Meander - Trappola mortale - Film (2020)

Meander - Trappola mortale
Media utenti
Titolo originale: Meander
Anno: 2020
Genere: thriller (colore)

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/20 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 7/11/20 22:59 - 8578 commenti

I gusti di Cotola

Una donna si risveglia in un "labirinto" di cunicoli: perché? Chi l'ha messa lì? Ne uscirà? A parte i soliti interrogativi di prammatica per questo tipo di pellicole, va detto che il film sarebbe stato un gioiellino se non fosse stato preceduto dal cubo nataliano. Tra l'altro prova anche ad inserire qualche elemento di novità rispetto al prototipo, qualche blanda coloritura horror e fantascientifica, senza però riuscirci. Resta comunque un valido intrattenimento che sa come incuriosire e coinvolgere per tutta la sua durata. Finale che per molti sarà insoddisfacente.

Daniela 28/07/21 19:46 - 11953 commenti

I gusti di Daniela

Dopo aver accettato un passaggio in macchina da uno sconosciuto, una donna si ritrova intrappolata in un labirinto sotterraneo di corridoi strettissimi e cubicoli angusti, fitto di trabocchetti, pericoli e prove da superare... Ovvio il debito cellistico, sia per la situazione sia per l'indeterminatezza delle premesse, ma con un tasso di claustrofobia maggiore che rende la visione ancora più angosciante, complice la presenza di un ansiogeno conto alla rovescia. Se la lunga parte centrale convince/avvince, lascia invece perplessi l'epilogo metafisico, facendo abbassare la valutazione.

Lupus73 13/11/21 16:01 - 1345 commenti

I gusti di Lupus73

Inizio che sembra anticipare un soggetto con killer seriale, poi la protagonista si risveglia con tuta avvenieristica in ambiente chiuso, e da qui emerge un soggetto horror/sci-fi molto simile al cubo di Natali, sostituito qui da una tubatura simile a quella dell'aria condizionata fitta di trappole per passare a stadi successivi, con cadaveri che spesso si animano e altre volte sembrano necroborg. Tutto molto curato, ma la pecca sta nell'inserimento dell'elemento soprannaturale (con le visioni della figlioletta morta) non troppo ben incastrato e un finale discutibile. Vedibile.

Kinodrop 19/11/21 18:45 - 2504 commenti

I gusti di Kinodrop

Una donna si ritrova, non si sa come, prigioniera in una sequela di tubazioni, cunicoli, anfratti e trappole, con inganni salvifici e sotto la pressione di un braccialetto/timer che rende la situazione teoricamente ansiogena, anche se da subito si intravedono soluzioni logiche che invece non ci sono (vedi il finale). Anche le troppe e facili derivazioni sci-fi non riescono a rafforzare uno script debole e per forza di cose ripetitivo, a cui non giovano neanche i gratuiti inserti horror né la limitazione della performance a un solo personaggio che fa quel che può. Intrattenimento.

Il ferrini 7/12/21 04:14 - 2060 commenti

I gusti di Il ferrini

Derivativo nel senso più deteriore del termine. Prende infatti tutti i peggiori difetti del genere cui appartiene e li frulla in un pastrocchio che non funziona come thriller, né come sci-fi e ancora meno come dramma materno. A completare il tutto un finale brutto e disonesto che mortifica anche il più bendisposto degli spettatori. Si muove bene la protagonista, che per un po' cattura l'attenzione mentre supera un mostro del sottosuolo e varie trappole, ma questo non lo rende un The descent e ancora meno un Cube. Da evitare.

Schramm 26/12/21 14:35 - 3116 commenti

I gusti di Schramm

Neo-estetica del labirincubo, ove ci si trova fino all'ultimo senza sapere perché né come (ed era meglio non saperlo). La formula ha del rimasticatissimo e di certo non si suda neanche una delle sette camicie per rimodernarla: Tsuklaustrofobicume soffocato da un decor postmoderno flipperoso, l'ormai plastificata crudeltà di Saw che apre al socratico nosce te ipsum e al moralistico mangia sano torna alla natura, e il calcolo dell'intestinale area del cubo di Rubik ostacolato da trabocchetti adrenalinici e vispi zombi al carbone: quanto basta a disarmare pure l'utente più possibilista.
MEMORABILE: La mimesi digerente e sfinterica del design-decor, unico visivo colpo di reni del tutto.

Pumpkh75 3/01/22 14:26 - 1589 commenti

I gusti di Pumpkh75

Dai cubi ai tubi: un passaggio dentro cunicoli e strettoie che sorprendentemente trova una sua linfa soffocante e impetuosa nell’equipaggiamento fornito (i countdown, il mostro senza braccio, il magister di metallo e carne morta), nonostante i primi minuti non lasciassero presagire particolari entusiasmi. Turi cede però nuovamente alle proprie (eccessive?) velleità autoriali e sul calare apre varchi nel labirinto a colpi di allegorie e metafisica, sprofondandoci in un nuovo dedalo senza che un solo stimolo ad uscirne sia stato fornito. Regge bene la Weiss. Stoppino lungo, poca cera.

Anthonyvm 3/11/22 15:19 - 4551 commenti

I gusti di Anthonyvm

Dopo una partenza scoraggiante, in cui Turi riesuma l'arcinota formula fanta-survivalista di Cube, fra dedali e trabocchetti, per riadattarla a un one-woman show che non fa distinzioni fra monotonia e claustrofobia, un twist mediano (non originalissimo, ma del tutto opportuno) alza progressivamente la tensiva posta in palio, trappola dopo trappola, avversario dopo avversario. Benché l'irrinunciabile metafora "spirituale" sia lampante sin dalle prime battute, lo stile visivo del regista francese non lascia indifferenti e la prova (anche fisica) di Gaia Weiss va applaudita. Non male.
MEMORABILE: La disposizione di luci e colori nei corridoi e nelle stanze; Strisciando sotto il filo spinato; Il settore body-horror; Dialoghi con la figlioletta.

Pinhead80 23/11/22 18:50 - 4405 commenti

I gusti di Pinhead80

Una ragazza, dopo aver accettato un passaggio da uno sconosciuto, si ritrova suo malgrado in una sorta di tunnel da cui sembra impossibile fuggire. Lì avrà anche l'occassione per affrontare tutti i suoi demoni. Classico film trappola evidentemente debitore verso il film di Natali da cui prende in prestito i meccanismi del genere collocandoli in un'ambientazione ancor più claustrofobica. La prima parte scorre via che è un piacere, anche perché rimangono insoluti i motivi per cui la protagonista si trovi lì. La seconda parte invece vuol spiegare troppo e finisce per non convincere.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Buiomega71 • 28/09/21 15:24
    Pianificazione e progetti - 24653 interventi
    In blu ray ( e dvd) per Midnight Factory, disponibile dal 18/11/2021