L'eredità Ferramonti

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/02/08 DAL BENEMERITO GUGLY
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gugly 12/02/08 16:52 - 1035 commenti

I gusti di Gugly

Lotta all'ultimo sangue in una famiglia per il danaro accumulato dal patriarca; Irene, la moglie di uno dei figli, non esiterà a passare da un maschio all'altro della famiglia per mettere le mani sul bottino, ma non ha fatto i conti con il cognato, acqua cheta... Dramma sulla roba ambientato anzichè in Sicilia nella Roma di fine Ottocento. La Sanda accentua la contraddizione tra il viso angelico e le macchinazioni, Quinn fa il vecchio ancora prestante, Testi il giovane prestante. Proietti nel ruolo congeniale di romanaccio del popolo.
MEMORABILE: La morte del patriarca.

Undying 9/04/09 00:09 - 3821 commenti

I gusti di Undying

Eredità maledetta, frutto del sacrificio di ricchi fornai romani (i Ferramonti) spinge l'avida protagonista (Irene/Dominique Sanda) a compiere una serie di atti "contro natura". Passa di letto in letto sino ad arrivare a coltivare l'amore dell'anziano suocero Gregorio (Anthony Quinn): colui che la nomina erede universale. I congiunti fanno ricorso e... La sensibilità di Bolognini è qualcosa di anacronistico e allora ben venga un'ambientazione ottocentesca e romantica (solo per messa in scena), lontana dal chiasso e dal fragore della società moderna: quando era allora, come ora, misero l'uomo.

John trent 18/03/11 21:10 - 326 commenti

I gusti di John trent

In una Roma di fine '800 agitata da tumulti prende vita il dramma familiare che ruota intorno all'eredità del vecchio fornaio Ferramonti (Anthony Quinn) che nel corso degli anni è riuscito ad accumulare una discreta fortuna. Una diabolica Dominique Sanda tesse la sua tela e tenterà la scalata all'eredità. Ottimo Proietti nel ruolo del debole e pusillanime marito e bravo anche Testi in quello dello sciupafemmine arrivista. Piccola particina per Rossana Di Lorenzo nei panni della cameriera. Film assolutamente da rivalutare.
MEMORABILE: Gigi Proietti disperato: "Io ho già sofferto tutto quello che c'è da soffrire!"

Nicola81 9/09/11 17:19 - 2183 commenti

I gusti di Nicola81

Dall'omonimo romanzo di Chelli, un film piacevolmente noioso che racconta il passaggio dalla Roma umbertina a quella moderna mettendo a nudo gli innumerevoli vizi e le pochissime virtù della ricca borghesia capitolina. Buona confezione, eccellente ricostruzione ambientale (vero e proprio marchio di fabbrica di Bolognini) e ottimo cast. Quinn giganteggia, la Sanda (quant'era bella...) presta il suo viso angelico a un personaggio di arrampicatrice priva di scrupoli e rimorsi, ma la vera sopresa, forse, è Proietti in una parte drammatica.
MEMORABILE: Il finale.

Lucius 18/03/12 11:07 - 2935 commenti

I gusti di Lucius

Buona ricostruzione ottocentesca e un cast efficace nel caratterizzare i rispettivi personaggi per una storia incentrata sull'avidità della protagonista e sulla sua ascesa al patrimonio del patriarca di una ricca famiglia romana. Una pellicola cupa a cui ben si addice l'ombrosa fotografia. Qualche gaffe registica per via delle eccessive parolacce (non che nell'ottocento non si dicessero), che vanno a cozzare con l'eleganza dei costumi e di tutta la ricostruzione scenica. Finale drammatico.

Cotola 14/12/13 10:33 - 8015 commenti

I gusti di Cotola

Una futura eredità, scatena una lotta tra familiari senza esclusioni di colpi. Solito dramma sull'avidità umana e sulla "roba" (sotto questo punto sembra quasi "verghiano"), riscattato, in parte, dal mestiere di Bolognini e dalla prova eccellente di una Sanda bella e sensuale come non mai. La ricostruzione d'epoca è francamente calligrafica e per certi versi "gratuita" (avrebbe potuto ambientarsi in qualsiasi epoca, sebbene la scelta della sceneggiatura ha una sua logica). Molte (troppe) parolacce e non tante emozioni, ma assolutamente vedibile. Non male, dopotutto.

