Harry Potter e il Principe Mezzosangue - Film (2009)

Harry Potter e il Principe Mezzosangue
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/07/09 DAL BENEMERITO HARRYS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Gatsu 8/08/09 08:58 - 3 commenti

I gusti di Gatsu

Bel film: la trama è sempre meno per bambini e sempre più per un pubblico più maturo. Peccato per la trama, che è letteralmente tagliata per stare dentro ai tempi del film perdendo quasi tutti i fatti che avrebbero spiegato il titolo del lungometraggio. Ottimi gli interpreti e speriamo in una versione estesa con scene inedite e inevitabilmente tagliate.

Belfagor 23/07/09 09:39 - 2663 commenti

I gusti di Belfagor

Nonostante alcune incomprensibili distorsioni della trama, il film sembra ingranare bene, grazie alle ottime performance del cast, che si arricchisce dell'istrionico Broadbent nella parte di Lumacorno. Gli effetti speciali sono di prim'ordine e le ambientazioni, come sempre, sono studiate nei minimi dettagli. Peccato per la questione degli Horcrux, che sembra un po' tirata per i capelli. Non ci resta che attendere il settimo capitolo.

Harrys 16/07/09 01:53 - 686 commenti

I gusti di Harrys

Le premesse, dato Yates, non erano delle più rosee. Senza memorabili guizzi registici (ovviamente), la pellicola ci offre: un'ottima prova della new entry Broadbent, una buonissima ultima mezz'ora (con annesse splendide perfomance di Gambon, Felton, Rickman e Carter) e una fotografia davvero eccezionale. Omissioni funzionali, ma qualche informazioncina qua e là a mio avviso avrebbe giovato (soprattutto riguardo gli Horcrux). Da ricordare come capitolo pià simpatico della saga, grazie alle frequenti (forse troppe) "incursioni" amorose.

G.enriquez 18/07/09 13:08 - 121 commenti

I gusti di G.enriquez

Piccolo gioiellino Potteriano, forse il migliore da La camera dei segreti. Ritorna lo sceneggiatore dei primi quattro capitoli e si vede: rispetto al precedente episodio aumentano le scene d'azione, il ritmo e soprattutto ritorna quel sottile velo di ironia che mantiene desta l'attenzione nonostante la lunghezza della pellicola. Fotografia e scenografia superbe, regia funzionale, splendidi effetti speciali. Davvero un buon film.

Puppigallo 19/07/09 01:16 - 5009 commenti

I gusti di Puppigallo

Emblematica la risposta di un tizio in sala alla sua donna, assentatasi per più di 15 minuti: "Cosa è successo?". E lui: "Niente". Qui latita l'azione, ma soprattutto latitano le idee, i guizzi, linfa vitale per una pellicola come questa. Non ci si può accontentare di dialoghi fiume, di gente che trama (neanche tanto nell'oscurità) e di amorucoli adolescenziali. Ci voleva molto di più. E meno male che doveva essere l'episodio più oscuro... Era meglio non sapere da babbani, piuttosto che essere annoiati a morte. Buoni effetti e poco, o null'altro.
MEMORABILE: L'uomo poltrona; La teoria del puf: "Oggi ci sei e domani... puf".

Elsup 21/07/09 08:55 - 140 commenti

I gusti di Elsup

La storia, rispetto ai precedenti capitoli, è un po' troppo piatta, non succede granchè per tutto il primo tempo, mentre nel secondo qualche cosa di più. Nella continuity potteriana sicuramente la pellicola meno riuscita, colpa soprattutto della regia che non riesce a trasmettere quello che doveva essere, ovvero il preludio alla fine. Comunque guardabile.

Caesars 20/08/10 09:13 - 3537 commenti

I gusti di Caesars

Più passano le trasposizioni cinematografiche di questa saga e meno capisco il motivo di tanto successo. Certo tecnicamente le pellicole sono fatte molto bene, ma per il resto non mi pare che ci sia nulla di memorabile. Anche in questa puntata le atmosfere sono molto cupe, ma la cosa più che generare tensione crea un po' di noia (in questo una grossa mano la dà anche la lunghezza del film: circa 2h e mezza). La professionalità degli attori adulti e qualche spunto della trama fanno comunque si che il prodotto rimanga vedibile.

