Mutanti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Parasite
Anno: 1982
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 9
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Charles Band è un produttore: le poche volte che ha tentato la via della regia ha dimostrato quanto sia più tagliato per la sua reale professione. In questo caso, che non fa eccezione, un parassita che anticipa i futuri parti di autori più celebri (lo Stuart Gordon di FROM BEYOND e il Frank Henenlotter di LA MALEDIZIONE DI ELMER) semina il panico in un futuro prossimo chiaramente debitore del secondo Mad Max (il film che aprì davvero un filone). Il primo a rimetterci è il...Leggi tutto professore che lo sta studiando il laboratorio: causa contrattempo il nostro parassita, di fatto un grosso polpettone coi denti, gli si infila in stato embrionale nello stomaco. Conclusione? Il professore decide di studiarne il fratellone maggiore per capire come curarsi, ma un gruppo di post-punk da strapazzo gli sottrae il cilindro nel quale il polpettone è rinchiuso e astutamente lo mette in libertà. Finalmente, dopo tre quarti d'ora buoni di una lentezza terrificante diretti assai male, c'è un po' di movimento, mentre il solito uomo governativo vestito di nero che gira in Lamborghini (lo chiamano “mediatore”) accoppa tutti cercando di ritrovare il professore nel frattempo partito con una giovanissima Demi Moore alla caccia del parassita. Negli ultimi venti minuti arriva l'atteso splatter e ci si comincia a divertire, ma per due o tre buoni effetti tocca sempre sorbirsi dialoghi, sceneggiatura e soprattutto regia ai minimi storici. Paesaggi desertici, costumacci, ralenti a casaccio: il postatomico al suo peggio.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/03/11 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 16/04/11
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 10/03/11 17:02 - 4630 commenti

I gusti di Puppigallo

Non male questo fanta-horror post atomico, che può contare su una discreta caratterizzazione dei personaggi, già superiore ai film del genere. Non solo il protagonista, ma anche chi gli ruota attorno ha comunque un perchè: il nero, il teppista, una giovane Demi Moore, la locandiera e il mediatore, che bracca il dottore. Certo, gli effetti non sono eccelsi, solo parzialmente giustificati dalla datazione (un parassita modello maxi girino dentato e laser quasi da cartone animato), ma la vicenda si lascia seguire senza sbuffi, i dialoghi sono passabili e un po' di splatter condisce il tutto.
MEMORABILE: L'uscita dalla faccia; L'espulsione dallo stomaco del portatore poco sano, con l'aiuto degli ultrasuoni; La Moore pestata, calciata e tumefatta.

Daidae 22/04/11 23:02 - 2854 commenti

I gusti di Daidae

Gustoso filmino dell'orrore targato Band e soci. Il cast non è del tutto eccellente, i teppisti capitanati da Bercovici fanno ridere, ma in compenso abbiamo una giovane Demi Moore prima che si riempisse di silicone e si abbonasse al bisturi club. Non male anche il dottore e il soldato del governo armato di laser ultraposticcio: questo e i ridicoli mostri di gomma sono la parte debole del film, che però tutto sommato non è da buttare via e si lascia vedere senza annoiare. Sufficienza raggiunta.

Cotola 17/07/11 18:54 - 7941 commenti

I gusti di Cotola

Scritto e girato da Charles Band (che compone e dirige anche le musiche) è un fanta-horror in puro stile anni Ottanta. Non ha molte frecce al suo arco: la storia è risaputa ed abbastanza derivativa (Cronenberg è un chiaro modello ma non solo lui) e la regia non aiuta. Sgangherato ma simpaticamente come lo erano i film di una volta: basti vedere gli effetti speciali splatterosi ma molto artigianali. Per nostalgici che comunque non avranno molto da gioire.

