La casa che non voleva morire

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The House That Would Not Die
Anno: 1970
Genere: horror (colore)
Note: Aka "The House That Wouldn't Die". Film per la tv trasmesso in Italia la prima volta all'interno della serie "Sette storie per non dormire".
Papiro: cartaceo

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/06/11 DAL BENEMERITO LUCIUS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 16/12/13
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 26/06/11 02:03 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Una vecchia casa di campagna chiusa da anni ritorna alla vita grazie a nuovi inquilini. Un horror d'annata fatto di rumori, musiche angoscianti, fantasmi e un'anima che non trova pace da oltre duecento anni. Chi era Amanda? Cosa lega Sarah ad Amanda e quali sono le ragioni dei poltergeist? Ci vorrà una seduta spiritica per avere una risposta a queste domande. Una pellicola priva di gore dove impera l'angoscia, un film in grado di trasmettere inquieudine e una cantina in cui è meglio non entrare...
MEMORABILE: Il nome di Amanda cancellato ne La Bibbia, la chiave di tutto e la voce dal nulla che urla: "Amy, torna a casa!"

Ciavazzaro 11/03/13 21:46 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Buon horror d'atmosfera. La Stanwyck troneggia, ma anche il resto del cast (menzione per Egan) si impegna lodevolmente. Il film presenta una buona atmosfera, ed è realizzato con cura e nella sua brevità riesce a catturare lo spettatore con mezzi semplici ma efficaci. Merita la visione.
MEMORABILE: L'inquietante voce.

Trivex 12/02/13 13:07 - 1629 commenti

I gusti di Trivex

Il film è breve e quindi la storia, di per sè non originalissima, ne esce "sintetizzata", in particolare nel finale un po' sottotono e sbrigativo. Perchè l'atmosfera c'è e pure tanta: sia quella horror, vecchia maniera, senza splatter ma con la suspance antica delle porte che si aprono e delle voci misteriose che si sentono; sia quella dell'America di provincia dei primi anni 70 (o fine di quelli 60, non importa), con la comunità "amica", le macchine grosse e "brutte" e la vita tranquilla, rotta da eventi inimmaginabili come quello accaduto in quella casa.

Deepred89 19/01/14 21:59 - 3493 commenti

I gusti di Deepred89

Horrorino piccolo piccolo, elementare in tutte le sue componenti e parzialmente guardabile giusto per l'atmosfera datata ma godibile (siamo nel 1970, ma per farvi un'idea sottraete pure una decina d'anni) e per il ritmo televisivo ma accattivante. Cast medio, in cui anche la Stanwyck fatica a emergere in mezzo alla parata di volti da b-movie. Qualche scena a rischio ridicolo (il tizio posseduto che bacia a tradimento la Stanwyck) e finale scialbo, ma il tormentone "Amy torna a casa" funziona e rimane pure molto impresso. Per appassionati.
MEMORABILE: Aaamyyy... tooorna a casa!

Homesick 1/07/14 16:47 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Carica di tutti i luoghi comuni su case infestate e possessioni, l’impalcatura narrativa vacilla, ma non rovina del tutto per la regia sobria che si concentra sull’atmosfera tipica da ghost-story, sebbene la tensione sia nulla e la frase dall’oltretomba (v. momento memorabile) faccia abbastanza sorridere; interessante invece il lieto fine, insolitamente incruento. Gli attori eseguono quanto richiesto: Barbara Stanwyck non smarrisce per un attimo la propria professionalità, mentre nelle crisi di Richard Egan sembra prefigurarsi l’Oliver Reed di Ballata macabra.
MEMORABILE: «Amy... torna a casa...».

Undying 15/02/17 22:50 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Una casa ereditata è fonte di strane manifestazioni che coinvolgono la cugina beneficiaria e sua nipote. Tv movie da noi trasmesso sulla Rai sul finire degli anni '70 nel ciclo Sette storie per non dormire. Oggi scontato e prevedibile ma se calato nel periodo di realizzazione - 1970 - in realtà piuttosto coraggioso e innovativo. Effetti speciali banditi per una sana storia spiritica ben trasposta in una sceneggiatura coinvolgente e ben recitata dai bravi protagonisti. In pratica un The grudge ante litteram di certo interesse per appassionati.
MEMORABILE: La seduta spiritica con visuale della m.d.p. interna al caminetto...