Galbo 12/11/09 07:00 - 12065 commenti

I gusti di Galbo

Con il sesto episodio, la saga di Harry Potter tocca il suo punto più basso. Il regista Yates non riesce a concentrarsi sul filone portante della storia e si perde nelle tante poco interessanti sottotrame; si intuisce che il tanto strombazzato carattere dark della storia è una bufala mediatica a spese del pubblico. Rimangono una bella fotografia e i buoni effetti speciali. Si spera nel colpo di coda finale.

Cif 30/11/09 23:07 - 272 commenti

I gusti di Cif

Film cupo, con scene in costante penombra negli interni, o nebbiose negli esterni. Un po' lunghetto, predilige una costruzione lenta delle atmosfere e degli eventi; scelta che si rivela assolutamente obbligata, data la mole di materiale proveniente dall'omonimo libro della saga. Tutto fila bene, anche se non tutte le parti mantengono costante l'interesse dello spettatore. Importante colpo di scena finale, che apre nuovi dilemmi e lascia, ancor di più, in sospeso il pubblico. Medio. **!.

Greymouser 19/04/10 17:25 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Yates riesce a fare ancora peggio rispetto al precedente capitolo della saga, con questo soporifero film che induce lo spettatore a slogamenti di mandibole per la sua prolissità, la verbosità, la sceneggiatura frammentata in mille sottotracce inconcludenti. Un esempio, insomma, di regia logorroica, statica e dispersiva, con recitazioni che inevitabilmente ne risentono al ribasso. Si spera per l'ultimo episodio la restituzione della regia ad un cineasta vero, prima che l'affossamento diventi definitivo.

David Yates HA DIRETTO ANCHE...

Ghirlanda 13/05/10 10:50 - 58 commenti

I gusti di Ghirlanda

Il principe mezzosangue di Yates non riesce a pieno nella trasposizione del libro. La trama risulta confusionaria e il motivo portante del film viene abbozzato en passant nel finale. Questo episodio di passaggio, fondamentale per la preparazione dell'epilogo, risulta dunque superficiale. Forse anche il sesto capitolo della saga Potter necessitava di due tranches. Alla fine dei conti, però, risulta comunque un prodotto digeribile e il regista non delude in quanto a tecniche di ripresa.

Aal 31/08/10 12:23 - 321 commenti

I gusti di Aal

David Yates corregge di parecchio il tiro e si riscatta dal passo falso del film precedente. Qui finalmente tutto funziona a dovere ed assistiamo ad una bella trasposizione, con qualche omissione di troppo, di uno dei romanzi più appassionanti della saga. Molte le scene davvero coinvolgenti emotivamente, merito di una fotografia curatissima, scenografie epiche e ottime prove di Tom Felton, Michael Gambon e del solito superlativo Alan Rickman. Attendo l'ultimo capitolo (che sarà diviso in due parti) con ansia.

Sabryna 17/02/11 20:56 - 225 commenti

I gusti di Sabryna

Nel sesto capitolo, dalle atmosfere sempre più oscure, si accentua il rapporto conflittuale tra Harry e Draco, ormai palesemente appartenenti alle due fazioni Bene: Male = Silente: Voldemort. La figura di Severus Piton si fa sempre più ambigua e pregnante, come si evince dal finale. Da filmetto per bambini, Harry Potter diviene sempre di più favola nera per adulti, dalle tonalità cupe e malefiche. E a ben vedere, quelli che stancano meno sono forse proprio i cattivi, ai quali va il merito di tenere alto il gradimento della serie.

