LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Adriano Celentano sognava di fare JOAN LUI da anni, ma i Cecchi Gori nicchiavano. Alla fine, in cambio di due film “normali” (LUI E’ PEGGIO DI ME e, in futuro, IL BURBERO) accettano di concedere al Molleggiato un budget da capogiro per questo suo “delirio di onnipotenza”, nel quale Celentano (autore di soggetto, sceneggiatura, musiche e persino del montaggio, oltre che interprete principale) aggiorna la parabola cristiana e si cala nei panni del nuovo Cristo (e non metaforicamente!) che predica, con la solita buona dose di qualunquismo e colossale ingenuità, l’amore e l'uguaglianza. Ne esce un film assurdo, senza...Leggi tutto capo né coda, che però prepara il terreno per lo storico “Fantastico” di due anni dopo (uno dei più grandi successi Rai di sempre, assolutamente geniale). Infatti Joan Lui, cantante e messia al tempo stesso, riesce a farsi concedere dal presidente la possibilità di intervenire sulla TV più importante dicendo ciò che vuole (proprio quello che in pratica gli concederà la RAI con “Fantastico”). I suoi interventi sono comizi surreali in cui Celentano cerca di far capire in due parole il suo pensiero “cristiano”: lunghi silenzi, frasi semplici e ad effetto pronunciate con carisma indiscutibile. Il resto sono balletti (coreografati male da Franco Miseria) su musichette disco-dance di dubbia qualità, una storia sconclusionata ancor più incomprensibile nella versione del film di due ore (il montaggio originale ne prevedeva tre!), un cast allo sbaraglio (Gianfabio Bosco di “Ric & Gian” e Mirko Setaro dei “Trettrè”, oltre a Claudia Mori, Federica Moro e Marthe Keller) e un mare di kitsch per un risultato, purtroppo, trash.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

G.Godardi 8/03/07 19:34 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Sottovalutatissimo floppone di Celentano; in realtà non è così malvagio come si dice. Visivamente è davvero ben realizzato: fotografia, montaggio (l'incipit ricorda addirittura Sergio Leone) e scene musicali sono ottime. Basta solo non far caso al (discutibile) Celentano pensiero e il film risulterà godibilissimo. Più che un film sembra il "Fantastico" che Celentano voleva fare e non è riuscito a realizzare. Ad ogni modo non è un film per tutti (non fa ridere), ma solo per celentanomani incalliti.

Renato 29/06/07 13:43 - 1595 commenti

I gusti di Renato

Tipico caso di film talmente brutto dal finire col risultare, se non bello, quantomeno affascinante. Ci si chiede: ma dove vorrà andare a parare Celentano? Ma quanto potrà tirarla lunga questa scena insignificante? Ma perché queste battute ironiche agghiaccianti in un contesto del genere? Insomma un film perverso, che ha affossato definitivamente le velleità registiche del molleggiato ma ci ha regalato un film unico, nel bene (poco) come nel male. Detto questo, in una certa ottica il film è godibilissmo, anche se sfiora le tre ore.

Cotola 11/06/08 13:08 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Delirio allo stato puro. In questo film il narcisismo di Celentano, da sempre a livelli di guardia, raggiunge apici di incredibile ridicolaggine, così come pure assolutamente ridicole sono le sue prediche da santone dei poveracci. Risultato? Una pellicola che definire trash è dire poco. Eh sì, poiché qui a dar fastidio è soprattutto la presunzione senza confini del molleggiato cui questo sonoro fiasco spezzò, per fortuna, le velleità registiche. Svergognato.

Matalo! 10/08/08 12:30 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Renato ha veramente azzeccato: il parallelo psichiatrico tra Celentano e Nuti è semplicemente perfetto. Due megalomanie sostenute da una puerilità di pensiero da lasciare sconcertati. Questo film malato di acromegalia e del peso di una formica che pretese di uscire il giorno di Natale portato in elicottero (il bagno di sviluppo non si era ancora asciugato), la dice lunga sul suo creatore, autoinvestitosi di un messianismo psicolabile. Il film è brutto senza appello, con un inizio in treno lento, lungo e idiota che è il momento migliore (pensate il resto...).
MEMORABILE: Restaurato per volere di Alberto Barbera; non c'era di meglio da fare a 'sto mondo?

Deepred89 21/09/08 21:07 - 3311 commenti

I gusti di Deepred89

Autentico delirio cinematografico. Una rilettura del cristianesimo con numeri musicali, battute di bassa lega, scene quasi da horror, azione, deliri di ogni tipo e temi come la politica, la religione, la droga e la prostituzione. Peccato che le battute funzionino raramente, che alcune soluzioni visive siano agghiaccianti (il duello finale tra il bene e il male, il telefono che lievita) e che gran parte dei numeri musicali risultino piuttosto tristi. Nonostante tutto il film si segue con piacere nonostante le 2 ore e mezzo di durata.

