The gift

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The gift
Anno: 2000
Genere: thriller (colore)
Regia: Sam Raimi
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Billy Bob Thornton ha reso servigi migliori a Sam Raimi come attore (vedi l’ottimo SOLDI SPORCHI) che come sceneggiatore. E anche se in THE GIFT non è solo la sceneggiatura a non funzionare, va detto che è da essa che hanno origine i maggiori problemi. Problemi che comprendono una Kate Blanchett sempre sull'orlo del pianto, un trascinamento eccessivo di sguardi languidi e dialoghi vuoti, una storia d’impostazione thriller che fa acqua da tutte le parti e sembra costruita apposta per lasciare a Raimi qualche sprazzo di cinema horror senza però “comprometterlo”. Un lavoro nato per apparire “carino” a tutti i costi, il più possibile compassionevole. Una struttura elementare...Leggi tutto che Raimi farcisce con compiacenti “voli” sui paesaggi boschivi della provincia, accompagnati dalle prevedibili musiche suadenti che accomunano gran parte di questi film che vogliono raggiungere la massa non attraverso roboanti effetti speciali ma con la leggerezza, la dolcezza pronta a spezzarsi per gli improvvisi interludi drammatico-orrorifici. Quando Raimi si ferma a metà strada tra i generi (vedi il poco felice cross-over del sopravvalutato L’ARMATA DELLE TENEBRE) produce film mediocri, come un regista qualsiasi cui affidino ingenti capitali. Tutto gira attorno alla Blanchett, protagonista indiscussa che viene in contatto coi tanti sospetti, uno dopo l'altro (ma il colpevole, andiamo, lo si intuisce subito!). Keanu Reeves ha una parte marginale e infelice, costretto a inventarsi un “cattivo” maldestramente motivato. Il classico prodotto di seconda mano banale, fiacco e irritante. Davvero superfluo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 12/04/07 00:55 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Raimi è un genio? Di certo è un regista che ha saputo (furbescamente) cavalcare l'onda del successo. E' partito da un casolare nel bosco e, con quattro amici, ha qua ambientato quel film ruffiano dal titolo La Casa. Era il 1983 ed il genere dava buone probabilità di cavalcare l'onda del successo: specialmente spingendo sul pedale del disgusto. Poi ha girato La Casa 2, sorta di remake avvallato da De Laurentiis (e quindi più curato visivamente). L'Armata delle Tenebre è un film "elementare". The Gift è semplicemente mediocre, anzi: inutile.

Galbo 4/11/07 07:55 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Nonostante gli illustri nomi impiegati nella produzione del film (sceneggiatore, regista, interpreti) The Gift è forse il film meno riuscito e personale di Sam Raimi. Ambientato in una torbida e misteriosa provincia americana (un po' come nel molto più riuscito Soldi Sporchi) il film riesce a creare una buona tensione nella prima parte (pur tra varie incongruenze nella sceneggiatura che appare deficitaria in più punti) ma poi si banalizza parecchio giungendo verso un finale scontato e prevedibile. Brava la Blanchett.

Cotola 24/03/08 00:58 - 7564 commenti

I gusti di Cotola

Deludente film di Raimi il cui punto debole più evidente è quello di non essere né carne né pesce. Colpa, per la maggior parte, di una sceneggiatura che non sa che pesci prendere e che per troppo tempo non imbocca alcuna via precisa (e quando lo fa è ormai troppo tardi per risollevare la baracca). Anche la Blanchett (sprecata) in questa occasione non offre certo una prestazione memorabile. Tuttavia qua e là qualcosa si salva e si vede la mano di un regista che comunque non è di grana grossa come molto suoi colleghi.

Redeyes 24/05/08 09:24 - 2148 commenti

I gusti di Redeyes

Film che è intriso di una buona tensione ma che pecca, poi, di un senso compiuto, che semplicemente vuol significare che non prende una posizione ben definita. Il cast, tutto sommato, funziona abbastanza bene, anche un Reeves finalmente cattivo (per quanto in alcuni passaggi risulti un po' troppo forzato). Blanchett decente, anche se, a sua volta, non appare sempre naturale. Alcuni momenti del film non convincono appieno e da Raimi, in tutta onestà, qualcosa di più me lo aspetto.