Pumpkh75 20/04/13 13:59 - 1410 commenti

I gusti di Pumpkh75

Un post-atomico anomalo, costruito (anche e soprattutto per motivi di budget) più su volti rassegnati e sofferti che su scenari fantascientifici in larga scala o deflagranti piaghe della carne. Così il film scorre lentamente tra gli sbadigli fino a quando il vermone in vitro non si prende la scena ed entrano finalmente in scena effetti speciali e sangue, ravvivando il colorito del paziente. Attori sotto il livello di guardia, compresa una giovanissima Demi Moore pre-lifting e pre-blockbuster. Nulla di memorabile ma neanche da cestinare.

Minitina80 8/03/15 09:00 - 2572 commenti

I gusti di Minitina80

Derivativo e sconclusionato. Ruba qualche spunto da Interceptor, qualcos’altro dal Demone sotto la pelle di Cronenberg, ma non riesce a plasmarli in un tutt’uno e il risultato è abbastanza deludente. Risolleva le sorti un comparto gore che risparmia ben poco agli occhi, ma è troppo poco per salvare la baracca.

Schramm 6/03/16 15:53 - 2582 commenti

I gusti di Schramm

Quell’impunito di Band scopre le delizie del 3D e lo applica ovunque al pari di un bambino iniziato alle parolacce. Attorno ci sarebbe il supplemento narrativo di una tenia spermatozoide omofaga (Crony anyone?) presidiata nelle viscere di un Mad Max da Quarto Oggiaro. Pedestre da far spavento in qualsiasi sua sfaccendata maestranza, trova modo di significare qualcosa a chi lo guarda nel quarticello finale, dove si sforza di essere alienante e si macchia la carta bianca di liquami e plasma, dando libero sfogo a f/x caserecci ma alfine muoventi a simpatia. Buttare a mare il resto.
MEMORABILE: La testa esplosa

Jena 11/03/17 12:49 - 1315 commenti

I gusti di Jena

Mi aspettavo molto peggio, ma bisogna dire che il Charles Band degli anni 80 era ancora un discreto regista. Riesce infatti a creare, più e meglio di altri, un "universo" post-apocalittico che, considerata l'assoluta povertà di mezzi a disposizione, incredibilmente regge. In effetti il villaggio abbandonato in mezzo al deserto, con il vento che soffia, crea una certa atmosfera. Il vermone parassita ultra artigianale, opera di Stan Winston, desta poi quasi simpatia. Tra gli attori una ancora giovanissima e acerba Demi Moore.
MEMORABILE: L'uscita del vermone dal tubo; Il vermone che esce dal cranio.

Rufus68 1/04/17 22:31 - 3383 commenti

I gusti di Rufus68

Sarà pure un post apocalittico, ma l'impressione è di trovarsi in un video di Jermaine Jackson. Il livello medio è quello di una puntata di Renegade, con meno ironia, però e molti meno soldi a disposizione. Alla lunga si sbuffa parecchio: non vi si rinvengono quegli elementi scorretti che caratterizzano la serie B più gustosa e gli attori sono raccogliticci. Deludente la giovane Demi Moore.

Anthonyvm 16/06/21 15:44 - 2857 commenti

I gusti di Anthonyvm

Piccolo fanta-horror firmato Charles Band, quasi il successore post-apocalittico di Alien 2 sulla Terra (con tanto di remake della famigerata emersione facciale). L'idea non era pessima, ma il plot si trascina stancamente e il parassita dentuto si vede troppo di rado. Un po' di gore, le ottime musiche di Richard Band e la presenza di una quasi esordiente Demi Moore possono valere una visione. Come per ogni figlio della 3D-mania che si rispetti, anche qui abbondano dettagli superflui di canne di fucili e mostri che balzano "sul pubblico", snervanti se visti in versione bidimensionale.
MEMORABILE: L'impalato sul tubo in 3D; Il laser giallo affetta-tutto; L'esplosione del viso; Il parassita esce dallo stomaco del dottore fra spruzzi emoglobinici.

Robert Glaudini HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Anthonyvm • 16/06/21 15:46
    Contatti col mondo - 505 interventi
    Dalla collezione AnthonyVM, la VHS CDI:

    [img size=424]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images57/mutanti.jpg[/img]
    Ultima modifica: 16/06/21 16:32 da Zender