LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/08 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 15/06/08 19:02 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Gianni, giovane con velleità di cantante, viene chiamato per la naja, a Napoli, e s'innamora della figlia del maresciallo. All'inizio rose e fiori, ma poi... Micidiale quanto storico musicarello, autentico archetipo e del genere e del suo sotto-filone militaresco (la leva toccherà anche a Little Tony e Tony Renis). Morandi e Efrikian particolarmente insipidi (implausibilissima infatti la sbandata per lui della bonona Lee), si salva l'ottimo Nino Taranto. Ma il clou sono ovviamente i classici morandiani, qui sciorinati tutti. Classico

Lovejoy 5/07/08 15:15 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Discreto musicarello ravvivato dalle splendide canzoni di Morandi e, soprattutto, dall'ottimo cast di supporto. Nino Taranto primeggia su tutto e tutti, ma gli tengono bene testa il fratello Carlo, Gino Bramieri e Raffaele Pisu e il grande Vittorio Congia. Piacevole, con un buon ritmo. Seguiranno altre avventure.

Supervigno 24/07/08 14:12 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Premettiamo che il genere musicarello, salvo rarissime eccezioni, non ci piace. In questo caso, alla usuale noia che ci assale all'ennesimo pretesto fornito al cantante di turno per propinarci in modo del tutto incongruo la sua hit del momento si aggiungono la rara insulsaggine dei due protagonisti e l'insostenibile improbabilità della trama, a cominciare dalla bellona ricca e viziata che si invaghisce di Morandi dopo averlo visto cantare (con una fissità degna di miglior causa) alla festa di compleanno. Mortale.

Mco 15/10/09 17:36 - 2154 commenti

I gusti di Mco

Un musicarello che si tinge di vari colori, dal grigio nostalgico nei momenti di tristezza e pentimento al rosso fuoco quando canta il Morandi, forte, sicuro e con l'eterna faccia da bravo figliolo. In mezzo varie nuances, specchio dei sentimenti dei vari interpreti, dai ricchi viziati, ai militari scontenti, ai familiari felici. Puerili ma divertenti le battute del duo Bramieri-Pisu e prova attoriale elegante e signorile della coppia dei Taranto. Sempreverde.

Homesick 28/05/10 16:57 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Primo musicarello per la coppia Morandi-Efrikian, che inaugura la saga della loro travagliata love-story - qui la perturbatrice è la fatalona Margaret Lee - accompagnata dai successi del cantante emiliano e da un miserando repertorio di scherzi da caserma orchestrato dal pestifero Congia. Un fotoromanzo di snervante frivolezza, cui nuocciono ulteriormente l'eccessiva durata e gli indigeribili duetti tra i malcapitati Bramieri e Pisu.

B. Legnani 23/06/10 22:03 - 4743 commenti

I gusti di B. Legnani

Il primo film Fizzarotti-Morandi-Efrikian (di enorme successo) è forse il meno peggio. La trama è la solita. Lui e lei si amano, una terza si intromette, ma lui torna da lei (peraltro dopo cinque giorni tromberecci alle Eolie con la Lee, mica uno scherzo). Fizzarotti sorprende per come mette la mdp in alcuni duetti (pur evitando i tremendi salti presenti nel film precedente) e per l'ostinazione di esaltare la peluria sotto-naso della Efrikian (vedere per credere). Morandi non recita, ma ondeggia. Tremendi i duetti Bramieri-Pisu. Salvicchiano il film i grandi Nino Taranto e Viarisio. Incredibile marchettone di Ave Ninchi, cuoca fumatrice di sigari.

Nando 22/07/10 02:41 - 3484 commenti

I gusti di Nando

Una delle genesi del musicarello; Morandi e la sua ex moglie in coabitazione con Taranto interpretano questa pellicola senza pretese. Si ascoltano le canzoni di Morandi, la trama è risibile ed arcinota ma lo sviluppo narrativo susciterà la commozione effimera.

Galbo 25/07/10 08:10 - 11415 commenti

I gusti di Galbo

Grandissimo successo negli anni '60, quasi improponibile a guardarlo adesso, è il classico "musicarello" italiano, parente povero dei grandi musical americani. Storia leggerissima, tono quanto mai frivolo e disimpegnato, il film punta tutto sulla coppia centrale (anche nella vita) Morandi-Efrikian, sulle canzoni del primo e sui buoni caratteristi presenti. Tutto ciò supporta un film per il resto piuttosto debole.

