Il bacio

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1974
Genere: horror (colore)
Note: Dal romanzo di Carolina Invernizio.
Numero commenti presenti: 10
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/04/07 DAL BENEMERITO HOMESICK POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/10/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 18/04/07 10:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sontuoso feuilleton immerso nella laguna veneziana notturna, arricchito e rivitalizzato da elementi demoniaci cui è evidente l'impronta del cosceneggiatore Pupi Avati, specializzato nell'esplorare torbidi legami di sangue e nell'inventare enigmatici personaggi legati all'occulto. Bonuglia è pacato e plagiato, la Giorgi diafana e sfuggente ma di scialba personalità; le vere star sono la sempre istrionica Cortese, a tu per tu con le forze del male, e soprattutto la Beswick, cupa e lussuriosa ammaliatrice. Aiuti registi sono Lamberto Bava ed Antonio Avati.
MEMORABILE: Il rituale satanico nei sotterranei del palazzo; Il processo.

Caesars 22/08/09 22:47 - 2932 commenti

I gusti di Caesars

Non granchè questo feuiletton tratto da Carolina Invernizio, che vede come cosceneggiatore Pupi Avati (e come secondo aiuto regista suo fratello Antonio). Quello che sorprende un poco rispetto ad altri prodotti analoghi è la forte componente horror (presumo dovuta proprio alla mano di Pupi). Eleonora Giorgi, giovane e diafana, non è molto convincente, mentre molto meglio di lei si comporta la sua "nemica" Martine Beswick. Tra gli altri attori meritano una citazione i grandi Massimo Girotti e, soprattutto, Valentina Cortese.

B. Legnani 4/12/09 01:06 - 4908 commenti

I gusti di B. Legnani

Il migliore fra i film-Invernizio che conosco (mi manca Sepolta viva), pur restando globalmente su livelli medi. Pellicola dominata dalla Beswick, bellezza indimenticabile, che fa sparire una Giorgi mediocre e fuori parte (meglio Bonuglia, che cala però nella seconda metà). Grandi Girotti e la Cortese e davvero notevole la regìa di Lanfranchi (si vede il suo magistero operistico), che fotografa benissimo e sa dare azzeccati tocchi medodrammatici e orrorifici, aiutato da sontuosa ambientazione ("accurata", ammette Autera): non che renda credibile la trama, ma almeno riesce a darle linearità: **
MEMORABILE: La Beswick nel letto della Cortese.

Daidae 16/10/10 11:05 - 2839 commenti

I gusti di Daidae

Mi è piaciuto anche meno del Bacio di una morta di Infascelli. Mediocre film che mischia riti satanici, sesso lesbico, corruzione e "giallo" in un minestrone di difficile digestione. Scarsissima la Georgi, qui in una delle sue prove peggiori, passabile il resto del cast. Non bruttissimo ma mediocre.

Zender 25/04/11 01:03 - 291 commenti

I gusti di Zender

Melodramma in costume che da una prima parte invischiata nelle sabbie della leziosità sa muoversi bene in direzione di un clima fosco, a tratti sadiano, calato tra le brume di una Venezia autunnale colta con gusto e un occhio puntato al Don’t look now di Roeg. Presenze femminili importanti e magnetiche (la Beswick soprattutto), clima d’incombente mistero avatiano che rivela il nome del cosceneggiatore fin quasi ad avocargli virtualmente il film. Certo manca la mano del Pupi futuro, ma le prove per uno stile già s’intravedono.

Dusso 26/09/11 19:26 - 1548 commenti

I gusti di Dusso

Seppure il gemello di Infascelli lo abbia visto orami quattro anni fa e il ricordo sia quello che è... questo, di cui avevo letto giudizi migliori, mi è invece parso meno riuscito. Cast buono, la Beswick è molto affascinante in quel ruolo, ma la sceneggiatura non è proprio granché; l'altro film ha forse più cadute ma anche trovate migliori. Gradevole sì ma non riuscitissimo...

