Exterminator

Media utenti
Titolo originale: The exterminator
Anno: 1980
Genere: action (colore)
Note: Aka "Exterminator - Strade di piombo", "Sterminatore". Ha un seguito, "Exterminator 2 - Dominator".
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/02/09 DAL BENEMERITO DAIDAE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Daidae 9/02/09 15:22 - 2763 commenti

I gusti di Daidae

Due reduci del Vietnam conducono una vita tranquilla finché dei criminali non pesteranno uno di loro riducendolo un vegetale, l'altro lo vendicherà e non si limiterà solo a quello.. Tema della giustizia privata affrontato bene anche se non mancano gli scivoloni: a parte la faccia poco azzeccata di Ginty, qualche esagerazione come la lotta con bombe a mano, la decapitazione e sopratutto il mafioso tritato andavano palesemente evitate! Il poliziotto poi sembra recitare in un film a parte Tutto sommato si lascia vedere.
MEMORABILE: Il mafioso tritato, la testa di cartone decapitata, il maniaco sessuale grasso, le bombe a mano.

Buiomega71 23/04/11 13:00 - 2298 commenti

I gusti di Buiomega71

Uno dei capolavori assoluti del poliziesco metropolitano degli anni 80. Gioiello firmato da un James Glickenhaus in stato di grazia, un viaggio all'inferno senza ritorno, tra ragazzi marchettari, droga, tritacarne giganti, degrado e sporcizia. Un revenge movie coi controfiocchi e mio personal cult. Il prologo in Vietnam è tra le sequenze più splatter e violente che il grande cinema di quegli anni ci abbia mai regalato. Non fatevi ingannare, non è il "solito" action movie, ma un incubo metropolitano che difficilmente si scorda. Assoluto.
MEMORABILE: Il prologo in Vietnam; il feroce omicidio dell'amico di Ginty; i panzoni che se la fanno con i ragazzini; la ragazza tossica.

Siregon 16/07/11 17:54 - 353 commenti

I gusti di Siregon

Straordinario revenge/poliziesco degli anni 80, teso, sporco, violento, con una memorabile soundtrack. Strepitoso l'inizio in Vietnam, realistico e perfetto nel dare il ritmo al resto della storia. Grande Robert Ginty, perfetto nella parte. È uno dei migliori esempi di action di quegli anni, dove le metropoli americane erano invase da prostitute, drogati, papponi e delinquenti di ogni sorta. Almeno al cinema. Vale Il cacciatore di Cimino.

Artorias 17/08/12 11:45 - 3 commenti

I gusti di Artorias

Giù il cappello davanti a uno dei migliori "it's vendetta time" di sempre, sicuramente superiore a Non violentate Jennifer, anche se qui si tratta di poliziesco metropolitato mentre l'altro è un rape'n'revenge. Alcune idee sono sublimi, dal tritacarne gigante al prologo in Vietnam, crudo come carne alla tartara, ma più di tutto a risaltare sono la sporcizia e il marciume che si respirano nella pellicola, tra dealers, teppisti da Classe 1999, papponi-panzoni-pedofili e tossiche perse. Cult personale.
MEMORABILE: Il rampino nella schiena, il tritacarne formato famiglia; Il pappone-panzone-pedofilo; Il prologo in Vietnam.

Fauno 12/05/13 19:29 - 1936 commenti

I gusti di Fauno

Concettualmente sarebbe ancora più estremo di Executor, ma vuoi per la faccia da pacioccone del protagonista nel ruolo di giustiziere, vuoi per la censura che avrà soffiato sul collo del regista, il sadismo lo si rasenta senza addentrarvisi e ci ci si limita a ammirare gli strumenti di tortura. Il contrapasso dantesco viene applicato bene: ogni criminale ha la punizione che si merita e c'è pure la ricomparsa piacevole della Eggar, che avevamo lasciata a Spoleto e dintorni nel filmone di Crispino. Nel complesso buono.
MEMORABILE: Su tutte la scena della conigliera.

Tomastich 8/07/13 11:29 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Rape & revenge? Non proprio, io lo chiamerei "Top Class Full Violence Tourbillon": nel Vietnam (dove già vediamo volare una testa) si svolge un succoso preambolo, mentre il resto della storia di svolge nelle strade e nei sobborghi della Grande Mela. Un giustiziere privato che non fa differenziazioni, spara, trita e sacrifica. Più nero di così si muore.

Herrkinski 7/05/14 04:46 - 5302 commenti

I gusti di Herrkinski

Spin-off del Giustiziere della notte bronsoniano, con qualche eco pure da Taxi driver, ma capace di brillare di luce propria grazie a svariate trovate geniali (le esecuzioni, fantasiose e ben girate) e a un senso dell'humour nerissimo e impercettibile, ma comunque presente. Ginty, con quella faccia alla Paul McCartney, non mi ha convinto troppo ma resta al servizio del ruolo; non male il resto del cast. Il film parte in quarta poi rallenta un po', con qualche parentesi superflua, ma il contrasto tra staticità e stralci violentissimi funziona.
MEMORABILE: Il tritacarne gigante; Il sudicio covo dei pervertiti.

