In the mood for love

Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/01/07 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 12/01/07 18:21 - 659 commenti

I gusti di Flazich

E' cinema del silenzio e degli attimi di sospensione, ma mai come in questo caso il "non detto" è così eloquente. La colonna sonora, le scene rallentate, i fumi e la pioggia rendono questa pellicola incredibile. E' uno di quei film che guarderesti all'infinito per scorgere quello sguardo in più che magari nella visione precedente ti era sfuggito. W.K.W. riesce a costruire un capolavoro su una trama estremamente esile e per questo motivo merita il nostro plauso.

capannelle 1/11/07 12:38 - 4043 commenti

I gusti di capannelle

Un piccolo gioiello di delicatezza, una storia di amore che si snoda tra sguardi e silenzi di alto impatto. Le ambientazioni sono essenziali ma suggestive, la protagonista risalta per stile e sensualità, la colonna sonora è memorabile. Ritmo lento ma non è il classico polpettone orientale, per cui può osare anche chi non è appassionato del genere.

Galbo 3/11/07 07:39 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Wong Kar-Wai realizza con In the mood for love un film molto bello a partire dal titolo. È proprio il "mood", lo stato emozionale dell'amore il vero tema del film; il sentimento sezionato chirurgicamente ma tutt'altro che freddo, anzi molto partecipe benché emotivamente trattenuto. Punteggiato da una bella colonna sonora e dotato di impeccabile fotografia (è un film quasi completamente di interni) è segnato dalla splendide interpretazioni di T. Leung e M. Chung.

Supervigno 1/04/08 00:32 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

L'amore, puro, semplice e infelice, in un mondo complicato e ostile. Si potrebbe riassumere in queste poche parole un film semplicemente meraviglioso, di cui è necessario godere ogni istante, ogni inquadratura, ogni sguardo, ogni abito. Gli attori protagonisti sono probabilmente al loro meglio, impossibile anche solo immaginare un remake con facce e sguardi diversi dai loro. La colonna sonora struggente e, su tutto, la cappa di umidità quasi palpabile che aleggia sulla città e su tutto il film lo rendono indimenticabile.

Il Gobbo 3/04/08 09:10 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Giù il cappello. Maestoso e disperato melò immerso in un'atmosfera di opprimente umidità. La terrificante violenza delle convenzioni, delle opportunità, degli ostacoli all'amore, in un'opulenta cornice di abiti incantevoli, colori strabilianti, musiche suggestive. Ah, e una superba prova di due grandissimi interpreti qui forse all'apice della maturità, della bellezza, dell'espressività (altro che "cinesi tutti uguali"). Un finale criptico e il fondato sospetto di manierismo incrinano, forse provvidenzialmente, la perfezione del tutto.

Xamini 17/10/08 02:37 - 1119 commenti

I gusti di Xamini

Una trama semplice, che ruota attorno ai due protagonisti, convergenti. Ci pensa la messa in scena a complicare un poco la comprensione del testo, con inquadrature, dettagli, battute che nascondono sottintesi. La precisione alla regia è meticolosa, il tocco è velluto puro. La visione non può essere spensierata, ma diventa una ricerca al particolare, una pietanza agrodolce da assaporare sino in fondo. Al resto pensano i violini abbinati ai ralenti e ai fondo schiena e ricorsivi quasi quanto il pezzo spagnolo. Ma se il palato non è fine o pretende una storia, si rischia la noia.
MEMORABILE: Di inquadrature memorabili ce ne sono a dozzine.

Cif 17/12/08 15:50 - 272 commenti

I gusti di Cif

È palpabile la differenza tra la cultura cinematografica orientale e la nostra. La storia è lieve, costruita su intuizioni, cose non dette e cose non fatte. La vera protagonista è l'ellissi, dei personaggi senza volto (il marito di "lei" e la moglie di "lui"), dei personaggi incapaci di agire, del tempo, prima mancato, poi mancante eppure già sfuggito via. Inquadrature strette, ralenti, sigarette fumate, bellissimi abiti femminili a collo alto. Ogni scena è un quadro, con gli attori a fungere da natura morta. Kunderianamente lento.

Harrys 11/09/09 18:54 - 685 commenti

I gusti di Harrys

Delicato e aggressivo. Silenzioso e rumoroso. Statico e ipercinetico. Claustrofobico melò, di ambientazione urbana e notturna, dove quelle poche volte che si "sconfina" nell'aperto (possibilmente in vicoli bui) inevitabilmente piove. Maestosa regia; opera che possiede più le sembianze di un concerto, per l'utilizzo ieratico della musica, poliglotta e atemporale. Narrazione incentrata su un'impossibile storia d'amore, tra disillusi, trattenuti dalle convenzioni e nostalgici. Da notare come le smancerie (fisiche e non) siano ridotte al minimo.