Ryo 13/08/11 16:16 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Ormai abbandonati i toni vivaci e colorati dei primi film, ci troviamo al cospetto di tinte più mature e drammatiche. La scarsa azione e l'eccessiva melensaggine potrebbe annoiare, ma è una trama predisposta e dovuta. Viene fatta maggior luce sul passato di Voldemort e la risoluzione di qualche mistero viene a galla. Questo film si potrebbe definire la quiete prima della tempesta, che sicuramente ci sarà nell'ultimo capitolo.
MEMORABILE: La morte di un personaggio molto importante.

Smoker85 13/11/11 02:18 - 472 commenti

I gusti di Smoker85

Uno degli episodi più enigmatici e meno indipendenti della saga. Difficile apprezzarlo senza poi vedere il seguito. L'azione è davvero latitante per quasi tutto il film, avvolto dall'ombra, come a simboleggiare che l'oscurità sta avvolgendo lentamente Hogwarts. Il regista non è stato in grado di accentuare la senilità repentina di Silente (che esteticamente, come ammette candidamente Harry, è sempre uguale) e si è affidato ai soli dialoghi per tratteggiare un aspetto che invece ha una grande importanza, come si evincerà dall'ultimo film.
MEMORABILE: La spedizione di Harry e Silente alla ricerca dell'Horcrux (grandissimo anche il doppiatore di Silente, Gianni Musy).

124c 10/04/13 12:38 - 2855 commenti

I gusti di 124c

La sesta puntata del mago Harry Potter è quasi un thriller con formule magiche, che introduce l'ennesimo nuovo professore di difesa delle arti oscure, impersonato dal simpatico ed enigmatico Jim Broadbent. C'è da segnalare qui anche l'ottima prova di Michael Gambon, da quattro film un mago Silente degno di competere con la versione del compianto Richard Harris dei primi due. Notevole anche il biondo attore che interpreta il giovane Draco Mallfoy, ormai quasi convertito al "lato oscuro". Buoni gli effetti speciali del pozzo dei ricordi.

Yamagong 14/08/13 00:48 - 274 commenti

I gusti di Yamagong

Seconda volta per Yates alla regia della saga di J. K. Rowling, ma il compito è ancor più arduo, visto e considerato che il sesto libro non è tra i migliori della serie. Da segnalare anche qualche sforbiciata di troppo che svilisce molto le side stories originali. Per il resto abbiamo a che fare con l'ennesimo atto di un appuntamento cinematografico ormai divenuto immancabile grazie al consueto cast stellare e uno strabiliante comparto visivo. Anche se marginale, Broadbent-Lumacorno fa la sua porca figura. Si preannuncia un gran finale...
MEMORABILE: Le sconvolgenti scene finali; Silente e Harry all'interno della grotta.

Viccrowley 14/08/13 09:57 - 814 commenti

I gusti di Viccrowley

Sesto capitolo. Ci si prepara per il gran finale diretti da David Yates e immersi in una fotografia lugubre dai cromatismi lividi e tetri. Ormai sullo sfondo le simpatiche lezioni a scuola, il gruppo di adolescenti maghi entra nell'età adulta e sceglie da che parte schierarsi. Pochissima azione, ma ottimi flashback sull'infanzia di Riddle/Voldemort con il dipanarsi della trama degli Horcrux, vero cardine del capitolo finale. L'adattamento però stavolta risulta troppo condensato rispetto alla pagina scritta, ricchissima di eventi cruciali. Incompiuto.
MEMORABILE: Silente e Harry alla caccia dell'Horcrux; I flashback su Riddle, dove germogliano i semi del Male.

Pinhead80 18/08/13 10:28 - 4405 commenti

I gusti di Pinhead80

A quota sei le cose cominciano a farsi sempre più chiare (da un punto di vista della trama) e sempre più oscure (per ambientazioni). Gli spazi legati al divertimento e alla spensieratezza vengono sempre meno. Il male è entrato anche nella scuola-fortezza di Hogwarts e gli avvenimenti precipitano di minuto in minuto. Un capitolo necessario a introdurre il gran finale (diviso in due parti) che lascia più di una volta con il magone.