Rigoletto 15/12/17 20:53 - 1727 commenti

I gusti di Rigoletto

Come si vede che è un prodotto cinematografico che artisticamente appartiene a un'altra epoca; fatto con poche cose e attingendo a mani basse dagli stereotipi del genere, Moxey confeziona un film onesto, mai sopra le righe e condotto in maniera asciutta ma garbata. Il cast va di pari passo, misurato ed efficacissimo. Il film è lontano anni luce dalle "case" anni '80, ma una sua godibilità la può rivendicare tranquillamente.

Daniela 2/04/18 12:19 - 11529 commenti

I gusti di Daniela

Una donna si trasferisce con la giovane nipote in una antica magione di campagna ereditata da una lontana parente, ma... Il titolo fa pensare ad una casa dotata di volontà propria sul tipo di quella malefica nella Ballata macabra di qualche anno dopo, ma si tratta di una più tradizionale infestazione da parte di spiriti inquieti in cerca di giustizia e riposo. Film tv didascalico e datato, senza particolari note di merito, reso tuttavia dignitoso dalla regia sobria che non eccede in effetti e dalla prova professionale dei veterani Stanwyck e Egan, mentre convince meno l'esordiente Kitty Winn.

Myvincent 16/10/18 07:56 - 3220 commenti

I gusti di Myvincent

Una vecchia dimora ereditata da due donne pare nascondere una tragica storia che non tarderà a manifestarsi nuovamente sotto forma di fenomeni occulti. La parte del leone è di Barbara Stanwick, vecchia gloria di Hollywood regalata al cinema horror senza la cui presenza questo film non risulterebbe un piccolo cult del cinema TV di genere. "Amy torna a casa" urlato nel cuore della notte è un mantra che vi farà senz'altro rabbrividire.

Rufus68 16/02/19 22:58 - 3560 commenti

I gusti di Rufus68

Horror molto leggero che, alla lunga, riesce simpatico proprio per tale sua qualità. Nessuna tensione, intrigo da poco, ingenuità da fiction televisiva... La miscela fra colpa del passato e casa posseduta risulta talmente prevedibile da essere rassicurante e prestarsi, perciò, a una valutazione benevola anche dallo spettatore più esigente. La Stanwyck fa del suo meglio, il cast di contorno si arrangia. Poca roba, comunque.

John Llewellyn Moxey HA DIRETTO ANCHE...

Claudius 2/04/20 16:12 - 502 commenti

I gusti di Claudius

Piccolo gioiellino degli anni 70 diretto da uno specialista in cui, più della classica ghost story (con tanto di seduta spiritica, voci eccetera) contano l'atmosfera insolita e a volte romantica (vedasi il finale) e l'indagine annessa (splendidi gli ultimi dieci minuti in cantina). Nel cast da segnalare due grandi come Egan e la Stanwyck, oltre ad Anderson e alla dolcissima Wynn. Da recuperare e collezionare.
MEMORABILE: La seconda seduta spiritica e le voci nella notte.

Fedeerra 13/07/21 06:39 - 795 commenti

I gusti di Fedeerra

Piccolo film per la tv trasmesso in Italia all'interno del ciclo "Sette storie per non dormire" che andò in onda verso la fine degli anni Settanta sulle reti rai. Per quanto la trama e il resoconto finale pecchino un po’ di prevedibilità, la pellicola resta saldamente in piedi grazie alle sue atmosfere cupe, femminee e addirittura necrofore. Cast all’altezza, ma a soggiogare lo schermo è la dark lady per eccellenza: Barbara Stanwyck.