Homesick 11/01/15 16:33 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Opera calligrafica di Bolognini, intenta nella ricostruzione storica dell'Italia postunitaria e nel rammentare le proprie origini letterarie (il romanzo omonimo di Chelli) con l'imprescindibile ausilio della fotografia morbidamente appannata di Guarnieri e la tenue colonna sonora di Morricone. In primo piano gli attori: la cinica macchinatrice della cerea Sanda - uno dei personaggi femminili più spregevoli proposti dal nostro cinema -, il rude Quinn, il donnaiolo Testi, l'inetto Proietti e i sorvegliati Asti e Bonacelli.
MEMORABILE: La Sanda che sbatte in faccia a Testi le sue vere intenzioni; lo sparo.

Lythops 7/12/18 19:38 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Storia di avidità e inganni all'interno di una famiglia della Roma Ottocentesca in cui ogni componente dà il peggio di sé. Il film ha come colonne portanti fotografia, scenogliafia, costumi e musiche, tutti elementi che Bolognini ha utilizzato in film precedenti ambientati in un'epoca a lui evidentemente cara (Metello, Fatti di gente perbene e Per le antiche scale) con eccellenti risultati. Ottima la Sanda nei momenti perfidi.

Beffardo57 24/08/19 20:41 - 262 commenti

I gusti di Beffardo57

Tutti contro tutti per arraffare la roba del vecchio fornaio arricchito Ferramonti. Sembrerebbe destinata a prevalere la nuora, implacabile opportunista dal viso angelico, ma il "fattore umano" scompiglia le carte. Sontuoso feuilleton ambientato con rigore filologico nella Roma post unitaria. Scene, costumi, musiche (Morricone), tutto accurato. E una sfilata di interpreti perfettamente adeguati alla rappresentazione di una serie di personaggi mediamente ripugnanti.

Daniela 24/01/21 22:36 - 10680 commenti

I gusti di Daniela

Al momento di chiudere il forno con cui ha raggiunto l'agiatezza, il vecchio Ferramonti dichiara che non intende lasciare nulla in eredità ai tre figli che disprezza... Bolognini propone un'altra trasposizione da un romanzo d'ambientazione ottocentesca, riuscita per quanto riguarda la messa in scena ma meno convincente nei dialoghi: il turpiloquio eccessivo rende troppo espliciti i sentimenti di odio che impregnano questa saga familiare segnata dall'avidità e dalla follia, finendo per penalizzare in parte anche alcune prove del pur valido cast in cui spicca Sanda, acqua cheta.
MEMORABILE: La sequenza brumosa all'ippodromo; Gli interni della casa del vecchio Ferramonti; Mario ed Irene sul letto con i capelli di lei sul corpo di lui. 

Mauro Bolognini HA DIRETTO ANCHE...

Myvincent 8/07/21 08:12 - 2929 commenti

I gusti di Myvincent

Dal romanzo omonimo Bolognini trae un'opera elegante, ben ricostruita scenograficamente e con un cast di tutto rispetto. Il tema dell'avidità umana rispetto a una prossima eredità è un vero e proprio paradigma umano, qui trattato con l'amarezza e un senso di sconfitta che meritava. Interessante il quadro della nuova borghesia che avanza senza scrupoli in un'Italia che ancora non è tale. A volte artificioso nei dialoghi, ha al centro il volto sfingeo di Dominique Sanda.

Zampanò 28/07/21 20:11 - 348 commenti

I gusti di Zampanò

La Roma post-papalina è già capitalismo e politica al massimo grado. Per adattare il romanzo di Gaetano Carlo Chelli, Bolognini chiede e ottiene un gran cast dal produttore Lucisano: il fraseggio tra Anthony Quinn e Dominique Sanda salda una coppia da ricordare (lei, in particolare, getta un'opa artistica sull'intera vicenda). Pure la Asti e Bonacelli sparano fuochi; meno vibrante Testi mentre Proietti morde il freno. Curate le scenografie di Scaccianoce e Cesari, non indimenticabile Morricone.
MEMORABILE: La scena del Carnevale.

T. hermill 14/09/21 02:52 - 8 commenti

I gusti di T. hermill

Pippo Ferramonti, erede insieme con i disprezzati fratelli della cospicua eredità dell'odiato padre, sposa la bella Irene. Ma dietro il viso d'angelo della giovane si nasconde una donna avida e doppiogiochista che farà di tutto pur di mettere le mani sulla tanto agognata somma di denaro. Da un romanzo ottocentesco Bolognini trae un torbido melodramma in cui l'unico vero catalizzatore è l'ossessione per i soldi. Come sempre ricostruzione storica, costumi e scenografie sono di grande eleganza, così come anche il cast e la protagonista, una bellissima ma diabolica Sanda.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.