Pinhead80 30/01/10 11:27 - 4283 commenti

I gusti di Pinhead80

Sentimenti quale amore, tradimento e di nuovo amore sono espressi in questo film di Wong Kar-Wai alla massima potenza. Le sfumature di ogni singolo movimento dei personaggi, la scelta delle musiche nei momenti in cui i sentimenti dei protagonisti si compenetrano, è assolutamente fantastica. Tutto è poesia.

Jorge 10/04/10 15:17 - 164 commenti

I gusti di Jorge

Un bel film delicato sull'amore silenzioso, non per forza esplicitato, fatto di segni e segnali, sorrisi, complicità... un amore che nasce dal tradimento dei rispettivi coniugi, ma che non trova "tradizionale" compimento... e la bellezza del film è tutta qui, nel suo essere delicato. Intense le interpretazioni, fotografia perfetta e regia solida fanno il resto. Sensibile capolavoro.

Tony Leung HA RECITATO ANCHE IN...

Homesick 1/05/10 18:51 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le ambigue sfumature dell’amore come stato d’animo in un racconto diacronico aulente di intimità, pacatezza, pudicizia. La macchina da presa di Wong-Kaw Wai è mossa dai tocchi quasi impercettibili di un abilissimo intarsiatore, mentre gli interpreti – aggraziati come i ballerini di un passo a due - e le ellissi dialogiche sono illuminati da una fotografia acquerellata e palpitante e dalla calorosa malinconia di vecchie canzoni spagnole che accompagnano ad un finale proustiano. Splendidi i costumi indossati da Maggie Cheung, anch’essi parte integrante delle incantevoli scenografie. Sericeo.

Enzus79 15/09/10 16:34 - 2284 commenti

I gusti di Enzus79

Primo film che vedo del cinese Wong Kar-Wai e che sicuramente non sarà l'ultimo. Mi ha stupito per come porta in risalto i sentimenti (positivi e negativi) dei due protagonisti traditi dai rispettivi coniugi (che non si vedono mai). Film lento ma non noioso.

Daniela 15/11/10 18:24 - 11448 commenti

I gusti di Daniela

Uno dei film d'amore più belli degli ultimi anni è un film in cui l'amore stesso non viene "consumato" ma "consuma" in un'estenuante messa di scena dei rispettivi rituali di tradimenti subiti, di umiliazioni incancellabili, un sadomasochistico ripetere gesti e parole degli assenti. Bellissimi, eleganti, resi quasi astratti dalla cifra stilistica, Tony Leung e Maggie Chung inducono nello spettatore il desiderio di vederli fondersi in un solo corpo, desiderio frustrato che accresce il fascino di un'opera che sfiora la perfezione.
MEMORABILE: Le parole d'amore sussurate al muro

Belfagor 9/11/10 20:44 - 2653 commenti

I gusti di Belfagor

Una passione che nasce nel silenzio, dagli sguardi e dalle parole non dette, che rimane contenuta e inespressa, è il cuore di questo "freddo" mélo che trasforma la quotidianità e la riservatezza in poesia. Il duo di protagonisti si muove in perfetta sintonia fra vicoli piovosi e interni anonimi, conferendo alla storia una rara armonia. Splendidamente fotografato e valorizzato da una colonna sonora inusuale, ricorda una novella di Joyce, sebbene il criptico epilogo non disdegni una nota di speranza.

Mickes2 13/02/11 17:18 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Requiem pudico e doloroso sull’amore; lo Stato d’Animo di due persone tradite nel puro sentimento, nella dignità. Solenne ricognizione sull’impossibilità di amare, che trae la sua forma con il passare del tempo, della giovinezza. Il lento fluire di una memoria, il disilluso ed ellittico sfiorire di un rapporto, tacito, clandestino, che consuma, avvinghiato agli sguardi, al non-detto, immerso in un’atmosfera disperatamente pacata e infelice. Di immane bellezza la composizione dell’immagine e l’impianto estetico. Inestimabile. Capolavoro.

Lupoprezzo 14/04/11 19:28 - 635 commenti

I gusti di Lupoprezzo

Un'opera significativa già dal titolo, che sancisce la definitiva consacrazione del regista cinese, sia per quanto riguarda la forma che la sostanza. I personaggi (tremendamente credibili e cesellati in maniera impeccabile) sono in balia dell'amore, del tempo, del tormento e delle indecisioni, mentre Wong Kar Wai con pochi tocchi e brevi cenni è capace di raggiungere profondità inaudite. Impeccabile come al solito Tony Leung Chiu Wai; elegante e flessuosa Maggie Cheung. Imperdibile.