Teddy 22/06/22 06:06 - 213 commenti

I gusti di Teddy

Tolta la patina televisiva di cui è figlio il film di Moxey, restano le avvolgenti seduzioni dei luoghi e una certa verve particolarmente macabra. Il retroscena esoterico e il mix fra ghost story e possession movie passa attraverso l’universo horror con sviluppi spesso frettolosi ma anche allucinati. La Stanwyck - col suo allure prepotentemente incombente - è sempre un grandissimo valore aggiunto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione B. Legnani • 17/07/14 17:51
    Consigliere - 14576 interventi
    Buio, non hai messo il 424.
  • Discussione Claudius • 17/07/14 17:58
    Servizio caffè - 205 interventi
    Buio... 02/12/1984 ihihih..grandissimo film
  • Discussione Zender • 17/07/14 19:04
    Pianificazione e progetti - 45840 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Buio, non hai messo il 424.
    Non è richiesto Buono, perché tanto devo comunque sistemare il file.
  • Discussione Buiomega71 • 17/07/14 19:30
    Pianificazione e progetti - 24014 interventi
    Claudius ebbe a dire:
    Buio... 02/12/1984 ihihih..grandissimo film

    Certo che la Stanwyck che sbircia dal flanetto, con quello sguardo torvo, a me inquieta non poco. A un chè di megera baviana...

    Il film lo vidi da ragazzino e ricordo solo la voce spettrale che ripeteva "Torna a casa Amyyy, torna a casa..." che poi e il tormentone del film...

    Ho il dvd della Golem, e magari me lo riguarderò (anche perchè non ricordo una mazza) in qualche rassegna "buiesca" (chessò, i tv movie del brivido, ad esempio...)

    Eppoi Moxey, per quanto concerne i tv movie del brivido, è una garanzia.
    Ultima modifica: 17/07/14 19:34 da Buiomega71
  • Discussione Claudius • 17/07/14 20:07
    Servizio caffè - 205 interventi
    Ahah, allora non ti dico niente, solo che il finale è abbastanza dolce per essere una storia di spiriti.
    Io sto cercando di recuperare Una storia allucinante, chissà se ci riesco
  • Discussione Claudius • 18/07/14 08:12
    Servizio caffè - 205 interventi
    Buio, ma sei del 1971?io del 1975
  • Discussione Buiomega71 • 18/07/14 17:25
    Pianificazione e progetti - 24014 interventi
    Claudius ebbe a dire:
    Buio, ma sei del 1971?io del 1975

    Del 1971 (l'anno di Duel, dei Diavoli e di Arancia Meccanica) :)
  • Homevideo Claudius • 16/11/14 11:22
    Servizio caffè - 205 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Purtroppo la qualità video del dvd targato Golem è scadente, ma di brutto.
    Meglio la versione inglese, quella dei fotogrammi in da cercare...
    Quindi non solo una cover farlocca, ma un master sgranato che da il peggio di sè nelle scene in penombra.Complimenti ancora.


    Beh, vista la rarità del film accontentiamoci!!l'anno scorso, quando ho visto il film in negozio (comprato assieme a Lucas e L'uomo che ingannò la morte e per poco non prendevo anche Comunione con delitti e Cyclone) stavo buttando giù tutti i dvd per la felicità)
  • Homevideo Lucius • 16/11/14 19:07
    Scrivano - 8806 interventi
    Eh si, il regista pur operando prettamente nel campo televisivo è uno che sa il fatto suo!!
  • Homevideo Undying • 15/02/17 23:07
    Scrivano - 7599 interventi
    Lucius ebbe a dire:
    Purtroppo la qualità video del dvd targato Golem è scadente, ma di brutto.
    Meglio la versione inglese, quella dei fotogrammi in da cercare...


    Concordo pienamente.
    Visto che le televisioni HD e Ultra HD sono ormai nelle case di tutti non ha senso mettere in commercio un prodotto di questo tipo, con (scarsa) qualità da VHS con penosa definizione audio/video.
    In questi casi dovrebbe essere esposto sulla cover del Dvd a cosa l'acquirente può andare in contro.
    Passato su Rai Due nel 1978 nel ciclo "Sette storie per non dormire", il film dura, nella versione dvd Golem, 68'10".