Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Pregevole ricostruzione romanzata (ma nemmeno tanto) del disastro datato 15 aprile 1912. Dopo meno di mezz'ora di film il Titanic è già salpato, portandosi dietro il suo carico di foschi presagi. Poco spazio, si può dire quasi nessuno, a storie personali: il regista Roy Ward Baker (inglese come il film) si concentra su di una visione d’insieme che renda il più possibile l'idea dell'atmosfera di gaiezza generale che si respirava sul transatlantico prima dell'affondamento: sfarzo per i passeggeri delle prime classi, semplice allegria per quelli delle terze. Bravo il regista a sottolineare più volte gli avvertimenti sottovalutati di possibili iceberg e blocchi di ghiaccio, efficace nel momento...Leggi tutto di descrivere in pochi attimi l'inevitabilità della collisione. Il seguito è tutto una progressiva presa di coscienza dell'equipaggio, dapprima infastidito da quelli che vengono creduti inutili allarmismi, poi (ma solo in un secondo tempo) costretto a lottare per guadagnare un posto sulle insufficienti scialuppe. Molto bravo Baker anche nell’alternare i lunghi momenti sul Titanic agli altri sul Carpathia e l'altra l'altra nave misteriosamente vicina ma inconcepibilmente distratta fino all'ultimo. Grande capacità nella ricostruzione dell'incidente, con un uso notevole degli effetti speciali e un Titanic che non sembra affatto un semplice modellino. Bravi gli interpreti per un film che James Cameron deve aver visto centinaia di volte prima di girare il suo “remake” del 1997: se infatti al film di Cameron togliamo la storia d'amore con DiCaprio, non resta altro che la versione colorata e rimodernizzata di questo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 10/12/07 17:42 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Basato sull'omonimo libro di Walter Lord e sceneggiato da Eric Ambler, una splendida e ancora oggi efficace rivisitazione dell'affondamento del Titanic. Bellissime le varie ricostruzioni degli interni della nave e gran bella regia di Baker, che firma diverse sequenze memorabili (in alcuni casi riprese da Cameron nel suo kolossal). Eccellente il cast, con Kenneth More e Michael Goodliff (il costruttore Thomas Andrews) su tutti.
MEMORABILE: Il costruttore che fissa il quadro in silenzio e che poi si abbandona, sfinito, su una sedia, aspettando la fine.

Ciavazzaro 1/10/08 15:15 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Il bravo regista Roy Ward Baker dirige un'ottima versione del tragico affondamento del Titanic. Un po' romanzata, ma More è molto bravo e la regia perfetta. Curate le sequenze del naufragio finale, non male anche il cast composto da buoni attori molto in forma.

Cotola 26/04/10 23:04 - 8497 commenti

I gusti di Cotola

Di sicuro non uno dei tanti film sull'affondamento del famigerato tranatlantico ma tra i migliori realizzati sull'argomento specifico e più in generale su quello dei naufragi. Ben diretto dal professionale Ward Baker presenta un buon ritmo ed una discreta tensione così come la caratterizzazione delle varie tipologie di personaggi: membri dell'equipaggio e gente comune. Gli effetti speciali sono "artigianali" ma in ogni caso dignitosi.

Rigoletto 28/12/11 11:52 - 1739 commenti

I gusti di Rigoletto

Buon film sulla tragedia del Titanic costruito non sulle vicende private di questo o quel protagonista ma su una visione generale dell'evento, con particolare cura per il lato degli "addetti ai lavori", ovvero i marinai e gli ufficiali del Titanic e delle navi lì vicino. Da questo punto di vista niente da eccepire: tutto è ben realizzato ma, nel complesso, gli preferisco la versione del 1953, più lacrimevole ma più coinvolgente. Comunque merita di esser visto. ***

Pinhead80 22/05/14 15:13 - 4370 commenti

I gusti di Pinhead80

Prendete il film di Cameron del 1997, togliete tutta la melensa storia d'amore tra i protagonisti ed eccovi servito questo film. La differenza è che questo è l'originale. Meno orpelli e più azione lo rendono davvero pregevole, tanto che Cameron sembra averne copiato ogni piccolo dettaglio. Non c'è spazio per troppi sentimentalismi; Baker ci va giù duro sin dalle primissime inquadrature e le due ore di film passano velocente quanto l'affondamento del Titanic.

