Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/04/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 27/04/07 08:44 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Lui e lei maturi si incontrano al carnevale di Ivrea e d'amblè si danno a tre giorni di sesso e riflessioni. Il sesso insomma (la Sandrelli in piena auge post-Chiave non si risparmia), ma le riflessioni sono sublimi. Si odono, declamate con convinzione degna di miglior causa, amenità tipo "Non riesco a partire", "Io ho sempre detto venire. Partire è un po' morire" (!), oppure "non capisco come si fa a dire a qualcuno 'brutto come il culo'" (e infatti chi l'ha mai sentito dire?) Devastante.

Matalo! 14/01/09 11:28 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Batti il ferro finchè è caldo (ovvero, tromba la Sandrelli finché è "Chiave") ecco questa bagatella in economia con la Stefania nazionale disponibilissima al more ferarum aggrappata al lavandino e Marzio (H)onorato pre-Posto al sole, prontissimi per una storia scandalo molto Anni Settanta, sesso clandestino tra adulti. Un bel filmino sulle arance d'Ivrea fa da collante al tutto. Parole finali (alla Rossella O'Hara): "Abbi cura di te". Visto solo per via della splendida Sandrelli mai così bella nella sua vita.

Undying 8/05/09 21:31 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Nel periodo del carnevale, ad Ivrea, tra due occasionali amanti sfocia un forte legame che dà corso ad un rapporto d'intesa sessuale destinato a risolversi in un breve arco di tempo. Soft porno d'ultima categoria, realizzato unicamente per solcare l'onda del successo ottenuto dalla Sandrelli, da poco proposta con malizioso titolo da Brass. La banalità del film risiede nel gioco a due tra sconosciuti, sviluppato senza il minimo senso dell'erotismo. Violentata, senza pudore, appare l'economia narrativa dell'intera storia, che si sarebbe potuta raccontare (magari anche meglio) in soli 20 minuti.

Mco 20/10/09 19:31 - 2255 commenti

I gusti di Mco

Splendida ambientazione (la storica e unica battaglia di Ivrea) per un plot scarso e poco inventivo, degno solamente di rappresentare la Sandrelli nuda per quasi tutto il tempo e disponibile all'amore in ogni luogo. La scena "del lavandino" a suo modo è cul(t) e assieme al corpo burroso e invitante della protagonista è una delle poche cose da salvare. Per chi non conosce la battaglia delle arance, questa rimane un'occasione per scoprirne alcuni (pochi) tratti distintivi. Per chi ama la Stefania un'occasione per vederla come mamma l'ha fatta. Per gli altri... amen.

Luchi78 9/03/12 14:49 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

In un film dove ogni incipit erotico viene smorzato dagli imbarazzanti dialoghi e dalla recitazione decisamente sotto le scarpe dei protagonisti, il risultato finale è scontato che divenga quasi comico. La Sandrelli in piena auge si mostra e si rimostra come mamma l'ha fatta, ma non basta per risollevare gli sfondoni di terrificanti inversioni di ruolo e sentimentalismi da scappatella tra adulti. Le musiche di Gino Paoli come i cavoli a merenda. Pessimo.

Giacomovie 20/01/13 20:07 - 1378 commenti

I gusti di Giacomovie

A Quaregna viene facile aprire la porta dell'erotismo di Stefania Sandrelli dopo che Tinto Brass ne aveva trovato la chiave appena un anno prima. Da lei si sprigiona una forza erotica semplice, naturale e dirompente che da sola sorregge il film. Senza di questa non ci sarebbe stato altro che un passabile contorno romantico, poco approfondito, e l'occasione di vedere che fine fanno quintali di arance siciliane a Ivrea. Tirandolo per i capelli, il giudizio è accettabile in funzione dell'oggetto del film.

Liv 21/11/16 16:35 - 237 commenti

I gusti di Liv

La storia è banale e è sorretta dalla nonscialante (nel senso che non sciala: relax & enjoy) recitazione erotica della Sandrelli e dal non malvagio documentario sul carnevale d'Ivrea (anche se montato a caso) ad alleggerire la noia delle sessioni amorose. Con qualche idea in più poteva anche funzionare. Il femminismo dell'epoca, assecondato dalla Sandrelli, è solo una banalità aggiunta per tentare di dare uno spessore a una storiella della quale ci importa poco o nulla.

Faggi 6/06/17 13:03 - 1529 commenti

I gusti di Faggi

Dopo lo spropositato successo de La chiave si pensa bene di cavalcare l'onda di una Sandrelli di rinnovata pelle erotica (lei sembra averci preso gusto) e si tenta, con sfrontatezza ottantiana, in una Ivrea che è un'ecatombe di vitamina C, di parlare d'amore in modo quanto più possibile originale, abbandonandosi al nudo artistico e alla dialettica disinibita, non tralasciando di cospargere l'insieme di notevoli dosi di zucchero a velo e sonorizzando con svenevolezze firmate Gino Paoli. Si tenta, dicevo, perché i risultati sono terrificanti.