Stefania 18/05/12 02:56 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

In ginocchio io ci torno, ma da Nino Taranto, per ringraziarlo di avere reso abbondantemente sopportabile, e anche piacevole questo musicarello vecchia scuola, primeggiando nel ruolo del padre burbero-benefico di una Laura Efrikian assolutamente incolore, che però riesce, per imperscrutabili disegni del Fato, a trionfare su quella splendente (e spiritosa) creatura che è Margaret Lee! La prima parte è graziosa, per il gioco degli equivoci sull'identità del corteggiatore della Efrikian, poi... si allunga il brodo per arrivare in fondo. Classico.
MEMORABILE: Il complessino swinging con i cantanti mascherati da Diabolik che si esibisce alla festa dei ricconi: meglio loro di Morandi, sicuramente!

Belfagor 9/06/12 19:46 - 2624 commenti

I gusti di Belfagor

Musicarello del sottogenere militaresco, il primo nato dalla collaborazione fra Fizzarotti, Morandi e la Efrikian e uno dei meglio riusciti. La trama è un semplice pretesto per inserire i vari brani di successo di Morandi, la realizzazione è effimera e volta alla rapida consumazione da parte del pubblico, ma non mancano gradevoli siparietti comici: le sottotrame riguardanti Tortora, Bramieri, Pisu e Taranto risultano molto più interessanti dell'arcinota storia d'amore fra i protagonisti.

Modo 3/08/14 16:15 - 826 commenti

I gusti di Modo

Musicarello anni 60 che visto oggi fa tenerezza. Un'Italia spensierata dove il Gianni nazionale ci canta le sue belle canzoni. Canzoni che sembrano dell'era dei dinosauri mentre allora erano le "hit calde". Solo questo basta per rendere piacevole la pellicola, anche perché c'è ben poco d'altro! Storia leggera, non può essere altrimenti, con attori discreti. Una carrellata di personaggi di contorno famosi e simpatici come Gino Bramieri, Enzo Tortora...

Deepred89 26/01/15 18:52 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Tra i musicarelli visionati dal sottoscritto senza dubbio il più riuscito, in grado per assorbire il meglio degli ingredienti sparsi tra i vari film del filone. Storiella d'amore, siparietti comici e scontri generazionali appaiono stavolta ben amalgamati e mai pretestuosi. Morandi si rende sopportabile grazie alla sua spontaneità e la Efrikian, nonostante le critiche, mi pare assolutamente perfetta per la parte. Aggiungiamo che il film inserisce tutto il meglio della discografia morandiana dell'epoca e con un po' di bontà al **! ci si arriva.

Parsifal68 26/02/16 08:16 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Primo musicarello interpretato dal Morandi nazionale, nelle vesti di un soldatino che si innamora, ricambiato, della figlia dell'integerrimo maresciallo (Taranto). Una piccola incomprensione e poi il pentimento finale. Ingenuotta commedia basata sulle hit del cantante emiliano che, ovviamente, non può essere annoverata tra i capolavori della cinematografia italiana ma è lo specchio di un'epoca irripetibile. Pisu e Bramieri fanno siparietti terrificanti.
MEMORABILE: Morandi corre verso la sua amata dalla sede Rai di Via Marconi alla fontana degli innamorati a Mergellina (sembra dietro l'angolo ma è distantissimo!)

Ultimo 16/03/19 12:04 - 1367 commenti

I gusti di Ultimo

Filmetto musicale senza pretese, con la coppia Morandi/Efrikian assoluta protagonista. La vicenda è piuttosto banale e a farla da padrone sono i momenti cantati dall'allora astro nascente Gianni Morandi. Tra i molti caratteristi Gino Bramieri. All'epoca poteva essere un film forse piacevole, oggi pare solo molto invecchiato e "banalotto". Sotto la sufficienza.

Giacomovie 17/03/20 22:24 - 1351 commenti

I gusti di Giacomovie

Un militare s'invaghisce della figlia del suo maresciallo, il quale si dimostra diffidente. Prima commediola musicale per Gianni Morandi, molto bravo nella ricca parte canora meno come attore. Il binomio tra musica e sentimenti, insieme alle schermaglie da caserma, danno un movimentato senso evasivo che non fa pesare lo scarso rilievo della pellicola.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Squash • 19/09/14 10:02
    Galoppino - 196 interventi
    Margaret Lee nel film viene doppiata con una leggera cadenza napoletana da Clara Bindi.
  • Discussione Squash • 19/09/14 10:05
    Galoppino - 196 interventi
    Rosita Pisano nel ruolo della cameriera di Margaret Lee fà ridere quando imita la canzone di Morandi "Fatti Mandare dalla mamma..." con parole sue.
  • Discussione Zender • 25/02/16 17:42
    Consigliere - 43588 interventi
    Parsifal, copio qui il commento, che è più un'analisi del fenomeno (la trama come sappiamo ed è scritto nel modulo è evitabile).

