Tre colori: Film blu

Media utenti
Titolo originale: Trois couleurs: Bleu
Anno: 1993
Genere: drammatico (colore)
Note: Primo film della trilogia dedicata ai tre colori della bandiera francese. Seguìto da Tre colori: Film bianco e Tre colori: Film rosso. Leone d'oro al miglior film alla 50ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.
Numero commenti presenti: 19

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/08/07 DAL BENEMERITO RENATO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Renato 15/08/07 14:10 - 1512 commenti

I gusti di Renato

In questo primo film della trilogia, il tema è quello della libertà. Kieslowski però fugge dai facili simbolismi e dalle interpretazioni preconfezionate di certo cinema europeo e lascia che lo spettatore possa assaporare il suo bellissimo film senza guidarlo passo passo. L'elaborazione del lutto da parte di Julie è quanto di più inaspettato si sia visto sul grande schermo su questo tema. Un film aspro, visivamente straordinario, accompagnato da una musica (di Z.Preisner) che è ben difficile scordare dopo la visione.

Rebis 23/09/07 22:28 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Il capitolo più urgente della trilogia, ancora con l'odore dell'affanno, colto nello sforzo di liberarsi dal ricordo, dal passato, dalla sopraffazione dell'amore sul cuore aperto dell'uomo. Senza un equilibrio teorico sulla forma profonda del blu, Kieslowski si lancia nell'accecante vuoto che permette soltanto di abbozzare i tratti salienti di un'idea di libertà nel mondo; ci restituisce le densità imperscrutabili di una donna mai sola. Così aperto davanti ai nostri occhi, così imperfetto, da essere implacato e imperscrutabile.
MEMORABILE: Un esplosione di luce sul volto della Binoche; un occhio che riflette due corpi avvinghiati.

Galbo 17/02/08 08:48 - 11307 commenti

I gusti di Galbo

Film molto intenso, rappresenta la libertà nella simbologia dei colori di Kieslowski. Totalmente dominato dalla figura della protagonista (sempre presente sullo schermo) che offre la più sorprendente elaborazione del lutto vista al cinema (un duro e spietato mettersi il passato alle spalle) ma viene quasi con violenza riportata alla vita. Bravissima la Binoche, forse alla sua migliore interpretazione.

Supervigno 19/02/08 11:38 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

È il capitolo più emozionante, efficace e toccante della trilogia e narra la lenta rinascita della protagonista (una Binoche davvero bellissima e intensa nel suo riservato dolore) dopo il gravissimo lutto, che passa attraverso una nuova casa, lunghe e solitarie nuotate in piscina, una scoperta scioccante e liberatoria e, alla fine, anche attraverso la riscoperta e la continuazione del lavoro del marito musicista. La colonna sonora e il blu intenso dell'acqua che accoglie, protegge e infine libera la protagonista, sono indimenticabili.

Pigro 7/10/08 09:17 - 7698 commenti

I gusti di Pigro

Marito e figlia muoiono in un incidente e lei decide di ricominciare da zero. Primo film di una trilogia allegorica condotta con sguardo politico, tensione etica e sensibilità esistenziale. Algida e spiazzante nel suo personaggio di vedova "nuova", Juliette Binoche accompagna con intensità e umanità la riflessione accorata e ambivalente sulla società europea contemporanea operata da Kieslowski. E il bello è che un film così programmatico e idealistico riesca a emozionare (complice una musica potente) e perfino commuovere.

Pinhead80 14/10/09 15:16 - 3820 commenti

I gusti di Pinhead80

Quella che scaturisce dai film di Kieslowski è poesia allo stato puro e anche "Tre colori: Film blu" non fa eccezione. Il blu immerge tutto il film e rappresenta la libertà. Libertà di vivere la propria vita in prima persona e non come comparsa. Il dolore che soffoca l'amore in un blu accecante e che poi lo fa riemergere nell'incontro con l'altro. E così lo sfogo di un pianto (gesto più che naturale) che si doveva nascondere, diviene l'accettazione del passato e la voglia di ricominciare.

Mickes2 29/08/11 10:05 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Una delle elaborazioni del lutto più intense, struggenti e malinconiche che abbia mai visto. Regia virtuosa ed estetizzante mai fine a se stessa, ma abilissima nel corroborare il respiro ossessivo della colonna sonora alle immagini. Kieslowski tratteggia un dramma intimo in balia di un destino beffardo, mettendo in risalto le sfaccettature più profonde dell'animo umano: la totale disperazione di Julie diviene malinconica apatia, poi rabbia, desiderio, amicizia... e di nuovo amore. I ricordi passati come spiraglio per una vita nuova.
MEMORABILE: I primi venti minuti e il viso di Juliette Binoche.