Stefania 29/05/09 01:09 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

È inutile: quando si fa un thriller con elementi di "paranormale", bisogna che uno ci creda, all'incredibile, e che faccia in modo che ci crediamo anche noi. Inutile e irritante restare "in limine", usare l'inspiegabile solo come ciliegina per decorare una torta poco appetitosa... Penso che Reeves sia in genere un attore mediocre, ma qui, come "white trash", non è mica male. Invece la Blanchett stiracchia le labbra e sembra sperduta: mica ci crede neanche lei!
MEMORABILE: Keanu Reeves, perché ha fatto il meglio che poteva.

Nando 2/06/10 18:05 - 3486 commenti

I gusti di Nando

L'atmosfera plumbea ed inquieta della provincia americana emerge in questo film che mescola il thriller con il soprannaturale. Il risultato non è eccellente nonostante un cast che annovera buoni interpreti. La Blanchett nel ruolo di veggente non è malaccio ma Reeves è poco credibile in quella del bullo manesco di provincia; sprecata la Swank come moglie frustrata. La narrazione è lineare ma purtroppo prevedibile.

Belfagor 7/06/10 10:32 - 2625 commenti

I gusti di Belfagor

Sembra un buffet con troppi vassoi e troppe poche tartine: medium, famiglie instabili nella provincia americana, white trash, intolleranza, rapimenti... non sarebbe una cattiva idea, se solo non venisse affrontata in modo così grossolano. Ondeggiando fra il poliziesco e il sovrannaturale, Raimi non prende mai una posizione chiara, come se fosse uno studente svogliato che non sa come strutturare un tema. Il cast, ricco di nomi famosi, non basta a nobilitare questo mediocre thriller.

Capannelle 14/06/10 10:13 - 3732 commenti

I gusti di Capannelle

La prima visione scorre abbastanza bene anche se non mancano momenti di pausa e ovvietà nel narrato, alla seconda visione rimane poco. La cosa migliore sono un casting azzeccato (Swank a parte) che riesce ad associare le giuste facce anche ai caratteri minori e la raffigurazione di quel laghetto maledetto. Quello che non convince sono i passaggi dove reale e metafisico sono allegramente combinati senza troppo costrutto e il finale alquanto telefonato. **

Buiomega71 23/02/11 18:43 - 2285 commenti

I gusti di Buiomega71

Ormai Raimi lo si era perso da un pezzo: prima Gioco d'amore, poi un ottimo sussulto (Soldi sporchi) e infine le boiatone di Spiderman. The gift è una via di mezzo: ottimi momenti intercalati da terribili cadute di tono, le fasi processuali come nei più triti "legal thriller", poca tensione e uno sciapo finale da telefilm. Restano le buone atmosfere degli Stati Uniti del sud e il ruolo carognoso di Reeves. Ma non basta l'apparizione incubo dello spettro della Holmes a far tornare alla mente i demoni sumeri di La casa. Mediocre e poco altro.
MEMORABILE: Ribisi che dà fuoco al padre: scena terrificante che ridesta dalla noia.

Giacomovie 28/11/11 16:48 - 1352 commenti

I gusti di Giacomovie

Un buon cast (non al meglio) ed una discreta suspence possono bastare a fare un buon thriller? Non sempre se, come in questo caso, il regista si limita allo stretto necessario senza credere più di tanto nelle proprie capacità. Il film mette curiosità ed ha qualche colpo ad effetto, ma ha anche qualche suggestione di troppo e momenti in cui gira a vuoto. Cerca di stupire con una trama senza originalità che lascia il solo messaggio che è meglio non avere certi “poteri”. Sembra che siano quasi gli attori ad aiutare il regista e non viceversa. **

Minitina80 3/12/15 09:08 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Se non fosse scritto nei crediti verrebbe difficile attribuire la pellicola a Sam Raimi, tale è la distanza stilistica dai suoi lavori più celebri. Sembra volutamente ammorbidito per compiacere il grande pubblico e ha l’aspetto di un lavoro di passaggio in cui non mette molto di suo. Detto questo è comunque un thriller sul soprannaturale dignitoso e al di sopra della media. L’impostazione è quella classica, ma si lascia seguire lo stesso con interesse fino alla scoperta del fatidico assassino.

