LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 15/01/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 29/04/07 02:38 - 5028 commenti

I gusti di B. Legnani

Fondamentale. Descrive un periodo storico difficilissimo dell'Italia, che oggi è incredibilmente ignorato da molti, nel quale bande come la Casaroli non erano poche (ma quanti oggi conoscono, per fare un esempio vistosissimo, l'eccidio di Villarbasse e le conseguenti fucilazioni del 4 marzo 1947?). Il film è forse perfetto nel costruire, nel descrivere, nel far vedere anche con crudezza e, per dirla tutta, nel rappresentare i fatti, sino al suicidio finale, veramente accaduto al cinema Manzoni di Bologna, alle ore 20 di sabato 16 dicembre 1950.
MEMORABILE: Brialy, in auto, si gira verso Salvatori. Ha capito che tutto sta per finire. Gli dice "Ciao, Paolo" e...

Fauno 2/02/11 15:51 - 2029 commenti

I gusti di Fauno

Carissimo Paolo, sono ottimi i tuoi discorsi sull'essere "uomo" piuttosto che umiliarsi a dover subire un lavoro. Che dire sulla prevaricazione nei riguardi di tua sorella... a quei tempi lo si faceva nell'Italia intera, dall'Alpe a Sicilia... da premio Nobel puntualizzare il poco coraggio degli italiani nella Seconda Guerra Mondiale, ma ancora di più capire la furbizia degli inglesi. Eri intelligente, eri vissuto? Cosa ti salta in mente di far delle rapine da Bagonghy? Se aveste fatto i salti con l'elastico a quest'ora avreste 90 anni e non vi sareste annoiati.
MEMORABILE: La scena più toccante e indimenticabile ha per protagonista il mio idolo Gabriele Tinti.

Saintgifts 3/02/11 22:50 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Da bolognese la cosa che più mi ha colpito di questo film è l'esatta ricostruzione dell'atmosfera della città (Bologna), gli interni delle case, i personaggi, i modi di intercalare e lo stile di vita della parte di società (operaia) della quale Casaroli e compagni facevano parte. Segno di accurata ricerca da parte del regista, che fa muovere anche bene gli interpreti che bolognesi non sono. Ricreati bene gli stati d'animo e anche la suspense di certi momenti. Si è partecipi e si vive, assieme ai protagonisti, la concitazione dei momenti clou.

Aborym 1/01/17 22:08 - 28 commenti

I gusti di Aborym

Eccellente film di Florestano Vancini, supportato da un trio di attori formidabili, che racconta in un lungo flashback le vicende della celebre banda di rapinatori capeggiata da Paolo Casaroli. Vancini non nasconde il passato fascista dei banditi, ma non realizza un film di denuncia, meno che mai revisionista; la forza dell'opera sta nella capacità del regista di farci percepire le contraddizioni di un paese appena uscito dalla guerra, povero e scosso, all'interno di situazioni e ambienti da puro cinema di genere. Splendidi gli ultimi 30 minuti.

Nicola81 12/10/16 12:15 - 2243 commenti

I gusti di Nicola81

Una pagina ormai dimenticata della nostra storia (il banditismo dell'immediato dopoguerra) rivive in quello che è forse il primo film italiano a fondere la cronaca e l'impegno civile con gli ingredienti del gangster movie. Efficaci la ricostruzione ambientale e il disegno dei personaggi (Salvatori è perfetto nel passare dalla sprezzante spavalderia al panico più totale), ma la regia di Vancini è troppo statica. Di lì a qualche anno Lizzani compirà operazioni analoghe in cui, giustamente, concederà di più al ritmo e allo spettacolo.
MEMORABILE: La tragica fuga della banda.

Giùan 23/07/17 07:44 - 3501 commenti

I gusti di Giùan

Importante e convincente. Dopo La lunga notte del '43 e prima dei suoi film di inizio '70, Vancini approfondisce il recupero e la documentazione di alcune delle più scomode (oltreché quasi rimosse nonostante l'appartenenza a un recente passato) realtà storiche di un Paese, in cui le ferite socio-morali della guerra son vivide. La rievocazione è asciutta e cruda, come segnala la recitazione sottotono dello scettico Brialy e dello sprovveduto Milian, mentre lo stesso vitalismo di Salvatori sa di boria artefatta a uso e consumo del pubblico (...che verrà).

