LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 3/05/08 14:54 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

La divina Marlene Dietrich (nell'attuale ridoppiaggio doppiata da Vittoria Febbi) si concede al maestro Hitchcock,; sul versante femminile c'è pure la compianta Jane Wyman. Molto d'effetto la scena con la bambola insanguinata al luna-park, l'inseguimento e il finale col palcoscenico. Un Hitch sottovalutato, da riscoprire.

Galbo 5/05/08 07:24 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Pur essendo uno dei film meno memorabili del maestro Hitchcock, Paura in palcoscenico è un discreto e godibile thriller che trova uno dei suoi momenti migliori nell'interpretazione della grande Marlene Dietrich. Meno all'altezza il reso del cast, specie la Wyman decisamente fuori parte. Il film funziona sopratutto nella parte finale, per il resto la sceneggiatura sembra troppo ricca di divagazioni talora non necessarie.

Pigro 26/03/09 09:29 - 8792 commenti

I gusti di Pigro

Aspirante attrice aiuta un collega implicato nell'omicidio di un uomo ucciso da una famosa attrice. Un film genialmente costruito sul rapporto tra finzione e realtà, tra teatro e vita. Tutti mettono in scena un altro sé stessi (perfino una bambola che impersona l'assassina) in un gioco raffinatissimo, che il diabolico Hitchcock costruisce abilmente, beffandosi degli spettatori, dal lungo flashback iniziale fino a un clamoroso finale che negli ultimi secondi ha un esito altamente simbolico in cui il teatro spezza la vita.

Anna 8/02/10 20:43 - 90 commenti

I gusti di Anna

Un abito macchiato di sangue, un omicidio, personaggi menzogneri o sinceri (difficile stabilirlo) e uno splendito finale. A mio parere un meraviglioso thriller per niente invecchiato, non molto conosciuto, sicuramente da rivalutare; che altro aggiungere? Emozionante! Senz'altro da vedere.

Saintgifts 16/05/10 00:03 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Solo Hitchcock può permettersi certe cose. Mi riferisco a quando Richard Todd si chiude in macchina per fuggire e uno dei due poliziotti tenta di spaccare il vetro di un finestrino e il fuggitivo gli fa notare che il vetro è infrangibile con un primissimo piano del marchio inciso sul vetro stesso. Ricco di molti elementi cari al regista quali il luna park, i rifugi isolati nella brughiera e poi gli innamoramenti, vecchi e nuovi, tanto da diventare quasi più importanti dell'assassinio stesso. Ben caratterizzata la diversità tra le due donne.

Harrys 3/06/10 21:31 - 685 commenti

I gusti di Harrys

Non particolarmente ispirato (per gli standard del Maestro) thriller, che ha dalla sua la celebre (e criticata) anomalia iniziale del flashback "soggettivo". L'eleganza di Hitchcock emerge in un paio d'occasioni (meritevole di menzione speciale la sequenza finale nella carrozza, che ricorda, special modo per l'illuminazione dei volti, i classici horror della Universal), il resto si barcamena tra il convenzionale e il "poco sentito". Quisquilia: Alastair Sim si pone perfettamente tra Celentano e Teocoli (fisionomicamente parlando). ***

Homesick 6/03/12 17:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dall’oggetto della trama – il presunto innocente, già sviscerato da Hitchcock tredici anni prima in un plot affine - l’interesse si sposta sulla sua particolare costruzione narrativa, introducendo un lungo flashback ingannevole atto a simboleggiare anche l’ambiguo rapporto tra palcoscenico e vita reale. La mano del regista si percepisce nel felice dosaggio di humour, per lo più riservato al personaggio di Alastair Sim, ed elementi thrilling relativi alla maestosa figura della femme fatale Dietrich e a un finale cui verranno tributati omaggi anche dai b-movies italici.
MEMORABILE: La bambola “accusatrice” mostrata alla Dietrich durante la sua esibizione a teatro.