Giacomovie 13/11/11 23:42 - 1338 commenti

I gusti di Giacomovie

Un film che sembra una poesia, dove Kieslowski utilizza metafore visive semplici, spezzettate ed intense. Ogni dettaglio è una proiezione dello stato d'animo della protagonista e viene utilizzato per comunicare tristezza e dolore, un dolore sublimato da un'apparente rinuncia alla vita che dall'altro lato nasconde un elevato amore per se stessa. La delicata espressività della Binoche è molto adatta per questo film dalla rilevante resa artistica, dove la musica diviene un mezzo di rinascita, sinonimo della libertà simboleggiata dal blu.

Homesick 27/03/12 18:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Il blu, colore della libertà nella bandiera francese, ascende da simbolo politico ad imperativo assoluto che sprona l’individuo a tagliare i ponti del passato, guardando ad esso con lucidità e disincanto; un processo liberatorio dell’io attuabile solo con la sua controparte, l’amore. L’opera si sublima nel volto della solista Binoche, gravido di pena trattenuta, rabbia silenziosa e gelida rassegnazione, nelle tonalità di blu che avvolgono morbidamente le fasi topiche e nelle sinfonie solenni e malinconiche di Preisner sulle parole in tema della “Lettera ai Corinzi” di S. Paolo.
MEMORABILE: Il particolare del guasto alla macchina che ne prelude il mortale incidente; le nuotate solitarie nel blu abbacinante della piscina.

Nando 22/08/12 11:53 - 3453 commenti

I gusti di Nando

Una donna annichilita dal dolore per la perdita della sua famiglia elaborerà un lutto del tutto particolare che nonostante tutto la porterà a importanti scelte. Il regista polacco regala un film importante con momenti rarefatti ma soprattutto con una meravigliosa indagine introspettiva della protagonista assoluta della vicenda, una Binoche lucidamente calata nel ruolo.

Rullo 31/03/14 21:54 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Una tragedia senza fine, al contempo brevissima e intensa. Kieslowski sceglie il filtro blu come filo conduttore e la musica come elemento massimo unificatore di una storia dal gusto retrò e splendidamente francese. Il volto di Juliette Binoche, spesso in primo piano, esprime anche solo con il silenzio più di quanto si possa fare con mille dialoghi. Tecnicismi incantevoli da parte del regista sono solo la ciliegina sulla torta di un film veramente splendido.

Paulaster 3/06/14 09:50 - 2671 commenti

I gusti di Paulaster

Pellicola ad alto tasso di immedesimazione per l’elaborazione di un dolore interiore. La Binoche riesce nella dolcezza del suo viso a dare numerose sfaccettature passando da una lucida negazione a una generosa amorevolezza e la fotografia coi suoi cromatismi e simbolismi dà lustro allo scavo. Regia a tratti poco fluida, ma fornisce richiami potenti alla vita e alle sue tragedie. Qualche dialogo didascalico che poteva essere ancora più diretto senza retorica.
MEMORABILE: La vecchietta che cerca di buttare la bottiglia; Il gruppo di bambine che si tuffano in piscina; La zolletta di zucchero impregnata di caffè.

Galeon77 25/02/16 10:57 - 14 commenti

I gusti di Galeon77

Avendo perso marito e figlia, una donna fa tabula rasa vendendo proprietà e recidendo legami col passato. Film dedicato al tricolore: col blu indica il primo imperativo della laicità francese, la libertè, imposta all'inizio (l'incidente), ricercata in seguito (la vita ai margini). Ma vita, legami vecchi e nuovi e passioni si riaffermano come unica vera libertà. Dialoghi misurati e sguardi nella solitudine sono connessi dalla musica che il marito, celebre compositore, aveva lasciato incompiuta.
MEMORABILE: Il leitmotiv parte spezzato e abbozzato all'inizio e poi riprende pian piano corpo, ma stravolto e modificato da nuove stratificazioni di vita.

Xamini 9/10/16 01:42 - 991 commenti

I gusti di Xamini

Di un'intensità straordinaria sono il volto della Binoche e il film tutto. E se tutti gli attori coinvolti svolgono egregiamente il proprio compito, sono proprio protagonista e regista a eccellere. Il senso, quello della libertà (o meglio della liberazione, dal dolore incontenibile), è qui incentrato su un gran tema musicale, un feto troppo prematuro per nascere, poi soffocato, eppure redivivo e infine nato. Il percorso è drammatico, sentito, umano.
MEMORABILE: Le due inquadrature sull'occhio; i momenti di dolore buio, incapace di interazione.