B. Legnani 11/07/09 19:50 - 4788 commenti

I gusti di B. Legnani

La cosa più brutta, di questo film d'indicibile bruttezza, è il peccato capitale di tronfia superbia commesso dal "regista", che così contraddice il suo assunto religioso. Paradossalmente è un film che i non celentanòmani possono vedere come esempio d'orrore filmico e che i celentanòmani è meglio che non vedano per non auto-rovinare l'immagine che hanno del loro idolo. Al di là delle pluricitate brutture, si segnalano anacronismi da western fidaniano (il sigaro di Gian che più è fumato e più s'allunga), giornali esteri con titoli in italiano, eccetera. Di orrido gusto il richiamo al ratto di Emanuela Orlandi, reso pure coi manifesti simili a quelli veri e dalla scelta di dare al personaggio della Moro lo stesso nome (Emanuela) ed un cognome (Carloni) ch’è quasi l’anagramma di Orlandi.
MEMORABILE: Indimenticabile l'agghiacciante svolazzare della cornetta del telefono.

Puppigallo 11/07/09 09:26 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Prima ancora di Nuti, con OcchioPinocchio, la ghigliottina del cosiddetto "film d'autore" si abbatte inesorabile su Celentano; e la testa del super molleggiato rotola via già dopo pochi minuti, quando si capisce che, da cantante snodato, sì è autoproclamato nuovo messia e possessore dell'unica verità in un mondo di stolti, ottusi e violenti. Il risultato è uno spezzatino mal cotto che oscilla tra il delirio, l'idiozia e l'ovvietà alla monsieur de Lapalisse. Si assiste impotenti a un baraccone musical-ecologico-predicante di notevole pesantezza dove latita il vero talento musicale Adrianico.
MEMORABILE: L'encomiabile, ma anche inquietante, convinzione di Celentano nella bontà del progetto (è sicuramente il più impegnato mentre recita).

Vstringer 30/10/09 18:41 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

In questo delirante film si esprime tutto il kitsch ideologico celentanesco aggiornato al 1985, con riferimenti posticci alla guerra fredda e la perdita di ogni senso della misura nel voler mettere in scena un Secondo Avvento fra talk show televisivi e numeri musicali al limite del trash (talvolta oltre). Manca un aiuto dal modesto cast e da una confezione assai convenzionale: ma chi se ne cura, di fronte al delirio di onnipotenza di Adriano? Proprio per questo, va detto, la pellicola ha una sua (discutibile) ragion d'essere.
MEMORABILE: Claudia Mori che balla sotto la cascata, vestita con le bandiere delle due superpotenze: apoteosi trash.

124c 26/11/10 17:22 - 2779 commenti

I gusti di 124c

Film musicale del 1984, dai risvolti apocalittici e biblici scritto, diretto ed interpretato da Adriano Celentano, all'epoca non solo cantante, ma anche attore di pellicole brillanti di successo. Solo che Joan Lui non è affatto una commedia ma una specie d'anteprima del Fantastico tv del 1987 del molleggiato. Nonostante le canzoni ben coreografate, la pellicola è uno spreco non solo di tempo, ma anche di talenti (come Mirko Setaro dei Trettre e Gianfabio "Gian" Bosco). Yuppy Du rimane unico, inutile provare a bissarne il successo. Orrore.

Dengus 23/11/11 08:42 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Con troppe pretese e manie di protagonismo si può rischiare di andare a vuoto; questo "kolossal" di Celentano sembra vero metacinema, più che un film, anzi, lo definirei precursore dei suoi show in Rai; l'ho visto una sola volta (a fatica) e mai apprezzato, forse perché troppo astratto; un personaggio come lui l'ho sempre apprezzato nei film precedenti, dato che in trame normali un personaggio così ha modo di emergere su tutti, ma qui assolutamente diventa fastidioso; pure un "Celentanomane" come me non riesce a digerirlo.

Panza 15/07/14 18:24 - 1507 commenti

I gusti di Panza

Fra le brutture degli anni '80 emerge questo dimenticabile musical celentanesco che abbandonando i toni delle commedie a la Bisbetico domato, punta sul filosofico autocompiaciuto senza averne le capacità e i ritmi. Celentano spara massime da Baci Perugina, Gian (...) sembra in viaggio vacanza, Yamamnouchi ha una dizione perfetta... Scenografie alla Cabiria, montaggio frenetico e solo raramente efficace, musiche salvabili. Siamo nel campo del mito oramai e questo reperto seppellì definitivamente Celentano, pronto ai successi dei vari "Fantastico".