B. Legnani 18/03/12 01:24 - 5195 commenti

I gusti di B. Legnani

Non particolarmente soddisfacente, a partire dal trucco iniziale la cui pesantezza è, francamente, imperdonabile per la sua amplissima dimensione. Alcuni personaggi principali non convincono più di tanto. Qua e là si vede il tocco di gran classe, coma nell'esibizione della bambola (cui si arriva, ahimé, con uno dei tanti tocchi umoristici malriusciti che, più che di Hitchcock, paiono essere di una parodia del Maestro). Non più di **½

Graf 5/06/12 00:00 - 708 commenti

I gusti di Graf

Può la parola del narratore, in un flashback, essere considerata bugiarda? Per il perfido Hitchcock evidentemente sì. Ma se la dice un attore di teatro che è abituato a fingere ogni sera in scena, indubbiamente la bugia non appare strana. Il regista inglese, con questo film, gioca con la verità della finzione e rompe il patto di lealtà che intercorre tra lui e lo spettatore. Più che un giallo il film é una commedia degli equivoci e delle apparenze. Molto britannico nell'umorismo, per la prima volta un film di Hitchcock mette in scena una dark lady.
MEMORABILE: Marlene Dietrich è perfetta nella parte della dark lady.

Il Dandi 31/10/13 18:53 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Più che un thriller una commedia nera, in cui Hitchcock riserva gli unici guizzi di regìa al flashback/prologo e al burrascoso finale (di considerevole cattiveria); per il resto il film affida la "suspense" a mere situazioni da commedia degli equivoci (dove la catastrofe è sempre dietro l'angolo) e il divertimento alla qualità dei dialoghi (sorprendente la figura dello scapestrato padre della protagonista, che incanta ogni volta che apre bocca). Menzione speciale per Marlene Dietrich, che affronta il ruolo più autoironico della sua carriera.
MEMORABILE: La Dietrich interrotta (mentre canta "La vie en rose") dall'esibizione della bambola macchiata di sangue.

Alfred Hitchcock HA DIRETTO ANCHE...

Daniela 13/01/14 08:56 - 11523 commenti

I gusti di Daniela

Per dimostrare l'innocenza di un giovane ricercato per l'omicidio del marito di un'attrice, una ragazza si fa assumere da questa come sua cameriera... Rimasta negli annali per il flashback iniziale, una delle regie meno ispirate di Hitchcock, anche se conta un paio di buone sequenze. Di scarso interesse la trama gialla, convenzionale quella sentimentale, poco convincente la languida e stucchevole Wyman, bambolina di cera con gli occhi spalancati, ed anche gli intermezzi umoristici, appaiono forzati. Film minore, ma la presenza magnetica di Marlene ne giustifica ampiamente la visione.
MEMORABILE: La consegna della bambola, la chiusura del sipario nel finale

Disorder 7/12/14 18:01 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Il film lo fanno le protagoniste femminili: Jane Wyman innanzitutto, simpatica e sveglia investigatrice improvvisata e poi ovviamente Marlene Dietrich, mai così oscura e "fatale". Gli uomini sono invece molto meno rilevanti e caratterizzati. Per il resto nulla di particolarmente memorabile, a partire dalla storia un po' lenta e macchinosa e dall'atmosfera vagamente asfittica. Comunque non ci si annoia e il finale riserva delle sorprese. Un Hitchcock minore, ma sempre godibile.

Myvincent 20/09/16 15:15 - 3217 commenti

I gusti di Myvincent

Hitchcock gioca col doppio confrontando la ragazza dalla porta accanto con tanto di frangetta e la maliarda peccatrice dai modi più che ambigui. Questo gioco pericoloso basato sull'inganno, fra quello che è e quello che sembra, perdura fino in fondo. Peccato per l'eccesso dei dialoghi a scapito della tensione e per le incongruenze narrative che ne fanno un'opera minore e svogliata.

Faggi 14/03/18 17:41 - 1528 commenti

I gusti di Faggi

Il Maestro si diverte a giocare con i generi (thriller, giallo, commedia rosa e degli equivoci); apre depistando, evoca tensione e intrigo, procede velando d'umorismo e ordinando a Cupido di creare scompiglio. Marlene è fatalissima; se all'inizio sembra che la storia sia cucita intorno al suo personaggio presto capiamo che ciò è solo un miraggio, o un gioco di prestigio: la protagonista è un'altra, ovvero una ragazza della porta accanto, con smanie d'attrice. E lo spettacolo si manifesta, non da capolavoro ma comunque capace d'intrattenimento.

Lucius 15/07/17 20:17 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Trama ingarbugliata e tirata per le lunghe, non ai livelli di disastro di Topaz, ma quasi. Il valore aggiunto della pellicola è la partecipazione dell'eterna diva Marlene Dietrich che non solo si esibisce, ma dimostra anche talento per la recitazione. Un Hitckcock minore ma sempre interessante, alla portata di tutti. Lontano dai capolavori a cui il maestro ci ha abituato, ma sempre in grado di stimolare lo spettatore. Gli avrebbe giovato un montaggio più appropriato.