    Primo musicarello recitato (?) da Morandi nelle vesti di un soldatino innamorato ricambiato dalla bella figlia (L. Efrikian, poi sua moglie anche nella vita) dell'integerrimo maresciallo (N. Taranto). Una piccola incomprensione poi il pentimento finale. Esempio tipico di un genere cinematografico molto in voga negli spensierati anni '60, in un'Italia ingenuotta che si beava nel vedere le gesta dei suoi beniamini canori e delle loro hit di successo. Oggi fa sorridere, ma è comunque lo specchio di un periodo irripetibile. Pisu-Bramieri risibili.
    Ultima modifica: 25/02/16 17:43 da Zender
  • Discussione Parsifal68 • 26/02/16 07:20
    Fotocopista - 7 interventi
    Zender scusa ma dov'è la descrizione della trama? Mi sembra abbastanza sui generis la mia descrizione... O forse aver scritto "pentimento finale" rivela ciò che non va' rivelato?
  • Discussione Zender • 26/02/16 07:33
    Consigliere - 43588 interventi
    Mi spiego meglio. Quello che si intende per trama è questo: un soldatino innamorato ricambiato dalla bella figlia (L. Efrikian, poi sua moglie anche nella vita) dell'integerrimo maresciallo (N. Taranto). Una piccola incomprensione poi il pentimento finale.

    Ma appunto (a parte il fatto che non mettiamo mai le iniziali puntate, meglio solo il cognome in questi casi, ma lì mi arrangio io), in questo caso il problema non è tanto questo quanto il fatto che l'analisi può andar bene per qualsiasi musicarello del periodo, mentre quello che chiediamo è che si parli del film nello specifico, possibilmente facendo capire che lo si è appena visto (che è quello che chiediamo, cioè di non scrivere mai di film visti chissà quando cercando di ricordare qualcosa). Un'analisi del musicarello va bene per la discussione generale dove siamo, non per un commento.
    Ultima modifica: 26/02/16 07:54 da Zender
  • Discussione Parsifal68 • 26/02/16 08:08
    Fotocopista - 7 interventi
    Mah, continua ad essere per me una spiegazione incomprensibile; un film può anche essere stato visto un anno fa e ricordarlo perfettamente.
    Comunque mi adeguo alle regole della Fondazione sperando di non incappare ancora negli strali dei censori.
    Per quanto riguarda le iniziali, l'esigenza è nata dall'esiguo numero di caratteri disponibili.
    Buona giornata.
  • Discussione Parsifal68 • 26/02/16 11:44
    Fotocopista - 7 interventi
    Il film è degli anni '60 e non degli anni '50, l'arcinota canzone è del 1964.
    Galbo, ti trovo eccezionale e preciso nei commenti, ma credevo opportuno fare una precisazione su una svista così clamorosa.
    Distinti saluti
  • Discussione Galbo • 26/02/16 12:00
    Gran Burattinaio - 3763 interventi
    Parsifal68 ebbe a dire:
    Il film è degli anni '60 e non degli anni '50, l'arcinota canzone è del 1964.
    Galbo, ti trovo eccezionale e preciso nei commenti, ma credevo opportuno fare una precisazione su una svista così clamorosa.
    Distinti saluti


    Hai fatto benissimo grazie ;)
  • Discussione Zender • 26/02/16 16:45
    Consigliere - 43588 interventi
    Parsifal68 ebbe a dire:
    Mah, continua ad essere per me una spiegazione incomprensibile; un film può anche essere stato visto un anno fa e ricordarlo perfettamente.
    Comunque mi adeguo alle regole della Fondazione sperando di non incappare ancora negli strali dei censori.
    Per quanto riguarda le iniziali, l'esigenza è nata dall'esiguo numero di caratteri disponibili.
    Buona giornata.

    Va da sé che se lo ricordi perfettamente va bene. Io lo dico perché a volte càpita di trovare in alcuni commenti degli errori che se si fosse visto da poco il film non si farebbero (non sto parlando dei tuoi commenti). Per le iniziali, se son problemi di caratteri togli le iniziali dei nomi e lascia solo i cognomi così guadagni ancora di più.
    Per il resto la questione dei commenti da fare "subito" era marginale. Il problema ripeto che riguardava il fatto che il commento (trama a parte) poteva essere applicato a tutti i musicarelli indistintamente. Per i disciorsi da fare più in generale esiste il forum, per l'appunto.
  • Curiosità Zender • 24/02/17 15:59
    Consigliere - 43588 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: