Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/04/07 DAL BENEMERITO CAESARS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 6/04/07 12:47 - 3036 commenti

I gusti di Caesars

Tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Tabucchi, è un buon film ottimamente interpretato da Marcello Mastroianni. Narra di un giornalista, il Pereira del titolo, che si troverà suo malgrado a prendere coscienza politica di quanto sta avvenendo intorno a lui (siamo nel Portogallo degli anni '30). Il limite maggiore del film risiede negli attori che fanno da contorno a Mastroianni (la Braschi e Dionisi) per il resto funziona molto bene. Molto fedele al romanzo.

Galbo 15/02/08 05:31 - 11694 commenti

I gusti di Galbo

Da un bel romanzo di Antonio Tabucchi, una buona trasposizione cinematografica realizzata con cura da Roberto Faenza. Il film si segnala per la buona ricostruzione della Lisbona oppressa dalla dittatura (che ovviamente comportava grandi limiti delle libertà individuali ben mostrate dalla sceneggiatura del film) alla fine degli anni '30. Buona interpretazione di Marcello Mastroianni mentre il resto del cast non appare all'altezza. Pregevoli anche la fotografia e le musiche di Morricone.

Matalo! 30/07/08 10:36 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Penosa riduzione di un non così bel romanzo di Tabucchi. Non basta avere un Mastroianni sempre grande, sempre umano, caratteri esaltati dalla senilità. Faenza è un regista che non ama l'immagine (gravissimo visto che fa il regista). Oltretutto scegliere Nicoletta Braschi in un ruolo dove ci si doveva attendere una rossa sensuale mi pare un grave caso di miscasting. Peggio del libro assolutamente.

Cotola 10/11/08 00:31 - 8040 commenti

I gusti di Cotola

Terrificante riduzione cinematografica di un libro già di per sè non così bello come dicono, che viene nettamente peggiorato sullo schermo. Colpa di una sceneggiatura a dir poco ridicola e soprattutto della regia inetta e superficiale di Faenza, che ha fra le tante colpe quella di aver scelto Nicoletta Braschi (cagna come al solito) per un ruolo in cui ci sarebbe voluta una donna bella e sensuale. Ma per piacere! Dal disastro totale si salva solo il grande Mastroianni.

Nando 17/06/10 15:04 - 3581 commenti

I gusti di Nando

Trasposizione cinematografica del romanzo di Tabucchi, il film perde molto vigore rispetto al libro a causa di una narrazione lenta e svogliata e di un cast, Mastroianni a parte, poco azzeccato. La presa di coscienza del giornalista portoghese davanti all'avanzata dittatoriale di Salazar è narrata manieristicamente e con immagini patinate all'inverosimile.

Il Dandi 11/10/10 23:16 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Tutti i pregi e i limiti del romanzo emergono con chiarezza: un protagonista di simpatica umanità, ambientazione evocativa... ma i nobili ideali sono superficiali, i buoni sentimenti stucchevoli, ed è esasperante (anche nel libro) la voce off che si compiace di ripetere all'infinito l'indovinato ritornello del titolo. Nobilitato dall'interpretazione di Mastroianni, che ci mette il sangue (visto il suo decadimento fisico). Ma tutti gli altri sono fuori parte.
MEMORABILE: La falsa telefonata al ministero per far pubblicare l'articolo in prima pagina.

Pigro 19/10/10 06:44 - 8513 commenti

I gusti di Pigro

A parte lo splendido soggetto di Tabucchi, le cose più affascinanti del film sono la ricostruzione storica e l'ambientazione negli scorci più suggestivi del Portogallo. Per il resto, la storia del giornalista culturale apolitico che viene sollecitato suo malgrado dagli eventi che lo circondano risulta trasposta in modo quasi calligrafico e un po' opaco, con attori diretti male o proprio inadeguati (Braschi in testa), tra i quali riesce a ritagliarsi una buona performance solo Mastroianni. Una bella occasione risolta in un compitino senza nerbo.