Rigoletto 15/06/16 17:46 - 1742 commenti

I gusti di Rigoletto

Il tormentone "Che noia, che barba!" di Mondainiana memoria trova ampia applicazione in questo film nel quale sarà pur vero che i fatti narrati hanno grande rilevanza, ma la forma, la grazia nel porgere, l'attenzione per lo spettatore, sono di fatto inesistenti. Questi difetti, abbinati alla consueta durata extralarge, rendono la pellicola decisamente meno appassionante delle precedenti e ci si attende che solo il finale possa concludere degnamente una serie che, nel bene e nel male, ha fatto storia.

Daniel Radcliffe HA RECITATO ANCHE IN...

Lou 6/04/20 18:32 - 1098 commenti

I gusti di Lou

Il sesto episodio è un film di passaggio e introduce elementi che vanno a comporre, pur in modo alquanto confuso, la trama complessiva destinata a condurci verso gli esiti finali della saga. Meno godibile rispetto ad altri episodi precedenti, per le ambientazioni tetre e per la tristezza di alcune situazioni. Sempre di livello la fotografia e gli effetti speciali.

Redeyes 29/08/20 15:48 - 2358 commenti

I gusti di Redeyes

Yates ci trascina dentro l'oscurità che sta mangiandosi Hogwarts con una fotografia cupa e faticosa, che spesso, tuttavia, va in soccorso a certi passaggi poco incisivi in questo senso. Perduta ogni parvenza d'infanzia, o quasi, veniamo allietati unicamente col passato del giovane Tom-tussaichì. La discesa verso l'oscuro è intrapresa è già iniziano a cadere le prime teste. Parallelamente il nostro interesse è maggiormente dato dall'attesa della fine che all'opera stessa ormai.
MEMORABILE: Il principe mezzosangue.

Minitina80 4/02/22 17:57 - 2766 commenti

I gusti di Minitina80

La traccia storiografica principale che vede Harry in contrasto a Voldemort rimane la parte più interessante, ma la scelta di scialacquare il tutto con argomentazioni varie, di poco conto, ha il risultato di abbassare drammaticamente la qualità generale. Ci si ritrova a sorbire inframezzi inutili e sciatti che non smuovono assolutamente nulla, dimenticandosi dei particolari di maggior rilievo e con l’aggravante che l’attenzione viene spezzata una volta di troppo. Poteva durare tranquillamente un’ora di meno e necessitava di una regia di maggiore personalità.

Xamini 29/04/22 21:27 - 1174 commenti

I gusti di Xamini

Hogwarts inizia a cedere come roccaforte del Bene e i toni si adattano di conseguenza, sia esteticamente che narrativamente: l'arrivo in treno, un Draco cresciuto, più temibile e con un compito fondamentale, infine uno dei più forti colpi di scena della serie. Il tutto nel mezzo di una serie di momenti più ordinari, se così vogliamo denominare i sentimenti che fioriscono tra i personaggi. Il concetto è uno, però: l'allegria della magia della scuola è solo un ricordo e questo trapasso è ben supportato da una crescita degli attori. Non il miglior capitolo in assoluto ma godibile.

Magerehein 7/05/22 20:58 - 580 commenti

I gusti di Magerehein

Forse l'adattamento meno valido della saga di Harry Potter. La realizzazione scenica (con fotografia sempre più tenebrosa e validi effetti speciali) è buona, le prove dei protagonisti pure, ma ciò che lascia davvero con l'amaro in bocca è la discutibile compressione del romanzo di partenza; esso serviva infatti a mostrare e chiarire molte cose del passato di Voldemort, mentre qui si sceglie deliberatamente di omettere diversi importanti flashback sul fu Tom Riddle per sbandierare peripezie amorose (e stati d'animo relativi) d'importanza decisamente secondaria. Deludente.
MEMORABILE: Luna Lovegood e i suoi occhiali; La fine di un personaggio importante.

