Dove è stato girato Otto e mezzo - Film (1963)

LOCATION DEL FILM GIÀ TROVATE

M Roma • L'ex baraccopoli di Via dell'idroscalo

L'astronave, ovvero l'enorme scenografia costruita per il film di Guido (Mastroianni)

Filacciano (Roma)

Il luogo dove Mastroianni conduce la Cardinale per mostrarle dove interpretare il film

Viterbo

Il collegio dove Guido Anselmi (Mastroianni) da ragazzo (Gemini) riceva una severa educazione

Roma

La tomba di famiglia dove, in sogno, Guido Anselmi (Mastroianni) incontra la madre (Rissone)

Roma

Il grand hotel La Fonte e l'antistante piazza della località termale dove Guido sta in cura

Roma

La stazione ferroviaria della località termale dove giunge Carla (Milo)

Roma

La spiaggia dove i collegiali vanno a vedere la "Saraghina" (Gale) ballare una sensuale rumba

LOCATION VERIFICATE

7 post
  • Dove è stato girato Otto e mezzo?
    Qui di seguito le location del film che sono state da noi verificate, controllate e inserite nel radar (quando non di passaggio).
  • Manfrin • 29/04/13 11:42
    Servizio caffè - 480 interventi
    Il luogo dove Guido (Mastroianni) conduce Claudia (Cardinale) per mostrarle dove vorrebbe che lei interpretasse una scena del fantomatico film che egli sta progettando è Via delle Cantinacce a Filacciano (RM).


  • Roger • 28/01/17 00:03
    Fotocopista - 2919 interventi
    Il collegio dove Guido Anselmi (Mastroianni) da ragazzo (Gemini) riceva una severa e oppressiva educazione è l'Istituto Tecnico Commerciale Statale Paolo Savi in viale Raniero Capocci 36 a Viterbo. Il cortile dove i collegiali giocavano a pallone oggi è occupato dalla palestra dell'istituto, costruita successivamente. Dietro al muro sormontato da una rete da dove alcuni ragazzi assistono alla partita era stato posto un fondale per occultare gli altri edifici circostanti.




    La via dove Guido, con alcuni compagni, fugge dal collegio per andare a trovare la "Saraghina" (Gale) sulla spiaggia è l'attigua via Antonio Del Massaro:


  • Roger • 30/01/17 09:40
    Fotocopista - 2919 interventi
    LE RICOSTRUZIONI ALLA CECCHIGNOLA
    Almeno due sono le importanti location che Fellini ha ricostruito all'interno della città militare Cecchignola in via della Cecchignola a Roma.

    LA TOMBA DI FAMIGLIA
    La tomba di famiglia dove, in sogno, Guido Anselmi (Mastroianni) incontra la madre (Rissone) che se ne prende cura e il padre defunto (Ninchi). Essendo un sogno la location non appare come un cimitero normale bensì come un luogo desolato, sinistro, surreale: siamo all'estremità di un terreno compreso tra un muraglione tuttora esistente e un lungo porticato (in seguito demolito) già visto dall'interno in Polvere di stelle. Qui si vede il particolare muraglione alle spalle:




    Qui una visuale dall'interno della tomba. Notare i pilastri superiori del porticato scomparso e la corrispondenza con Polvere di stelle (1973) (intonacati fino a un certo ponto e poi con i mattoni a vista):




    IL GRAND HOTEL LA FONTE
    Il grand hotel La Fonte e l'antistante piazza della località termale dove Guido Anselmi (Mastroianni) trascorre un periodo di cura sono stati ricostruiti sempre qui, guardando al celebre casinò Paradiso del mare di Anzio. Qui vediamo Guido seduto ai tavolini della piazza; dietro si notano il porticato demolito e dietro ancora il muraglione tuttora esistente:



    Per nostra fortuna, nella location della tomba il muraglione presentava una copertura in legno pressoché continua, che viene a mancare in prossimità della tomba facendoci capire quale punto del muraglione si inquadra dietro il porticato (quello senza copertura in legno cioè):



    Qui sulla destra si vede un edificio (A) abbellito con decorazioni Liberty (che chiameremo "Casa Liberty") e che confrontiamo con un edificio gemello non coperto dagli alberi come quello originale:




    Qui vediamo Casa Liberty (nel punto B) inquadrata per lungo e in fondo l'hotel La Fonte. Si tratta in realtà di un fondale (alto pochi metri) riproducente l'ex casinò Paradiso del Mare di Anzio, posizionato sopra la casa successiva dietro il filare di pini. Negli anni i pini sono notevolmente cresciuti:




    Sul lato opposto di viale dei Bersaglieri è stato costruito appositamente un porticato con vari negozi (tra cui una casa d'aste e un concessionario d'auto) davanti ai quali Guido incontra la moglie la sera prima:



