La ragazza che sapeva troppo

Media utenti
Titolo originale: The Girl with All the Gifts
Anno: 2016
Genere: horror (colore)
Note: Dal romanzo omonimo dello scrittore inglese Mike Carey, autore anche della sceneggiatura
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/07/18 DAL BENEMERITO DANIELA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daniela 31/07/18 12:01 - 9218 commenti

I gusti di Daniela

Un fungo parassita ha infettato buona parte degli umani, trasformandoli in morti ciondolanti che diventano famelici con l'odore del sangue. A differenza degli altri zombi, alcuni bimbi infetti hanno conservato capacità cognitive.... Horror di chiara matrice boyliana ma non derivativo: la trama, che presenta risvolti da "enfant sauvage", risulta meno banale rispetto alle pellicole dello stesso genere e sfocia in un bel finale enigmatico. Discreta la tenuta con alcune sequenze ansiogene e curata la caratterizzazione dei pochi personaggi, affidati ad un buon cast.
MEMORABILE: Quatti quatti fra gli zombi pietrificati; "Vuoi un gatto'" "Ho già fatto"; Le "lezione" finale

Pesten 15/07/19 20:26 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Le pellicole albioniche a tema zombi riescono a distinguersi ogni volta per un approccio diverso, o perlomeno personale nonostante il contesto stra-abusato. Vale anche per questo film, che nonostante tutto riesce a vivere di vita propria grazie a una storia quasi nuova (la ragazza) nella storia (il mondo colpito da epidemia). Si punta molto sullo scavare nell'essenza dell'uomo (in questo caso i protagonisti adulti) e del "mostro", identificato nella bambina. Tra qualche alto e qualche basso si arriva a un finale un po' stiracchiato. Decente.

Taxius 28/08/19 11:42 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Un fungo parassita ha trasformato gli uomini in zombi famelici ma un gruppo di bambini sembra essersi evoluto diventando un misto tra uomo e zombi, famelico ma dalle capacità cognitive perfettamente funzionanti; i pochi superstiti umani cercano di analizzarli per trovare una cura. Visione originale e interessante del non morto a cui viene dato un cervello non da mangiare ma con cui pensare. Purtroppo la trama non sfrutta bene la buona idea di base e finisce per incagliarsi nel solito militari e scienziati pazzi. Finale deludente.

Gestarsh99 30/09/19 17:00 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Originale e in alcuni tratti toccante variatio pedocentrica sul topic imperante della Deadpocalypse, che propone insolite riflessioni schrödingeriane sulla duplice condizione bio(il)logica del morto vivente "di seconda generazione", bipolarmente condannato a un cannibalismo periodico quanto mai irreprimibile. Punto di forza principale, la splendida interpretazione della piccola Sennia Nanua, mini-star britannica in grado nonostante la giovane età d'imprimere convincentemente al proprio personaggio carisma, senso di responsabilità, altruismo disinteressato e desiderio di accettazione e umanità.
MEMORABILE: La favola scritta e letta in classe dalla piccola Melanie.

Pumpkh75 14/10/19 13:22 - 1299 commenti

I gusti di Pumpkh75

28 film dopo, le ormai pregiudiziali riserve sul genere si accasciano prima davanti alla curiosità per l’incipit nel bunker militare poi dinanzi a mille momenti: una fuga on the road ma la road non c’è più, morti veloci come proiettili e dormienti come virus, il nuovo Eden fruttifero di spore floreali e una ferale lezione finale alla nostra natura impartita dal più umano degli istinti. Già detto tutto? Sì, ma la capacità di trascinare lo fa sembrare qualcosa che mancava da vent’anni. Solo la Close non risorge. C’è un futuro dopo Walking dead.

Minitina80 30/12/19 08:46 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Ancora una volta l’umanità viene rappresentata sull’orlo del baratro, pronta a collassare. Questa volta la variante è individuata in un fungo che trasforma gli uomini in “famelici”. Data la saturazione del genere ci si deve ritenere fortunati che le scene cruente non siano preponderanti, lasciando spazio a un discorso più ampio, ma posto non sempre brillantemente. I richiami alle opere di George A. Romero non mancano, (Il giorno degli zombi in particolare), ma non potrebbe essere altrimenti.
MEMORABILE: In negativo il titolo italiano.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Daniela • 31/07/18 12:02
    Consigliere massimo - 5071 interventi
    Horror di un paio di anni fa, distribuito in sala in molti paesi ma non in Italia, ora disponibile doppiato in italiano sulla piattaforma Netflix.
  • Discussione Gestarsh99 • 6/10/19 17:31
    Scrivano - 14063 interventi
    Visto tre anni or sono e piaciuto parecchio (voto ***1/2).

    Rivisto tre anni dopo e ripiaciuto tanto ma con alcune riserve sulla seconda parte, che rispetto alla prima perde alcuni colpi e scende un po' di livello per alcune affrettate facilonerie di sceneggiatura (voto revisionato a ***).

    In tutto ciò, grande prova immedesimativa della piccola ma enorme (interpretativamente) Sennia Nanua, in un personaggio "umano/non umano/troppo umano" serio candidato al posto ufficiale di Bub del terzo millennio.

    P.S. No comment sulla scelta del titolo italiano, a dir poco "capatondesco".