Lupus73 29/08/22 23:30 - 1345 commenti

I gusti di Lupus73

Continua la saga del maghetto in territori dark, tenebrosi, sempre più lontani dal fantasy fiabesco e idilliaco di partenza; in effetti l'inizio allegorizzava la sfera dell'infanzia in un magico mondo parallelo (alla Oz, Peter Pan, Alice) che rischia di collassare di fronte alla drammaticità della crescita adolescenziale. Si susseguono i ribaltamenti e colpi di scena, ma manca la dinamicità dei due capitoli precedenti. La confezione e la CGI sono sempre più raffinate, complice l'oscurità che prevale nella fotografia, e proporzionalmente cresce la tragicità del soggetto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Brainiac • 17/08/09 16:02
    Call center Davinotti - 1466 interventi
    Harry potter e l'abbuffata editoriale.

    Negli Stati Uniti la prima tiratura dell'ultimo capitolo è stata di 12 milioni di copie(8 milioni di copie prenotate sul solo Amazon).

    La maggior parte delle vendite è stata effettuata applicando forti sconti.
    Praticamente nessuno ha rispettato il prezzo di copertina(35 dollari) al punto che il prezzo medio si è attestato sui 20 dollari.

    Ai party per l'uscita del libro hanno partecipato 1 milione di cittadini americani.

    Fonte:Duellanti,luglio 2009.
  • Discussione Zender • 10/08/10 17:50
    Pianificazione e progetti - 46714 interventi
    Ma son già un pacco e mezzo i nomi del cast, Harrys. Non posso mettere un palazzo di nomi nel cast... O mi metti quelli che vuoi inserire (diciamo una ventina per film) o non ci stanno tutti...
  • Discussione Zender • 10/08/10 18:13
    Pianificazione e progetti - 46714 interventi
    Per me non è un problema, anzi se lo fai grazie mille. Non so se sei in grado di metterli più o meno in ordine d'importanza (almeno i primi tre o quattro), sarebbe meglio.
  • Discussione Harrys • 21/08/10 14:05
    Fotocopista - 650 interventi
    X Caesars: il gran successo della saga è dovuto in gran parte, come sovente accade, ai libri, molto più profondi e "sensati" dei corrispettivi cinematografici. Sino al quarto episodio, i film hanno tenuto botta, grazie soprattutto ad un apporto registico di tutto rispetto (Cuaron in primis); dal quinto in poi, complice il progressivo ingarbugliamento e l'incombente stratificazione della saga letteraria, il calo è stato evidente. Lo si nota con maggiore evidenza ne L'Ordine: ridurre ottocento e rotte pagine in due ore di film è stata impresa ardua per il semi-esordiente Yates; e il risultato purtroppo lo dimostra. In questo sesto episodio, invece, s'è deciso di puntare più sul lato adolescenziale, a discapito dei più interessanti, almeno a mio avviso, "ricordi" di Tom Riddle. Da non trascurare poi il fatto che, più si va avanti, più la montagna di questioni tralasciate s'innalza e... bèh, prima o dopo, qualcuno dovrà pure tirare le fila. Da qui la mia curiosità nei confronti dell'ultimo, anzi, gli ultimi, capitoli, diretti sempre dal sor Yates. Quel che ho sempre sostenuto è che, a questa saga, è mancato "solamente" un Peter Jackson...
  • Discussione Caesars • 21/08/10 14:31
    Scrivano - 16480 interventi
    Grazie delle precisazioni Harrys. Dei libri ho letto solamente il primo, quindi non posso giudicarli; mentre per quanto riguarda i film non posso che concordare con te che c'è stato un calo (forse inevitabile). E' facile che gli ultimi episodi, nei quali si dovrà per forza di cose tirare le fila degli accadimenti, si possa riavere un'innalzamento della qualità
  • Curiosità Raremirko • 28/12/13 00:44
    Addetto riparazione hardware - 3844 interventi
    Nel film non venne sfortunatamente inserito un interessante personaggio chiamato l'uomo tatuato, che richiese molte ore di make up.

    Fonte: extra del secondo dvd dell'edizione speciale del film