Jena 27/05/17 16:00 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Più che dalle parti del Giustiziere della notte qui sembra di vedere un lontano progenitore dei moderni torture porn, viste le sevizie cui sono sottoposti i malcapitati che finiscono nelle mani dello Sterminatore (uno viene triturato in un enorme macina carne, un altro bruciato vivo ecc). Purtroppo la regia è veramente rozza e on poco senso del ritmo e non aiutano certo i pessimi attori (tra cui lo sterminatore Ginty con quella faccia da giuggolone). Il prologo nel Vietman però è da antologia; peccato non si prosegua su quella strada...

Trivex 28/06/17 10:23 - 1508 commenti

I gusti di Trivex

Diciamo che la sceneggiatura non è il punto forte di questo film, che sembra anzi un pacchetto disordinato di immagini che seguono un canovaccio, razionale e comprensibile ma con veri e propri "buchi" nella continuità della vicenda. Il resto invece è davvero buono! A partire dalle immagini di guerra crudeli mostrate tra fuochi e fiamme per poi giungere nei quartieri infimi e sporchi di N.Y. dove la violenza sarà esplicitata nella vendetta più clamorosa. Il finale è da vedere, dalla scelta drammatica in ospedale fino al duello sulla nave della morte.

Nicola81 27/10/17 23:45 - 2009 commenti

I gusti di Nicola81

Sarà per la disordinata sceneggiatura, sarà per la faccia un po' così di Robert Ginty, ma questo ennesimo giustiziere, anche se le sue vittime sono criminali della peggior specie, ispira molta meno simpatia del capostipite Charles Bronson. Sporco e violento come ci si aspetta, a tratti rozzamente eccessivo, ma con un finale meno scontato del previsto. George è il poliziotto sulle tracce del protagonista; la Eggar, nei panni di una dottoressa, è sempre elegante ma sembra finita sul set per caso. Non male le musiche di Joe Renzetti.

Anthonyvm 9/06/19 18:08 - 2143 commenti

I gusti di Anthonyvm

Fra i "vigilante movie" è forse uno dei più rappresentativi dopo l'apripista di Winner. Ottimo l'inizio in Vietnam (con una delle decapitazioni più disturbanti del cinema dell'epoca), ben contrapposto alle successive immagini aeree di New York. Il passaggio del protagonista da magazziniere reduce a giustiziere notturno è un po' repentino, così come le sequenze più drammatiche (l'eutanasia) mancano di pathos. Belle invece le sequenze d'azione e di violenza metropolitana. Non un film del tutto riuscito, ma si lascia ricordare. Finale nerissimo.
MEMORABILE: I titoli di testa commentati dalla canzone "Heal it" di Bowling; Il tritacarnone; La vecchia rapinata e picchiata; Il grassone pervertito; La fine.

Ciavazzaro 21/10/20 03:32 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Molto interessante. Meno violento dal punto di vista del sangue di quanto ci si possa aspettare, ma assai brutale comunque. Ginty con la sua aria innocente è un'ottima scelta per rappresentare questo giustiziere, sprecata ma sempre favolosa la Eggar, ottimo George poliziotto. Da segnalare il club dei pervertiti e il sanguinoso prologo con decapitazione (uno stupendo effetto speciale). Bellissima la fotografia con New York inquadrata divinamente come in pochi altri film. Nel suo genere merita.
MEMORABILE: La fine del mafioso; Il nascondiglio per rapire il mafioso; Il prologo; La prostituta abbordata e successivo trattamento; Il giretto nel club privato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 21/10/20 08:13
    Consigliere - 43742 interventi
    Perché dici che manca Chavaz? E' questo:

    https://www.davinotti.com/film/dominator/19103
  • Discussione Caesars • 21/10/20 10:17
    Scrivano - 11339 interventi
    Il film uscì al cinema con il semplice titolo "Exterminator" il sottotitolo "Strade di piombo" è stato aggiunto successivamente (credo per l'edizione in dvd). Proporrei di modificare il titolo e mettere quello attuale come aka (e aggiungere altro aka "Sterminatore" come riportato dal sito Italiataglia).
    Sotto flanetto estratto dall'edizione del 19 febbraio 1981 de La Stampa a prova del fatto che il film uscì nelle sale senza sottotitolo

  • Homevideo Caesars • 21/10/20 10:28
    Scrivano - 11339 interventi
    Il film uscì nelle sale italiane nel febbraio 1981 col divieto ai minori di anni 18. Successivamente, nel 1985, fu ri-sottoposto a nulla osta previo taglio di alcune scene (per un totale di 13m, circa 30") ed ottenne V.M.14..
    In particolare le scene tagliate furono:
    1) Scena prima dei titolo. Un guerriero taglia il collo di un soldato USA e la testa si stacca (4m)
    2) Tridente conficcato nella schiena di Michael. Dettaglio squarcio della schiena (1.2m)
    3) John entra con il mitra nel covo dei teppisti. John-cagna in calore. Forza fottete cagne in calore (4m)
    4) eliminato dialogo tra Dalton e prostituta. Prostituta: alla cattolica fa dieci dollari
    5) John butta Pontivini nel tritacarne. Uscita carne umana tritata (3.8m)
    [fonte: sito Italiataglia]
    Ultima modifica: 21/10/20 10:34 da Caesars
  • Homevideo Buiomega71 • 21/10/20 10:42
    Pianificazione e progetti - 22115 interventi
    La VHS della Warner è integrale ( che reca il farlocco  PER TUTTI nel retro cover)

