Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/10/10 DAL BENEMERITO MANOWAR79
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Manowar79 13/10/10 15:45 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Nonostante i risvolti un po' troppo pomposi che invadono la seconda metà del film, ci troviamo di fronte ad un bel prodotto di sci-fi atipica, che fonde reminiscenze di Highlander e L'Uomo che cadde sulla Terra con una spazialità non lontana da quella di Cube (il film è interamente girato in un'unica stanza!). La sceneggiatura, è bene sottolinearlo, è più vicina a quella di un blockbuster che a quella di un cult-movie per pochi eletti. Ampiamente godibile!

Skinner 20/10/10 00:11 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Limite maggiore del film: il raccontare a parole e non per immagini. Poco cinema e anche poco teatro, più vicino ad un audiolibro: un film che si può tranquillamente ascoltare distogliendo lo sguardo dallo schermo; d'accordo la presumibile limitatezza del budget, ma qui si esagera un po'. Il film di conseguenza è una parziale occasione persa, dalla sceneggiatura comunque apprezzabile e a tratti coinvolgente, servita da un cast volenteroso ma non sempre azzeccato e mal doppiato nella versione italiana.

Daniela 1/11/10 09:31 - 11530 commenti

I gusti di Daniela

Prima di partire verso destinazione ignota, serata d'addio agli amici e colleghi per uno stimato professore trentacinquenne... almeno apparentemente, dato che di anni ne ha molti di più. Proprio molti. Curioso esempio di teo-fantasy, quasi interamente ambientato in un salotto, che ricorda all'inizio un episodio della TOS di Star Trek (citata da un personaggio) per poi prendere una direzione diversa, piuttosto originale (che vale mezzo pallino in più). Il cast, fondamentale in questo tipo di film da camera, non è però all'altezza e il finale appare forzato e frettoloso.

Monzaparco 14/10/11 16:31 - 41 commenti

I gusti di Monzaparco

Un film particolare, da vedere per la storia assolutamente unica e per certi versi "geniale" inficiata però da una recitazione quasi amatoriale. Visto che tutto il film si svolge in una stanza la vedo molto bene come rappresentazione teatrale. Lo sceneggiatore Jerome Bixby ha iniziato a pensarlo nel 1960 e ha finito di dettarlo al figlio sul letto di morte nel 1998: questo aggiunge un pizzico di romanticismo al tutto.

Pigro 10/09/20 10:52 - 8798 commenti

I gusti di Pigro

Sfiziosa e originale la storia, dal sapore ai confini della realtà, del giovane prof che dà l’addio ai colleghi rivelando di avere 14.000 anni. Un esercizio quasi borgesiano che unisce la fantascienza alla logica, la storia dell’umanità alla riflessione laica sulle religioni. Proprio l’aspetto intellettuale, pur estremamente intrigante, è un freno al godimento pieno: i dialoghi dimostrativi e "perfetti" hanno il sapore di un Voltaire birichino che non indulge all’emozione (salvo un piccolo tentativo sul finale). Comunque meritevole di visione.

Minitina80 17/11/20 23:14 - 2742 commenti

I gusti di Minitina80

Racchiudere tutti gli input di cui si fregia il film all’interno di meno di novanta minuti è praticamente impossibile, anche se utilizza una mole dialogica che fa spavento. L’idea iniziale poteva pure essere interessante, ma punta troppo in alto e finisce per scottarsi e rimanere confinato a un qualcosa di poco stuzzicante e soprattutto banale. Si parla di religione e si cerca di renderla meno divina e più umana, ma l’assenza totale di un benché minimo dinamismo rappresenta un’ulteriore zavorra che distoglie l’attenzione dalle riflessioni che instilla.

Anthonyvm 19/09/21 01:53 - 3875 commenti

I gusti di Anthonyvm

Kammerspiel fantascientifico che prova quanto una buona sceneggiatura sia spesso sufficiente a dar vita a un ottimo prodotto. E lo script di Jerome Bixby (la stessa mano dietro cult quali Il mostro dell'astronave e Viaggio allucinante) è la vera colonna portante dell'opera, dal momento che la regia di Schenkman, dall'impostazione para-televisiva, ha poco da aggiungere e forse persino affloscia certi snodi salienti (l'entrata in scena della pistola, la dura rivelazione finale). Film retorico ma affascinante, un po' autocompiacente nel suo alternativismo eppure a tratti entusiasmante.
MEMORABILE: I racconti "highlanderiani" del protagonista, fra incontri illustri e cari abbandonati; La verità su Gesù e la reazione scandalizzata della teologa.

Tarabas 21/06/22 21:26 - 1851 commenti

I gusti di Tarabas

Durante un banale weekend in montagna, un professore rivela ai suoi migliori amici di essere un uomo preistorico apparentemente immortale. Ne nasce una dissertazione (tutti i presenti sono studiosi) con qualche momento di imbarazzo e qualche lite. Sembra uno scherzo di cattivo gusto, almeno fino al drammatico finale. Vale la sufficienza per l'idea originale e il tentativo di mettere in scena un tema difficile in una forma accessibile. Ma alla distanza il gioco mostra la corda e la discussione diventa chiacchiera un po' futile, un po' pretenziosa. Finale poco in linea con il resto.

William Katt HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Raremirko • 11/05/14 23:42
    Addetto riparazione hardware - 3820 interventi
    Produttore esecutivo qui è nientemeno che il Mark Pellington di Arlington road, e quindi è comprensibile che il film sia riuscito in modo così godibile.