Six feet under - Serie TV (2001)

Six feet under (serie tv)
Media utenti
Durata: 5 stagioni
Titolo originale: Six Feet Under
Anno: 2001
Genere: fiction (colore)
Regia: Vari
Note: Aka "6 feet under".

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/04/08 DAL BENEMERITO FABBIU
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 5/04/08 11:43 - 2152 commenti

I gusti di Fabbiu

Serie tv tra il drammatico e la commedia, incentrata sul tema della morte. Spesso è verso essa ironica (i frequenti spot pubblicitari su accessori di lusso per onoranze funebri), altre volte è lento e riflessivo, in altri momenti è deprimente. Sono piuttosto ben caratterizzati i protagonisti membri della famiglia e ognuno di loro è al centro di una storia individuale. Tutte le vicende con gli appositi intrecci hanno inizio alla morte del padre famiglia, il proprietario dell'impresa funebre Fisher. Serie ben diretta e originale.

Deepred89 4/05/08 11:23 - 3729 commenti

I gusti di Deepred89

Grandioso telefilm che affronta in tutte la possibili sfaccettature i temi della vita e della morte. Il registro si mantiene sempre in bilico tra commedia e dramma (nonostante la seconda componente spesso prevalga) e non mancano alcune contaminazioni nel thriller. I personaggi sono probabilmente i più interessanti di tutte le serie tv e le loro storie affascinano e coinvolgono. Finale strepitoso, che trasforma il telefilm in una vera e propria lezione di vita. Stupendo.

Galbo 5/11/09 07:21 - 12440 commenti

I gusti di Galbo

Serie televisiva di alto livello e dalla qualità decisamente cinematografica prodotta dalla rete televisiva americana HBO. Le vicende della famiglia Fisher, proprietaria di un'avviata impresa di pompe funebri, sono l'occasione per affrontare il tema della morte con grande ironia e nello stesso tempo con toni leggeri e dissacratori. Personaggi ben caratterizzati e affidati ad un cast davvero azzeccato. Ottima la colonna sonora.

Ciavazzaro 7/11/09 13:04 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Particolare serie televisiva, una volta tanto originale. La confezione è poi ben curata, il cast offre buone interpretazioni, le storie risultano praticamente tutte ben scritte. La visione è consigliata: una volta tanto qualcosa di originale!

Nancy 13/11/11 22:08 - 778 commenti

I gusti di Nancy

Veramente un gioiello, questa serie tv che si compone nel semplice inseguimento delle vicende di vita dei componenti della famiglia di becchini Fisher. Lo stretto contatto con la morte porta ognuno di loro a ragionare su di essa, a potervisi confrontare per riuscire ad affrontare i problemi e le difficoltà quotidiane (belle in questo senso le apparizioni magiche del fantasma del padre Nathaniel). Tutti i personaggi risultano ben sfaccettati, la regia è semplice ed efficace, notevole anche la colonna sonora. Da brividi gli ultimi sei minuti. Fantastico.
MEMORABILE: Il personaggio di Claire Fisher; Le morti all'inizio di ogni episodio; Il meraviglioso finale.

Mickes2 22/01/12 13:58 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

Le vicende della famiglia Fisher sono tra le più coinvolgenti che abbia mai visto. I toni pacati del racconto trovano riscontro perfetto nei character dei personaggi e nella sceneggiatura, che spazia divinamente dalla commedia al thriller, dall'onirismo a parentesi allucinate, dal grottesco al dramma. L'intimismo, l'accettazione del dramma, l'elaborazione del lutto, i rapporti interprersonali, la disillusione e la speranza: è la magia di un serial che sa cullare lo spettatore e farlo riflettere, ridere ed emozionare... fino alle lacrime.
MEMORABILE: Il prologo della 3° stagione; L'incipit della 1°; Il personaggio di Claire; Finale migliore non poteva essere scritto e messo in scena.

Daniela 6/05/13 11:15 - 12737 commenti

I gusti di Daniela

Il valore di Six feet under non deriva solo dall'originalità del tema trattato e neppure dal riuscito mix fra dramma, ironia, emozione, divertimento, ma dal coinvolgimento che riesce a creare rispetto alle vicende dei personaggi: possono essere simpatici o antipatici, interessanti o meno, ma hanno il dono della vita, anche quando appaiono come fantasmi di persone morte. Curata in ogni suo aspetto dalla fotografia alla colonna sonora, imprevedibile nei suoi sviluppi, interpretata benissimo, una serie tv unica, giustamente celebrata, imperdibile.
MEMORABILE: La sigla - La morte all'inizio di ogni episodio - Il battibecco nella sala mortuaria fra l'assassino ed una sua vittima - Il finale

Il ferrini 25/06/17 02:12 - 2407 commenti

I gusti di Il ferrini

Eh già, Michael C. Hall prima di fare l'ematologo serial killer era un becchino gay; non si può certo dire che scelga ruoli banali e soprattutto produzioni mediocri... Questo Six Feet Under può infatti vantare soluzioni registiche e una fotografia assolutamente cinematografiche. Il black humor che colora le vicende dei Fisher è un po' il marchio di fabbrica della serie ma è ottima anche la caratterizzazione dei personaggi, compresi quelli secondari (vedi Freddy Rodriguez, Planet terror). Irresistibili gli spot dei prodotti da pompe funebri.