Nicola81 20/02/19 22:29 - 2522 commenti

I gusti di Nicola81

Non ancora orientato sul genere horror, Roy Ward Baker dirige uno dei migliori film sull'affondamento del Titanic, molto meno osannato del pluripremiato kolossal di Cameron, nei cui confronti vanta però un credito piuttosto evidente: in pratica manca la storia d'amore, ma il resto è quasi identico, con una prima parte preparatoria, in cui si delineano le psicologie dei personaggi e la seconda dedicata alla tragedia vera e propria. Crescendo di tensione, effetti speciali (per l'epoca) di buon livello, cast privo di grandi nomi ma ben diretto.

Daniela 13/08/20 07:38 - 11832 commenti

I gusti di Daniela

Prima che il kolossal di Cameron resettasse la memoria collettiva diventando il riferimento obbligato, questa era considerata una delle migliori ricostruzioni del disastro navale più famoso della storia in quanto costituisce un ottimo compromesso tra gli scrupoli documentaristici e le esigenze dello spettacolo. Confezione curata, buona prestazione corale del cast, tanti i momenti in cui è difficile resistere alla commozione mentre l'attenzione agli aspetti umani della tragedia compensa ampiamente la modestia degli effetti speciali, del resto dignitosi considerata l'epoca.
MEMORABILE: L'ultimo saluto del padre ai suoi tre bambini.

Claudius 2/10/22 07:58 - 518 commenti

I gusti di Claudius

Ottima ricostruzione delle ultime ore del Titanic, lontana anni luce dallo sfarzo della versione del 1997, risulta essere più asciutta e facile da seguire. Ward Baker, solitamente avvezzo ad altri generi, non sfigura rendendo bene il senso di minaccia (alternata alla vita che si respira durante la crociera). Belle le scenografie ed eccellente il cast (More e McCallum in testa). Più di una volta affiora la commozione e le lacrime scendono, soprattutto verso la fine (i personaggi di Isidoro e Ida Strauss, realmente esistiti). Da vedere.

David McCallum HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 25/04/12 10:03
    Portaborse - 3651 interventi
    Dvd della A & R Productions in uscita il 13/05/2012.
  • Homevideo Xtron • 6/02/16 14:29
    Servizio caffè - 2039 interventi
    C'è anche il bluray STUDIO 4K

    Durata 2h03m07s (immagine a 26:01)

    Ultima modifica: 6/02/16 16:22 da Zender
  • Discussione Daniela • 13/08/20 08:06
    Gran Burattinaio - 5846 interventi
    Una curiosità che mi lascia perplessa: in wikipedia (voce italiana che riprende quella in lingua inglese)è riportata la presenza di Sean Connery:
    "In una inquadratura è possibile vedere un giovanissimo Sean Connery, con la barba, nel ruolo di un membro dell'equipaggio che cerca di separare una moglie dal marito per farla salire su una lancia."
    Il fatto che io non sia riuscito ad individuarlo durante la visione è poco indicativo, dato che ero presa da altre faccende, tipo babbi che danno l'addio ai loro piccini. Però Connery non figura nella scheda del film su IMDB neppure tra i non accreditati ed inoltre l'attore al tempo era giovane ma non giovanissimo (28 anni) e soprattutto aveva già un discreto numero di ruoli accreditati alle spalle. Nello stesso 1958 inoltre ricopre un ruolo importante in Estasi d'amore - Operazione Love accanto a Lana Turner. Mi pare quindi improbabile che non venga citato nel cast neppure come non accreditato.

    Qualcuno ne sa qualcosa?