Pinhead80 8/05/16 14:05 - 3972 commenti

I gusti di Pinhead80

Ci sono tanti modi per vivere un dono: per esempio esserne felici, oppure sentirlo come una condanna che peggiora la qualità della vita. Raimi si muove nel soprannaturale con difficoltà dimostrando che cambiare genere non è cosa semplice e soprattutto che non è cosa da tutti. La trama non convince più di tanto e a tratti appare chiaro come le idee in fase di sceneggiatura siano confuse. Gli attori ce la mettono tutta per salvare la baracca, ma il risultato rimane mediocre.

Jdelarge 12/06/20 14:13 - 881 commenti

I gusti di Jdelarge

Buon film diretto da Raimi, che si avvale di un ottimo cast d'attori puntualmente immerso nelle ambientazioni nebbiose care al regista. Una bigotta provincia americana fa da sfondo a una vicenda che vede protagonista una cartomante che deve fare la guerra contro i propri sensi di colpa e i pregiudizi dei concittadini. Regia nella norma, in cui molta importanza viene data alla componente sonora. Nessun picco di qualità degno di nota, ma la confezione è ineccepibile. Deludente il finale.

Lupus73 23/07/20 10:07 - 644 commenti

I gusti di Lupus73

Regia piuttosto inusuale per Raimi (se parliamo di questi soggetti) che lascia da parte ogni eccesso kitsch-horror-gore e persino il macabro sarcasmo (e humor noir) per un thriller soprannaturale dai toni drammatici con protagonista una cartomante in un paesotto rurale americano; ed è presto "caccia alle streghe". Tutto somato bilanciato e non così male (pur senza farci gridare al miracolo), con una sceneggiatura interessante arricchita dal colpo di scena verso la fine. La confezione è un po' troppo standard e mancano i marchi di fabbrica del regista.
MEMORABILE: Il contrasto tra la razionalità del processo e gli indizi "visionari" della protagonista; Reeves/bifolco bruto; La OST a base di violino folk.

Anthonyvm 24/09/20 16:10 - 2043 commenti

I gusti di Anthonyvm

Raimi, poco prima del definitivo sposalizio col mainstream di Spider-man, si dedica a un paranormal-thriller poco originale (siamo nell'epoca post-Sesto senso, ma si sente pure l'aroma del fulciano Sette note in nero), ma sufficientemente intenso, che conta alcune scene forti (gli abusi del detestabile Reeves, il rogo del padre pedofilo) e un cast di tutto rispetto (la Blanchett riesce a dare sostanza anche a ruoli scontati). Dispiace che lo script perda i pezzi durante il finale, non tanto per la prevedibilità dei twist ma per certi subplot lasciati in sospeso. Comunque pregevole.
MEMORABILE: La cattiveria di Reeves, improbabile bifolco sciovinista; Il cadavere della Holmes "guarda" la Blanchett; Il processo; Il climax conclusivo al lago.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 9/12/10 00:41
    Scrivano - 14810 interventi
    Il TRAILER ORIGINALE
  • Curiosità Gestarsh99 • 9/12/10 00:49
    Scrivano - 14810 interventi
    Il grande compositore statunitense Danny Elfmann (Batman, Darkman, Dick Tracy, Spiderman, Batman Returns, Hulk, Spiderman 2, Mars attacks, Hellboy II) appare nel film in un piccolo cameo onirico, nella parte di un violinista:

    QUI