Il ferrini 9/11/15 14:58 - 1734 commenti

I gusti di Il ferrini

Presuntuoso, megalomane, a tratti imbarazzante per la cialtroneria dei contenuti. Un film dal costo ingiustificatamente smisurato per soddisfare il delirio di onnipotenza mistica del suo autore. Anche le musiche sono invecchiate male, così come i costumi, a differenza che per l'ottimo Yuppi Du. Nonostante questo Joan Lui è un'opera da vedere almeno una volta, nella sua versione originale da 163 minuti se non altro per saggiarne il monumentale impatto scenico.
MEMORABILE: L’inizio alla Sergio Leone; La scoperta dei feti morti alla stazione.

Alex75 31/08/16 09:34 - 688 commenti

I gusti di Alex75

Troppo diluito per essere un musical e privo di toni da commedia (salvo qualche penoso siparietto), il film più voluto da Celentano è un sermone con aspirazioni di grandiosità ma senza capo né coda (al di là dei tagli e delle traversie della produzione). Eppure ha una sua magnificenza (per le proporzioni bibliche del suo fallimento economico e artistico) ed è a suo modo irripetibile e definitivo, giacché il Molleggiato in seguito avrebbe preferito far debordare il proprio ego su altri schermi.
MEMORABILE: “Spegni, va”.

Marcolino1 20/05/17 17:03 - 509 commenti

I gusti di Marcolino1

Con lo scanzonato White Pop Jesus e il simbolico Povero Cristo, questo può essere considerato l'ultimo pezzo del trittico. Il linguaggio diretto si avvale di un montaggio dinamico sintesi di evocazioni del western italico, droga-movie, mondo e shockumentary, kidnap-movie, commedia come amara ironia, musical visionario alla Ken Russel. Unisce divismo musicale, potere mediatico e messianico, è profetico sull'Italia e sul mondo schiacciati dalla tirannia del denaro e sull'aridità dell'uomo tecnologico nell'inferno che è, come direbbe Bernanos, non amare.
MEMORABILE: Il razzismo profetizzato e utopizzato alla rovescia; La macabra ironia dell'uovo di Pasqua; Il discorso "silenzioso" di Joan.

Paulaster 9/06/17 10:24 - 2869 commenti

I gusti di Paulaster

L’ego smisurato di Celentano lo porta a essere il figlio di Dio che torna in un mondo violento dove comanda il comunismo e il simbolo è il caso Orlandi. Prima parte con gran ritmo e musiche (di Celentano stesso) che si adattano agli apocalittici avvenimenti e alla curiosità che incute. Nella seconda si sgonfia a causa dei suoi fantomatici sermoni e i pezzi musicali divengono melodici. Conclusione debordante che mostra tutta la sua ingenuità di pensiero.

Il Dandi 19/01/18 00:13 - 1851 commenti

I gusti di Il Dandi

Quando uno si crede Gesù Cristo c'è poco da dire: per girare il contraltare dei suoi album da predicatore ("I mali del secolo" o "La pubblica ottusità", cui l'accomuna anche la produzione synth-pop di Miki Del Prete) Celentano spende miliardi in scenografie pirotecniche che un Bava qualsiasi avrebbe realizzato con due lire, dando corpo a visioni narci-mistiche (con sporadiche coreografie di massa degne di Bollywood) spudoratamente personali ma del tutto anti-cinematografiche: infatti è in tv che il suo sogno messianico/mediatico si concretizzerà.
MEMORABILE: Lo "Spegni va" diretto in camera, che segue il rivoluzionario silenzio anti-televisivo (e profetizza quello reale).

Markus 25/02/20 14:49 - 3331 commenti

I gusti di Markus

L'ultima regia di Adriano Celentano si traduce in un pasticcio diviso tra musical e sorta d'anteprima di quello che sarà, un paio d'anni dopo, "Fantastico 8". Trionfo d'egocentrismo: Celentano si vede come Gesù Cristo in terra; una sorta di Messia. La pellicola intreccia videoclip, coreografie, monologhi e scene surreali che vorrebbero negli intenti fare il verso al cinema autoriale. Purtroppo si premiano solo le musiche dai ridondati arrangiamenti e alcuni momenti involontariamente trash. Un carrozzone d'idee eccessivo, persino indigesto!

Disorder 19/04/20 17:22 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Buone intenzioni e idee interessanti non mancano; peccato regni fin da subito il caos più totale fra videoclip e balletti di massa, scene d'azione dal montaggio epilettico stile remake turco, pistolotti sociopolitici degni dei rettiliani, oltre al solito ambientalismo naif da "si stava meglio quando si stava peggio" tipico del Molleggiato. Celentano ci crede, si impegna, ma senza adeguati aiuti casca inesorabilmente di fronte ai limiti tecnici. Ci riproverà oltre trent'anni dopo con Adrian, ma sarà un altro flop leggendario. Da dimenticare.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Alex75 • 17/01/17 17:47
    Call center Davinotti - 628 interventi
    Panza ebbe a dire:

    Le canzoni sono però orecchiabili, ovvio che siamo mille miglia lontane dalla grandiosità di JCS.