    I tagli effettuati dopo sono stati approntati per il passaggio televisivo, in quanto il film ha il divieto ai minori di 18 anni

    Non capisco poi il senso di copia e incollare i tagli di Intagliataglia ( che sembra una cosa buttata lì senza costrutto), quando è un sito accessibile a tutti.


    Ultima modifica: 21/10/20 12:41 da Buiomega71
  • Homevideo Caesars • 21/10/20 12:14
    Scrivano - 11339 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    La VHS della Warner è integrale ( che reca il farlocco  PER TUTTI nel retro cover)

    I tagli effettuati dopo sono stati approntati per il passaggio televisivo

    Non capisco poi il senso di copia e incollare i tagli di Intagliataglia ( che sembra una cosa buttata lì senza costrutto), quando è un sito accessibile a tutti.


    Buio,
    li ho copiati ed incollati (citando peraltro la fonte) perché ritenevo che potesse essere interessante, senza che il lettore dovesse cercare la cosa andando sul sito di Italiataglia. Forse può essere considerata una cosa senza costrutto, ma a me non pareva così.
  • Homevideo Buiomega71 • 21/10/20 12:26
    Pianificazione e progetti - 22115 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Buiomega71 ebbe a dire:
    La VHS della Warner è integrale ( che reca il farlocco  PER TUTTI nel retro cover)

    I tagli effettuati dopo sono stati approntati per il passaggio televisivo

    Non capisco poi il senso di copia e incollare i tagli di Intagliataglia ( che sembra una cosa buttata lì senza costrutto), quando è un sito accessibile a tutti.


    Buio,
    li ho copiati ed incollati (citando peraltro la fonte) perché ritenevo che potesse essere interessante, senza che il lettore dovesse cercare la cosa andando sul sito di Italiataglia. Forse può essere considerata una cosa senza costrutto, ma a me non pareva così.
    Sinceramente trovo senza senso prendere e copia e incollare senza, tra l altro, spiegare il perché il film ha subito dei tagli  in un secondo momento.

    Ci sta citate italiataglia se si fanno delle comparazioni cut/ uncut

    Altrimenti si saccheggia il sito e si mette tutto su copiandolo e incollandolo, così, giusto per scrivere qualcosa, senza scriverne le motivazioni.

    Cheppoi alla fine è un sito consultabile in una manciata di secondi, ormai noto a tutti gli appassionati

    Ultima modifica: 21/10/20 12:40 da Buiomega71
  • Homevideo Caesars • 21/10/20 12:56
    Scrivano - 11339 interventi
    Francamente non capisco che problemi ti causi il fatto che abbia copiato ed incollato qualcosa da Italiataglia, citando la fonte.
    Forse inutile, ma forse qualcuno potrebbe preferire vedere qui cosa fu tagliato senza dover aprire un'altra pagina.
    Poi se la cosa t'infastidisce me ne scuso, non era mia intenzione farlo.
  • Homevideo Buiomega71 • 21/10/20 13:35
    Pianificazione e progetti - 22115 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Francamente non capisco che problemi ti causi il fatto che abbia copiato ed incollato qualcosa da Italiataglia, citando la fonte.
    Forse inutile, ma forse qualcuno potrebbe preferire vedere qui cosa fu tagliato senza dover aprire un'altra pagina.
    Poi se la cosa t'infastidisce me ne scuso, non era mia intenzione farlo.
    Perché allora hai copia e incollato senza spiegare il perché il film ha subito dei tagli in un secondo momento?

    Quindi prendiamo tutte le schede di italiataglia e le appioppiamo sul Davi senza né un perché ne un percome e senza un minimo di spiegazione ( anche, magari, creando confusione, come se non ce ne fosse già abbastanza su tagli e non tagli)

    Per carità, a me non dà nessun fastidio, trovo solo la cosa piuttosto senza senso, tutto qui.

    Ultima modifica: 21/10/20 14:06 da Buiomega71
  • Homevideo Zender • 21/10/20 14:52
    Consigliere - 43742 interventi
    E' una cosa che si può fare ogni tanto per film che interessano particolarmente chi scrive o se utile a un discorso precedente, poi come sempre (cioè per Imdb eccetera) non dovrebbe diventare un'abitudine. Appunto perché esiste già un sito dove guardare questo tipo di cose. Poi ovviamente se uno vuol farlo lo fa (senza esagerare appunto).
  • Discussione Ciavazzaro • 22/10/20 00:42
    Scrivano - 5612 interventi
    Grazie Zender, non lo avevo trovato per via del titolo diverso !