Cotola 6/08/17 10:19 - 8109 commenti

I gusti di Cotola

Agli occhi dello spettatore contemporaneo, potrà sembrare banale. Ma all'epoca, parliamo di oltre mezzo secolo fa, non lo era affatto. Vancini ha in primis il merito di aver ricostruito perfettamente non solo le vicende che racconta, ma anche gli umori, gli ambienti e le situazioni di un momento storico molto particolare. In più, e ciò non guasta assolutamente, sa anche dare un ritmo ed una vivacità "spettacolare" alla sua pellicola che ai suoi tempi fu male accolta, facile capirne i perché, e tra le altre cose fu accusata di essere troppo americana. Da vedere.

Daniela 7/10/17 00:41 - 10916 commenti

I gusti di Daniela

Una bella sorpresa da parte di un regista da cui non mi aspettavo un'opera tanto asciutta e grintosa, in grado di immergere con grande efficacia la ricostruzione cronachistica degli eventi nel periodo storico incerto e contraddittorio dell'Italia all'inizio degli anni '50. I personaggi dei tre banditi sono caratterialmente ben delineati e possono contare sulle prestazioni attoriali eccellenti (memorabile Salvadori), mentre le scene d'azione risultano girate con mano sicura e senso spettacolare. Recupero obbligatorio per un film meno noto di quanto meriterebbe.
MEMORABILE: L'ultima rapina; La fuga in tram; La sparatoria nella piazza

Berto88fi 22/03/19 10:17 - 210 commenti

I gusti di Berto88fi

Solida pellicola di Vancini che può vantare diversi pregi: la descrizione dello stato d'animo dei protagonisti, la messa in scena delle impulsive gesta criminali, la panoramica sul contesto vissuto dall'Italia dopo la guerra; poca azione ben dosata; il ritmo leggermente incostante non suscita comunque disinteresse. Ottima prova di Salvatori, ben spalleggiato da Brialy, Milian ancora leggermente acerbo. Film da riscoprire.
MEMORABILE: "L'umanità si divide in due categorie: quelli che alzano le mani... e quelli che le fanno alzare!"

Myvincent 4/05/19 09:25 - 2996 commenti

I gusti di Myvincent

In una celebre intervista Casaroli, con proprietà di linguaggio, asserì che le sue gesta erano anche frutto di un dopoguerra che rendeva i giovani animali distrutti dalla morte e dalla violenza. E in effetti lo spirito del film è proprio questo: ricreare quel "sentimento" di autodistruzione di una certa generazione senza storia. Peccato per la discontinuità stilistica del racconto che fiacca l'interesse, dirottandolo verso fasi alterne di apprezzamento. Quando sembra giunto a una conclusione, poi inaspettatamente riprende.
MEMORABILE: L'eccezionale interpretazione di Renato Salvatori, mai così bravo; Quella, al contrario, da "gattamorta" di Tomas Milian.

Florestano Vancini HA DIRETTO ANCHE...

Keyser3 14/03/20 20:10 - 251 commenti

I gusti di Keyser3

Dopo il folgorante esordio de La lunga notte, Vancini sposta l'ambientazione dalla sua Ferrara a Bologna per questo film ben confezionato, in anticipo di qualche anno sui lavori di Lizzani. La buona riuscita dell'operazione è garantita dalla figura dominante di Renato Salvatori, bullo e sfrontato, a cui fa da contraltare un giovane e taciturno Milan, e da un efficace bianco e nero che fotografa una Bologna fredda e plumbea.
MEMORABILE: "Ne ho in mente delle poesie io... e se troviamo chi è disposto a recitarle con noi...".

