter ego); trova anche l'amore di un magistrato forte e volitivo, ma è consapevole del destino che lo attende. Serie girata con grande perizia da Perelli; crude e violentissime alcune scene, dato che la sceneggiatura di Petraglia e Rulli ricorda, ad ogni puntata, che la fine del commissario è ineluttabile. Ottime le musiche (sempre di Morricone), finale da masterpiece.
I gusti di Jorge (Giallo - Horror - Thriller)

Stuntman22 30/9/15 20:41 - 103 commenti

Girone e Cremer: due "cattivi" dal diverso e irresistibile carisma, entrambi mossi dall'avidità e dall'ambizione. Sono loro la miccia che innesca questa quarta serie dello sceneggiato, che ormai vira sempre più verso il "complotto internazionale", con una storia ben congegnata. Bellina la Cavallari, ma il suo personaggio, messo al centro di una sottotrama poco realistica, non brilla certo per personalità. Appare per la prima volta la Millardet, a fianco di un ormai crepuscolare Cattani.
I gusti di Stuntman22 (Avventura - Azione - Poliziesco)