    Le musiche, effettivamente, sono la cosa migliore del film; Celentano e i suoi collaboratori hanno quasi sempre confezionato brani godibili, anche se diversi testi firmati dal "Molleggiato" (anche prima di "Joan Lui"; penso in particolare agli album "I mali del secolo" e "Deus") hanno toni da predica.
    Sul fatto che Celentano, lasciato cinematograficamente a se stesso, fosse votato al disastro, concordo ("Yuppi du" è stato un felice miracolo; "Geppo il Folle" non l'ho visto, ma non ho mai trovato nessuno che ne fosse entusiasta).
  • Discussione Franz • 10/06/17 19:34
    Galoppino - 220 interventi
    dovrei recuperare questo film, che, credo, non ho mai visto per intero. Forse una decina abbondante di anni fa ne 'ammirai' qualche lunga sequenza in uno dei rari passaggi televisivi, mi pare su la7 (che forse era ancora Telemontecarlo, boh). Ne trassi l'impressione di una boiata colossale, ma dovrei appunto vederlo per bene per giudicarlo. Devo dire che sia i trailer della prima tv del film, sia, mi pare di ricordare, quelli dell'uscita cinematografica, ai tempi, mi inquietavano tantissimo, in particolare questa visione del treno e l'atmosfera millenaristica. Ma Joan LUI era in pratica la versione italianizzata, nel nome, di HE-Man :) Scherzi a parte, non mi meraviglia il fatto che la prima televisiva sia stata surclassata dal Fantastico con la Oxa e Montesano: anch'io, da undicenne, preferivo la bionda Oxa, che all'epoca non era affatto male, anzi, bella gnocca, allo spelacchiato Celentano :) Curioso poi, in questo duello a distanza, che la Oxa sia diventata, in anni recenti, anch'essa una sorta di profeta del nulla, infarcita di luoghi comuni nei discorsi che fa.
    Ultima modifica: 10/06/17 19:36 da Franz
  • Discussione Il Dandi • 17/01/18 12:36
    Contratto a progetto - 1471 interventi
    Paulaster ebbe a commentare:

    il figlio di Dio che torna in un mondo violento dove comanda il comunismo e il simbolo è il caso Orlandi.


    Sospetto sia un refuso di "conSumismo", altrimenti non capisco.
    Ultima modifica: 17/01/18 12:37 da Il Dandi
  • Discussione Paulaster • 18/01/18 13:59
    Contatti col mondo - 87 interventi
    Il Dandi ebbe a dire:
    Paulaster ebbe a commentare:

    il figlio di Dio che torna in un mondo violento dove comanda il comunismo e il simbolo è il caso Orlandi.


    Sospetto sia un refuso di "conSumismo", altrimenti non capisco.


    Non è un refuso. Il comunismo comanda nel senso che la Mori sembra dettare legge dal "Corriere dell'Est" e il simbolo della Orlandi è riferito solo al mondo violento.
  • Discussione Il Dandi • 18/01/18 15:09
    Contratto a progetto - 1471 interventi
    Mi pare tirata per i capelli, ma grazie.
  • Discussione Mco • 18/01/18 18:47
    Scrivano - 9687 interventi
    Grande Panza, bellissima narrazione critica.
    Mi hai fatto quasi tornare la voglia di vederlo...;-)
  • Discussione Comiche • 1/10/18 22:10
    Galoppino - 188 interventi
    Date un'occhiata alla versione del film presente su TIMvision...
  • Discussione Raremirko • 1/10/18 22:40
    Addetto riparazione hardware - 3505 interventi
    Comiche ebbe a dire:
    Date un'occhiata alla versione del film presente su TIMvision...


    Cos'ha di così interessante?
  • Discussione Comiche • 2/10/18 02:34
    Galoppino - 188 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    Comiche ebbe a dire:
    Date un'occhiata alla versione del film presente su TIMvision...


    Cos'ha di così interessante?


    155 minuti e con un master incredibilmente restaurato. Da dove è spuntata fuori?
  • Homevideo Panza • 12/04/20 14:19
    Contratto a progetto - 4960 interventi
    La versione Mediaset, presente su Mediaset play, è quella estesa e raggiunge la durata di ben 2:35:41. Qualitativamente ottima (è la medesima che era disponibile tempo fa su Timvision), manda in pensione il vecchio DVD. Confronto il fotogramma postato da Geppo anni fa, con quello della nuova versione Mediaset (catturato a 23:58):



    Ultima modifica: 24/05/20 23:41 da Panza