Lythops 10/04/11 17:32 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Il film, dopo un ottimo inizio, scade rapidamente nel banale e a volte nell'irritante a causa dell'indecorosa recitazione, per lo più della Braschi. Si salvano Mastroianni (non per nulla David di Donatello 1995), l'insopportabile portinaia e, in parte, Daniel Auteuil. La prestazione migliore l'ha data in ogni caso Ennio Morricone con lo splendido tema percussivo e l'orchestrazione.

Saintgifts 2/04/12 14:35 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Un film senz'anima e senza interpreti adeguati (Mastroianni a parte, unico motivo, assieme alla colonna sonora, per visionare il film). La regia è pessima e la sceneggiatura un insieme di spezzoni che non riescono a legare e a dare fluidità alla storia. La magnifica Lisbona non basta a sostenere (credo lo direbbe Pereira stesso) questo lavoro che giudico un'occasione malamente sprecata di trasportare sullo schermo il vero senso del romanzo del compianti Tabucchi.

Almicione 10/09/13 13:02 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Il fortunato romanzo da cui è tratto il film mi è piaciuto principalmente per due aspetti: per l'originale leitmotiv "sostiene Pereira" e per il lodevole modo in cui Tabucchi sottolinea il progressivo spostamento del protagonista da una completa indifferenza all'impegno politico; ma nella pellicola di questo c'è ben poco e tutto il resto non è una gran cosa: i dialoghi sono mal formulati e talvolta forzati quindi irreali; le riprese sono mediocri e alcune sequenze sono come mozzate; il cast (eccetto il grande Mastroianni) è mediocre.

Marcello Mastroianni HA RECITATO ANCHE IN...

Vitgar 25/06/14 09:25 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

In una Lisbona appiccicosa dell'estate del '38, con la seconda guerra mondiale incombente, un mite giornalista sedicente apolitico, preparatore di necrologi anticipati, prende progressivamente coscienza politica ma soprattutto umana e sociale del suo tempo. Tra una frittata e l'altra con origano e senape si rende conto che la conquista della libertà richiede impegno e partecipazione. Buona la resa del gioiello di Tabucchi. Mastroianni stratosferico e il fado fa il resto. Grande film!

Lou 24/06/15 23:25 - 1046 commenti

I gusti di Lou

Decisamente poco riuscita la trasposizione di Faenza del romanzo di successo di Tabucchi, piatta e inadatta a trasmettere la necessaria partecipazione emotiva per le drammatiche vicende storiche e umane narrate. Difficile comunque non affezionarsi anche nel film alla figura del dottor Pereira, anti-eroe per definizione, giornalista remissivo appassionato di letteratura ed estraneo alla politica, ben interpretato da Mastroianni. La scelta del resto del cast appare invece poco azzeccata.

Magi94 30/06/17 21:43 - 770 commenti

I gusti di Magi94

La trasposizione del capolavoro di Tabucchi parte senza convincere poi troppo, causa qualche sequenza un po' sballata e la (ahimè!) presenza della Braschi. Ma poi il film ingrana, grazie anche a Mastroianni che è davvero bravo (nonché molto più simpatico che da giovane, ma ci credo...) e verso il finale la regia tocca livelli magistrali. Meravigliosa l'ultima scena, davvero commovente e magnificamente accompagnata dalle musiche di Morricone. Sarà anche per questo che non riesco a dare meno di ***!.

Pessoa 20/01/19 11:54 - 1684 commenti

I gusti di Pessoa

Difficile compito, quello di Faenza, che si propone di rendere in immagini il capolavoro di Tabucchi. Qualcosa si perde per strada (la Lisbona "deserta e torrida"), ma l'immensa caratterizzazione di Mastroianni accompagna l'evoluzione della coscienza politica di Pereira in modo sopraffino fino a un epilogo molto potente. Regia attenta a ricostruire il clima di terrore del Salazarismo e buon cast, dove emergono un giovane Dionisi e i portoghesi Almeida e Breyner, che raccontano con rabbia una dittatura vissuta sulla loro pelle. Molto bello!
MEMORABILE: Il dialogo fra Mastroianni e Breyner; La scena finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.