Estraneo a bordo

Media utenti
Titolo originale: Stowaway
Anno: 2021
Genere: fantascienza (colore)
Regia: Joe Penna
Numero commenti presenti: 7
Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/04/21 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 23/04/21 08:05 - 11644 commenti

I gusti di Galbo

Dopo la partenza per Marte, l’equipaggio scopre sulla navicella un uomo che vi è rimasto intrappolato per un incidente. Dramma fantascientifico in cui non conta tanto la missione quanto le interazioni tra i personaggi e le dinamiche che si realizzano. Il ricorso agli effetti speciali, che sono ben realizzati, è limitato, e la sceneggiatura privilegia la caratterizzazione dei personaggi in una situazione d’emergenza data dall’esaurimento delle risorse disponibili. Non manca tuttavia la tensione legata alla missione spaziale. Buona la prova degli attori. Un film riuscito. 

Daniela 25/04/21 16:03 - 10479 commenti

I gusti di Daniela

Dopo Arctic, Penna dirige un'altra storia di sopravvivenza che, a parte l'impossibilità di sperare in un intervento esterno, poteva essere ambientata in un sottomarino in avaria o in fondo ad una miniera bloccata da una frana. Riducendo il ricorso agli effetti speciali, il film si concentra sul dilemma etico di alcune persone a bordo di una astronave diretta verso Marte che si trova di fronte ad una drammatica carenze di risorse. Accettate le premesse poco credibili, per il si tratta di fantascienza realistica, senza deviazioni spettacolari ma avvincente per il proprio rigore.

Pigro 26/04/21 15:08 - 8440 commenti

I gusti di Pigro

Ottima è l’attenzione all’umanità dei protagonisti piuttosto che alla spettacolarità, fin dall’incipit del lancio vissuto dall’interno, così come è lo spazio chiuso dell’astronave a diventare zattera problematica per quasi tutto il film. La scoperta del clandestino proietta quella zattera tra dilanianti temi etici (il valore della vita, la lotta per la sopravvivenza) e attuali (lo straniero che "ruba" ossigeno mettendo a rischio la "normalità"). Poi, la classica passeggiata esterna pericolosa chiude a pennello, indicando il senso profondo della vita e della società.

Kinodrop 30/04/21 17:35 - 1911 commenti

I gusti di Kinodrop

Quando ormai sono in viaggio verso Marte, i tre membri dell'equipe scoprono un intruso accidentalmente rimasto incastrato in un intercapedine durante il lancio; sarà un problema quando le risorse di bordo cominceranno a scarseggiare. Al di là della scelta sobria della non spettacolarità, il nucleo significativo è dato dall'indecidibilità etica sulle decisioni da prendere (il male minore) e dal rovello psicologico degli astronauti. Qualche incongruenza e qualche cliché non inficiano la forza della sceneggiatura e la grande prova del cast (specie di Collette) contribuisce non poco.
MEMORABILE: Il decollo visto dall'interno; Il recupero dell'ossigeno.

Daraen4 2/06/21 10:57 - 100 commenti

I gusti di Daraen4

Pellicola ultra-immersiva, che non riesce a farsi troppo analizzare dato, appunto, il suo altissimo grado di coinvolgimento; tensione ben costruita, dal primo minuto all'ultimo secondo del film, che altro non è che un dramma da camera fantascientifico; prima sequenza che già ci proietta nel mood dell'azione, e noi siamo sempre con i protagonisti, senza mai osservarne il controcampo; perfetto in ogni suo momento registico. Manca qualcosa nel finale, ma forse anche questa assenza di forzatura lo rende più verosimile. Incredibilmente risulta originale.

Enzus79 14/06/21 20:02 - 2045 commenti

I gusti di Enzus79

Pellicola targata Netflix. Storia che seppur poco avvincente, con ritmi non propriamente alti e dinamiche meno che logiche, intrattiene e sommariamente non delude; non si può dire tuttavia che non sia almeno intelligente. Regia di Joe Penna e fotografia più che apprezzabili, mentre la colonna sonora risulta poco coinvolgente. Molto meglio il titolo in originale, "Stowaway".

Anthonyvm 29/06/21 15:43 - 2857 commenti

I gusti di Anthonyvm

La sci-fi resta sullo sfondo in questo dramma dai risvolti sociali che, non così velatamente, sviluppa fra le poche mura di una navicella circondata dall'infinito cosmico questioni quali il rapporto col “diverso” e tutti i dubbi morali che possono insorgere di fronte a un'imminente crisi delle risorse. Nonostante l'assetto da trapped-movie a tinte thriller, il conflitto si consuma sul piano emotivo, evitando sprint survivalisti à la Intrappolati nello spazio, pur senza rinunciare alla suspense. Il finale è certamente mesto, ma un epilogo più corale e riflessivo avrebbe forse giovato.
MEMORABILE: La scoperta del clandestino; L'invito al sacrificio stoico; L'arrampicata con diversi gradi di gravità per recuperare l'ossigeno; La tempesta solare.

Toni Collette HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.