    La finzione scenografica viene tradita da questa assurda apertura in cui dietro i negozi si scorge un prato. Difatti ancora oggi, tranne alcuni recenti edifici, lì c'è un vasto prato:




    In questa visuale aerea ci sono tutti i particolari, sia la tomba che la piazza:

  • Ellerre • 2/02/17 09:01
    Call center Davinotti - 1203 interventi
    La stazione ferroviaria della località termale dove giunge Carla (Milo) è in realtà un capannone allo scalo San Lorenzo di Roma. C'erano due ipotesi prevalenti, ma non dimostrate, quindi si son dovute analizzare. Eliminata quella che diceva fosse la rimessa del treno presidenziale a stazione Termini, visto che per quanto simile il posto non corrispondeva, rimaneva quella di CC 49 e Arnaldo Vescovo come descrizione alla scena su Youtube. E avevano ragione, per quanto all'inizio sussistessero molti dubbi anche qui per la differenza della vetrata sulla facciata principale:




    Poi però una celebre foto di scena del film mostra bene le finestre del capannone non visibili del film, e qui come ha notato Roger in questa immagine la somiglianza era notevole (per la grandezza delle finestre, la distanza tra loro...):



    Restava il problema della vetrata, diversa oggi anche nella grata in ferro. In questo è arrivato di nuovo in soccorso Roger, che ha portato l'elemento decisivo ovvero un fotogramma dal ferroviere (1956), di Germi, in cui viene inquadrato finalmente il capannone dello scalo com'era al tempo, con la sua bella facciata identica a quella del film di Fellini. L'elemento decisivo (dall'interno verso sinistra si vede un muro che è quello oltre la quale passa la Prenestina):




    La locomotiva Ne. 120 (si vede la sigla nel film) è una di quelle diesel da manovra, chiamata "Truman", specifica Orsobalzo, mentre Roger fa notare come per l'allestimento della stazione...



    ...si sia ricorsi allo stesso tipo di balaustre utilizzate nella "Casa Liberty" (A) alla Cecchignola, dove come abbiamo visto è stato ricostruito l'Hotel della Fonte:

  • Roger • 7/02/17 00:01
    Fotocopista - 2919 interventi
    L'astronave, ovvero l'enorme scenografia costruita per il film di Guido Anselmi (Mastroianni), nei pressi della quale egli deve affrontare nel finale una concitata conferenza stampa, era costruita lungo via dell'idroscalo a Ostia (RM), su un terreno che al tempo si presentava piatto e spoglio e si spingeva fino alla spiaggia deserta. Oggi la zona ospita un'oasi naturalistica recintata, mentre il tratto di spiaggia è scomparso in seguito alla costruzione di un porto turistico. In questo fotogramma vediamo una colonna d'auto in visita notturna alla scenografia. Le auto imboccano l'ingresso che si trova sulla destra: notare l'edificio A e, alla destra dell'uomo in canottiera, la parte culminante della Torre San Michele:




    Per cui, se ricostruita, l'astronave la vedremmo qui:




    Qui vediamo la torre San Michele: la torretta superiore (in realtà un faro dell'idroscalo aggiunto sulla torre seicentesca) è decentrata rispetto alla base e questo ci permette, ricercando la stessa prospettiva, di determinare la posizione dell'astronave:




    In questa mappa i punti identificati (in rosso il percorso dell'auto) e la posizione in cui si ritrovava l'enorme scenografia (dove poi sorgerà la baraccopoli che vedremo in molti film):

  • Fedemelis • 8/02/17 10:02
    Fotocopista - 2139 interventi
    La spiaggia dove i collegiali vanno a vedere la "Saraghina" (Gale) ballare una sensuale rumba è in Via Passo della Sentinella, località Isola Sacra, a Ostia (RM). La "Saraghina" sbuca da una fortificazione piuttosto affossata in una spiaggia ed è molto probabile che tale costruzione sia autentica, in quanto nella zona, durante la seconda guerra mondiale, i tedeschi ne hanno costruite diverse per contrastare il possibile sbarco degli alleati. Grazie a Roger per fotogramma e descrizione. Ecco la costruzione (oggi scomparsa)...



    ...e qui, subito alla destra, si intravedono tre chiari riferimenti...



    ...maggiormente riconoscibili in questo ingrandimento e che ritroveremo nel film Le streghe (1967), film con cui facciamo un cronfronto e al quale rimandiamo per la dimostrazione:




    Da questo confronto si deduce che la fortificazione fosse in questo spazio:



    Curiosità: Sullo sfondo di questo fotogramma, dietro il Guido Anselmi ragazzo (Gemini), si intravede la scenografia dell'astronave...



    ...che Guido Anselmi adulto (Mastroianni) farà costruire all'idroscalo di Ostia:

  • Zender • 9/02/17 08:03
    Capo scrivano - 47807 interventi
    Bravi Fedemelis e grazie a Roger per la sistemazione del post.