LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/04/08 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 3/04/08 15:29 - 11724 commenti

I gusti di Galbo

John Q., americano di colore di umile estrazione, è padre di un bimbo che necessita di un trapianto cardiaco per sopravivvere. Ricorrerà a mezzi estremi per permettere al bambino di effettuare il costoso intervento. Drammone a tinte forti che tenta una denuncia che ha per argomento le difficoltà di alcune classi sociali a garantirsi una copertura sanitaria adeguata. Il film però è limitato da una sceneggiatura troppo semplicistica che privilegia il tono urlato più che l'analisi razionale. Bravo come sempre Washington.

Stubby 2/10/08 22:39 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Film di denuncia strappalacrime sorretto da un grandissimo Denzel Washington. John, uomo di bassa estrazione sociale, ha una famiglia a carico e fatica a sbarcare il lunario; il tutto peggiora quando scopre che il suo unico bimbo è affetto da una malformazione cardiaca. Viene messo in risalto come sia pessimo o perlomeno diseguale a seconda della classe sociale di appartenenza il sistema assicurativo americano.

Pigro 4/10/08 10:50 - 8554 commenti

I gusti di Pigro

Padre disperato non ha i soldi per l'operazione al cuore del figlio e prende in ostaggio mezzo ospedale. Il film intreccia diversi topoi del cinema Usa (l'assedio al sequestratore; l'ospedale e le operazioni; il buono che si fa giustizia; il paterfamilias che lotta per il proprio clan...) con il collante della denuncia. E' quest'ultima la cosa più originale (su un tema molto sentito in America: l'assicurazione sanitaria!), che però non ha il mordente della vera denuncia diluendosi nel filmone ben confezionato e con lieto fine.

Sunchaser 8/10/08 21:22 - 127 commenti

I gusti di Sunchaser

La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni. L'intento di Nick Cassavates (figlio di John) era quello di denunciare la sanità degli Usa, ma il risultato è un thriller copiato male (Quel pomeriggio di un giorno da cani), diretto senza inventiva e con una sceneggiatura che segue uno per uno tutti i clichè del genere, senza riuscire a reinventarli. Il cast, sulla carta ottimo, è spaesato, incapace di tirare fuori qualcosa di decente da personaggi stereotipati e bidimensionali. Pietoso velo sull'interpretazione di Washington.
MEMORABILE: Washington propone di suicidarsi e donare il cuore al figlio: ridicolo involontario.

Capannelle 4/03/09 11:22 - 3946 commenti

I gusti di Capannelle

Il classico film di media qualità. La storia non è originalissima e innesta l'idea portante di Quel pomeriggio di un giorno da cani sul versante sanità/assicurazioni Usa. Inizia bene, il ritmo è quello giusto ma vive alcuni momenti di stasi una volta che ci troviamo dentro l'ospedale. In certi frangenti rischia di scivolare nel patetico (riferimenti a Dio, intenzioni suicide). Washington e Duvall sono una garanzia e donano intensità anche se i loro personaggi soffrono di eccessiva prevedibilità.

Ciavazzaro 21/04/09 17:45 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Denzel Washington è un discreto interprete, ma il film non riesce nei suoi intenti: schockare? Far riflettere sull'amministrazione della salute in America? Il cast secondario è abbastanza scadente e talvolta si scade nel ridicolo. Regia di Cassavetes spenta.

Nando 20/07/10 09:10 - 3589 commenti

I gusti di Nando

Tipico melodrammone americano in cui il colpo di scena è perennemente in agguato. Il tono iniziale di denuncia si perde nel seguito della narrazione. Washington è credibile ma troppo sbilanciato verso la commozione gratuita. L'intera vicenda sembra tuttavia poco proponibile.

Piero68 7/09/11 08:32 - 2848 commenti

I gusti di Piero68

Buon film di denuncia sul sistema sanitario americano e sul conseguente "malaffare" vessatorio perpetrato da ospedali e assicurazioni. Per far questo la produzione sceglie un soggetto sicuramente vincente, anche se dal sapore ruffiano (chi non si commuoverebbe con un bambino malato) e un cast sontuoso. Ma le pecche ci sono: la regia affidata ad un semi esordiente; una sceneggiatura a tratti risibile che va avanti per inerzia; un cast ricco ma utilizzato male. Alcuni pezzi da 90 (Woods e Liotta) usati peggio di comprimari. Resta tuttavia da vedere.