Zampanò 11/12/20 17:25 - 364 commenti

I gusti di Zampanò

La conferma che Renato Salvatori è un dimenticato del nostro cinema pur avendo in carnet interpretazioni magnifiche. Il carisma di Paolo Casaroli è tutto suo, dalla prima alla (soprattutto) ultima scena. L'habitat è una Bologna lattea, sotto un cielo talmente grigio da sembrare un tetto. Milian misurato e latente come un Interlenghi. Vancini è regista che lascia esplodere la disperazione e anche stavolta va così. Formidabile la scena della sparatoria. L'ultimo Paolo canta "Caballero" e Cavallero sarà un'altra famigerata banda criminale (Banditi a Milano, girato qualche anno dopo).

Noodles 19/10/21 08:14 - 1293 commenti

I gusti di Noodles

Ottimo film di Florestano Vancini, secco, asciutto, nient'altro che la nuda e cruda vicenda (con qualche modifica) della banda di amici che si diede per caso al crimine nel 1950. È proprio quella casualità che fa da base all'opera, che descrive precisamente la personalità dei tre protagonisti mostrando tutte le loro debolezze quanto il loro essere inadatti a quel tipo di vita. Ottimo il cast, una sorpresa la prova di grande sensibilità di Tomas Milian. È tutto tendente al minimale, ma tremendamente efficace. Davvero un ottimo film. Da riscoprire.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kaciaro • 24/01/10 16:06
    Galoppino - 491 interventi
    un bel film di azione,e ricostruzione di un personaggio italianopoco conosciuto sapete, se qualche santo stia lavorando per farlo uscire in dvd???
  • Discussione Fauno • 2/02/11 15:53
    Compilatore d’emergenza - 2604 interventi
    Per Buono.Comunque bello e azzeccato anche il tuo commento,e per l'eccidio di Villarbasse mi voglio documentare.Ciao.FAUNO.
  • Discussione Fauno • 17/02/11 09:49
    Compilatore d’emergenza - 2604 interventi
    Per Saintgifts:sono bolognese anch'io,anche se da ormai 17 anni mi sono trasferito per lavoro e per scelta di vita,e condivido appieno il tuo commento.Pensa che ho frequentato il liceo scientifico Sabin,che ai miei tempi aveva sede al Palazzo dei Garganelli,quindi prova a immaginare quanto mi fossero famigliari via S.Petronio Vecchio,dove c'era fra l'altro la palestra,lo scorcio di via Guerrazzi e il tratto di via Santo Stefano fino all'altezza delle Sette Chiese.Mi ha veramente commosso.Mentre se hai visto Al piacere di rivederla c'è un'inquadratura finale di via Riva Reno all'angolo con via Galliera,vicinissimo a Palazzo Montanari e per i rockettari al Disco d'oro.Ecco,visto la mediocrità di quel film,quell'inquadratura mi ha fatto proprio rabbia...Comunque piacere e a un prossimo commento comune.FAUNO:
  • Discussione Saintgifts • 17/02/11 22:11
    Scrivano - 42 interventi
    Ciao Fauno,
    quando girarono questo film a Bologna, allora, ma forse anche adesso, città sonnacchiosa,(al di là dei luoghi comuni su Bologna, per un certo verso anche veri) dove ben pochi film erano stati girati, poi ci ha pensato Avati a mostrarla al mondo, avevo 19 anni, quindi ti puoi immaginare l'emozione di poter andare a vedere la troupe al lavoro, e gli attori fecero tendenza. Ci si impomatava alla Jean-Claude Brialy, e ci si faceva confezionare gli abiti con il gilè (allora si andava a ballare in giacca e cravatta) alla Casaroli abbottonato fino in cima. Fece scalpore la famosa frase "io vado a farmi fare un sissignore", (siamo nel 62). Non ho visto Al piacere di rivederla, ma lo cercherò. Io abitavo a Porta San Mamolo, quindi la mia zona era proprio il centro, e le zone che tu racconti le conosco tutte. Ho scoperto pochi giorni fa che Gabriele Tinti, il tuo idolo, era di Molinella, e che se n'è andato ancora giovane, peccato.
    E' stato un piacere Fauno. Saintgifts
  • Musiche Lucius • 6/03/16 10:35
    Scrivano - 8795 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il flexi-disc promozionale originale:



    Ultima modifica: 6/03/16 17:08 da Zender