Executor

Media utenti
Titolo originale: The Soldier
Anno: 1982
Genere: avventura (colore)
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/06/07 DAL BENEMERITO LELE EMO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lele Emo 15/06/07 19:53 - 173 commenti

I gusti di Lele Emo

Un vero e proprio filmetto da due lire, una sceneggiatura in "carta da lucido" da tutti gli 007 mai esistiti, compresi quelli "patacca" di serie "Z". Inconsistente in tutto tranne per qualche bella scena d'azione che colma una vuotezza disarmante. Unica cosa da notare la presenza di Klaus Kinski nell'ovvia parte dell'agente segreto deviato e cattivo. Per il resto il nulla. Colonna sonora scadente dei Tangerine dream.

Buiomega71 2/07/11 13:51 - 2212 commenti

I gusti di Buiomega71

Ho sempre sostenuto che Jim Glickenhaus fosse uno dei più tosti registi di b-movie degli anni 80 (Exterminator e Protector con Jackie Chan, sono lì a confermarlo). Questo The soldier è forse uno dei suoi più deboli lavori: trama spionaggistica incasinata e delirante (si toccano varie parti del mondo, dalle Alpi al medio oriente, con salti temporali terribili), ma dalla sua ha uno score incredibilmente potente (i Tangerine dream) e improvvise esplosioni di violenza splatter che lasciano di stucco. Dura pochissimo e ci si può divertire. Godibile.
MEMORABILE: Il massacro iniziale a colpi di mitra, con micidiali colpi in arrivo; un uomo colpito in testa stile Zombi di Romero; lo sceriffo ucciso al ralenti.

Fauno 8/05/13 22:02 - 1900 commenti

I gusti di Fauno

Solo a vedere alcuni provini prima che uscisse nelle sale decisi di non perdermelo: è il primo film in assoluto del quale ricordi scene estreme che diverranno routine un decennio dopo. Il film non concede tregua, ma i primi 50 secondi folgorano letteralmente. Fa anche riflettere sul fatto che per più di 40 anni si sia vissuto bene senza accorgersi di esser sul filo del rasoio... non per niente gli scenari di guerra che si vengono a delineare al giorno d'oggi sembrano assurdi, ma in casi estremi erano e sarebbero pure ora tutt'altro che improbabili.
MEMORABILE: "Ci vuol meno tempo a distruggere il pianeta di quel che si crede"; La giravolta sugli sci.

Tomastich 20/06/13 15:33 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Tra spy-movie e action, Glickenhaus si muove su binari già tracciati che conosce a meraviglia. Tanti gli incastri internazionali funzionali alla riuscita della disputa politica e terroristica che sta alla base di tutto il film.

Mco 12/11/13 00:11 - 2127 commenti

I gusti di Mco

Glickenhaus srotola la pellicola del suo film a ritmi forsennati, splendidamente impreziositi dall'accompagnamento sonoro. La lotta tra Usa e rss si compie stavolta tra risorse petrolifere e terrorismo, legate a filo doppio da ricatti dannosi per l'economia mondiale. Interviene un commando di salvezza, disposto a tutto pur di salvare il destino del pianeta. Stomaci che saltano, torce umane e un inseguimento sugli sci che è uno dei migliori momenti visti in un film di genere. Kinski fa un ruolo piccino picciò.
MEMORABILE: L'intera scena in montagna.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Schramm • 10/05/13 22:01
    Risorse umane - 6703 interventi
    Nel suo commento, Fauno ebbe a dire:Solo a vedere alcuni provini prima che uscisse nelle sale decisi di non perdermelo Fantasticai tantissimo su quel trailer visto e rivisto all'epoca (ricordo ancora la tagline di chiusura: "i problemi non li risolve: li liquida!"). Feci carte false per farmici portare quando uscì, non riuscendoci. Come sempre accade quando l'hype è talmente elevato da far aprioristicamente consegnare il film al mito, tanta immaginata vulcanicità non trovò però riscontro nemmeno parziale nella recuperata visione in vhs domo 5 anni dopo, che mi deluse tantissimo. Lo trovai blando, sciocco, noiosissimo e forte solo nelle scene usate per il collage del trailer. Mi sono più volte ripromesso di concedergli udienza, ma le visioni accavallate e arretrate sono tantissime, e il tempo sempre meno...
    Ultima modifica: 10/05/13 22:02 da Schramm
  • Discussione Buiomega71 • 11/05/13 00:39
    Pianificazione e progetti - 21657 interventi
    Schramm ebbe a dire: Nel suo commento, Fauno ebbe a dire:Solo a vedere alcuni provini prima che uscisse nelle sale decisi di non perdermelo Fantasticai tantissimo su quel trailer visto e rivisto all'epoca (ricordo ancora la tagline di chiusura: "i problemi non li risolve: li liquida!"). Feci carte false per farmici portare quando uscì, non riuscendoci. Come sempre accade quando l'hype è talmente elevato da far aprioristicamente consegnare il film al mito, tanta immaginata vulcanicità non trovò però riscontro nemmeno parziale nella recuperata visione in vhs domo 5 anni dopo, che mi deluse tantissimo. Lo trovai blando, sciocco, noiosissimo e forte solo nelle scene usate per il collage del trailer. Mi sono più volte ripromesso di concedergli udienza, ma le visioni accavallate e arretrate sono tantissime, e il tempo sempre meno... Per me Glicken è un mezzo dio! (basti per tutti Exterminator, mio cult assoluto al pari del lustighiano Maniac) Ovvio che Executor mi sia piaciuto (anche se lo trovo non irresistibile e piuttosto "ignorante") Ma la sua furia splatter/devastante e ancor oggi intatta...Per non parlare dello score martellante dei Tangerine Dream. E ancora la sua parte migliore, poi verranno le becerate (ahimè) di McBain
    Ultima modifica: 11/05/13 00:43 da Buiomega71
  • Discussione Schramm • 11/05/13 15:49
    Risorse umane - 6703 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire: Per non parlare dello score martellante dei Tangerine Dream. ecco forse lo score è la sola cosa che si issa al di sopra del film, al pari di poche singole sequenze splatterose (le medesime usate come specchietto per le allodole per il trailer ita, giudicando il quale mi aspettavo un film vm ai 18. rimasi molto sopreso nel riscontrare una assenza di divieto). di glickenhaus ricordo con dolore anche l'improponibile il massacro degli innocenti, mentre di exterminator non ricordo quasi nulla (mentre ricordo ahimé fin troppo bene il buntzmaniano seguito, quello sì assurdamente vietato ai 18)
    Ultima modifica: 11/05/13 15:54 da Schramm
  • Discussione Fauno • 11/05/13 21:55
    Compilatore d’emergenza - 2527 interventi
    SPOILER In effetti mi hanno molto sorpreso i due commenti antecedenti il mio,seppure molto di più quello di Lele Emo...Qui gli 007 non hanno niente a che fare, questi sono servizi segreti reali, altro che spy-movies. Certo che sarebbe per lo meno choccante che USA E iSRAELE diventassero nemici, ma davanti a una situazione del genere, col 50% delle riserve americane contaminate dal plutonio, quando, come dicono dettagliatamente, ne è bastato solo un calo del 3% per creare una crisi, ecco che è già qualcosa di plausibile. Le scene più estreme sono il fucile a canne mozze nelle maniche, che fa proprio vedere lo sceriffo cadere sbudellato e la finta esecuzione: non si vede la materia cerebrale,ma un discreto schizzo di sangue indice di spappolamento. In più è indimenticabile la scena della giravolta sugli sci contemporanea al fuoco del mitra. Dei comandi speciali di tale efficacia ce ne saranno sicuramente ancora. Qui non si tratta della Spectre...Delle minacce del genere ce ne saranno state, e noi non le sapremo mai, anche perchè in caso di cattura sarebbero stati disconosciuti. FAUNO.
  • Homevideo Mco • 12/11/13 19:11
    Scrivano - 9631 interventi
    Dall'archivio privato della MCO Collection:
    Ultima modifica: 12/11/13 19:34 da Zender
  • Curiosità Schramm • 5/09/17 11:59
    Risorse umane - 6703 interventi
    * La commissione censoria britannica ha rimosso una scena che mostrava dettagliatamente come costruire e miniaturizzare una testata nucleare. Tagli analoghi vennero apportati dai censori di tutto il mondo al film precedente del regista, che mostrava come fabbricarsi da sé pallottole dum dum. * In un film di Glickenhaus del 1988 Un poliziotto in blue jeans, Executor è programmato nelle sale grindhouse della 42° Strada (il trailer appare nella quarta di sei antologie dedicate ai trailder grindhouse, vedi scheda - n.d.S.) battute da Sam Elliot. * Ken Wahl ha lavorato al film per soli 12 giorni. È il primo di due film con Alberta Watson usciti consecutivamente nelle sale sonorizzati dai Tangerine Dream. Un anno dopo fu la volta de La fortezza di Mann. * Il nome del personaggio di Ken Wahl non viene mai rivelato nel film. Viene pronunciato solo il suo nome in codice. Lo stesso vale per il presidente degli stati uniti interpretato da William Prince. Sia nel film che nei credits viene indicato semplicemente come Il Presidente. Stesso dicasi per quattro dei membri della squadra di Executor, segnalati nei credits semplicemente come “The man’s Soldier” * In alcuni poster del film la lettera O del titolo compone un globo mondiale. * Il film riconferma l’attitudine di Glickenhaus di estremizzare generi sovvertendone alcuni canoni: il suo primo film, The suicide club, cercava di alzare di una tacca gli horror dei tardi anni 70; Exterminator faceva altrettanto in rapporto a Il giustiziere della notte; con Protector ha ibridato i kung-fu action-comedy di Jackie Chan con la saga di Callaghan. Executor porta lo spionaggio oltre la spettacolarità per tutti di James Bond; allo stesso modo Shakedown fu la risposta aspra e ruvida alla saga di Arma letale come McBain lo è stata per quella di Rambo, mentre Il massacro degli innocenti cercò di surclassare Demme e con Timemaster provò a ergersi sopra Timecop. * L’attore Zeljko Ivanek appare en travesti come terrorista mascherato da donna delle pulizie. * La sequenza sulla neve non è granché dissimile da quella di Agente 007 - Solo per i tuoi occhi realizzato l’anno prima. Entrambe le sequenze hanno stazioni di funivie, sciatori con completi blu, ski-jumping con sparatorie ed esplosioni. (Fonti: Imdb) L’esplosione che fa da sfondo al poster è quella del primo test nucleare da un megatone eseguito nell’atollo di Mururoa negli anni 70 e venne usata anche come sfondo di copertina della prima edizione del libro War day di Whitley Strieber e James Kunetka.