Lamax61 9/12/18 12:49 - 30 commenti

I gusti di Lamax61

Non è un capolavoro e nemmeno un grande film, ma può piacere. Non poi tanto distante da Ultimo tango a Parigi, gli si può anche preferire: la provincia italiana che ormai se ne è andata, un'epoca con lei. La storia non è poi così banale e nemmeno distante dalla realtà. Un po' di volgarità in meno avrebbe giovato. Certo il burro è stata una trovata più raffinata. Sandrelli giunonica e brava. Honorato non del tutto credibile ma forse la sua normalità giova comunque.
MEMORABILE: Il celeberrimo dentifricio che rientra nel tubetto. Eccome!!!

Westonberg 25/02/20 01:04 - 31 commenti

I gusti di Westonberg

Ivrea. Durante il famoso carnevale lui (Marzio Honorato) e lei (Stefania Sandrelli) si conoscono e avviano una relazione più fisica che sentimentale. Un film non eccelso ma che se non altro regala più volte il corpo esibito e bellissimo di una Stefania Sandrelli al culmine del suo periodo erotico; il carnevale passa in secondo piano (talvolta gli intermezzi di Ivrea sono quasi fastidiosi). La regia sembra però sonnecchiare e la sceneggiatura si rivela sterile, per un film che cerca di far leva solo sulle grazie (e la bravura) di Stefania.
MEMORABILE: La scena del lavandino in cui le mani dei protagonisti si intrecciano.

Emilio Locurcio HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Buiomega71 • 11/03/15 17:11
    Pianificazione e progetti - 24127 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (martedì 27 gennaio 1987) di Una donna allo specchio:

  • Discussione Ruber • 11/02/16 19:13
    Contratto a progetto - 9145 interventi
    Perchè voti cosi bassi? E un film ben costruito, ben girato, scritto bene, una storia che può essere presa tranquillamente dalla realtà, faccio fatica a capire i commenti degli altri utenti.
  • Homevideo Ruber • 15/04/16 01:54
    Contratto a progetto - 9145 interventi
    Il dvd sopra descritto da Gest non e mai stato editato dalla Dall'Angelo, ma da Universal

    Il dvd Universal ha una aurata di 1h23m44s

    Formato: 1,78:1 Anamorfico
    Audio: Italiano 2.0
    Sottotitoli: Italiano

    Purtroppo niente extra.

    Screen a 27m45s

    Ultima modifica: 15/04/16 08:54 da Zender
  • Discussione Markus • 12/05/16 14:05
    Scrivano - 4811 interventi
    Si tratta dell'ottantiano Mila Schon eau de parfum (femminile):

    Ultima modifica: 12/05/16 14:26 da Markus
  • Discussione Ruber • 12/05/16 14:32
    Contratto a progetto - 9145 interventi
    Ottimo Markus come sempre il tuo è un occhio da vero profumiere;) e quello accanto? che ha la bottiglia di colore verde?
  • Discussione Markus • 12/05/16 15:44
    Scrivano - 4811 interventi
    Figurati, grazie. Quello accanto non sono certo che sia un profumo; mi pare uno shampoo (vedo le indicazioni dietro il flacone, che un edt non avrebbe).
  • Discussione Ruber • 28/06/17 21:59
    Contratto a progetto - 9145 interventi
    Finale malinconico e per nulla scontato.
  • Discussione Mco • 20/07/17 11:31
    Scrivano - 9935 interventi
    Bravo Roger per aver segnalato le location. Io ai tempi ero undicenne ma ricordo il trambusto per la città, molti miei amici reclutati come comparse e soprattutto lo scandalo che riuscì a suscitare. Ovvio che gli stacchi da un luogo all'altro sono "cinematografici", ovverosia si passa spesso da una via ad una piazza non attigua (e viceversa).
    Ma questa pellicola ha un fascino senza tempo, impreziosita dalla bellezza di Eporedia, più ancora della comu que splendida Sandrellona.
    Ultima modifica: 20/07/17 11:32 da Mco
  • Discussione Roger • 22/07/17 08:51
    Call center Davinotti - 2969 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Bravo Roger per aver segnalato le location. Io ai tempi ero undicenne ma ricordo il trambusto per la città, molti miei amici reclutati come comparse e soprattutto lo scandalo che riuscì a suscitare. Ovvio che gli stacchi da un luogo all'altro sono "cinematografici", ovverosia si passa spesso da una via ad una piazza non attigua (e viceversa).
    Ma questa pellicola ha un fascino senza tempo, impreziosita dalla bellezza di Eporedia, più ancora della comu que splendida Sandrellona.


    Grazie Mco, è da tanto che sapevo di questo film girato a Ivrea e quindi appena l'ho avuto a disposizione mi ci sono buttato. Conosco piuttosto bene Ivrea e devo dire che il film rende bene l'atmosfera elettrica ed eccitante del carnevale che solo chi c'è stato conosce bene
  • Discussione Lamax61 • 9/12/18 14:16
    Galoppino - 3 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    Perchè voti cosi bassi? E un film ben costruito, ben girato, scritto bene, una storia che può essere presa tranquillamente dalla realtà, faccio fatica a capire i commenti degli altri utenti.

    Concordo con te. Ho appena postato una recensione. Io lo preferisco al più blasonato ULTIMO TANGO. E non solo da quando mi è stato proibito il burro :-D