LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/03/12 DAL BENEMERITO MCLYNTOCK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Mclyntock 21/03/12 12:41 - 91 commenti

I gusti di Mclyntock

Western da segnalare dell'ungherese de Toth, che trovò nella Hollywood dello studio system terreno fertile per western non memorabili ma di sicura godibilità e successo. Supportato da un livido bianco/nero di Harlan e da una insolita sceneggiatura di Yordan, de Toth dirige con mestiere e concretezza estrema un western on the road, avventuroso e conciso, robusto nell'impianto. Lo scontro tra Ryan e Ives sulla neve è da vedere.

Homesick 30/12/13 18:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un Ore disperate in chiave western tra le nevi del Wyoming, alle quali viene assegnato in ultimo il compito di fare giustizia. Il rapporto tra rapitori e ostaggi crea inevitabilmente un clima di tensione e violenza – si contano un uomo ucciso a bruciapelo e un pestaggio -, favorito dai volti patibolari dei villains e dalle loro dinamiche psicologiche. Ad emergere tra gli interpreti sono soprattutto il capo banda Burl Ives, fuorilegge tuttavia ligio ad un suo codice etico, e il protagonista Robert Ryan, prepotente allevatore che intraprende deciso la via del riscatto.
MEMORABILE: Ives: «Ogni pazzo ha i suoi motivi per quel che fa.».

Cotola 17/01/14 21:23 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

Notevolissimo western di de Toth ambientato tra le nevi statunitensi ed americano fino al midollo nelle sue tematiche: la proprietà, lo scontro per essa, l'avidità, il diritto ad una seconda possibilità etc etc. Dopo un inizio già scoppiettante, il ritmo cresce sempre di più e ben presto tensione emotiva e violenza raggiungono livelli di guardia. Magnifica l'ultima parte sulle montagne stracolme di neve. Splendida la fotografia in bianco e nero. Gran belle prove di Ryan e Ives. Assolutamente da recuperare.

Alex1988 23/07/18 18:22 - 637 commenti

I gusti di Alex1988

Western che, purtroppo, non gode di grande fama (e guardandolo si capirà il perché), amato però da Quentin Tarantino che lo ha citato come fonte di ispirazione, insieme a Il grande silenzio di Corbucci, per il suo The hateful eight; col film italiano, in particolare, condivide l'ambientazione nevosa, che lo rende molto più simile a un noir che a un western (complice anche la fotografia in bianco e nero che esalta il forte bianco, appunto, della neve). Molto interessante.

Rocchiola 7/01/19 08:17 - 856 commenti

I gusti di Rocchiola

Rivalutato in seguito all’interessamento di Tarantino che lo ha citato come fonte d’ispirazione per il suo The hateful eight. Un western di serie B asciutto e insolito nell’ambientazione invernale che anticipa Il grande silenzio e I compari, ma non così brillante nello svolgimento: eccessivamente statico nella prima parte e con la resa dei conti tra i paesaggi innevati che arriva solo a venti minuti dalla fine risolvendosi in modo piuttosto sbrigativo. Buone le musiche di Alexander Courage, autore del celeberrimo tema della serie classica di Star Trek.
MEMORABILE: Il ballo con le donne strapazzate dai banditi infoiati; Il pestaggio di Starrett; Il viaggio finale verso le montagne; Il bandito congelato.

Daniela 10/07/20 09:16 - 9215 commenti

I gusti di Daniela

In un villaggio del Wyoming trova momentaneo riparo un gruppo di disertori dell'esercito che tiene in ostaggio i pochi abitanti, uccidendo chi tenta la fuga e terrorizzando le donne...  Si presenta produttivamente di serie B, ma è un western solidissimo che ricorda nella prima parte Ore disperate e diventa nella bellissima parte conclusiva un serrato thriller ad eliminazione tra le montagne innevate. Diretto con polso sicuro, impreziosito da uno splendido b/n, si avvale di un cast formidabile con i monumentali Ryan e Ives attorniati da grandi caratteristi. Gioiello da recuperare. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Mclyntock • 21/03/12 12:41
    Galoppino - 88 interventi
    Tratto da un romanzo di Lee Wells e sceneggiato da Philip Yorda.
  • Homevideo Rocchiola • 7/01/19 08:18
    Call center Davinotti - 1123 interventi
    DVD A&R dignitoso. Video panoramico 1.85 pulito con una definizione accettabile ma anche un pò di scattosità notabile nelle scene più movimentate, audio mono 2.0 potente ed mediamente pulito e chiaro. Credo abbiamo utilizzato il master del vecchio DVD americano della MGM. Nel 2015 è uscito un ottimo bluray della Eureka inglese, ma ovviamente senza audio italiano.