Rullo 27/09/11 14:56 - 388 commenti

I gusti di Rullo

Grandissimo film, uno dei migliori del regista. Le musiche sono stupende, soprattutto quando accompagnano le affascinanti scene al ralenti. La regia dimostra un buon gusto per l'estetica, la sceneggiatura è scritta con cura e riesce a mantenere alta l'attenzione. Ottimo.

Pigro 30/10/12 09:29 - 8754 commenti

I gusti di Pigro

È la ballata dell’amore che non osa osare, superare convenzioni sociali e rimorsi. I due vicini di casa trascinati in un crescendo inappagato di attrazione vedono scivolar via un destino che non hanno il coraggio d’accettare. Una storia romantica, frustrata dall’educazione e dal timore che inibisce la passione dei due (non) amanti; malinconica e struggente, come la notevole colonna sonora. Meravigliosa l’eleganza dell’immagine, che cattura il mood anni 60, così come la narrazione per frammenti, anzi per singhiozzi di emozione congelata.

Coyote 14/07/13 22:25 - 185 commenti

I gusti di Coyote

I due protagonisti, entrambi traditi, entrano quotidianamente in contatto senza abbandonarsi alla passione: ciò non accade per rigore morale o per l'eccezionalità dei personaggi, ma piuttosto perché è come se volessero dire a se stessi e allo spettatore che l'amore più puro è quello non consumato. Da quando parte il tema di Yumeji e il ralenti segue la camminata di Su Li-zhen ci si innamora senza riserve di questo grande film.

Almicione 28/12/14 01:39 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Una regia precisa e al tempo stesso particolare accoglie lo spettattore nel bel mezzo di una storia che ha inizio da un trasloco. L'attrazione dei due protagonisti appena conosciutisi nasconde il "tradimento" del tradimento, causato dalle esigenze e le contingenze di una Hong Kong dai ritmi moderni ma dalla mentalità arretrata. Le ambientazioni impersonali ben si adattano alla situazione in bilico che si trasforma nella (meta)recitazione di chi è "in the mood for love" ma non ha il coraggio di farlo. Ammirevole la regia di Wong Kar-wai.
MEMORABILE: Le scene "provate".

Wong Kar-Wai HA DIRETTO ANCHE...

Giacomovie 14/11/15 20:38 - 1375 commenti

I gusti di Giacomovie

Grande affresco di vero cinema, con un'accuratezza formale quasi pittorica di alto livello stilistico, dove la storia di un amore soffocato e malinconico viene resa con una tale pudicizia che arriva a esaltarne la latente sensualità e con un tale candore che arriva a esaltarne il latente erotismo. Una forma di romanticismo sofferto (fatto di silenzi, sguardi, ricordi), con una sofferenza che spesso va ricercata e dedotta ma che colpisce ugualmente. Un film originale e antitetico, dove nell'apparente linearità va trovata la sua profondità.

Rambo90 20/02/19 22:23 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Un amore inappagato, raccontato con eleganza, sia stilistica che recitativa. Gli anni '60 sono resi bene da scenografie e da una fotografia dai colori caldi che crea una certa atmosfera. Molto bravi i due protagonisti, con la Chung, nota per la sua partecipazione a vari action con Jackie Chan, particolarmente sorprendente. Un po' rallentato verso la fine, ma indubbiamente interessante.

Paulaster 19/10/20 09:55 - 3603 commenti

I gusti di Paulaster

Due vicini di casa sospettano il tradimento dei relativi coniugi. Analisi della fine di un amore sostituito dal desiderio platonico. Regia di grande eleganza nei movimenti, luci calde, musiche suadenti (orientali e non) e dialoghi di chi cerca solo comprensione. Anche la scelta dei protagonisti molto charmant appare azzeccata. L'ultima parte, che affronta il tempo ormai passato e le occasioni perdute, non delude affatto: la vita procede e si rinnova.
MEMORABILE: I sospetti per via degli stessi regali; Le prove della confessione; Il ritorno nell'appartamento; La citazione della stanza 2046.

Jdelarge 12/11/20 10:16 - 984 commenti

I gusti di Jdelarge

Film di una raffinatezza rara, capace di racchiudere in sé molte delle caratteristiche che rendono grande il cinema orientale. Al centro della vicenda una storia d'amore o presunta tale, imbrigliata dalle tradizioni e fotografata in interni che racchiudono i protagonisti in piccolissime porzioni di spazio che contribuiscono ad accrescere il senso di costrizione dovuto ai rigidi costumi cinesi. Il fuori campo e le ellissi temporali giocano un ruolo fondamentale all'interno della narrazione. Finale interpretabile, musiche iconiche. Grande cinema.