Mco 4/01/12 23:21 - 2177 commenti

I gusti di Mco

In questo film, definito dai più esempio di cinema sotterraneo satanico, la mano di Avati sceneggiatore si vede lontano un chilometro, mercé le calli veneziane, la nebbiolina invernale, il gotico che trasuda dai palazzi della repubblica marinara per eccellenza. Morboso, complesso, cupo ed irrisolto (la storia tra Elena e Alfonso è davvero conclusa?) ma ciononostante capace di affascinare.

Motorship 6/08/12 17:01 - 567 commenti

I gusti di Motorship

A me sembra il film di Infascelli Il bacio di una morta senza l'aggiunta (di una morta). Infatti è sempre un melodramma in costume, anche se io, per quanto legga giudizi migliori, lo reputo inferiore a quello di Infascelli, il quale aveva qualche spunto interessante, specialmente nella prima parte. Ottimo cast, dove la parte del leone la fa l'affascinante Martine Beswich, mentre la Giorgi è davvero carente (la Dionisio nel film di Infascelli era mille volte meglio), al punto da farsi superare dalla più convincente collega. Ottimo Girotti.

Giùan 20/02/21 14:02 - 3262 commenti

I gusti di Giùan

Lanfranchi tenta di innervare l'emaciata obsolescenza del feuilleton gotico con le geometrie scenografiche del suo magistero teatrale, appoggiandosi all'impianto "oper(ett)istico" della Invernizio narrazione. Il risultato, minato da fondamenta molto friabili, non è esente da falle nel ritmo, ma lo spazio lasciato agli antagonisti (il carisma erotico della Beswick fa tutt'uno con l'ascendente recitativo di Valentina e il prestigioso portamento di Girotti) tien desti i sensi compensando l'esangue appendice del tutto. Bonuglia a mezza cottura, Giorgi (s)cotta e senza sale.

Herrkinski 22/04/21 14:26 - 5677 commenti

I gusti di Herrkinski

Soporifero polpettone melodrammatico in costume uscito lo stesso anno dell'analogo Il bacio di una morta (sono tratti dallo stesso racconto), vive di un'atmosfera da opera teatrale, con dialoghi impostati dall'afflato "antico" e interni gotici e sfarzosi; Venezia in realtà non si vede tantissimo, perlopiù in scene di raccordo, pur restando la cosa più interessante insieme alle influenze da horror satanico, comunque contenute rispetto a prodotti del periodo ben più efficaci. Il finale in tribunale da legal-thriller, col prevedibile twist, dà il colpo di grazia allo spettatore esausto.

Brian Deacon HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 29/09/09 13:08
    Scrivano - 7617 interventi
    Martine Beswick

    Martine Beswick, nata nel 1941, è stata a lungo una vera e propria pin-up del cinema britannico, soprattutto quello dei primi anni '70.
    Per Terence Young è stata una delle tante "Bond girl" presente in Dalla Russia con amore (1962) come in Operazione tuono (1965).

    Per il cineasta Don Chaffey l'attrice ha (ben) rappresentato una bellezza preistorica nell'avventuroso-fantasy Un milione di anni fa (1966).

    Al thriller orrifico approda in due contesti: ne Un attico sopra l'Inferno (Peter Collinson, 1967) e nell'indimenticabile Barbara, il mostro di Londra (Roy Ward Baker, 1971).

    Tra le più rinomate pellicole cui ha preso parte si ricordano Seizure (Oliver Stone, 1974) e la piccola partecipazione in Una volta ho incontrato un miliardario (Jonathan Demme, 1980).
  • Homevideo Buiomega71 • 24/01/17 10:28
    Pianificazione e progetti - 22621 interventi
    Mai uscito in VHS e non c 'è traccia di dvd esteri. Io ho una registrazione notturna da Rete 4 (anno 2001), e credo uncut, in quanto , al cinema, passò col divieto ai 14 senza tagli ( fonte attendibile datami dal buon Deep).
  • Curiosità Zender • 26/03/18 20:09
    Consigliere - 44422 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: