Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONCineprospettive

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/04/08 DAL BENEMERITO MARKUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Markus 20/04/08 11:36 - 3577 commenti

I gusti di Markus

Luigi Comencini, in pieno periodo di riflusso, persevera con l’analisi sul mondo dell’infanzia con esiti sempre positivi. In "Voltati Eugenio" vediamo un racconto vita di un bambino, figlio di ex sessantottini totalmente impreparati alla relazione coniugale ed incapaci di avere un rapporto stabile. Uno spaccato piuttosto veritiero e sentito. Il profilo dei personaggi adulti, a mio avviso, appare un po’ superficiale e stereotipato, tuttavia funzionale ai fini dello spettacolo.

Daidae 22/04/10 05:21 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Bellissimo. Comencini ci offre ancora una volta uno spaccato sui problemi dell'infanzia mostrandoci le disavventure di un bambino che soffre il rapporto tra i genitori divisi. Ottimo il cast: bravissimo il bambino Bonelli, eccezionale Marconi e bene la Di Lazzaro. Un film che consiglio.

Kanon 24/05/11 22:07 - 604 commenti

I gusti di Kanon

Ecco servita la generazione del '68. Quelli che la vita volevano vivere ed invece son finiti ad accudire una nuova vita, in cui gli ultimi scampoli di ribellione si esternano in inattuabili chissene palesando insofferenza verso le responsabilità. Nel suo piccolo, un monito sulla famiglia (vecchia o nuova generazione che sia) e sul procreare, argomento che Comencini riesce a trattare con sarcasmo (a tratti) graffiante, senza strepitare e ricco di sfumature intelligenti.

Giùan 5/10/11 14:24 - 3989 commenti

I gusti di Giùan

Rivisto tempo fa alla Cineteca di Milano (che tanto ha contribuito a creare e consolidare), questo Comencini degli Anni Ottanta colpisce particolarmente per la sapiente sveltezza di ritmo e racconto. Una sorta di patina pop ammanta uno dei temi esemplari del suo cinema: la fragilità dell'infanzia contrapposta ad una generazione di mezzo priva di riferimenti. Come di consueto l'analisi del bambino è spigolosa e sfaccettata, forse un po' tirata per i capelli quella dei genitori post sessantottini. Bravissimo grillo parlante Memè Perlini e poi colpisce la voce di Gisella Sofio.
MEMORABILE: Il cartello con cui Eugenio indica la propria presenza.

Galbo 7/10/11 05:49 - 12066 commenti

I gusti di Galbo

Da uno dei registi italiani che meglio ha saputo raccontare il mondo infantile, un film che parla di bambini ma anche di genitori inadeguati che mettono al mondo un figlio non riuscendo poi a gestire gli avvenimenti successivi e sopratutto il loro rapporto. Il regista tratta il tema con leggerezza formale ma anche con la giusta profondità narrativa derivante dalla buona caratterizzazione dei personaggi. Purtroppo i due protagonisti "adulti" non offrono una grande prova recitativa. Meglio il bambino e i comprimari.

Gabrius79 18/03/14 20:47 - 1358 commenti

I gusti di Gabrius79

Luigi Comencini dirige questa commedia incentrata su tutto ciò che ruota attorno alla vita di un bambino amato/odiato e quindi alla sua famiglia. Il risultato sarebbe parzialmente riuscito, se non fosse per la recitazione un po' dilettantesca di alcuni attori (Di Lazzaro e Marconi), a cui fanno da contraltare i bravi Blier, Sassoli, Sofio e Perlini. Anche il piccolo Bonelli se la cavicchia. L'idea è comunque interessante.

Motorship 20/04/14 17:26 - 585 commenti

I gusti di Motorship

Bel film di Comencini che tratta con molto garbo e analisi sociologica ben riuscita la storia di un bambino con i genitori immaturi e inadeguati con i quali il rapporto è molto ondivago. Uno spaccato di vita molto interessante, insomma. Inoltre il regista non manca di dare un forte graffio sarcastico e intelligente alla pellicola. Il cast si muove bene: ottimi Bilier, Marconi e la Sofio, non male nemmeno la Di Lazzaro, bellissima prova del piccolo Bonelli. Interessante.

B. Legnani 25/08/21 11:11 - 5369 commenti

I gusti di B. Legnani

Non riuscitissimo film di un Maestro, specialmente per la scarsa resa dei due protagonisti adulti, troppo ripetitivi e stereotipati, oltre che interpretati solo passabilmente da lui e male da lei, per di più con insopportabile birignao. Neppure Bonelli dice granché (meglio Bruzzese, il biondino: il miglior Comencini lo si vede quando gira nella casa di costui), per cui ci si consola nel contorno, con un irresistibile Perlini e con tre anziani che si dimostrano l'uno meglio dell'altro (la Sofio, la Sassoli e Blier). Il continuo meccanismo a flashback,a un certo punto, annoia un poco.
MEMORABILE: "L'hai steso con un destro o con un sinistro?"; Il cameo del regista, nei panni del cliente impaziente.

Paulaster 25/11/22 09:55 - 3925 commenti

I gusti di Paulaster

Bambino di dieci anni viene lasciato a piedi in mezzo alla campagna. Tolta la scena iniziale, che è la parte più debole del film, l'analisi psicologica del protagonista è ben approfondita. Gli alti e bassi umorali, le delusioni e il cercare conforto in un amichetto descrivono bene il candore e la sensibilità di un ragazzino. Sul versante genitoriale la Di Lazzaro fa qualcosa in più, anche se la rappresentazione degli ideali sessantottini è grossolana. La cornice dei nonni serve a dare sostanza familiare.
MEMORABILE: Il cartello all'aeroporto col nome; La Di Lazzaro che spacca i piatti; Al semaforo a vendere fazzoletti.

Dalila Di Lazzaro HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Kanon • 9/10/11 14:51
    Fotocopista - 830 interventi
    - Il bambino protagonista è il nipote di Luigi Comencini. Probabilmente è noto ai più grazie ad uno spot (di una nota marca di detersivo) in cui si pone domande Marzulliane.
  • Homevideo Markus • 8/05/12 18:12
    Scrivano - 4804 interventi
    Disponibile dal 20 giugno in DVD:

    http://www.kultvideo.com/articles/ArticleSheet.aspx/aid13377aid-DVD-Voltati-Eugenio-20-06-
  • Homevideo Ruber • 19/07/13 16:48
    Contratto a progetto - 9187 interventi
    Comprato ad un prezzo stracciato presso un grosso centro della distribuzione, il dvd Medusa e di ottima fattura.

    Durata:1h45m,30s
    Formato: 1.85:1 16/9
    Audio: Italiano 2.0 dual mono.
    Sottotitoli: Italiano
    extra: Trailer originale molto bello.
    Booklet con trama, selezione scene,cast artistico e tecnico e foto.

    Confezione molto ben fatta il packaging si divide in due parti, aprendo la prima che contiene la seconda confezione con il dvd e il booklet, il tutto e in colorazione predominante il marrone e presenta la cover originale del film.

    33m52s

    Ultima modifica: 4/04/21 08:15 da Zender
  • Musiche Lucius • 18/06/15 15:24
    Scrivano - 9092 interventi
    Direttamente dalla prestigiosa collezione Lucius, il 45 giri promozionale originale (sul disco il timbro "campione gratuito vietata la vendita"), arrangiamenti di Bruno Nicolai:

    Ultima modifica: 18/06/15 17:11 da Zender
  • Musiche Graf • 18/06/15 20:10
    Call center Davinotti - 910 interventi
    Visto al cinema Fiamma di Roma quando uscì.
    Lo ricordo come un grande film; chissà se la musica di Bruno Nicolai è all'altezza del suo valore artistico.
    Lucius, di quanti film, anche belli, si perde il ricordo della musica e di quanti altri invece, magari mediocri, si ha ben presente in testa solo il ritornello della colonna sonora, dopo essersi scordati completamente la storia?
    In questo caso, vale il primo esempio.
    Poi ci sono film nei quali, nel ricordo, trama e musica sono così vivi, così compenetrati, che è quasi impossibile discernere l’una dall'altra.
    Es: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto.
    Ultima modifica: 19/06/15 22:55 da Graf
  • Musiche Markus • 18/06/15 21:23
    Scrivano - 4804 interventi
    Una canzoncina infantile un po' triste, ma di facile ascolto grazie al suono acuto del sintetizzatore. E' cantata da un bambino (forse quello del film, non so).
  • Musiche Lucius • 19/06/15 21:54
    Scrivano - 9092 interventi
    Si la canzoncina s'intitola "Ora sono qui", ma il brano strumentale "Voltati Eugenio", è si all'altezza del valore artistico del compositore.Alcuni film sono un tutt'uno con la ost, vedi "Profondo rosso", altri no.
    A me capita anche di vedere film brutti con belle colonne sonore, in questo caso cerco di tenere a mente il valore della ost, in modo tale da poterla prendere se in futuro mi ci imbatto.
  • Musiche Graf • 19/06/15 22:58
    Call center Davinotti - 910 interventi
    Ecco Lucius, Profondo rosso è un preclare esempio di perfetta simbiosi tra trama e musica. Pochissimi film riescono in questa impresa.
    Ci sono tanti capolavori entrati a titolo definitivo nella storia del cinema che non riesco per nulla a realizzare questa relazione simbiotica tra l'arte cinematografica (arte minore) e l'arte suprema della musica.
    Ultima modifica: 19/06/15 23:01 da Graf
  • Musiche Amarcord • 24/10/16 18:35
    Disoccupato - 88 interventi
    In realtà il disco (e il relativo tema, piuttosto ricorrente durante lo svolgersi del film) è cantato da una bambina, Marina Piroddi.
  • Discussione Reeves • 4/08/20 15:56
    Capo call center Davinotti - 493 interventi
    Segnalo che il maresciallo dei carabinieri è interpretato da Bruno Gambatotta, uncredited