Luras 6/08/17 12:12 - 144 commenti

I gusti di Luras

In realtà di paura ce n'è ben poca, giusto un po' nell'ingannevole e bel finale, oltre che in qualche sequenza iniziale. Nel mezzo tanti dialoghi che finiscono per appesantire il tutto, tenendo anche conto che la componente ironica è assente. Il ritmo incalzante non è mai stata una prerogativa di Hitchcock, ma qui lo stile è proprio compassato. Avrebbe potuto velocizzarlo togliendo inutili conversazioni in luogo di una maggior frenesia. D'altronde si tratta pur sempre di un (presunto) innocente che cerca di salvarsi. Era più adatto al teatro.

Giacomovie 8/02/19 00:12 - 1376 commenti

I gusti di Giacomovie

La fidanzata di un uomo accusato di omicidio si fa assumere come cameriera dalla moglie dell'uomo ucciso al fine di indagare. Il film entra subito nel vivo della suspense con un avvio concitato ma poi prevale uno sviluppo da commedia con una serie di dialoghi (dello stesso Hitch e coniuge) che smorzano l'efficacia di un film comunque da ricordare per alcune scene isolate, una Marlene Dietrich in un ruolo da diva e la tensione psicologica. La concitazione torna nel finale.

Enzus79 14/10/19 23:29 - 2300 commenti

I gusti di Enzus79

Il colpo di scena finale spiazza: tutto quello che si era creduto fin dall'inizio della storia diventa fumo. Film famoso per il flashback, ma forse è riduttivo ricondurlo solo ad esso. Trama abbastanza interessante, seppur poco originale. Non mancano i "giochi" di camere che solo Hitchcock era in grado di fare. Convincenti le interpretazioni degli attori.
MEMORABILE: L'incontro tra la ricattatrice e il padre di Eve; Il colpo di scena finale.

Paulaster 26/05/22 09:45 - 3641 commenti

I gusti di Paulaster

Donna cerca di salvare il suo amante da un'accusa di omicidio. Discreta partenza tra vestiti insanguinati e flashback, senza coinvolgere la polizia più di tanto e puntando sul gioco delle parti. Hitchcock sembra acerbo nelle fasi sentimentali anche se riesce a piazzare alcune sequenze dai tempi thriller ottimi. La resa dei conti è teatrale non solo per il luogo e risolve tragicamente il caso. Protagonista non adatta al personaggio, compensata dalla Dietrich che sfrutta con la presenza le scene col pubblico.
MEMORABILE: La bambola insanguinata mentre la Dietrich canta; La registrazione a teatro; Il ricatto della domestica.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 22/06/09 11:56
    Scrivano - 5617 interventi
    La star Greta Galbo pretese che tutti i suoi abiti fossero confezionati dalla Dior,la casa di moda allora chiese di essere citata nei titoli del film.
  • Curiosità Ciavazzaro • 22/06/09 11:57
    Scrivano - 5617 interventi
    Pardon Marlene Dietrich ho scritto per sbaglio Greta Galbo.
  • Curiosità Cotola • 29/06/09 23:43
    Consigliere avanzato - 3728 interventi
    Cammeo hitchcockiano: il regista si volta ad ascoltare Eve mentre, travestita da cameriera, parla da sola.
  • Curiosità Daniela • 13/01/14 09:16
    Gran Burattinaio - 5809 interventi
    Esordio cinematografico per Patricia Hitchcock, figlia del regista, nel breve ruolo di un'amica della protagonista.
    Patricia Hitchcock comparirà anche in altri due film diretti dal padre, sempre in ruoli di fianco: Delitto per delitto (L'altro uomo) e Psyco, nonché in 10 episodi della serie Alfred Hitchcock presenta .
  • Homevideo Xtron • 10/05/15 10:44
    Servizio caffè - 1992 interventi
    C'è il dvd WARNER

    Audio italiano-francese-inglese
    Sottotitoli vari tra cui l'italiano
    Formato video fullscreen
    Durata 1h45m27s
    Extra: Trailer, "Hitchcock e il film"

    Immagine a 49:46

    Ultima modifica: 10/05/15 18:03 da Zender
  • Homevideo Digital • 22/09/17 23:15
    Portaborse - 3453 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 8/11/2017.