Ragazze interrotte

Media utenti
Titolo originale: Girl, interrupted
Anno: 1999
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 13

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/07/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 14/07/07 12:44 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Ragazza di buona famiglia con "problemi di personalità" viene ricoverata in un ospedale psichiatrico, dove trova adeguata compagnia... Pallosissimo drammone manicomiale con cast lussuoso, ma - con la scusa dei disturbi psichici - lasciato senza briglie. Ovvia conseguenza un'infilata di aspiranti scene madri, fra urlate e strabuzzamenti d'occhi. Chissà se la Ryder ha rubacchiato qualcosa sul set. Evergreen della programmazione estiva in perenne lizza con Milan-Vattelappesca e Il peggio di Rete4, decisamente preferibili

Redeyes 3/06/08 12:06 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

Non è un must ma nemmeno un cattivo film, per quanto cattivelle (pur a giusto titolo) le ragazze lo siano. Spiace una Jolie così conciata, eppur molto brava, piace una scialbetta Ryder, che ben regge la scena. La storia non è affatto male e non strizza nemmeno troppo l'occhio ad eccessivi sentimentalismi spesso presenti in tali pellicole. Tutto sommato è un piacevole, crudo a tratti, film che una visione la merita!

Scarlett 9/07/08 15:36 - 307 commenti

I gusti di Scarlett

Film interessante, tratta di una giovane intorno alla fine degli anni '60, Susanna, alla quale viene diagnosticata la sindrome di Borderline e viene rinchiusa in manicomio. Qualche tratto forse è troppo superficiale per l'argomento trattato, però mai piatto e si lascia seguire bene fino alla fine. Un cast molto riuscito e credibile, in primis la performance della Jolie che le è valso l'Oscar. Veramente notevole e da ricordare anche l'apparizione di uno dei personaggi che più ho amato vedere all'azione, Whoopi Goldberg.

Capannelle 9/04/09 11:03 - 3702 commenti

I gusti di Capannelle

In mezzo a due ore da encefalogramma piatto si staglia la vigorosa prova della Jolie che la porta all'Oscar come miglior attrice non protagonista. La Goldgerg fa una comparsata, la Ryder non riesce ad esprimersi o almeno è ingabbiata in un personaggio poco coerente. Il film infatti appassiona poco, presenta tutto e niente al tempo stesso. Mangold indugia continuamente e non sa approfittare della buona colonna sonora.

Ciavazzaro 4/10/09 11:54 - 4759 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Medio. Comincia bene, ma il finale non mi convince troppo (anche se la disperata corsa nei sotterranei ha un che di gotico). Brava la Ryder, leggermente sopra le righe la Jolie, buon cast di contorno. Non del tutto riuscito, ma neanche completamente stroncabile.

Stefania 19/01/10 01:28 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

E' una clinica psichiatrica, Claymoore, o una casa di (problematiche) bambole? C'è un'ambivalenza, in queste ragazze: la voglia di far emergere la propria complessa verità al di là della diagnosi medica che le etichetta, e l'aggrapparsi proprio a quelle etichette come margini di definizione della loro personalità ancora irrisolta. Il film non è immune da luoghi comuni sulla malattia mentale, ma il rapporto di odio-amore tra Susanna e Lisa è tra i più autentici e dolorosi. Discreto film!

Galbo 21/01/10 07:37 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Il sempiterno filone hollywoodiano dei film dedicati ai personaggi "psichiatrici", che ha uno degli esponenti più illustri in Rain Man, trova discreta espressione con questo film di James Mangold ambientato in un istituto per disadattati e soggetti dalla personalità deviata. Una buona sceneggiatura ed una riuscita caratterizzazione ambientale sono gli elementi migliori del film che si avvale anche di efficaci prove del cast.

Deepred89 30/09/10 14:16 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Filmetto hollywoodiano senza infamia né lode, molto hollywoodianamente soft nei contenuti, con una clinica psichiatrica che sembra un albergo, pazienti (pazze ben poco pazze) che entrano ed escono (di nascosto, ma quasi la cosa non si nota) a loro piacimento, Whoopi Goldberg come infermiera (altro che Nido del cuculo!) e un'atmosfera "di formazione" che rende il tutto piuttosto rilassante. Quà e là compare qualche scena tesa, ma ciò che segue smorza subito la tensione. Cast (la Jolie su tutte) e confezione di buon livello. Si può vedere.
MEMORABILE: Il modo in cui è preannunciato il suicidio.

Satyricon 6/09/10 18:43 - 147 commenti

I gusti di Satyricon

Film dalla trama difficile quanto la realizzazione, che porta all'attenzione un mondo molto spesso sconosciuto e guardato con occhi superficiali. Pregevole la prova della Jolie che interpreta una personalità molto difficile, come pregevole la prova della ormai scomparsa Murphy; la meno convincente è la Ryder che non entra pienamente nel suo ruolo. Importante spaccato di un mondo che esiste ed è difficile da digerire e comprendere. Buona la regia che tiene salde le redini del film.

Paulaster 24/02/15 10:21 - 2731 commenti

I gusti di Paulaster

L'ambiente psichiatrico non è nuovo, almeno qui si gioca sul carattere femminile. Sebbene più che un ricovero sembri un albergo dove ognuna va a spasso, vengono proposti momenti anche forti. In ciò vedo un accostamento col disagio giovanile, con gli impulsi suicidi tipici dei teenager e delle pazzie dell'immaturità. La Jolie è a suo agio nei panni di bad girl; la Ryder è più sfaccettata e sofferta. Ambiente patinato anni 70 che smorza i toni e colori pastello a dar tenerezza. Conclusione che attesta la mancata occasione di film generazionale.

Lythops 15/04/15 11:08 - 972 commenti

I gusti di Lythops

Filmetto di genere psicodrammatico facile facile, con tre sceneggiatori che fanno a gara a scrivere le frasi - da diario di ragazzina di terza media - più efficaci da mettere in bocca (o nel diario) per descrivere la pazzia e l'emarginazione della protagonista e non solo. Unico film in cui la Jolie recita decentemente, contrapposta a una Ryder ossessivamente (finta) fragile. Naturalmente non può mancare il lieto fine, dopo gli "abissi" conosciuti. Irritante presa in giro, di una superficialità disarmante.

Pinhead80 5/09/15 12:41 - 3895 commenti

I gusti di Pinhead80

Davvero sorprendente questo lavoro di Mangold, che entra nel mondo dei disturbi del comportamento prima in punta di piedi e poi affondando il colpo, non lesinando di dimostrare situazioni di esplicita sofferenza. Le debolezze dell'animo femminile vengono messe sotto la lente d'ingrandimento. Ogni personaggio viene mostrato e sezionato per analizzarne le sue difficoltà. La parte migliore è quella girata nella clinica, dove le ragazze sono ricoverate. Il cast è perfetto e la loro vita privata ne è la dimostrazione.

Domino86 11/03/20 16:38 - 536 commenti

I gusti di Domino86

Film ben riuscito con un cast di nomi che diventeranno poi ancora più altisonanti. Fragilità e disturbi dell'essere umano, nello specifico del genere femminile, vengono analizzate nel profondo e da vicino proprio all'interno di una clinica. E se la protagonista viene definita borderline la domanda che ci si pone è: chi non è borderline? Chiunque ha peculiarità, pensieri e istinti che espressi alla massa potrebbero essere definiti borderline.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.