Almicione 25/05/16 01:16 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Lento, riflessivo e tragico fin dai primi minuti: caratteristiche tipiche dei grandi film. Kieslowski dimostra di essere un maestro alla regia costruendo riprese notevoli, salvo poi staccare numerose sequenze in anticipo, stridendo nettamente con la quieta atmosfera delle riprese. La protagonista è molto valida, ma il suo personaggio non conquista. Da evidenziare la fotografia che si adagia su tonalità bluastre, fredde, attinenti all'ambiente. Il finale lascia insoddisfatti e trasmette un senso di incompiuto. Da vedere, ma non è un capolavoro.
MEMORABILE: Il primissimo piano sull'occhio di Julie mentre il dottore le comunica della morte di suo marito e di sua figlia.

Gippal 18/12/16 18:08 - 75 commenti

I gusti di Gippal

Una sinfonia in blu dalle proporzioni mai davvero ampie, un contenitore di immagini poetiche sempre in rima ma senza mai parafrasi, Film Blu mi ha lasciato la stessa sensazione di una passeggiata pomeridiana in città, quando i tuoi occhi incontrano quelli di uno sconosciuto, alla Lévinas e per un attimo sei capace di visualizzare i suoi dolori più grandi. Visualizzarli e basta, senza empatia, senza giudizio. Capisci, passivamente e procedi silenziosamente su per il ponte.
MEMORABILE: Le lacrime di luce; La vecchietta che getta la bottiglia.

Thedude94 1/02/18 00:41 - 518 commenti

I gusti di Thedude94

Mettere in scena il dolore di una tragedia, si sa, non è semplice, ma per uno come Kieslowski nessun impresa è impossibile; e allora ci consegna una splendida e triste Binoche, che attraverso i suoi sguardi e le parole dirette ed efficaci mostra una voglia di riscatto e di libertà tipiche di una donna combattente. È proprio la libertà, qui rappresentata dal colore blu del titolo e della bandiera francese, il desiderio più profondo che attanaglia l'animo della protagonista. Nonostante qualche vezzo autoriale esagerato, il film risulta notevole.

Noodles 17/11/19 19:00 - 783 commenti

I gusti di Noodles

Primo film della trilogia dedicata alla bandiera francese, film sulla libertà intesa come liberazione dal passato, dai legami di ogni tipo. Ma chiudere col passato non è semplice e se ne accorgerà la protagonista, una strepitosa Juliette Binoche. La personalissima regia di Kieslowski ci mostra con grande sensibilità tutti i cambiamenti emotivi della donna, il tutto con una splendida fotografia. Il ritmo è però un po' soporifero e non tutti i salti di sceneggiatura convincono. Ma è da vedere.

Jandileida 23/02/20 08:48 - 1235 commenti

I gusti di Jandileida

Appena caduto il muro e alzatasi la cortina di ferro, Kieslowski, seppur con qualche autocompiacimento autoriale di troppo, alza un bell'inno alla libertà mettendo in scena una storia di elaborazione del lutto in cui il percorso di accettazione ha tutti i crismi di una lenta conoscenza di se stessi, in cui si lascia dolorosamente il prima per accogliere serenamente il dopo. Il ritmo non trascinante è compensato dalla bella prova della Binoche, gracile ma ferrea e da alcune buone pennellate registiche. Non un capolavoro ma sicuramente da vedere.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità T.garufi • 17/06/11 17:02
    Galoppino - 5 interventi
    Il film blu si apre con il fatidico incidente automobilistico (morirà il marito e la figlia della protagonista): la macchina era italiana, un'Alfa Romeo 164 (3000 cc a benzina) blu, fu l'ultimo modello dell'Alfa Romeo venduto negli Stati Uniti d'America ...
  • Discussione Raremirko • 8/04/19 21:25
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    * La Binoche si fece male davvero alla mano nella scena dove questa viene strofinata sul muro; ne portò le cicatrici per mesi. * Per poter interpretare tale film, la Binoche rifiutò Jurassic Park. * Un responsabile della produzione fu impegnato ore e ore a cercare una zolletta di zucchero che, secondo le precise istruzioni del regista (relativamente ad una scena in un bar), non doveva impregnarsi di caffè ne in 3 secondi, ne in 11 (la durata ideale era quindi stimata sui 5 secondi). Alla fine, dopo decine di zollette non idonee, ne venne trovata una che faceva tutto ciò in 4 secondi e mezzo. Kieslowski motivò tutto ciò in virtù del fatto che un'inquadratura della zolletta superiore ai 5 secondi avrebbe stressato lo spettatore; inoltre secondo lui tutto ciò era anche utile a fini narrativi. Fonte: extra del dvd Bim.
  • Discussione Raremirko • 13/04/19 21:18
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    Buono, il migliore della trilogia assieme a Film Rosso, e molto ben sostenuto dalla Binoche; la musica c'entra molto qui (è vista come liberazione dal dramma e come occasione per unire persone tra loro lontane) e tutto è sincero e ben diretto. La Delphy, accreditata nei credits, mica l'ho vista... Molta attenzione viene data al dettaglio (vedere curiosità...)