Rambo90 14/03/12 16:51 - 6911 commenti

I gusti di Rambo90

Un film di denuncia sulla sanità americana, a metà fra il dramma e il thriller. Molto ben fatto, coinvolgente e con momenti davvero commoventi, anche se fatica un po' ad ingranare all'inizio. Washington è bravissimo, ma anche il resto del cast in cui compaiono alcuni grandi interpreti come Duvall e Woods (sprecato invece Ray Liotta). Tutta la parte in ospedale è girata molto bene, con un buon senso del ritmo e dialoghi ben gestiti. Notevole.

Saintgifts 24/07/17 09:32 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Mediocre, ma con un suo perché, sembra attagliarsi perfettamente al film in questione. Mediocre per via di una sceneggiatura che mette in crisi attori di indiscutibile bravura, che devono affrontare situazioni e dialoghi non proprio impeccabili. Personaggi tutti ritagliati su stereotipi che arrivano a imbarazzare più che infastidire; dispiace vedere un Duvall così spaesato, ma non è l'unico. Il perché è nobilitato dalla denuncia del sistema assicurativo e sanitario americano, basato su sua maestà il dollaro. La fiacca regia fa il resto.
MEMORABILE: La moglie del protagonista, Kimberly Elise, capace di mutare velocemente le sue espressioni, da dolcezza a rabbiosità.

Nick Cassavetes HA DIRETTO ANCHE...

Puppigallo 31/10/18 10:50 - 4711 commenti

I gusti di Puppigallo

Dramma strappalacrime, che punta tutto su Washington e Duvall, tirando anche qualche piccola zampata ai media. Alla fine, però, si tratta di una lunga agonia di un padre per ottenere l'unica cosa che giustamente gli importa nella vita. I botta e risposta sono i momenti migliori, mentre il resto, compreso il momento col chirurgo, sa più che altro di rincaro della dose di disperazione. Il finale, invece, sembra dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Comunque, nel complesso, non male.
MEMORABILE: Il padre parla col figlio, dicendogli come dovrà comportarsi nella vita.

Kozincev 16/07/21 11:12 - 54 commenti

I gusti di Kozincev

In alcuni generi, come il legal thriller, gli americani sono maestri indiscussi. Quando è alle prese con temi delicati come la libertà di cura o le diseguaglianze del sistema sanitario, il cinema americano fa spesso cilecca. È il caso di questo bruttissimo film, in cui l'unica cosa da salvare è il bambino, che ispira simpatia e tenerezza. Nessun attore risulta convincente: Woods spaesato e troppo flemmatico, Duval sembra una parodia di se stesso, Liotta e la Heche inutili, La Elise insopportabilmente piagnucolosa, Washington peggio del peggior Nicolas Cage. Da dimenticare.

Daniela 20/07/21 09:03 - 10896 commenti

I gusti di Daniela

Genitori di modeste condizioni scoprono che la loro assicurazione copre solo in minima parte il costo del trapianto di cuore necessario per il loro figlioletto. Disperato, il padre si ricorda allora di aver visto Quel pomeriggio di un giorno da cani... Scherzi a parte, spiace vedere come un tema importante come la necessità di riformare un sistema sanitario iniquo venga veicolato da un film effettistico che punta al ricatto sentimentale più spudorato. Nel cast Washington si impegna per rendere credibile il suo personaggio, ma Duvall si auto-cita e anche gli altri convincono poco. 

Alex75 23/11/21 19:19 - 744 commenti

I gusti di Alex75

La denuncia delle storture – a tratti disumane - del sistema sanitario americano dura poco più di mezz’ora, dopodiché il film deraglia in alcuni dei più deteriori cliché del cinema a stelle e strisce (sentimentalismo, schematismo ed eccessi), in cui annegano le buone intenzioni iniziali, con alcuni momenti imbarazzanti e situazioni tirate in lungo per cercare di mascherare l’assoluta prevedibilità dell’intreccio. I buoni attori sono fortemente penalizzati da una regia di scarso polso. L’argomento sarebbe stato trattato più avanti con maggior rigore e vigore da Michael Moore.
MEMORABILE: L’aggressione di Julie Bird ai danni del compagno al Pronto Soccorso; La telefonata intima di John Q. ripresa integralmente da Channel 8.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Gestarsh99 • 1/08/11 01:00
    Scrivano - 18374 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc dal 10/08/2011 per Nexo:



    DATI TECNICI

    * Formato video 1,78:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio Dolby TrueHD 5.1: Italiano Inglese
    * Sottotitoli Italiano NU Inglese NU