Hearty76 1/03/18 14:38 - 262 commenti

I gusti di Hearty76

Una delle serie più emozionanti e utili che abbia mai visto! Il tema principale è la morte, però non viene trattato in maniera stantia o retorica come ci si potrebbe aspettare. Quel che fa funzionare la storia è l'intelligente commistione di sentimento, realismo e umorismo visionario. Nei personaggi ci si può in vari modi identificare, per quanto risultino interfacciarsi con esistenze disfunzionali. Un certo "equilibrio sopra la follia" rende la famiglia protagonista tanto surreale quanto amabile. Paradossalmente essa è tutta un inno alla vita.

Zoltan 13/09/20 00:01 - 201 commenti

I gusti di Zoltan

Grande serie tv che riesce ad analizzare gli aspetti drammatici di una famiglia disfunzionale con una straordinaria lucidità. E' una serie che procede a ritmo compassato, lasciando da parte ogni genere di spettacolarizzazione gratuita. E' la scrittura a fare la differenza. Una scrittura che sa analizzare con tatto estremo non solo il tema della morte, ma anche tutti gli altri che arrivano trasversali: il dolore, la depressione, ma anche il riconoscere la propria identità sessuale e la propria omosessualità, la crescita adolescenziale tra cattive amicizie e droghe, le compulsività.

Peter Krause HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina I giochi dei grandiSpazio vuotoLocandina BeastlySpazio vuotoLocandina The lost roomSpazio vuotoLocandina Blood harvest
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Daniela • 5/03/14 16:20
    Gran Burattinaio - 5932 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    pant pant! finitolo che avrò, mi lancerò senza rete su true detective, salutato da praticamente tutti come qualcosa che sostituisce dio, e spesso messo qualitativamente in pari con utopia...

    anch'io sto per affrontare True Detective, con aspettative altissime per l'accoppiata fra il beniamino-da-sempre Woody e il beniamino-di-fresca-nomina Matthew - speriam siano fondate le speranze...
  • Discussione Schramm • 5/03/14 17:06
    Scrivano - 7701 interventi
    è certo che SFU non è sicuramente una serie che ti sgrani in un paio di settimane. va a lenta carburazione, e tu con essa... ora vediamo se davvero consumerò dieci pacchi di kleenex...
  • Discussione Kanon • 6/03/14 12:25
    Fotocopista - 839 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Schramm ebbe a dire:
    pant pant! finitolo che avrò, mi lancerò senza rete su true detective, salutato da praticamente tutti come qualcosa che sostituisce dio, e spesso messo qualitativamente in pari con utopia...

    anch'io sto per affrontare True Detective, con aspettative altissime per l'accoppiata fra il beniamino-da-sempre Woody e il beniamino-di-fresca-nomina Matthew - speriam siano fondate le speranze...


    Azz !! Rating imdb: 9.5 !!!111
    Per dirla alla maniera degli Scooter: Hyper, Hyper !!



    A breve, maratona Utopia + True detective
  • Discussione Didda23 • 6/03/14 12:58
    Compilatore d’emergenza - 5796 interventi
    true detective, essendo targata hbo, dovrebbe passare nei prossimi mesi pure su sky.
  • Discussione Schramm • 8/03/14 11:29
    Scrivano - 7701 interventi
    ebbene alfin dorando petri ce l'ha fatta! petrus deve essere anche il corazon, datonsi che
    - pianto: non pervenuto
    - magone: nemmeno. quello se mai è stato tributato durante l'ultimo funerale
    - commozione: tutta cerebrale. per il resto si è fatta sentire inaspettatamente lungo alcuni momenti dei 63 episodi.

    negli ultimi celeberrimi 5' da tutti strombazzati come la cosa più commovente a memoria di serie televisiva e da tutti dichiarati come a prova di animi abietti e senza cuore, quel che ho personalmente provato è stata una sensazione di esponenziale sollievo e liberazione, quasi di serenità, di un sereno distacco legato all'accettazione dell'ineluttabile. una sorta di catarsi frammista a quel che si dice -a volte raccontandosela- quando muore qualcuno di caro: "ha smesso di tribolare". il mio sguardo su questi personaggi si è insomma rivelato il medesimo di quello che ho in finale sulla morte: compassionevole.

    se devo appuntare qualcosa per la quale la serie si sopraeleva è il cast, da perenne inchino reverenziale.
    Ultima modifica: 8/03/14 11:29 da Schramm
  • Discussione Daniela • 8/03/14 12:40
    Gran Burattinaio - 5932 interventi
    Schramm scrivi:
    "quel che ho personalmente provato è stata una sensazione (...)di serenità, di un sereno distacco legato all'accettazione dell'ineluttabile. una sorta di catarsi (..)si è insomma rivelato il medesimo di quello che ho in finale sulla morte: compassionevole."
    Vedi che, togliendo qualche parola, descrivi la stessa sensazione che ho provato anch'io ;o)
  • Discussione Nancy • 20/05/14 21:12
    Fotocopista - 147 interventi
    Sento il bisogno di comunicare a tutti voi che dopo poco più di 2 anni sto riguardando questa serie per la seconda volta.
    Un capolavoro, senza se e senza ma. Succede sempre quello che non ti aspetti, eppure quello che accade è sempre così reale.
    Un'opera che trasmette vita, che parla ed è densa di vita, e che dà voglia di viverla.
    M'inchino nuovamente di fronte ad Alan Ball.
  • Discussione Zender • 21/05/14 09:00
    Capo scrivano - 48015 interventi
    Farai contento Didda, Nancy, estimatore ufficiale della serie :)
  • Discussione Didda23 • 21/05/14 11:17
    Compilatore d’emergenza - 5796 interventi
    Ovviamente grande Nancy!
  • Discussione Galbo • 21/05/14 11:19
    Consigliere massimo - 3994 interventi
    Condivido l'entusiasmo anche se mi mancano le ultime due stagioni per completare la visione