Magi94 17/01/21 14:50 - 817 commenti

I gusti di Magi94

Una riflessione sui rovelli interiori causati dalla fedeltà a amori ormai guasti, dalla ritrosia a gettarsi fisicamente in una nuova avventura dai contorni incerti. Il regista è un esteta e si vede molto bene nella cura dei colori, dell'illuminazione, delle inquadrature, ma ciò sacrifica l'importanza della sceneggiatura, che scorre senza particolare verve e il cui finale non è giustificato dalla freddezza sentimentale dell'opera. Geniale uso della non-linearità temporale, in cui le scene ripetute fan perdere la capacità di discernere "ciò che è stato" da "ciò che vorrei fosse stato".

Maxx g 10/05/21 16:58 - 537 commenti

I gusti di Maxx g

Due coppie. Una parte di queste due non si vede. Nella Hong Kong del 1962 due persone, uno senza la moglie, l'altra senza marito, si conoscono. Vige la discrezione. Si piacciono, forse si amano, ma non lo sanno o lo temono. Settimo lungometraggio del regista cinese Won Kar Wai, è un film che letteralmente vuol dire "età della fioritura". Bella la fotografia, funzionali gli ambienti, crolla nel finale, che lascia un senso di smarrimento allo spegnimento delle luci in sala. La musica potrebbe funzionare se non fosse così ridondante. Merita una visione.
MEMORABILE: Il cibo consumato nella stanza, in silenzio, tra i due.

Bubobubo 6/06/21 17:20 - 1676 commenti

I gusti di Bubobubo

Sciarade di coppie inchiodate dall'incomunicabilità e dallo scorrere di un tempo astorico, insensibile ai reali capovolgimenti della Storia (quello del complesso di Angkor Wat, per esempio), che scroscia come un acquazzone estivo, scontornato dagli angoli delle strade, dalle fessure degli usci, dalle lame degli sguardi dei protagonisti. Meditazione raffinata sull'arte del tacitamento del desiderio e del suo spostamento progressivo, quello che guadagna nell'atmosferica interazione fra i due affascinanti protagonisti rischia però di perdere in ritmo, spezzettato specialmente in coda.
MEMORABILE: Borse e cravatte simmetriche al ristorante.

Leandrino 2/09/21 15:41 - 379 commenti

I gusti di Leandrino

L'amore platonico di due vicini di casa affetti dalla stessa malattia: l'adulterio dei rispettivi compagni. Che sia vero o no poco importa perché il pensiero rende pesante ogni giorno, soprattutto se non condiviso; ed è questo sentimento fortemente intellettualizzato che rende il film di Kar-Wai così elegante e affascinante, se anche "ingombrante". Poetico nel suo divagare, ermetico nella sua continua negazione dell'incontro amoroso, deviato da quel "noi non saremo come loro" che lascia spazio solo a ricordi compiaciuti poi dispersi dal tempo. Estremamente attraente, eppure distante.

Fulleffect 20/09/21 11:07 - 107 commenti

I gusti di Fulleffect

Ambientato nei primi anni '60 in un palazzo di Hong Kong, è la storia di un sentimento che non sboccia e di un amore che non si consuma. E' la storia di due amanti, entrambi sposati, che vivono una relazione nel tentativo di imitare il tradimento dei rispettivi coniugi e che finiscono così per finire nel mirino del pettegolezzo e delle maldicenze. Wong Kar Wai accompagna i loro movimenti lenti, i loro incontri muti sulle scale e i loro silenzi con estrema eleganza avvalendosi di una fotografia che alterna toni freddi ad esplosioni di colore. Maggie Cheung polarizza l'attenzione.
MEMORABILE: Le note di Quisaz, quisaz, quisaz di Nat King Cole; Il finale ad Angkor Wat.

Cotola 19/01/22 22:17 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Indimenticabile film di Wong Kar-Wai, al suo meglio, che racconta una bellissima e dolente storia d'amore e lo fa con una raffinatezza ed una eleganza raramente viste sullo schermo. I sentimenti dei protagonisti ci vengono restituiti senza inutili e patetiche smancerie ed evitando sbrodolamenti verbali, attraverso i loro sguardi e volti. La composizione delle immagini è da stropicciarsi gli occhi: praticamente perfetta. Fotografia di altissimo livello; tema principale di Shigeru Umebayashi che entra in testa per non uscirne più. Meravigliosi Tony Leung e Maggie Chung. Capolavoro.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.