LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/03/20 DAL BENEMERITO VON LEPPE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Von Leppe 7/03/20 11:58 - 1072 commenti

I gusti di Von Leppe

Molto somigliante al vero Ligabue (grazie al trucco, che oggi fa miracoli), Elio Germano si comporta anche in modo simile, come si vede nei filmati d'epoca; dai quali però si capiva quello che dicevano sia il pittore che le altre persone, mentre il film è quasi tutto parlato in dialetto stretto e per l'intera durata della pellicola tocca sorbirsi i sottotitoli: scelta poco condivisibile. Per il resto un buon lavoro, soprattutto nella scelta dei luoghi e nella fotografia. La trama forse poteva essere più incisiva.

Lou 31/08/20 00:08 - 1007 commenti

I gusti di Lou

La storia di Antonio Ligabue, dalla triste infanzia in affido in Svizzera all'affermazione come artista in terra emiliana negli anni '50 narrata con lo stile netto di Diritti. L'ambientazione contadina emiliana, valorizzata da una fotografia eccellente, e l'uso del dialetto (con sottotitoli) attribuiscono autenticità ed efficacia al racconto. Ottima la prestazione di Germano.

Bruce 31/08/20 10:09 - 1006 commenti

I gusti di Bruce

Impossibile fare di meglio per raccontare la vita del pittore svizzero emiliano. Dall'infanzia strappata alla madre naturale all'adolescenza difficile e sofferta, dalle nevrosi e i disturbi comportamentali alla scoperta del talento sulle rive del Po, le amicizie e gli affetti, quindi il successo sino alla malattia e alla morte. E' il ritratto fedele di un uomo selvatico, girato con amore da Diritti, che ne rende omaggio scegliendo inquadrature pittoriche e una fotografia delicata, i volti e le espressioni di una provincia d'altri tempi. Elio Germano straordinario. Musiche importanti.

Xamini 7/10/20 18:35 - 1043 commenti

I gusti di Xamini

Fotografia e ambientazione campagnola contribuiscono a fornire la cornice più adatta al mostruoso lavoro di Elio Germano che si trasfigura letteralmente nel pittore svizzero emiliano. Tuttavia il film viene un po' a fatica, perché, invece di tentare la via del racconto organico, traccia un ritratto per frammenti, incisivi, significativi, aderenti al personaggio quanto si vuole, ma confluenti in un insieme nevrotico, capace di mettere a prova. In sostanza un one man show attorno a questo malinconico, tormentato e folle genio, interessante soprattutto per chi ha amato l'artista.

Paulaster 15/01/21 10:21 - 3000 commenti

I gusti di Paulaster

Biopic sulla vita del pittore Ligabue incentrata perlopiù sulla componente umana che sui suoi lavori. Diritti si concentra sull’uomo, sull’infanzia che ne ha turbato la psiche e sulla sua ricerca di un’accettazione da parte del prossimo. I fatti pedissequi destano poche emozioni in quanto manca la connotazione del periodo storico (dopotutto siamo a cavallo della Seconda Guerra) anche se a livello ambientale l’uso del dialetto ci riporta all’epoca dei fatti. Germano ammirevole per lo studio della postura e anche della voce (gli autolesionismi son solo accennati).
MEMORABILE: L’incontro con la signora che lo accudì; Il desiderio di un bacio; Un quadro per una motocicletta; Con la statua a spalla.

Orietta Notari HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.